Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Myrath
Shehili
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
STORMHAMMER
Seven Seals

24/05/19
FLESHGOD APOCALYPSE
Veleno

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ULVEDHARR
World of Chaos

24/05/19
KULL
Exile

24/05/19
TANITH
In Another Time

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
NOCTURNUS A.D.
Paradox

CONCERTI

20/05/19
DYING AWKWARD ANGEL
ARLECCHINO SHOW BAR - VEDANO OLONA (VA)

21/05/19
BLACK TUSK
EVOL LIVE - ROMA

22/05/19
FIT FOR AN AUTOPSY + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

22/05/19
BLACK TUSK
FREAKOUT - BOLOGNA

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

Bloodlust (COL) - Black Mass
16/05/2019
( 164 letture )
È il 2012 quando il vocalist dei Darkkill, Jhon Barrientos López, decide di imbracciare il basso e fondare i Bloodlust, chiamando a collaborare il chitarrista dei Blasphemer, Julian Rengifo, e il batterista Santiago Lozano. I colombiani, a dispetto di un nome maggiormente evocativo di sonorità death metal, sono ascrivibili a un più classico speed, come già evidenziabile dal loro EP d’esordio Sex, Violence and Blasphemy (2013). Dopo la partecipazione a un paio di split, rispettivamente nel 2013 e nel 2015, è tempo di mettersi a lavoro per scrivere e registrare l’esordio sulla lunga distanza.

Black Mass, uscito per la Iron, Blood and Death Corporation il 30 aprile scorso, si compone di otto tracce, per un totale di quaranta minuti di musica. Introdotto da una copertina fortemente immaginifica, con al centro una suora denudata e divorata da demoniache creature, l’album poggia le sue fondamenta su un satanismo piuttosto stantio e sull’ostentazione di una violenza che non pare in grado di fare male a chicchessia. Se le armi, da un punto di vista lessicale, appaiono piuttosto spuntate, le sonorità espresse risvegliano qualche segnale d’interesse nell’ascoltatore, pur senza essere innovative o memorabili. Il disco si snoda attraverso brani di un minutaggio relativamente ambizioso, passando dal più breve Incantation of Sin, che supera comunque, seppur di poco, i quattro minuti, fino all’estremo opposto rappresentato da The Grave Digger, in coda, con i suoi sei e trenta. Il prodotto risulta omogeneo e, a tratti, anche gradevole, grazie soprattutto alle sfuriate di Rengifo alla chitarra, mancando tuttavia del guizzo giusto. Buona anche la prova di López al microfono, con uno screaming efficace. La doppietta iniziale, costituita dall’omonima Black Mass e da Demonized Wheels rimane, con ogni probabilità, il miglior biglietto da visita per la band.

In conclusione, Black Mass può essere inquadrato come un primo passaggio incoraggiante per i colombiani, ma ampiamente perfettibile, accompagnato dalla speranza che i nostri riescano a correggere il tiro, personalizzando il proprio sound, e a centrare il bersaglio già con il prossimo capitolo.

Buon ascolto e che il metallo sia con voi!



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
64.5 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2019
Iron, Blood and Death Corporation
Thrash
Tracklist
1. Black Mass (The Witches Night)
2. Demonized Wheels
3. Necrovision
4. Lucifer (The Bringer of Night)
5. The Dark
6. Incantation of Sin
7. Black Souls
8. The Grave Digger - Animero
Line Up
Jhon Barrientos López (Voce, Basso)
Julian Rengifo (Chitarra)
Santiago Lozano (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]