Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/19
OH HIROSHIMA
Oscillation

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
LORDI
Recordead Live - Sextourcism In Z7

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

26/07/19
THY ART IS MURDER
Human Target

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

26/07/19
IAN GILLAN
Contractual Obligation

26/07/19
LACRIMAS PROFUNDERE
Bleeding The Stars

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Stellar Prophecy (reissue)

CONCERTI

23/07/19
PERIGEO
PIAZZA SS. ANNUNZIATA - FIRENZE

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

26/07/19
COVEN + DEMON HEAD + GUESTS
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

26/07/19
SOILWORK
ROCK CLUB - PINARELLA DI CERVIA

26/07/19
WEEDEATER
FREAKOUT - BOLOGNA

27/07/19
MARDUK + GUEST
ROCK AND BOL - BOLOTANA (NU)

27/07/19
OBSCURA DOOM FEST
MU CLUB - PARMA

27/07/19
SOILWORK
LEGEND CLUB - MILANO

27/07/19
WEEDEATER
CRYSTAL MOUNTAIN FEST - MOSO IN PASSIRIA (BZ)

Barbarian - To No God Shall I Kneel
27/06/2019
( 490 letture )
Tre anni dopo Cult of the Empty Grave, i tre Barbari fiorentini escono dalla caverna per sferrare un altro, putrido, attacco. Come un fetido menhir, la musica dei Barbarian non si scosta da un millimetro rispetto alla loro ultima uscita. E come poteva essere altrimenti? La band non è che un’apologia al passato, a quanto di più marcio gli anni Ottanta hanno prodotto. Nel sound dei Barbarian convivono influenze di Celtic Frost, Venom, primi Bathory e Sodom, assieme a Manowar e Running Wild. Un insieme basilare e grezzo all’inverosimile, agile e delicato come un carro armato sovietico, che potremmo definire un proto thrash-black con massicce influenze heavy e speed metal. Per semplificarci la vita, i Barbarian ci suggeriscono loro stessi il proprio genere di appartenenza, nel titolo della prima traccia del qui presente album: Obtuse Metal.

E il primo brano è davvero ottuso. Un obeso attacco frontale, composto da marcissimi riff ultra basilari, da una batteria martellante e dalla voce sgraziata e cavernosa di Borys Crossburm. Si tratta però di un inizio ingannevole, perché in To no God shall I Kneel, i nostri Barbari proseguono quanto iniziato a partire dallo scorso album, che lasciava un notevole spazio alle influenze classicheggianti ed epiche del loro sound. Ecco quindi un riff di puro heavy metal aprire Hope Annihilator, fiancheggiato da potenti cori manowariani, che ritroviamo un po’ dappertutto nella tracklist, assieme a una buona dose di melodia. Non che i tre si siano imboniti, anzi. Il devastante speed metal The Beast is Unleashed ci mostra quanto l’heavy possa picchiare duro, se pompato da una batteria pachidermica, da una distorsione fangosa quasi death metal e da una vociaccia tombale. Sheep shall Obey si assesta su un panciuto mid-tempo, dove il groove abbonda, mentre Birth and Death of Rish’ah trova forse l’equilibrio perfetto tra le diverse componenti del Barbarian-sound. Nei suoi quasi cinque minuti, trovano spazio ignoranti assalti frontali, innodici riff heavy metal, un sostenuto momento strumentale, dove la chitarra osa un bel lead melodico, imitata poi da un basso prepotente. Questo brano mette in evidenza l’ulteriore maturazione tecnico-compositiva della band. Pur risultando volutamente marcio e sgraziato, To no God shall I Kneel contiene dei brani più finemente strutturati rispetto al passato. A un orecchio attento, appare come le varie componenti, i vari strumenti siano incastrati con più perizia, senza per questo dare un’impressione di ricercatezza o sofisticheria. Ne sono ottimo esempio le ultime due, lunghe canzoni. The Old Worship of Pain inizia come un brano cadenzato, che alterna momenti squadrati ad un melodico ed evocativo riff arpeggiato, per poi partire in quarta in una vera e propria cavalcata maideniana – ovviamente dieci volte più pesante. Chiude il cerchio la title-track, un roccioso mid-tempo che si sviluppa in un innodico ritornello, cantano in pulito e attraversato da un basso vorticante.

In definitiva, non possiamo che valutare positivamente il quarto album dei Barbarian. Prima di tutto, i Fiorentini sfornano un album spaccaossa. Un suono, un marciume e un’attitudine no compromise di cui si ha sempre bisogno. La band però evita la trappola dell’ignoranza autocompiacente, apportando i giusti ritocchi e aggiustamenti, andando ad agire sulla struttura, e lasciando intatta la strabordante furia belluina dei brani. Obtuse metal quindi, ma fino a un certo punto.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
71.25 su 4 voti [ VOTA]
Doomale
Venerdì 28 Giugno 2019, 0.46.50
3
😉😉 Prego..\m/
Griso
Venerdì 28 Giugno 2019, 0.22.27
2
Grazie per la segnalazione, è stata una nostra svista!
Doomale
Giovedì 27 Giugno 2019, 23.31.46
1
Onestamente penso che la parola Groove con loro non c'azzecchi nulla. Cmq l'album e' buono come tutti i precedenti...roba grezza di cui a volte si sente davvero il bisogno. Se vi sente la Hells Headbangers...😁
INFORMAZIONI
2019
Hells Headbangers Records
Heavy/Thrash
Tracklist
1. Obtuse Metal
2. Birth and Death of Rish’ah
3. Hope Annihilator
4. Sheep shall Obey
5. The Beast is Unleashed
6. The old Worship of Pain
7. To no God shall I Kneel
Line Up
Borys Crossburn (Voce, Chitarra)
Blackstuff (Basso)
Sledgehammer (Batteria)
 
RECENSIONI
74
78
ARTICOLI
21/02/2015
Live Report
BARBARIAN + BUNKER 66 + CICLOPE
Random Club, Reggio Calabria, 13/02/2015
18/04/2014
Live Report
ONSLAUGHT + DEATH MECHANISM + TORMENT + BARBARIAN + SATANIKA + GUEST
Traffic Club, Roma, 11/04/2014
06/12/2012
Live Report
BUNKER 66 + BARBARIAN + DEMONOMANCY
Closer Club, Roma, 30/11/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]