Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Beast in Black
From Hell with Love
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/03/19
ASYMMETRY OF EGO
Forsake Beyond the Dusk

29/03/19
YNGWIE MALMSTEEN
Blue Lightning

29/03/19
AETHER VOID
Curse of Life

29/03/19
ABDUCTION (UK)
All Pain as Penance

29/03/19
MOSH-PIT JUSTICE
Fighting the Poison

29/03/19
STRANA OFFICINA
Law of the Jungle

29/03/19
I PREVAIL
Trauma

29/03/19
PESTEROUS MIND
Haaluci.Nation

29/03/19
ELLENDE
Lebensnehmer

29/03/19
ARRIVAL OF AUTUMN
Harbinger

CONCERTI

25/03/19
GEORGE KOLLIAS
BELLOTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

26/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
UFO - BOLZANO

28/03/19
ARCTURUS + SHORES OF NULL + PARODOS
LARGO VENUE - ROMA

28/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

28/03/19
LAMBSTONE
TRAFFIC CLUB - ROMA

29/03/19
ARCTURUS + SHORES OF NULL + PARODOS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

29/03/19
ELDRITCH + DGM + SAILING TO NOWHERE
CYCLE CLUB - FIRENZE

29/03/19
STRANA OFFICINA
SANTOMATO - PISTOIA

29/03/19
LACHESIS
BAR 111 - PALAZZAGO (BG)

29/03/19
LAMBSTONE
VINTAGE LIVE CLUB - FABRICA DI ROMA

Cultural Warfare - Warmaggedon
02/12/2018
( 482 letture )
Gli anni 80 sono stati un paradiso, per chi come noi ama il metal nella sua accezione meno sofisticata (nella forma magari ma non nei contenuti) e più d’impatto, ovvero il thrash metal. Fa quindi dispiacere che nel decennio successivo questo genere abbia incontrato una certa difficoltà a sopravvivere a favore di contaminazioni non proprio riuscite.
Eppure dal 2000 in poi c’è stata una sorta di revival. Band date per morte ( i Destruction ad esempio) sono tornate più agguerrite che mai e chi ha sperimentato è spesso tornato sui propri passi con un bagaglio musicale e culturale più completo rispetto a prima (la dimostrazione che non tutti i mali vengono per nuocere).
Ad oggi il thrash metal sia nostrano che internazionale sta godendo di ottima salute. Per l’Italia è doveroso citare gli Ultra Violence (tra le tante realtà degne di nomina sia chiaro) mentre per quanto riguarda il panorama internazionale i Cultural Warfare sono una realtà veramente interessante. Proveniente dalla terra d’origine del thrash, ovvero la Bay Area, la band capitanata da Jacques Serrano ci propone un thrash elaborato, vario ed energico che affonda a piene mani negli anni 80 (e non solo).

Quello che salta subito all’orecchio sentendo la titletrack è la produzione in grado di dare vita ad ogni suono e al tempo stesso riesce a ricreare quell’atmosfera cupa e ferrea cui miravano i nostri. Una cosa non da poco se ci pensiamo, riuscire a portare i colori e le atmosfere in note. Questo genere di operazioni, andando oltre il thrash, sono riusciti a ricrearle ad esempio i Children of Bodom con le loro copertine monocromatiche. Se uno ascolta Downfall proveniente da Hatebreeder l’assocerà chiaramente al colore verde dell’album.
Tornando a noi, Warmaggedon prosegue attraverso rimandi più o meno velati ad importanti realtà internazionali come i Nevermore. La prestazione (notevole) di Jacques Serrano in Two Spirits evoca quelle atmosfere tanto care al compianto Warrel Dane, dotate di un oscura ma piacevole malinconia. Altre band cui è possibile sentire le influenze sono gli Overkill e i Testament. I primi sia per quanto riguarda il cantato energico (in G.O.D ad esempio) che per quanto riguarda le costruzioni delle tracce con l’alternanza di fasi più tritaossa ad altre più melodiche e piacevoli (senza abbandonare però il gusto per il pathos sonoro. Per quanto riguarda i Testament lo si sente in tracce come Shadow Priest, tecniche il giusto ma perfette nella loro durata e dinamicità.

Croce e delizia di questo album sono però le stesse tracce che prese singolarmente risultano essere tutte di ottima fattura ma tendenzialmente peccano di una certa prolissità, specialmente nella fase centrale e se giudicate nel complessivo.
Con questo non vogliamo di certo sminuire il lavoro fatto dai Cultural Warfare, che con solo due EP alle spalle (rispettivamente Ratten Krieg del 2012 e Future Kill del 2017) riescono a donarci un primo full lenght di elevatissima fattura che rientra di diritto tra le migliori uscite in campo thrash di quest’anno. E non è poco, per una band al loro debutto ufficiale.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Diamond
Lunedì 3 Dicembre 2018, 16.21.49
2
Si @metal shock , come ho scritto una struttura più snella avrebbe sicuramente giovato. Ma a mio avviso non va ad intaccare troppo quello che è un un ottimo lavoro
Metal Shock
Lunedì 3 Dicembre 2018, 14.55.34
1
Ascoltato questa mattina: è un discreto lavoro, alcuni pezzi ti prendono più di altri, ma ha il difetto di avere brani che se fossero più snelli renderebbero di più, a volte ho faticato ad arrivare alla fine senza uno sbadiglio. Diciamo che un 6,5/7 è un giusto voto, nella speranza che facciano meglio.
INFORMAZIONI
2018
M Theory Audio
Thrash
Tracklist
1. Warmaggedon
2. Divided We Crawl
3. G.O.D
4. Eyes of the Land
5. Two Spirits
6. Politkill
7. Scars Left Cold
8. Punished
9. Witches Prayer
10. Shadow Priest
11. Blood Machines
12. New Beggining
Line Up
Jacques Serrano (Voce)
Billy Garoutte (Chitarra)
Pete Aguillar (Basso)
Kevin Doughty (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]