Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VENOM
In Nomine Satanas (boxset)

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
KALEIDOBOLT
Bitter

31/05/19
TRYGLAV
Night Of Whispering Souls

CONCERTI

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

26/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 3)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Descent - Towers of Grandiosity
13/03/2019
( 66 letture )
Attivi dal 2014 e con una demo alle spalle (2015), gli australiani Descent debuttano ufficialmente nell’universo del metal estremo grazie al seguente Towers of Grandiosity.


Dichiaratamente aperta alla commistione di più generi musicali, la band propone una miscela forse un tantino indigesta. Su tutti, svettano sicuramente death metal, grindcore e una spolverata di hardcore. Il tutto pare fuoriuscire da un piccolo apparecchio radiofonico portato al limite, che ne distorce il suono oltre il dovuto. La solennità putrescente tipica del death diventa troppo rarefatta, riducendosi alla sola (peraltro isolata) traccia strumentale Sic Superius, che dovrebbe fungere da intermezzo ma ci riesce a stento, dal momento che la durata complessiva dell’album si aggira sui 23 minuti: l’ascoltatore non avverte alcun bisogno di interrompere brevemente l’ascolto.


La ricetta sonora proposta manca totalmente d’originalità, risultando quanto mai piatta e, per certi versi, banale. Certo, prendendo a campione e sparando a tutto volume qualche secondo di Towers of Grandiosity, ci si potrà di certo inoltrare in una vaga atmosfera di massacro. Ma le armi impiegate sono sempre le stesse e per questo, dopo un po’, sarà facile prevedere il colpo. E, si sa, un album musicale (come qualsiasi altra forma artistica) deve stupire l’ascoltatore con colpi di scena improvvisi. Cosa che questo disco non sa fare.


Breve, piatto, insignificante.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2018
Redefining Darkness Records
Death
Tracklist
1. Stain
2. Skinwalker
3. Confined
4. Foundation of Sand
5. Sicut Superius
6. Chameleon
7. Pedestal of Scum
8. Sic Inferius
9. Hindsight
Line Up
Anthony Oliver (Voce)
Brendan Auld (Chitarra)
Josh Kane (Chitarra)
Jim Dandy (Basso)
Kingsley Sugden (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]