Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death Angel
Humanicide
Demo

IX – The Hermit
Present Days, Future Days
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/06/19
LEFT HAND PATH
Left Hand Path

21/06/19
HOLLYWOOD VAMPIRES
Rise

21/06/19
MAERORMID
Stasi

21/06/19
BOKASSA
Crimson Riders

21/06/19
THE MEADS OF ASPHODEL
Running out of Time Doing Nothing

21/06/19
MEMORIAM
Requiem for Mankind

21/06/19
THENIGHTTIMEPROJECT
Pale Season

21/06/19
HOWLING SYCAMORE
Seven Pathways to Annihilation

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

21/06/19
TERAMAZE
Are We Soldiers

CONCERTI

16/06/19
THE CURE + GUESTS TBA
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA

17/06/19
WINGS OF BEA METALFEST (day 3)
SANTHIA' - VERCELLI

18/06/19
UADA + PANZERFAUST
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

19/06/19
DEF LEPPARD + WHITESNAKE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/06/19
DROPKICK MURPHYS + THE INTERRUPTERS
SHERWOOD FESTIVAL - PADOVA

19/06/19
SHADE EMPIRE + KEEP OF KALESSIN + SKINNED
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

19/06/19
KEEP OF KALESSIN
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/06/19
UGLY KID JOE
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/06/19
DESTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

21/06/19
THE BURNING DOGMA + COCAINE KAMIKAZE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Exodus - Another Lesson in Violence
11/01/2019
( 1229 letture )
La DeLorean di Metallized oggi ci riporta indietro al 1997, anno che non è certamente passato alla storia per essere epocale nello specifico del thrash metal made in USA. Guardando, infatti, le uscite di quell'anno troviamo i grandi nomi protagonisti della decade precedente impantanati in una serie di dischi controversi, discutibili o semplicemente meno ispirati. La cosa, vista con gli occhi di oggi, va interpretata come il classico alternarsi dei cicli nella scena musicale: il thrash non godeva di ottima salute, ma altri generi stavano guadagnando appeal tra il pubblico metal. Pure il giovane e sbarbato me aveva sentito puzza di bruciato in uscite come ReLoad e Cryptic Writings, nonostante fossi un neofita del settore e non un thrasher navigato intransigente. Ma questa non deve essere una scusa per tirare fuori i soliti due nomi ed iniziare la sterile battaglia tra Metallica e Megadeth: anche From the Underground and Below degli Overkill, Demonic dei Testament, Sit Stand Kneel Prey dei Whiplash ed High dei Flotsam and Jetsam non erano certamente tra i lavori più incisivi e rappresentativi delle carriere di questi gruppi e difficilmente finirebbero in una ipotetica top ten del 1997. Discorso a parte può essere fatto per Green dei Forbidden uscito lo stesso anno, disco comunque ad oggi ancora discusso, stilisticamente lontano dal thrash ottantiano e che non riscosse ampi successi.

Una situazione che pochi anni dopo sarebbe parzialmente cambiata con il ritorno in auge del genere, comprendente riappacificazioni, reunion e celebrazioni di vario tipo, il tutto inconsapevolmente anticipato dagli Exodus in quel 1997. I thrasher della Bay Area erano stati tra le vittime degli anni 90, mettendosi in stand-by dopo il discusso Force of Habit, con Gary Holt che recuperò Tom Hunting creando su i Wardance, formazione thrash/groove che ebbe vita breve. A sorpresa gli Exodus tornarono assieme nel 1997, con una line-up che guardava indietro all'esordio Bonded By Blood: assieme a Gary Holt ed Rick Hunolt fecero ritorno a casa il batterista Tom Hunting (assente dal post Fabulous Disaster) e la storica voce di quell'esordio, Paul Baloff. All'appello mancava il bassista Rob McKillop, sostituito da Jack Gibson, già membro dei Wardance di cui abbiamo parlato poco fa. Tra le date fissate, quella dell'8 marzo al Trocadero di San Francisco fu scelta per la registrazione di Another Lesson in Violence, testimonianza live di questa reunion e prima occasione, dopo tanto tempo, di risentire la voce di Baloff in una release ufficiale.
La scaletta prevedeva solo materiale dell'epoca di Paul Baloff, quindi Bonded by Blood nella sua quasi totale interezza (solo Metal Command rimase esclusa) ed i tre brani che recavano la firma del cantante su Pleasures of the Flesh e presenti sul demo del 1986: la titletrack, Brain Dead e Seeds of Hate. Quest'ultima con un testo differente rispetto all'interpretazione di Souza, che riprendeva ed ampliava quello della prima versione. Tra le dodice tracce troviamo anche la chicca di Impaler, brano mai pubblicato su disco fino a quel momento e che recava in calce la firma dell'illustre ex Kirk Hammett.
In pratica nessuna concessione al materiale dell'ultimo decennio, solo thrash metal d'annata, zero sperimentalismi ed una rinnovata ferocia che emerge sin dalle prime note di Bonded by Blood, seguita a ruota dalla fedele Exodus. Diversamente dai live album usciti negli ultimi anni, questo Another Lesson in Violence riesce ancora a suonare potente senza risultare troppo artefatto. Certamente siamo lontani dalle produzioni anni 80 ed il tocco di Andy Sneap (ancora agli inizi della sua carriera di produttore) è presente, ma tra i solchi di questo live traspare l'odore di sudore del pogo sotto il palco, facilmente immaginabile durante i classici spaccaossa come Piranha o Strike of the Beast. Così come è facile immaginare un Baloff fomentato sul palco ad incitare il pubblico. Il cantante, per via di questo ritorno all'ovile, è probabilmente il membro più atteso e mette in mostra tutto il suo selvaggio repertorio, cantando col suo forse imperfetto modo quei brani che gli hanno regalato un posto nella storia del settore. Paul non può essere certamente considerato un virtuoso (ed in questo caso anche il mixaggio che lo tiene dietro rispetto agli strumenti non aiuta), ma le battute durante le presentazioni dei pezzi ed il suo interagire di continuo col pubblico fanno capire perché sia un personaggio tanto amato. Come prima di Piranha, probabilmente il pezzo che sentiva più suo, tanto da chiamare così anche il gruppo che fondò all'indomani dalla cacciata dagli Exodus.

Another Lesson in Violence scorre via veloce ed intenso nei suoi settantacinque minuti, senza alcun cedimento, intervallato solamente dalle pause tra un pezzo e l'altro. Anthem compatti come Brain Dead si alternano a schegge impazzite come A Lesson in Violence, nella quale è presente anche l'unico ospite della serata, Robb Flynn dei Machine Head. Tra i dischi dal vivo pubblicati dagli Exodus nella loro carriera, questo è (a parere di chi scrive) il migliore e forse anche uno dei più rappresentativi della scena thrash. Diversamente, però, da altri due live album usciti nello stesso anno (Still Ignorant dei Sacred Reich e Official Live: 101 Proof dei Pantera), Another Lesson in Violence non è la fotografia di un particolare momento, bensì avrebbe dovuto rappresentare un nuovo punto di partenza per gli Exodus.
Le cose però andarono diversamente: il disco uscì nello stesso anno del concerto, ma i tempi nella scena metal non erano ancora maturi per questo ritorno e, a quanto pare, la Century Media Records bloccò la pubblicazione della versione video di questo live, che ad oggi dovrebbe essere ancora nel cassetto. In seguito a questi screzi, questa prima reunion degli Exodus finì presto, lasciando i fans più accaniti del gruppo a bocca asciutta ancora per un po'.
La nuova occasione arrivò nel 2001, quando per il Thrash of the Titans (evento organizzato per raccogliere fondi a favore di Chuck Billy e Chuck Schuldiner) molti gruppi storici della scena thrash anni 80 tornarono assieme sul palco. Quella giornata fu la spinta verso un nuovo inizio per alcuni di loro, tra i quali gli stessi Exodus, anche se il destino giocò loro un brutto scherzo poco più avanti.
Il 2 febbraio del 2002, Paul Baloff, la voce di quella reunion, fu stroncato da un infarto a quarantuno anni, ponendo fine alle speranze di risentirlo in studio. Nonostante ciò, gli Exodus andarono avanti riprendendo Steve "Zetro" Souza e dedicando allo scomparso amico Tempo of the Damned del 2004, il ritorno discografico della band, a sette anni da questo live e dodici dall'ultimo lavoro in studio.

Per questo motivo Another Lesson in Violence è anche così importante: oltre ad essere un ottimo live album, è un tributo al materiale storico della band (molto più riuscito della ri-registrazione Let There Be Blood) e l'epitaffio della intensa carriera di Paul Baloff, non il miglior cantante della storia del thrash e nemmeno il più prolifico, ma forse quello che ne ha rappresentato meglio lo spirito.

get on your knees and bow
or learn a lesson in violence


Un'altra, ultima, lezione di violenza.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
73 su 2 voti [ VOTA]
duke
Giovedì 17 Gennaio 2019, 8.34.23
27
gia' grc la juve gratta parecchio...
GRC
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 21.57.02
26
*di dischi*
GRC
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 21.55.36
25
@Duke fai la scorta dischi...
Galilee
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 21.38.20
24
Non l'ho mai considerato questo dischetto, anche perché non sono mai stato un fan degli Exodus. Giusto 3/4 album. E appunto BBB. Se lo trovo chissà. Anche perché Baloff è l'unica voce che mi sia veramente piaciuta di questa band.
duke
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 21.37.25
23
in questa serata triste dove ha trionfato la juve ladrona cerchero' conforto in questo splendido disco...gran bel live....
thrasher
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 21.17.18
22
Concordo con l ultimo commento
Painkiller
Martedì 15 Gennaio 2019, 23.16.09
21
@Joe91: bello è bello, ma il miglior live thrash di tutti i tempi per me è decade of aggression, e per distacco...
Joe91
Martedì 15 Gennaio 2019, 22.28.00
20
Il miglior album live thrash di tutti i tempi
Silvia
Domenica 13 Gennaio 2019, 18.51.31
19
Quotone @rik. Purtroppo manca Metal Command, una delle mie preferite di tutta la loro discografia
thrasher
Domenica 13 Gennaio 2019, 9.45.36
18
Concordo al100%
Rik bay area thrash
Domenica 13 Gennaio 2019, 9.34.57
17
Silvia, ciao 😀. In effetti il singer ha il merito/demerito a seconda delle proprie preferenze, di caratterizzare una band, è Tu ne sai qualcosa in merito 😉. Baloff con la sua vocalità ha impresso in modo particolare l'esordio degli Exodus e anche questo bellissimo live. Sì, affinità vocali con il punk c'è ne sono, ma anche visivo. Era proprio il modo di porsi delle band thrash che faceva da trait d'union con le legioni punk. Mi ripeto, ma questo 'another....' è un live album che è come un testamento musicale di un periodo unico e leggendario. Tutte le song contenute sono storia del thrash. (imho)
Silvia
Sabato 12 Gennaio 2019, 22.02.13
16
@rik bella la citazione sulle origini punk, è un po' ciò che Gary ripete quando parla delle origini del gruppo 😃. x me lo stile di Baloff esce da qualunque schema, dava un'impronta veramente violenta e grezza, irripetibile, solo lui sapeva rendere canzoni come Piranha in quel modo feroce!
Silvia
Sabato 12 Gennaio 2019, 21.18.32
15
Anche x me Bonded è irraggiungibile - non solo nelle discografia Exodus a dire il vero 😅 - e concordo con rik e thrasher su Baloff anche se ormai mi sono affezionata a Zetro (che fra l'altro trovo migliorato tanto). Però penso che molti altri album siano comunque eccellenti, Fabulous, Tempo e Exhibit B su tutti anche se Dukes mi stanca e lo trovo monocorde. Riguardo questo live giusto il voto, mixaggio non eccellente a mio avviso. Giusta la citazione di Masterburner x Tom e Rick, due musicisti incredibili e la coppia HH una delle più grandi del metal imo 🙂
thrasher
Sabato 12 Gennaio 2019, 20.38.21
14
Il primo è un capitolo a parte ogni canzone è un classico! In Fabulous disaster le prime tre canzoni sono da panico poi il restante disco è buono ma non al livello delle prime tre. Tempo è un ottimo disco e anche i successivi mi piacciono apparte l ultimo che mi fa schifo, ma bonded rimarrà sempre il top
Poison Ivy
Sabato 12 Gennaio 2019, 20.25.33
13
Di dischi all'altezza del primo gli Exodus ne hanno fatti diversi: Fabulous disaster, che contiene la mia canzone preferita del gruppo ossia la devastante Toxic waltz, Tempo of the damned, un fenomenale ritorno con canzoni killer, e poi i tre dischi con Dukes che a parere personale, e sicuramente tanto avranno da ridire, il miglior cantante avuto dagli Exodus, peccato che sia tornato Zetro.
thrasher
Sabato 12 Gennaio 2019, 20.17.09
12
Pikke direi che per un amante del thrash un album così live non dovrebbe mancare... Te lo straconsiglio
Pikke
Sabato 12 Gennaio 2019, 15.36.26
11
Ok lo prendo, grazie ragazzi!
thrasher
Sabato 12 Gennaio 2019, 15.02.23
10
Possiedo il doppio live dynamo di quest epoca... Bellissimo... L epoca con Paul è inarrivabile per me, l apice l hanno dato con il primo album un classico del genere, poi una serie di buoni album ma non allo stesso livello
Rik bay area thrash
Sabato 12 Gennaio 2019, 14.36.36
9
Per chi è legato in modo particolare al bay area thrash e quindi anche agli Exodus 'originali', questo è un live da avere. C'è bonded by blood (l'album), brani composti per baloff da pleasure of the flash e un inedito da demo. L'essenza del thrash bay area è racchiusa nei solchi di questo live, che ha una produzione molto buona, cioè molto reale. Diciamo che ascoltandolo ci si rende quasi partecipi del concerto. Per me, baloff è, e sarà sempre IL singer degli Exodus. Vocalmente non avrà una grande timbrica, però è perfetta per il sound degli Exodus. Può avere quasi affinità con il punk, il ché ci fa comprendere come il thrash abbia legami con la sua genesi, o parte di essa. Gli Exodus hanno realizzato questo live, e purtroppo sarà l'ultima prova discografica della band originale. Ci lasciano come testamento musicale il ricordo di un' epoca assoluta, gli eighties e il thrash. (imho).
Vitadathrasher
Sabato 12 Gennaio 2019, 11.22.04
8
Prendilo ha una buona produzione e i brani sono la crema della band con baloff alla voce e un inedito. Album da 90
Pikke
Sabato 12 Gennaio 2019, 10.44.14
7
Questo mi manca, me lo consigliate? Oppure è come l'altro finto live con i suoni merdosi! Consigliatemi grazie
Alessio
Sabato 12 Gennaio 2019, 9.57.58
6
Ottimo live con un Balloff in formissima. Ce l'ho con dentro il poster della data con gli Skinlab al Trocadero. Mitico.
Poison Ivy
Sabato 12 Gennaio 2019, 5.31.35
5
Ben poco da dire, grande live per una grande band con un magnifico Baloff
Waccanara
Sabato 12 Gennaio 2019, 1.19.18
4
Ottimo live, con pezzi che sono la storia della band e del genere e la presenza di Baloff ha un che di nostalgico.
Hattori hanzo
Sabato 12 Gennaio 2019, 1.09.50
3
Gli Exodus con Paul Baloff.
thrasher
Sabato 12 Gennaio 2019, 0.59.00
2
Ottimo... Questa è leggenda
Masterburner
Sabato 12 Gennaio 2019, 0.50.51
1
Bellissimo live che rende giustizia al leggendario Baloff, grande mattatore! Poi c'era anche il mio idolo Rick Hunolt... senza dimenticare ovviamente il sempre immenso Tom Hunting.
INFORMAZIONI
1997
Century Media Records
Thrash
Tracklist
1. Bonded by Blood
2. Exodus
3. Pleasures of the Flesh
4. And Then There Were None
5. Piranha
6. Seeds of Hate
7. Deliver Us to Evil
8. Brain Dead
9. No Love
10. A Lesson in Violence
11. Impaler
12. Strike of the Beast
Line Up
Paul Baloff (Voce)
Gary Holt (Chitarra)
Rick Hunolt (Chitarra)
Jack Gibson (Basso)
Tom Hunting (Batteria)

Musicisti Ospiti
Robb Flynn (Chitarra nella traccia 10)
 
RECENSIONI
91
81
93
84
87
70
75
80
78
92
ARTICOLI
19/12/2018
Live Report
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS
MTV HEADBANGERS BALL TOUR 2018 - Phenomenon, Fontaneto d'Agogna (NO), 14/12/2018
23/11/2016
Live Report
BATTLE OF THE BAYS EUROPEAN TOUR: OBITUARY + EXODUS + PRONG + KING PARROT
Zona Roveri Music Factory, Bologna (BO), 19/11/2016
26/10/2016
Articolo
EXODUS
Retrospettiva con sorpresa
19/06/2012
Live Report
EXODUS + HEATHEN + SUICIDAL ANGELS + SNP
Carlito’s Way, Retorbido (PV), 14/06/2012
18/12/2010
Live Report
KREATOR + EXODUS + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS
Estragon, Bologna, 15/12/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]