Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helevorn
Aamamata
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/02/19
ONIROPHAGUS
Endarkenment (Illumination Through Putrefaction)

19/02/19
EVIL CONSPIRACY
Evil Comes

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
FM
The Italian Job

21/02/19
LARSEN
Tiles

22/02/19
WITCHERS CREED
Awakened From The Tomb…

22/02/19
HORNDAL
Remains

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

22/02/19
CONTINUUM
Designed Obsolescence

22/02/19
MORTANIUS
Till Death Do Us Part

CONCERTI

16/02/19
OBSCURA + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

16/02/19
P.O.D. + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

16/02/19
MICHALE GRAVES
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/02/19
PROSPECTIVE
REWORK CLUB - PERUGIA

16/02/19
WHITE SKULL + CHRONOSFEAR + ICY STEEL
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/02/19
ELECTROCUTION + BLACK RAGE + ULTERIOR
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

16/02/19
JETTASANGU FEST
CPO COLAPESCE - CATANIA

16/02/19
FAST AS A SHARK FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

17/02/19
WHILE SHE SLEEPS + LANDMVRKS + STRAY FROM THE PATH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/19
MICHALE GRAVES
DRUSO - RANICA (BG)

Negacy - Escape from Paradise
07/01/2019
( 472 letture )
Tornano con il loro terzo album in studio i Negacy, band sarda nata nel 2005 con il nome Red Warlock (ribattezzati nel 2012, dopo una discreta attività live, che li ha portati addirittura negli States), dei quali possiamo ricordare un paio di demo e un buon primo full length, Serve Your Master. Con il cambio di nome si apre un nuovo capitolo: i Negacy si trasferiscono in Inghilterra dove si unisce Adrián Serrano al basso. Nel 2016 prosegue l’attività live del gruppo con tredici concerti in Cina a cui segue l’arrivo di Leonel Silva, l’attuale cantante. Esce quindi nel 2018 Escape from Paradise, album che prosegue con quanto di buono si è potuto vedere nel corso degli anni ad opera dei Negacy. La formula è più o meno la stessa: alla base di tutto troviamo un solidissimo heavy metal, che a volte vira verso forme più power, mantenendo sempre un tono abbastanza scuro e potente, caratterizzato da una produzione di stampo decisamente moderno.

Il disco si apre con la breve strumentale Ex Cinere, lanciando l’ascoltatore in una raffica di brani heavy quali Born Betrayed, Dog Among the Wolves e Land of Oblivion. La voce di Leonel Silva ha un ruolo da protagonista, ritagliandosi sempre una posizione centrale in tutte le canzoni, sorretta da una band energica ed efficace. Anche le chitarre hanno un ruolo decisivo non limitandosi a creare ritmiche: Mornar e Sindiryan spesso e volentieri trovano lo spazio per proporre assoli, ottimamente inseriti nei pezzi, ben dosati e senza esagerazioni. La titletrack Escape from Paradise non fa eccezione a quanto detto fino ad ora: la band suona ottimamente un heavy capace di richiamare i classici Iron Maiden, Sanctuary e Nevermore. Forse si incorre in un’eccessiva omogeneità dei brani, troppo simili tra loro per poter essere ricordati dopo pochi ascolti. Non ci sono veri e propri filler e ogni canzone costituisce un tassello fondamentale nell’andamento dell’album, ma non emergono momenti di un livello superiore, capaci di dare quel tocco di memorabilità in più a una canzone rispetto che a un’altra. Alla fine non è un problema troppo grave, perché le canzoni scorrono piacevolmente, dimostrandosi più agili e leggere di quanto ci si potrebbe aspettare. Si prosegue fino alla fine con un alternarsi di brani heavy a brani power con Under the Sycamore, Lies of Empathy, Scattered Life, Slave to the Faith e Black Messiah, per poi chiudere in bellezza con Last Will, canzone sempre veloce e potente, caratterizzata da un cantato più lento e melodico.

Il songwriting è decisamente buono, così come lo è la produzione. Sulla formazione dei Negacy c’è poco da dire: tutti i musicisti fanno il loro lavoro per l’intera durata (non proprio breve) del disco, senza sbagliare un colpo. Va menzionato l’indiscutibilmente valido Raphael Saini alla batteria, sostituto di Claudio Sechi per la registrazione di Escape from Paradise. Non resta molto altro da dire su questo disco: l’album è molto buono, meritevole di essere ascoltato, specie per gli amanti del genere, che troveranno pane per i loro denti in questa ora di puro heavy-power, scritto e registrato con intelligenza e professionalità, senza lasciare nulla al caso e non facendo trasparire difetti rilevanti o soluzioni stilistiche fuori luogo.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
94.25 su 4 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Massacre Records
Heavy/Power
Tracklist
1. Ex Cinere
2. Born Betrayed
3. Dog Among the Wolves
4. Land of Oblivion
5. Escape from Paradise
6. Under the Sycamore
7. Lies of Empathy
8. Scattered Life
9. Slave to the Faith
10. Black Messiah
11. Last Will
Line Up
Leonel Silva (Voce)
Andy Mornar (Chitarra)
John Sindiryan (Chitarra)
Adrián Serrano (Basso)
Raphael Saini (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Andrea C. Pinna (Violino nelle tracce 10, 11)
Jana Lai (Violoncello nella traccia 11)
 
RECENSIONI
77
70
77
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]