Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/19
JIM PETERIK & WORLD STAGE
Winds Of Change

26/04/19
TANK
Re-Ignition

26/04/19
LEVERAGE
Determinus

26/04/19
TEN
Opera Omnia - The Complete Works

26/04/19
LOST IN KIEV
Persona

26/04/19
NORSEMEN
Bloodlust

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
ARSTIDIR LIFSINS
Saga á tveim tungum I: Vápn ok viðr

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

26/04/19
PARAGON
Controlled Demolition

CONCERTI

24/04/19
EKTOMORF + GUESTS TBA
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

24/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST TBA
TBA - PERUGIA

25/04/19
MARK BOALS + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

26/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/04/19
MARK BOALS + GUESTS
PIKA FUTURE CLUB - VERONA

27/04/19
FRONTIERS ROCK FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

27/04/19
NACHTMAHR + GUESTS TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

27/04/19
MORTADO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

27/04/19
CRADLE OF FILTH + THE SPIRIT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

27/04/19
NECRODEATH
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

Wounds - Light Eater
28/03/2019
( 659 letture )
Primo banco di prova per gli americani Wounds, nati nel 2012 dalle ceneri dei Wounds of Ruin (questi ultimi attivi fin dal 2006). Cinque tracce per questo loro EP di debutto intitolato Light Eater: poche, ma comunque sufficienti a delineare inequivocabilmente il sound della formazione di Chicago. Formalmente, la loro proposta musicale si situa tra le fila del technical death metal pesantemente influenzato da una serie di generi a esso affini e non.

Nel dettaglio, questo breve lavoro presenta fin dalle note d’apertura composizioni dalle sonorità eccessivamente nervose, frammentarie, sincopate sino alla nausea. I cambi di tempo sono davvero troppo numerosi, e finiscono per spezzettare l’ascolto in un’infinità di sezioni di pochi decimi di secondo l’una. La ricetta stanca presto perché composta quasi esclusivamente dagli stessi ingredienti: schegge sonore velocissime ma non così precise e taglienti come ci si aspetterebbe da un album technical; chitarre che propongono riff fin troppo semplici che non riescono a imprimersi a fondo nell’ascoltatore, sfruttando per la maggiore la tecnica del vibrato. Per l’intera durata dell’EP vige quel senso d’attesa di un assolo chitarristico che certo arriva ma sceglie una via eccessivamente melodica, quasi sognante. L’esempio di grandi rappresentanti del genere come Dying Fetus o Nile appare incredibilmente lontano, se non irraggiungibile. Le linee vocali non arrivano nemmeno loro a convincere pienamente, essendo giocate tra un growl mai davvero profondo e gutturale e alcune sezioni di cantato scream troppo acido e corrosivo.

Vi sono però dei momenti nei quali la band riesce ad apparire convincente: laddove il tecnicismo sfocia in un groove più ossigenato ed esteso, emerge un potenziale che sarebbe il caso di sfruttare in vista di registrazioni più complesse e stratificate. La formazione ha ancora molto da lavorare, nella ricerca di un sound maggiormente granitico e in grado di proporre atmosfere più dense e indelebili.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
64.5 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2019
Everlasting Spew Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. Explosion of Interstellar Terror
2. Light Eater
3. Metamorphosis
4. Fractured
5. An Undead Awakening
Line Up
Norman Hale (Voce)
Rick Mora (Chitarra)
Franco Caballero (Basso)
Nate Burgard (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]