Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Fractal Universe - Rhizomes of Insanity
27/06/2019
( 297 letture )
Secondo lavoro in studio per i transalpini Fractal Universe, a due anni esatti dal precedente Engram Of Decline, pubblicato sotto l’ala protettiva della Kolony Records. In questo paio d’anni i galletti d’oltralpe hanno raggiunto un esponenziale aumento di fama che li ha portati a migrare verso lo storico colosso americano di Brian Slagel e pertanto a firmare un contratto per la Metal Blade Records. I nostri si erano già fatti notare appunto con il debutto, grazie al loro death metal tecnico piuttosto personale, che in questo nuovo album viene riproposto in maniera ancora più elaborata ed espansa, con sonorità cerebrali e oniriche che strizzano a volte l’occhio ai connazionali Gojira e, nei momenti tecnicamente più brutali ed elaborati, agli Obscura (senza tuttavia copiarne pedissequamente gli elementi jazz fusion).

Chiaramente però la musica dei Fractal Universe non si limita a unire le influenze citate poco fa, ma è un insieme di tanti elementi differenti ben congegnati tra loro. I brani, per quanto presentino sporadici blast beat piuttosto sostenuti e serrati, pongono principalmente molta enfasi sui momenti più cadenzati –passatemi il termine– e carichi di groove, dove vengono esplorate soluzioni variegate, in una continua ricerca ossimorica di una dissonante melodia. Il risultato è pertanto curioso e peculiare e lascia spazio a soluzioni insolite, volte a creare sensazioni oniriche. All’ascolto rimane impressa l’alternanza tra intermezzi ricercati che esulano dalle classiche sonorità death metal, contrapposti ad altri in cui la brutalità la fa da padrona, seppur non eccedendo mai con alte velocità d’esecuzione. Come per i colleghi Gojira la varietà è il fulcro di questo disco, anche quando si parla della voce. Le liriche vedono Vince Wilquin alternare un growl piuttosto alto e comprensibile a registri più puliti ma graffianti, dalle linee vocali ricercate e volte a potenziare quell’effetto sognante, ricorrente leitmotiv di tutto il disco.

L’approccio musicale mostrato in Rhizomes of Insanity è audace, a tratti interessante e innovativo, ma anche molto cerebrale e poco immediato. La stratificazione sonora suggerisce un lavoro di cesello marcato e studiato a tavolino, anche se col passare degli ascolti tutt’altro che forzato. Si avverte ovviamente una ricerca verso uno stile personale ancora da definire in toto, ma che comunque fa sì che questo album non sia inficiato dai classici difetti che normalmente affliggono le opere seconde nelle numerose discografie delle band di genere. Per ora, dunque, le premesse prospettano grandi cose. Vedremo se la coerenza e la costanza saranno dalla parte dei Fractal Universe.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
64.5 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2019
Metal Blade Records
Technical Death Metal
Tracklist
1.Oneiric Realisations
2. Flashes Of Potentialities
3. Rising Oblivion
4. A Reality to Foreclose
5. Masterpiece’s Parallelism
6. Parabola of Silence
7. Madness’ Arabesques
8. Architectural Aberrations
9. Fundamental Dividing Principle
10.Chiasmus of the Damned
11. Collective Engram- Unplugged
Line Up
Vince Wilquin (Voce, Chitarra
Hugo Forimond (Chitarra)
Valentin Pelletier (Basso)
Clément Denys (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]