Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/03/19
PUTREFIED CORPSE
Left To Rot

22/03/19
BLOODBOUND
Rise Of The Dragon Empire

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
TOTO
40 Tours Around The Sun

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

CONCERTI

19/03/19
DAVID ELLEFSON
LEGEND CLUB - MILANO

19/03/19
MARTY FRIEDMAN + EUGENIO SAMBASILE
BELLOTTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

Descent - Towers of Grandiosity
13/03/2019
( 14 letture )
Attivi dal 2014 e con una demo alle spalle (2015), gli australiani Descent debuttano ufficialmente nell’universo del metal estremo grazie al seguente Towers of Grandiosity.


Dichiaratamente aperta alla commistione di più generi musicali, la band propone una miscela forse un tantino indigesta. Su tutti, svettano sicuramente death metal, grindcore e una spolverata di hardcore. Il tutto pare fuoriuscire da un piccolo apparecchio radiofonico portato al limite, che ne distorce il suono oltre il dovuto. La solennità putrescente tipica del death diventa troppo rarefatta, riducendosi alla sola (peraltro isolata) traccia strumentale Sic Superius, che dovrebbe fungere da intermezzo ma ci riesce a stento, dal momento che la durata complessiva dell’album si aggira sui 23 minuti: l’ascoltatore non avverte alcun bisogno di interrompere brevemente l’ascolto.


La ricetta sonora proposta manca totalmente d’originalità, risultando quanto mai piatta e, per certi versi, banale. Certo, prendendo a campione e sparando a tutto volume qualche secondo di Towers of Grandiosity, ci si potrà di certo inoltrare in una vaga atmosfera di massacro. Ma le armi impiegate sono sempre le stesse e per questo, dopo un po’, sarà facile prevedere il colpo. E, si sa, un album musicale (come qualsiasi altra forma artistica) deve stupire l’ascoltatore con colpi di scena improvvisi. Cosa che questo disco non sa fare.


Breve, piatto, insignificante.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Redefining Darkness Records
Death
Tracklist
1. Stain
2. Skinwalker
3. Confined
4. Foundation of Sand
5. Sicut Superius
6. Chameleon
7. Pedestal of Scum
8. Sic Inferius
9. Hindsight
Line Up
Anthony Oliver (Voce)
Brendan Auld (Chitarra)
Josh Kane (Chitarra)
Jim Dandy (Basso)
Kingsley Sugden (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]