Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Klee Project - Living in Confusion
08/02/2019
( 888 letture )
Secondo album in casa Klee Project, gruppo messo su dal cantante/chitarrista Roberto Sterpetti, il quale si avvale della collaborazione di ottimi musicisti della scena pop italiana. Oltre al bassista Lorenzo Poli (già presente sul primo disco del 2016 The Long Way) troviamo in formazione il chitarrista Chicco Gussoni ed il batterista Daniele Iacono, andati a sostituire rispettivamente Marco Sfogli e Antonio Aronne. Living in Confusion si distacca e non poco dal primo LP, sul quale avevamo apprezzato la buona amalgama fra rock/metal moderno e spunti elettronici sinfonici. Questi ultimi infatti vengono totalmente meno lasciando spazio ad un imprinting southern rock, ad arrangiamenti ridotti all'osso e a potenziali hits da classifica, le quali si avvicinano pericolosamente al sound di band come i Nickelback. L'ascolto si tramuta in un easy listening abbastanza piacevole ma fine a se stesso, con brani alquanto simili fra loro, lasciando ben poco al termine delle undici tracce.

Il disco si fa notare per l'immediatezza ed il minutaggio limitato delle canzoni. Piazza immediatamente I'll Break it Down, uno dei pezzi più pesanti del lotto, con spunti hard rock molto U.S.A. oriented e la voce graffiante del frontman a farla da padrone. Non male il riffettino ad introdurre il ritornello. Segue I Believe in You, spiccatamente southern e dal chorus riuscito, il quale non stonerebbe in album di gruppi americani noti. Still Waiting è una ballad insipida che i Klee Project potevano risparmiarci, mentre What Can I Do, pur essendo abbastanza telefonata, è una canzone che diverte grazie alle strofe fatte di stoppate di chitarra piacevoli e linee melodiche orecchiabili. On My Side è l'ultima traccia degna di nota, se non la migliore: i ritmi sono lenti, mettono in risalto l'ottimo lavoro in studio del producer ed il ritornello è una bomba. Un brano che potrebbe tranquillamente entrare nella Billboard americana. Di qui in poi sa tutto di già sentito e l'album tende a ripetersi pur ascoltando del rock suonato bene, senza fronzoli, ma la voglia di skippare è sempre dietro l'angolo. Purtroppo la band dà l'impressione di voler realizzare singoli da classifica a tutti i costi, costruendo composizioni talmente radiofoniche da dare quasi fastidio (ascoltarsi Over the Crowd a tal proposito). La titletrack è la chiusura del cerchio: veramente scadente, con poche idee e tanto copiaticcio da gruppi hard rock di svariate epoche.

Probabilmente Living in Confusion potrebbe essere valutato positivamente se non si tenesse conto del concetto di musica espresso. Le tracks di per sé non sono male, con alcuni episodi di spicco. Il grosso problema è che si ha la sensazione per tutta la durata del platter che al leader interessi solamente realizzare brani da classifica, per un ascolto poco impegnato. Per carità, non c'è nulla di male nel volerlo fare ma sicuramente non mette in mostra tutte le abilità dei musicisti coinvolti. Un passo indietro rispetto al precedente The Long Way.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
76.5 su 4 voti [ VOTA]
plaflm
Giovedì 2 Maggio 2019, 5.52.57
2
Non sono d'accordo sulla recensione (voto troppo basso). Come hai detto tu l'album ha delle bellissime canzoni "...potenziali hits da classifica..." e non è noioso.
tito78
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 10.16.51
1
hai ragione troppo piatto ,ripetitivo e noiso . non ci siamo il primo 1000 volte meglio
INFORMAZIONI
2018
UAP Music
Rock
Tracklist
1. I'll Break it Down
2. I Believe in You
3. Still Waiting
4. What Can I Do
5. On My Side
6. I Save You
7. A Moment to Taste the World
8. Over the Crowd
9. 390
10. Living in Confusion
11. My Safety
Line Up
Roberto Sterpetti (Voce, Chitarra)
Chicco Gussoni (Chitarra)
Lorenzo Poli (Basso)
Daniele Iacono (Batteria)
 
RECENSIONI
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]