Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
TYGERS OF PAN TANG
Ritual

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
METAL DE FACTO
Imperium Romanum

CONCERTI

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/11/19
THE END AT THE BEGINNING + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

Scorpions - Lonesome Crow
07/12/2018
( 1000 letture )
Era il 1972 quando gli Scorpions pubblicarono il loro album di debutto, Lonesome Crow, un disco singolare, dalle sonorità radicalmente lontane da quelle ben più conosciute degli Scorpions negli anni d'oro, capaci di comporre brani divenuti poi tasselli fondamentali nella storia della musica rock-heavy. In Lonesome Crow si sentono prepotentemente le influenze anni 60, che emergono in ogni attimo sia nelle sonorità rock-psichedeliche figlie di quel perido, sia per lo stile delle composizioni, ricche di cori, sperimentazioni e arrangiamenti particolari, al limite del prog.

Pur non essendo un lavoro dalla grande fama Lonesome Crow ha comunque il suo valore avendo permesso alla band di affermarsi nell'underground per poi avviarsi verso la carriera che tutti conosciamo. La musica degli Scorpions è di grande qualità, stilisticamente ancora legata al decennio precedente ma a suo modo matura e con una produzione, sotto la guida di Conny Plank, ben curata. L'aver poi cambiato direzione a favore di un sonorità più accattivanti, l'ha messo un po' in ombra rispetto a capitoli storicamente più rilevanti nella costruzione dello stile degli Scorpions quali Fly to the Rainbow e In Trance, dischi moderni e rockeggianti, lontani dalla psichedelia quasi obsoleta di Lonesome Crow, ma si intravedono già le grandi qualità e l'immenso talento del gruppo.

Nella formazione troviamo i fratelli Schenker alle chitarre, Rudolf ad occuparsi della parte ritmica e Michael di quella solista, gli ottimi Heimberg al basso e Dziony alla batteria . Debutta anche Klaus Meine alla voce. Pur non trattandosi di una formazione definitiva tutti suonano bene e contribuiscono alla riuscita del disco. Non ci sono canzoni iconiche come molte hit scritte successivamente del quintetto tedesco, ma grazie anche a una produzione veramente pregievole ogni suono e ogni nota sono al posto giusto. Dal punto di vista strumentale siamo a livelli elevatissimi, specie se considerato che si parla di un album di debutto: la proposta musicale non è acerba, è semplicemente diversa dalla direzione presa successivamente dal gruppo, ma si lasciano già intravedere le eccezionali qualità dei fratelli Schenker, ottimi musicisti e compositori come si può notare in It All Depends, Leave Me o Inheritance in cui si muovono tra riff e assoli potenti e di buon gusto, sorretti dalla sezione ritmica di Heimberg e Dziony, che nella loro breve militanza nel gruppo hanno lavorato con precisione e qualità, contribuendo potentemente alla riuscita di Lonesome Crow. Difatti in tutte le canzoni la batteria suona come si deve e il basso mantiene una posizione di rilievo, suonando sempre corposo e definito. Le prestazioni più convincenti di Meine invece si possono trovare in In Search of the Peace of Mind e nuovamente in Inheritance. Il timbro è il suo e la sua prestazione è indubbiamente degna di nota.
Dal punto di vista testi e contenuti anche qui siamo legati a tematiche psichedeliche più o meno marcate o degne di nota, per esempio nel caso del brano d'apertura I'm Going Mad che racconta di un viaggio nel deserto in cui si perde lucidità fino a raggiungere la follia, o brani dai testi brevi e frammentari, quasi criptici, come in It All Depends o nella titletrack Lonesome Crow, canzone più lunga nella storia del gruppo (grazie a una durata superiore ai tredici minuti).

Proprio in Lonesome Crow si racchiude l'essenza del disco: contenuti e parole passano in secondo piano amalgamandosi quasi completamente alla musica, incantevole e sorprendente sotto tutti gli aspetti specie se considerata la giovanissima età dei musicisti, tra i quali un Michael Schenker ancora minorenne, ma esplosivo e carico di idee.
Lonesome Crow è un ascolto obbligato per i sostenitori degli Scorpions, che possono vedere la loro band prediletta in una forma rudimentale e completamente diversa da quella definitiva, ma in cui già emergono la personalità di grandissimi professionisti come Klaus e Rudolf. Per ogni altro amante del rock psichedelico anni 60-70 può rivelarsi ancor più una sorpresa, trovandosi di fronte a un disco che inaspettatamente richiama gruppi come Deep Purple o le chitarre di Iommi dei Black Sabbath, non innovativo o ai livelli di essere considerato una pietra miliare ma che mantiene (anche ai giorni nostri grazie a un'invidiabile produzione) una sua identità e un suo stile.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
79.33 su 3 voti [ VOTA]
gianmarco
Venerdì 2 Agosto 2019, 21.58.44
7
e fly to the rainbow ? lo sto ascoltando emerita
Mic
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 13.37.25
6
Piace anche a me ma il voto mi sembra eccessivo. Buon disco nel genere di appartenenza ma senza esagerare
ObscureSolstice
Martedì 11 Dicembre 2018, 0.18.16
5
La band più gigantesca della Germania, il loro hard rock e melodico ha insegnato tanto a chiunque. Lonesome Crow è più che sufficiente
marmar
Lunedì 10 Dicembre 2018, 23.30.43
4
Grande inizio per una band diventata poi leggenda, d' altronde con due fuoriclasse in formazione (Klaus e Michael) non potevano che partire bene. Disco tutto da riscoprire e da assaporare, psichedelico e lontano dai clichè futuri (un po' come fu per il primo dei Judas), ma che resiste nel tempo. Mitici Scorpions!
InvictuSteele
Sabato 8 Dicembre 2018, 10.39.29
3
L'inizio della leggenda, ancora poco focalizzato ma di qualità, a me è sempre piaciuto molto come album, si respira un certo senso di benessere. Forse il voto è esagerato, ma di certo resta un buon esordio
Max1
Sabato 8 Dicembre 2018, 8.16.44
2
Visto l'anno e l'età dei soggetti non male, ma voto che mi sembra eccessivo. Dal successivo si comincia a fare sul serio, il periodo d'oro degli Hannoverani con la perla finale dei Tokyo Tapes, seppur mutilati da un suono complessivo da galera !!
Rob Fleming
Sabato 8 Dicembre 2018, 7.43.42
1
Debutto più che discreto. E Michael malgrado la giovane età fa già meraviglie. Buone Inheritance e Action
INFORMAZIONI
1972
Brain Records
Hard Rock
Tracklist
1. I'm Going Mad
2. It All Depends
3. Leave Me
4. In Search of the Peace of Mind
5. Inheritance
6. Action
7. Lonesome Crow
Line Up
Klaus Meine (Voce)
Michael Schenker (Chitarra)
Rudolf Schenker (Chitarra)
Lothar Heimberg (Basso)
Wolfgang Dziony (Batteria)
 
RECENSIONI
80
74
75
80
61
86
95
95
80
94
84
91
80
ARTICOLI
01/08/2019
Live Report
SCORPIONS
LUCCA SUMMER FESTIVAL - Piazza Napoleone, Lucca (LU), 27/07/2019
30/07/2018
Live Report
SCORPIONS
Arena di Verona, 23/07/2018
04/07/2016
Live Report
SCORPIONS
MEO Arena, Lisbona, 28/06/2016
14/11/2015
Live Report
SCORPIONS + GUESTS
Roma / Assago (MI), 9-11/11/2015
07/03/2015
Articolo
SCORPIONS - URAGANO TEDESCO
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]