Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Cult of Luna
A Dawn to Fear
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/19
JUMPSCARE
Don`t Close Your Eyes

23/09/19
IVORY TOWER
Stronger

27/09/19
FERALIA
Helios Manifesto

27/09/19
MORTEM
Ravnsvart

27/09/19
EXCALION
Emotions

27/09/19
CREEPING DEATH
Wretched Illusions

27/09/19
E-L-R
Mænad

27/09/19
WEDNESDAY 13
Necrophaze

27/09/19
DRAGONFORCE
Extreme Power Metal

27/09/19
VOICE OF RUIN
Acheron

CONCERTI

22/09/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRIAL OF DEAD (ANNULLATO!)
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

22/09/19
WARBELL + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

24/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

25/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
ORION - ROMA

26/09/19
RIVERS OF NIHIL + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
SPAZIO POLIVALENTE - CARAMAGNA PIEMONTE (CN)

26/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

27/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
JOE KOALA - OSIO SOPRA (BG)

27/09/19
SOUL OF STEEL + ROBERTO TIRANTI
BLACKSMITH PUB - CRISPIANO (TA)

Sadus - Elements of Anger
08/06/2019
( 692 letture )
I Sadus sono Steve Digiorgio e Steve Digiorgio è i Sadus.
Letto mille volte, sentito dire altrettante volte, ma io dissento. Dissento perché, al di là delle indubbie e notevolissime doti di Digiorgio, i Sadus sono stati e sono ancora -in uno con i Voivod-, il meglio che il technical thrash potesse generare e questo grazie alle qualità pregiatissime dei suoi componenti, tutti e nessuno escluso. Più cattivi e meno “alienati” dei Voivod, i Sadus hanno avuto una carriera che ha sfiorato la perfezione e di tutto questo, ne va dato atto, non è il solo Digiorgio ad essere stato il fautore. Il suo merito principale è stato quello di aver generato “il mostro” (nel senso latino del termine, qualcosa di eccezionale), ma poi “la creatura” è stata nutrita da tutti i componenti della band; musicisti eccellenti con doti fuori dal comune e con quella determinazione che solo i vincenti hanno.
Quando nel settembre 1997 si aspettava l’uscita di Elements of Anger eravamo tutti in fermento perché ci attendevamo il capolavoro. Erano passati anni da A Vision of Misery (1992) e circolava la voce che da essere un quartetto, i Sadus si erano ridotti a soli tre membri, stante la dipartita del chitarrista Rob Moore. “Speriamo che non si siano ammosciati”, sentivo dire. “Ma no, vedrai che non cadranno nel tranello che è toccato in sorte ai Metallica; con quel nome che hanno, poi, dove vuoi che vadano, a TV Sorrisi e Canzoni?”, qualcuno si rincuorava, blaterando tra sé e sé.
Filò tutto liscio, le aspettative non vennero tradite. Erano sì diventati un trio ma Elements of Anger era il gioiello che aspettavamo. I cinque anni di silenzio erano stati riempiti da un album straordinario.


Il primo assaggio di Elements of Anger fu subito illuminante, era quello che anelavamo: duro, crudo, pieno di variazioni e tecnicamente perfetto. L’ascolto del nuovo lavoro non venne interrotto neppure dalle polpette della nonna. Le si mangiava con i Sadus in cuffia. Un cd magnetico in cui quello che gli Exodus avevano inventato veniva esaltato dalla perfezione della tecnica usata dai loro figli meglio riusciti, i Sadus.
Elements of Anger si apre con il respiro affannato di chi schiuma rabbia, a voler fare da intro alla prima traccia, Aggression. La opener è subito feroce, è immediata dimostrazione delle doti di Digiorgio, che arpeggia sul basso pieno di effetto. Il repertorio è completo: c’è il suono Bay Area, c’è il ritornello da urlare, ci sono i cambi di tempo clamorosi e fulminati. Gli Exodus possono dirsi davvero orgogliosi per esserne stati i padrini. Crutch ha una intro sonnacchiosa, nella quale la voce di Darren Trevis assume toni onirici. Poi la song si impenna lentamente quasi senza che l’ascoltatore se ne accorga. La grandezza dei Sadus è sempre stata la possibilità di generare, in contesti temporali ravvicinatissimi, sensazioni diverse tra loro; sintomo di maestria senza pari. Crutch la puoi ascoltare sine die: è sempre nuova, sempre emozionante. Si prosegue con Words of War, tirata nel perfetto stile thrash classico. Potrebbe essere la sigla di un programma radiofonico dedicato al thrash americano. Voce rabbiosa o in falsetto, Trevis non sbanda mai.
A volte mi domando perché i Sadus non abbiamo avuto la fortuna di altri gruppi, magari di valore anche meno pregiato. Non trovo una risposta se non, forse, in qualche errore che il management potrebbe aver potuto commettere. Saranno state quelle “s” sul moniker troppo “ingombranti” nel ricordare la Germania del periodo hitleriano (ah no, già, gli Slayer hanno fatto di più e peggio, con sorti fortunatissime). Avrebbero meritato maggior gloria, questo è noto a tutti, ma magari a loro sarà andato bene così. Safety in Numbers è un nuovo cambio di registro. La velocità si riduce e viene compensata dalla potenza del suono. La traccia è di cemento armato, è un monumento alla compattezza. L’ascolto prosegue con Mask il cui incipit è un accordo sgraziato che lascia poi spazio ad un nuovo e portentoso attacco, fiancheggiato dal flanger di Digiorgio. Mask è un pezzo strano: a sprazzi pienamente thrashy e fottutamente spaziale, sembra partire, ma non parte mai. Sono sicuro che, al tempo dell’incisione, è stato quello in cui i Sadus si sono divertiti maggiormente. Ognuno dei musicisti ci mette del suo, un pezzo di virtuosismo per ciascuno di loro.
La seguente Fuel riprende i canoni della purezza californiana con tanto di assolo tagliente e drumming inarrestabile. È il pezzo, insieme alla opener, più classico. Power of One è la ode all’headbanging (te ne viene voglia anche se stai mettendo in piatti in lavastoviglie). Quando affermo che i Sadus non sono solo Steve Digiorgio, lo dico confortato anche dall’ascolto di pezzi come questo in cui l’omogeneità della dinamica sonora fa chiaramente intendere che i Sadus sono una macchina da guerra perfetta e complessa; non sono solo un singolo fucile di precisione in mano ad un cecchino. Stronger than Evil è il pezzo più veloce dell’intero album. Tiratissima come altro non c’è, il basso di Digiorgio si atteggia ad essere il fulcro attorno al quale ruota tutto. Fino ad ora Steve si era limitato: il “maestro” qui dà sfogo a tutta la sua creatività, con la complicità dei suoi compari che gli lasciano il palco per una performance senza pari. Il penultimo brano, Unreality, inizia con una sorta di horror-funky; poi entra il basso e ricompatta tutto verso l’horror thrash. Dico “horror” perché tutto resta sempre sospeso, non completo, quasi ad attendere che l’assassino si faccia vivo, seppur con il volto travisato. Dopo Stronger than Evil, anche in Unreality, Digiorgio si ritaglia un posto di onore. Dimostra il suo valore assoluto, cavallo di razza che, oltre a restare invischiato nel sound degli altri, sa quale è il momento per piazzare il colpo ad effetto. La canzone è ritagliata su misura per lui. È un abito sartoriale in cui l’impuntura della giacca scende perfetta sulla sua schiena.
In the End non poteva che essere la chiusura del cd. La voce di Darren Trevis -laddove sussurrata, laddove imperante- è accompagnata dai colpi di martello inferti da Jon Allen. Sembra finita e invece no, pochi secondi di silenzio e poi di nuovo le mani di Trevis corrono, per l’ultima volta, sul manico della chitarra a chiudere un portento di sensazioni difficili da dimenticare.

Ci sono album -pur piacevoli- che ascoltiamo, ma che restano lì, in una parte di memoria/cuore/anima solo per qualche attimo, magari più lungo di un battito di mani. Elements of Anger, lui, no. Il silenzio che ritorna dopo l’ascolto assomiglia ad un vuoto che solo un nuovo ascolto può riempire. Ecco perché, nella vostra discoteca sarebbe criminale l’assenza di Elements of Anger. È il classico album che, di tanto in tanto -secondo me con frequenza inaspettatamente ravvicinata- si va a recuperare per goderlo quasi come se fosse il primo ascolto. Ed ancora ed ancora.



VOTO RECENSORE
91
VOTO LETTORI
93.4 su 5 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Martedì 11 Giugno 2019, 12.53.01
5
Preferisco i primi, comunque sempre grandi Sadus, anche live, velocissimi ,tecnica da paura, grande band
Dead again
Domenica 9 Giugno 2019, 21.10.53
4
Capolavoro!!!! Voto 100.
Hard N' Heavy
Domenica 9 Giugno 2019, 19.28.04
3
per me Elements of Anger è un capolavoro assoluto il mio voto 95/100.
Pacino
Domenica 9 Giugno 2019, 8.10.38
2
Band di classe superiore, 91 per questo che non è il loro migliore album, o il mio preferito diciamo, è un pò tanto, ma 85 ci sta tutto.
Aceshigh
Sabato 8 Giugno 2019, 19.56.04
1
Album che a distanza di qualche anno prosegue il discorso aperto col precedente A Vision of Misery, ovvero meno spazio all’impeto e piu al raziocinio, il che dà modo di mettere oltremodo in luce le capacità tecnico-compositive della band (fuori dal comune, lo si sa). Io che - a gusto personale - amo soprattutto i loro primi due rabbiosi album, sarei stato magari contento di qualche sfuriata in più (e forse qualche minuto in meno), ma davanti a pezzi come Mask, Unreality e la geniale In The End comunque mi inchino. Nel complesso forse mi piace di più il successivo Out for Blood. Voto 83
INFORMAZIONI
1998
Mascot Records
Thrash
Tracklist
1. Aggression
2. Crutch
3. Words of War
4. Safety in Numbers
5. Mask
6. Fuel
7. Power of One
8. Stronger than Evil
9. Unreality
10. In the End
Line Up
Darren Trevis (Voce, Chitarra)
Steve Digiorgio (Basso)
Jon Allen (Batteria)
 
RECENSIONI
83
89
86
ARTICOLI
24/04/2006
Live Report
GORY BLISTER + DARKANE + SADUS
Lo show di Bassano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]