Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/03/19
PUTREFIED CORPSE
Left To Rot

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
VESPERINE
Espérer Sombrer

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
ACCURSED SPAWN
The Virulent Host

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

19/03/19
DAVID ELLEFSON
LEGEND CLUB - MILANO

19/03/19
MARTY FRIEDMAN + EUGENIO SAMBASILE
BELLOTTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

Cathedral - Caravan Beyond Redemption
09/03/2019
( 632 letture )
Parlando di metal in generale, appena si sente nominare i Cathedral si mettono da parte i gusti personali (che sono sacrosanti sia chiaro) per un attimo e si porta rispetto. Questo perché sono una di quelle band che hanno fatto bene alla nostra musica riuscendo ad unire nel corso del tempo una cura per il dettaglio maniacale oltre che una costanza qualitativa davvero invidiabile. La band capitanata da Lee Dorrian è sempre stata portavoce di una musica pesante, oscura e malsana esaltata soprattutto anche grazie a degli artwork luminosi (fa strano a dirsi vero?) e ricchi di dettagli. Basta nominare quello di Forest of Equilibrium ad esempio ma anche del più recente The Guessing Game dove a prevalere sono colori delicati quali il bianco e l’azzurro.

E’ questo gioco degli opposti la carta vincente del gruppo in grado di innalzarlo rispetto a molti altri dello stesso genere/i.
Eppure, anche all’interno di una discografia così ampia e qualitativamente alta ci sono degli album di passaggio. Ovvero, quelle opere che vengono nominate di rado quando si tende a ricordare un determinato gruppo. Carnival beyond redemption, uscito ormai nel lontano 1996 sotto la Earache Records fa parte di questa categoria. Ed è un peccato, specialmente quanto si tratta di un lavoro così appagante e coraggioso. Questo aggettivo non è utilizzato a caso. Carnival é l’album della scommessa dei Cathedral dovuta Al fiasco del precedente Supernatural Birth Machine, album mai pienamente accettato dai fan del gruppo. Nonostante questo la band non dimentica l’approccio stoner dell’album precedente e riesce ad amalgamarlo con le sonorità degli esordi (quelle più doomeggianti ed oscure). Basta ascoltare l’esaltante e potente brano d’apertura, Voodoo Fire per capire di cosa sto parlando. L’album procede cambiando vari registri, sperimentando (The Unnatural World, The Caravan), inciampando a volte (The Omega Man) ma senza gravi conseguenze. Ciò che rende grande la band dunque in tutte le loro opere è la maniacale ricerca sonora e il perfetto equilibrio dell’anima stoner unita a quella doom.

In definitiva Caravan Beyond Redemption, a netto di qualche scivolone ci mostra una band che accetta le critIche e le interpreta in maniera costruttiva producendo un album non perfetto ma di sicuro molto interessante ed appagante. Da riscoprire (e conoscere per chi non ha mai avuto interesse verso la band) e custodire.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
80 su 2 voti [ VOTA]
Galilee
Domenica 10 Marzo 2019, 13.52.13
10
Te lo dico perché a me capita spesso. Dischi che al momento trovo solo buoni dopo anni li scopro magnifici. Credo che sia una questione di "ascoltarli nel momento giusto". Per dire, non serve ascoltare un album cento volte se in quel momento non lo sentiamo nostro. Meglio accantonarlo e riscoprirlo in seguito. Coi libri non mi capita, anche perché li scelgo meticolosamente. Quindi mi piacciono sempre. Inoltre difficilmente riesco a leggere un libro 2 volte. Tranne The Dirt...
InvictuSteele
Domenica 10 Marzo 2019, 13.52.10
9
Ma mi reputare un cretino se vi rivelo che a me l'unico album che non apprezzo dei Cathedral è forest of equilibrium? Mi fa due coglioni incredibili.
Lizard
Domenica 10 Marzo 2019, 13.06.56
8
Ti confesso che mi succede più con i libri che con i dischi ma voglio darti ascolto e dargli un’altra possibilità. Lo conosco bene, ma ci sta che finora non abbia trovato la chiave giusta
Galilee
Domenica 10 Marzo 2019, 12.39.17
7
X Lizard. Avevo capito, ma non ti capita mai di riascoltare un disco dopo anni e anni e innamoratene inaspettatamente? A me si..
Pacino
Domenica 10 Marzo 2019, 11.17.02
6
Altro grande album dei Cathedral, come tutta la discografia. Voto 80
Lizard
Domenica 10 Marzo 2019, 10.59.53
5
Come dicevo ce li ho tutti i loro album, sono una delle band a cui sono più affezionato. Endtyme è sicuramente un gran disco, come dici tu non di facile ascolto. Ma non so spiegarti il motivo, in quel periodo l’incantesimo si era in qualche modo rotto. Stessa cosa mi successe con Pearl Jam e Paradise Lost, per dire altri gruppi completamente diversi, per i quali ad un certo punto ho perso interesse. Dei Cathedral però ho continuato a comprare gli album, perché comunque anche se non ero più “innamorato”, sentivo che la qualità c'è.
Galilee
Domenica 10 Marzo 2019, 10.43.35
4
Mai ascoltato Endtyme? Dal punto di vista dell'ispirazione sta sicuramente sul podio nella loro discografia. Ti consiglio di ascoltarlo bene. Anche perché non è di facile ascolto, ma se ti sono piaciuti i primi 3...
Lizard
Domenica 10 Marzo 2019, 10.10.21
3
Concordo pienamente. All’epoca questo disco fu quello che decreto’ in qualche modo la mia perdita di interesse nei confronti dei Cathedral, che dopo l’ottimo The Carnival Bizarre, mi sembravano aver imboccato un vicolo cieco da un punto di vista di ispirazione. Ho continuato a comprare i loro album più per affetto e ‘dovere’ che per reale convinzione, fino a che The Garden of Unearthly Delights ha riacceso la passione. Band comunque di altissimo livello.
Galilee
Sabato 9 Marzo 2019, 19.40.36
2
Mi manca. Ne ho un pò dei Cathedral ed è vero sono tutti bellissimi.
InvictuSteele
Sabato 9 Marzo 2019, 12.42.30
1
Ho fatto una gran fatica per trovarlo, e a un prezzo decente, era l'unico che mi mancava. Per me è bellissimo, ma io ho adorato anche il precedente sottovalutato birth machine. Questa band non ha mai toppato. Voto 80
INFORMAZIONI
1996
Earache Records
Doom
Tracklist
1. Vodoo Fire
2. The Unnatural Word
3. Satanikus Robotikus
4. Freedom
5. Captain Clegg
6. Earth Messiah
7. The Caravan
8. Revolution
9. Kaleidoscope of Desire
10. Heavy Load
11. The Omega Man
12. Dust of Paradise
Line Up
Lee Dorrian (Voce)
Gaz Jemmings (Chitarra)
Leo Smee (Basso)
Brian Dixon (Batteria)
 
RECENSIONI
89
90
88
85
85
84
78
88
87
90
ARTICOLI
17/11/2010
Live Report
CATHEDRAL + THE GATES OF SLUMBER
Init, Roma, 14/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]