Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/03/19
PUTREFIED CORPSE
Left To Rot

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
VESPERINE
Espérer Sombrer

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
ACCURSED SPAWN
The Virulent Host

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

19/03/19
DAVID ELLEFSON
LEGEND CLUB - MILANO

19/03/19
MARTY FRIEDMAN + EUGENIO SAMBASILE
BELLOTTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

Kane Roberts - The New Normal
07/03/2019
( 396 letture )
Questo ritorno, onestamente, non ce lo saremmo aspettati: ricordate Kane Roberts, nerboruto chitarrista che ha preso parte a tre album del sempiterno Alice Cooper, fra cui l'imprescindibile Trash? No? Beh, se la risposta è negativa, tutto sommato possiamo capirlo: era addirittura dal 2006 che il nostro non si faceva sentire, nella fattispecie con un lavoro solista intitolato Touched; finalmente, però, dopo tanti anni, le sei corde di questo simpatico personaggio tornano a ruggire e lo fanno per la nostra Frontiers Music. Ad ingolosire ulteriormente i potenziali ascoltatori, segnaliamo la lunga lista di ospiti del disco, intitolato The New Normal, fra i quali spiccano Alice Cooper, Nita Strauss, Alissa White-Gluz, Kip Winger e John 5. Un parterre de roi, insomma, per il ritorno del musicista sosia di Rambo. Ma basterà anche a renderlo un grande ritorno? Cerchiamo di scoprirlo.

L'album, quarto della carriera solista di Kane Roberts (il suo Saint and Sinner, del 1991, non era affatto malvagio, a proposito), è inaugurato da King of the World, una vera dichiarazione di intenti da parte del nostro amico: si tratta di un buon pezzo hard rock, per la verità tutto tranne che particolarmente pesante, dove il musicista mette in mostra, oltre ad una chitarra ancora valida, un'ugola interessante e discretamente graffiante; interessante anche la chitarra della bella e brava Nita Strauss, che, per chi non lo sapesse, è una lontana discendente del celebre compositore Johan Strauss. Wonderful conferma quanto di buono già ascoltato sulla prima traccia, pur risultando nel complesso, forse, appena meno convincente; il nostro punta su un mix fra sonorità classiche ed altre decisamente più moderne, che risulta interessante ove ben realizzato, un po' meno quando invece l'amalgama non riesce al 100%; in tal caso, i pezzi risultano quasi dei collage di varie parti slegate fra loro. Passiamo però ora a descrivere Beginning of the End che, manco a dirlo, è però il pezzo più convincente di questa prima parte di disco, grazie non solo ad un valido songwriting, ma anche alla presenza di Alice Cooper ed Alissa White-Gluz, in questo caso indubbiamente due valori aggiunti. Non ci piace, invece, Who We Are, tentativo non troppo felice di power ballad che ci porta a skippare la traccia per concentrarci su Forever out of Place: pur tentando di mettere troppa carne al fuoco, dividendosi fra tentazioni melodiche, aperture moderne ed atmosfere vintage, tutto sommato si lascia ascoltare piuttosto volentieri. Va meglio con Leave this World Behind, dove fa una gran figura John 5, con la sua sempre eccellente chitarra. Si ritorna purtroppo su livelli meno convincenti con The Lion's Share: il nostro interpreta il pezzo con passione, ma la canzone lascia davvero poco, al pari peraltro di Leave me in the Dark, dove però va segnalato un assolo di livello assoluto. Chiudono le danze Above & Beyond e Wrong, che nulla tolgono, ma nulla aggiungono a quanto già sentito.

E' con un certo dispiacere che ci accingiamo a non promuovere questo disco: se, sulla carta, la lunga lista di ospiti importanti poteva risultare un valido modo per mettere assieme tanti bravi musicisti, il risultato finale non convince appieno: alcuni brani sono indubbiamente convincenti e ben realizzati, ma un numero eccessivo di altre canzoni risultano banali e, quel che è peggio, confusionarie: non si capisce insomma da che parte voglia andare a parare il nostro amico, cui va tutta la nostra simpatia; per il prossimo album, però, meglio scegliere una strada più organica.



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
growing man
Sabato 9 Marzo 2019, 23.04.57
2
@Barry, tu saresti quello che può dare lezioni di italiano? Punteggiature tutte sbagliate e sintassi e lessicologia a dir poco risibili.
tino
Venerdì 8 Marzo 2019, 12.40.00
1
Il pezzo con alice Cooper è notevole specie il cantato di Roberts viceversa la glutz distrugge tutto con un growl inutile. Credevo avesse partecipato anche la Scabbia evidentemente mi sono sbagliato visto che non è citata
INFORMAZIONI
2019
Frontiers Music
Hard Rock
Tracklist
1. King of the World
2. Wonderful
3. Beginning of the End
4. Who We Are
5. Forever Out of Place
6. Leave This World Behind
7. The Lion’s Share
8. Leave Me In The Dark
9. Above & Beyond
10. Wrong
Line Up
Kane Roberts (Voce, Chitarra)

Musicisti Ospiti
Alice Cooper (Voce nella traccia 3)
Alissa White-Gluz (Voce nella traccia 3)
David Balfour (Cori)
Katt Franich (Voce nella traccia 4)
Evan Magness (Chitarra)
Nita Strauss (Chitarra nella traccia 1)
John 5 (Chitarra nella traccia 6)
Scot Lang (Tastiere)
Paul Taylor (Tastiere nella traccia 6)
Ed Modigliani (Basso)
Betty Has Eyes (Basso)
Christopher Tisi (Batteria)
Kip Winger (Basso nelle tracce 3, 5, 6, 7 e 9)
Aoyama Hideki (Batteria nella traccia 3)
Ken Mary (Batteria nella traccia 6)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]