Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VENOM
In Nomine Satanas (boxset)

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
KALEIDOBOLT
Bitter

31/05/19
TRYGLAV
Night Of Whispering Souls

CONCERTI

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

26/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 3)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Borknagar - The Archaic Course
16/03/2019
( 537 letture )
Nel 1998 i Borknagar giungono alla pubblicazione di The Archaic Course, a due anni di distanza dal celebratissimo capolavoro The Old Domain, nel tentativo di confermare definitivamente quanto di buono fatto col secondo lavoro e rilasciando con la terza prova in studio il cosiddetto disco della maturit. The Archaic Course nasce penalizzato dallostacolo apparentemente insormontabile dellabbandono di Garm dietro al microfono, ostacolo poi brillantemente superato con larrivo di ICS Vortex, qui apprezzabile per la grande cura dedicata all'alternanza tra il cantato pulito e lo scream, qui presente in misura nettamente minore rispetto ai lavori precedenti.

Lattacco di The Archaic Course, una volta premuto il tasto play, semplicemente brutale. Le canzoni sembrano costruite su un impasto sonoro di black metal, ma non mancano inserzioni acustiche e passaggi quasi sinfonici esaltati dalle tastiere. Lalbum prosegue quanto fatto gi in The Old Domain, ma verso una direzione pi melodica ed enfatica, specie per quanto riguarda la voce, dedita prevalentemente a un cantato pulito gelido ma evocativo. A ritagliarsi prepotentemente la scena infatti c la voce di ICS Vortex, gradevole quando si lancia negli scream, ma trascinante e di grande impatto emotivo nella controparte in clean. Il suo timbro cristallino subito riconoscibile e, come detto, conferisce una sensazione algida ed evocativa alle canzoni. Allo stesso modo va menzionato l'operato dietro le pelli di Grim, sfortunatamente venuto a mancare lanno successivo. Il suo drumming abrasivo e potente, tecnico quanto basta per il genere proposto. Sicuramente apprezzabile anche il tentativo di discostarsi dai classici pattern black metal tipicamente in blast beat. Grim in questo album offre una performance pi oculata e ragionata, in cui non mancano passaggi in doppio pedale maggiormente aggressivi e sostenuti, ma gli accenti sui piatti, gli stacchi e molti fill presenti in The Archaic Course hanno un sentore quasi rock. Certamente il lavoro del batterista merita un approfondimento, date le insolite soluzioni per il genere.

La produzione tutto sommato di buona qualit per lo stile peculiare dei Borknagar, anche se non esente da alcuni difetti. Se infatti i suoni della batteria e del basso sono nitidi e ben amalgamati e in particolare apprezzabile lo spazio lasciato alle quattro corde, ben udibili e avvolgenti, la questione risulta per pi confusionaria per quanto riguarda le chitarre e le tastiere. Gli intrecci melodici e i riff di chitarra in alcuni momenti si perdono, risultando a tratti caotici e poco definiti e anche le tastiere, qui impegnate a sperimentare sonorit atipiche per il black metal, come denota ad esempio limpiego dellorgano Hammond in Ad Noctum, suonano soffocate e in sordina.

Le canzoni contenute in The Archaic Course hanno una costruzione contorta, quasi progressive, non tanto per lesecuzione dei brani quanto per la continua ricerca di unipotetica fusione tra diversi generi e stati danimo. Tra i momenti pi riusciti del disco troviamo la potente e diretta Oceans Rise, dallincipit con gli strumenti allunisono di grande impatto emotivo. Segue nella seconda met del disco Ad Noctum, celebre per linsolito impiego dellHammond, dal suono retr e caratteristico, sorprendente ancora oggi quando si pensa al contesto puramente black metal. The Black Token sfoggia una prestazione di alto livello da parte di ICS Vortex, qui impegnato su un registro piuttosto alto e pulito, ma naturale e tuttaltro che forzato. Le altre canzoni invece si attestano su ottimi livelli: ben arrangiate, ben suonate e soprattutto interessanti perch crescono con gli ascolti, appagando l'ascoltatore nel tempo. Sono brani epici, ma dallepicit ostinata e ricercata nelle melodie, nonch nello stato danimo trasmesso, che va vissuto e interiorizzato. Con la terza fatica i Borknagar cercano pertanto di comunicare forti emozioni grazie a canzoni intelligenti e costruite in modo cerebrale e chirurgico. Solo una volta compresa la struttura dei brani, che come accennato sono piuttosto contorti e caotici, ci si potr abbandonare alla componente emotiva.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
82 su 2 voti [ VOTA]
enry
Domenica 17 Marzo 2019, 10.24.10
3
Band che mi piaciuta tantissimo fino a Quintessence, gran disco anche questo, 80 ci sta tutto.
tino
Sabato 16 Marzo 2019, 15.43.32
2
concordo il loro disco migliore (per me) dopo il mostruoso the olden domain e l'ottimo omonimo, qua ovviamente il valore aggiunto l'odiatissimo (perch?) simen con la sua voce cristallina che abbellisce qualsiasi cosa, gruppo fantastico
valz
Sabato 16 Marzo 2019, 15.18.39
1
disco bellissimo con al suo interno il brano universal, che considero una delle canzoni pi belle di sempre. la voce di vortex poi...
INFORMAZIONI
1998
Century Media Records
Black
Tracklist
1. Oceans Rise
2. Universal
3. The Witching Hour
4. The Black Token
5. Nocturnal Vision
6. Ad Noctum
7. Winter Millenium
8. Fields Of Long Gone Presence/Outro
Line Up
Simen "ICS Vortex" Hestnaes (Voce, Synth)
Oysten G.Brun (Chitarra)
Jens F. Ryland (Chitarra)
Kai K. Lie (Basso)
Grim (Batteria)
 
RECENSIONI
80
58
80
87
82
80
89
90
ARTICOLI
18/03/2014
Live Report
BORKNAGAR + MANEGARM + IN VAIN + EREB ALTOR + SHADE EMPIRE
E20 Underground, Montecchio Maggiore (VI) Traffic Live Club, Roma; 12-13/03/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]