Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Sylvaine
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
STORMHAMMER
Seven Seals

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ODYSSEY
The Swarm

24/05/19
MARCO HIETALA
Mustan Sydämen Rovio

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
NOCTURNUS A.D.
Paradox

24/05/19
REVEAL
Overlord

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
STORMLORD
Far

CONCERTI

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

Sylvaine - Atoms Aligned, Coming Undone
22/12/2018
( 415 letture )
Un paesaggio inchiostrato in tonalità di grigio, lapislazzuli e rocce emergenti dalle viscere della terra, sfidanti un cielo densamente innevato: il packaging mediante il quale si presenta Atoms Aligned, Coming Undone, dalle fattezze tanto algide quanto delicate, sottolinea soltanto parte del ventaglio delle tonalità emotive racchiuse nell’ultimo lavoro a firma Sylvaine. Le redini dello stesso sono saldamente impugnate da un’unica mente, quella di Kathrine Shepard, approdata nel roster della Season of Mist con il precedente full-length ed in attività sin dal 2014. Si potrebbe aver l’impressione, porgendo brevemente l’orecchio al lavoro della polistrumentista norvegese, di trovarsi dinanzi ad un amalgama che prenda a piene mani parimenti da act quali Alcest, per quello che concerne il versante del songwriting, e Myrkur, soprattutto riguarda l’approccio alle linee vocali. E si tratta per certi versi di un’intuizione grossomodo precisa, specie se si considera che qualcuno come Neige sia guest nel lavoro della biondocrinita mastermind e di come molte delle linee melodiche qui contenute facciano spesso segno a suggestioni già evidenti in Souvenirs D'un Autre Monde. Le linee di basso dischiudenti la titletrack ci conducono dunque in un sottobosco soffuso. In esso a prevalere è la raffinata trama elaborante mediante layers eterei di vocals in clean e sei corde riverberanti, adombranti soluzioni melodiche terse e melanconiche. L’unico accenno a sonorità più crudeli è qui rappresentato dal blast beat che chiude la composizione. L’ordito viene sublimato con Abeyance, dotata di sezioni particolarmente orecchiabili beneficate dall’intreccio tra screaming e clean, ed ancora di più a seguito delle armonizzazioni soavi della ballad Worlds Collide. Quest’ultima risulta parzialmente in contrasto con la successiva Severance, nelle quali uno screaming particolarmente straziato è contornato da drammatiche armonizzazioni in chiave minore.

Al netto di qualche variazione sul tema, la qualità dei brani si mantiene pressoché identica a sé stessa, ed Atoms Aligned, Coming Undone si lascia fruire senza soluzione di continuità quasi fosse un’opera in unico atto. Ciò non viene ad essere necessariamente un difetto: l’assenza di highlight è compensata dalla totale mancanza di filler. Sembrerebbe a questo punto di trovarsi dinanzi ad un compendio degli stilemi più vincenti nell’ambito delle contaminazioni del black con il post rock e lo shoegaze, quasi confezionato al fine di piacere ad un certo tipo di fanbase. Ciò tuttavia non adombra affatto il lavoro compositivo, la tenuta degli episodi e l’incisività della proposta, che si gioca proprio sull’estremo interesse suscitato dall’intreccio vocale. La Shepard, come si è avuto modo difatti di sottolineare, spazia agevolmente da un cantato diafano ed evocativo ad uno scream in grado di esplorare tutte le tonalità emotive evocate dai brani, mostrando una grande plasticità. Se dunque le doti, la consapevolezza e la capacità compositiva per produrre un lavoro finalmente personale e non totalmente aderente ad un immaginario manuale del black gaze vi siano, non risultato indirizzate in tal senso. Auspicabilmente la Shepard, alla stessa maniera della talentuosa collega Myrkur, saprà trarre quanto sussiste di originale ed ispirato nella propria penna per convertirlo, in futuro, in un lavoro maggiormente coraggioso e distante dall’ombra dei propri numi tutelari. Nel frattempo, non possiamo dirci totalmente delusi da un full-length che spira aurale nordicità, paesaggi nevosi ovattati e levità aurorale da ogni nota e che chiunque apprezzi act con Alcest può far proprio come sottofondo di queste serate invernali.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
82.5 su 2 voti [ VOTA]
gianmarco
Venerdì 4 Gennaio 2019, 4.20.07
2
a me piace tanto L'Appel Du Vide.
ocram
Domenica 23 Dicembre 2018, 11.28.13
1
Bellissimo, il miglior surrogato degli Alcest in circolazione. Solo Mørklagt vale l'acquisto. Voto 80
INFORMAZIONI
2018
Season of Mist
Black
Tracklist
1. Atoms Aligned, Coming Undone
2. Mørklagt
3. Abeyance
4. Worlds Collide
5. Severance
6. L'Appel du Vide
Line Up
Sylvaine (Voce, chitarra, synth, basso e percussioni)

Musicisti Ospiti:
Stephen Shepard (Batteria)
Stéphane "Neige" Paut (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]