Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/19
LUCE D`INVERNO
Ljetzan

26/04/19
LONELY ROBOT
Under Stars

26/04/19
TEN
Opera Omnia - The Complete Works

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

26/04/19
PARAGON
Controlled Demolition

26/04/19
CHEVALIER
Destiny Calls

26/04/19
IMMINENCE
Turn The Light On

26/04/19
NORSEMEN
Bloodlust

26/04/19
LOST IN KIEV
Persona

CONCERTI

23/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
LOCATION TBA

24/04/19
EKTOMORF + GUESTS TBA
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

24/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
TBA - PERUGIA

25/04/19
MARK BOALS + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

26/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/04/19
MARK BOALS + GUESTS
PIKA FUTURE CLUB - VERONA

27/04/19
FRONTIERS ROCK FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

27/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

27/04/19
MORTADO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

27/04/19
CRADLE OF FILTH + THE SPIRIT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

Festerday - Iihtallan
24/01/2019
( 372 letture )
I Festerday sono una band in attività dal 1989 e solo in queste prime battute del 2019, questa band finnica, è riuscita a dare alla luce al primo disco ufficiale della propria carriera, attraverso la casa discografica Season of Mist, sempre pronta a dare visibilità a gruppi underground.
Da una ricerca oculata, emerge che il gruppo proveniente da Piertasaari ha avuto un andamento molto altalenante, sebbene si possano contare in totale almeno 10 pubblicazioni precedenti a quella odierna, tra cui un EP e diversi split album con band ormai praticamente tutte finite nel dimenticatoio.

Fatta la presentazione di rito, ascoltando questa prima pubblicazione ufficiale si nota subito che la band ha una grandissima voglia di mostrarsi al pubblico e lo fa, con un disco che si compone di ben sedici tracce, per una durata complessiva che si muove prepotentemente verso sfiora l’ora di esecuzione.
Entrando di più nello specifico, già dai primissimi ascolti, la direzione intrapresa dalla band è molto chiara; i Festerday si fanno promotori di un death metal dalle radici ben salde nella tradizione scandinava e a quella britannica, in un alternarsi continuo fra frangenti serrati dal riffaggio potente ed essenziale, passando poi a mid tempo monolitici e avvolgenti, i quali, comunque, non fanno perdere dinamismo alle diverse tracce.
I Festerday, si fanno promotori quindi di un death metal genuino che nella sua semplicità e potenza, non cade mai nella banalità, sebbene i titolo delle varie canzoni rimandano a temi già visti e rivisti; nonostante questo, nella sua ora di durata, il disco scorre bene, pur senza improvvisi ribaltamenti di sorta e importanti sussulti.
Iihtallan è un disco di death metal puro, senza nessun tipo di contaminazione esogena e l’ispirazione di lidi musicali differenti o affini. L’obbiettivo della band è meramente quello di intrattenere il più possibile l’ascoltatore, mostrando le diverse anime del gruppo: quello marcio, come per esempio, nell’ottima Vomiting Pestilence, quello più scanzonato e ironico (Gravelove, Your Saliva, My Vagina) e infine quello più riflessivo (come in Dreaming of the Dead, uno dei pezzi migliori del disco).
Fra gli elementi deboli si annovera il fatto che all’interno del disco non vi sono tracce che emergono prepotentemente sulle altre e una durata complessiva del tutto, sin troppo diluita per quello che viene concettualmente espresso.
Nonostante questo, la band da prova di saper maneggiare bene le sonorità death metal; i Festerday, fra riff di chitarra tritaossa e fangosi, si dimostra molto abile nella costruzione di mid tempo potenti e infernali che entrano subito in testa nell’ascoltatore. Inoltre, anche la melodia, che a tratti raggiunge picchi epici come nell’ottima, pur essendo glaciale, è un elemento pacevole, in grado di conferire maggior equilibrio alle tracce.
Iihtan può considerarsi un disco piacevole, costante nel corso di tutta l’esecuzione, senza risultare piatto. Quello che forse è manca è una traccia di assoluto spessore; a parte qualche episodio sopra la media (Dreaming of the Dead e Edible Escrements su tutte), mancano all’interno del platter i pezzi di spicco, in grado di alzare il livello della produzione complessiva.

Ma questo appare il sincero intento dei Festerday: dedicarsi pienamente alla propria passione, portando avanti la propria dedizione alla causa, senza troppe pretese e senza strafare.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
53.33 su 3 voti [ VOTA]
Pacino
Domenica 10 Marzo 2019, 10.53.20
1
fantastico, una bella legnata davvero. Voto 90
INFORMAZIONI
2019
Season of Mist
Death
Tracklist
1. Intro – The Last Night of the Earth
2. Edible Excrement
3. Tongues For Rotten Kisses
4. Kill Your Thuth
5. Control Not Your Soul
6. Dreaming for the Dead
7. Vomiting Pestilence
8. Flowers of Bones
9. Flowers of Stone
10. Into the Void
11. Constructive Decomposition
12. Gravelove
13. The Human Race Disgrace
14. Your Saliva, My Vagina
15. Let me Entertain your Entrails pt. 1
16. Let me Entertain your Entrails pt. 2
Line Up
Kena Stromsholm (Voce)
Timo Kontio (Chitarra)
Teemu Saari (Chitarra)
Antti Raisala (Basso)
Jani Kuoppamaa (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]