Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
TURBOKILL
Vice World

25/10/19
SKINLAB
Venomous

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
DICTATED
Phobos

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
METALITE
Biomechanicals

CONCERTI

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

Alphakill - Degrees of Manipulation
04/01/2019
( 324 letture )
Il thrash canadese vanta una lunga tradizione in campo technical/progressive, avendo espresso negli anni nomi di assoluto prestigio quali Voivod e Annihilator. Anche la più recente esperienza degli assai meno noti Sacred Ally, tanto per fare un nome, conferma che il fuoco è ancora acceso. Justin Stear, Jon Warren e Derrick Kroll, pur orfani del bassista Jesse Skoleski, che aveva partecipato alla stesura dell’album d’esordio Unmitigated Disaster (2012), timbrano un secondo passaggio in studio di buonissimo valore.

Degrees of Manipulation, anch’esso autoprodotto e rilasciato ad ottobre scorso, vanta uno stile personale, risultando scarsamente sovrapponibile a quanto presente, a oggi, sotto i riflettori sulla scena technical/progressive. Senza dubbio, i Vektor, più di ogni altro gruppo della nuova scuola, marcano visita anche in questo caso tra i riff dei canadesi, che risultano però meno claustrofobici rispetto a quelli targati DiSanto e accompagnati, inoltre, da una maggiore pulizia delle linee vocali. In altre parole, meno contaminati dal black e dal death. L’album si compone di dieci tracce e vanta un minutaggio di oltre cinquanta minuti, spaziando dai 3:36 di Bow To No Man ai 6:30 di Morality Blurred. In linea con il predecessore e stilisticamente omogeneo, l’album riesce a non annoiare mai e a mantenere alta l’attenzione dell’ascoltatore lungo tutta la sua durata. Oltre alle due tracce già citate, si segnalano l’opener The Straw Man e Monumental Hypocrisy. Deadly Inaction e Insomnia, poi, nascoste al centro del disco, sono altre due perle di assoluto valore.

In conclusione, gli Alphakill bissano il buon esordio di sei anni prima, confermando la necessità di tenere il gruppo sotto stretta osservazione. E per chi stesse già lamentando la scarsa prolificità del terzetto, a oggi di nuovo quartetto grazie all’arrivo di Jordan Gosselin alle quattro corde, si segnala il side-project, più orientato su sonorità heavy metal classiche, noto come Dyrewolf, cui partecipano Stear, Kroll e lo stesso Gosselin, e che ha pubblicato il primo dicembre scorso l’omonimo album d’esordio.

Buon ascolto e che il metallo sia con voi!



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Autoprodotto
Prog/Thrash
Tracklist
1.The Straw Man
2. Thrashbringer
3. Bow to No Man
4. Morality Blurred
5. Insomnia
6. Monumental Hypocrisy
7. Deadly Inaction
8. In Hell
9. Dominion
10. Ghost
Line Up
Justin Stear (Voce, Chitarra, Basso)
Jon Warren (Chitarra, Cori, Basso)
Derrick Kroll (Batteria, Cori)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]