Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
PRIMAL FEAR
Metal Commando

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Five Finger Death Punch - War is the Answer
27/06/2019
( 687 letture )
Sono passati circa due anni dal debutto intitolato The Way of the Fist che già i Five Finger Death Punch tornano sul mercato con il successore War is the Answer; il buon riscontro dell'esordio rendeva meritevole di attenzione il secondo capitolo della band proveniente da Las Vegas, e soprattutto in America le aspettative erano piuttosto alte. In questa seconda uscita i Five Finger Death Punch (che potremo confidenzialmente anche chiamare 5FDP per comodità) continuano con la loro ricetta: riff efficaci, aggressività contenuta, songwriting di facile presa che non disdegna la melodia, un alternative metal assai moderno che mescola groove e strizza l'occhio al nu e all'hardcore; sì, insomma, un sound "tamarro" direbbe qualcuno.

Quello che però troviamo all'interno dei solchi di War is the Answer è un insieme di brani che centrano l'obbiettivo, molto più del suo predecessore e soprattutto di quanto arriverà in futuro. Ivan Moody dimostra di trovarsi a proprio agio sia nei pezzi dal maggior tiro nei quali si cimenta nel growling, che nel cantato pulito usato per i mid tempo e le ballad. La potenza sonora è assicurata da una sezione ritmica debitamente efficace, il drumming di Spencer viene assecondato perfettamente dai giri di basso di Matt Snell, un muro sonoro potente ed equilibrato al tempo stesso. Troviamo anche qualche buon assolo della new entry Jason Hook qua e là (Far from Home, War is the Answer, Walk Away) in un mare di ritmiche serrate e riff sparati a mille. Ma chi sembra essere cresciuto maggiormente rispetto agli esordi sia a livello tecnico che interpretativo è proprio Moody, capace di una prestazione eclettica e di livello assoluto (My Own Hell ne è un esempio piuttosto chiaro). Canzoni dirette che entrano subito in testa, studiate per essere canticchiate immediatamente dall'ascoltatore, verrebbe da dire volutamente ruffiane, anche se poi arriva una strumentale come Canto 34 capace di risultare tanto spiazzante quanto interessante grazie anche all'eccelso apporto delle chitarre, così come appare riuscita la cover omonima dei Bad Company. Più in generale, si può affermare che l'album centra l'obbiettivo nel suo essere diretto, "facile" e divertente: sia quando si vuole pestare -Bulletproof, Dying Breed, la stessa title track- che quando si alza il piede dall'acceleratore i 5FDP riescono a tirare fuori qualcosa di valido (Far from Home, Walk Away e in parte Hard to See).

Un album immediato e coinvolgente dal flavour tipicamente USA che ha spopolato in patria mentre qui da noi invece le critiche su di loro si sprecavano: il gruppo era -è?- visto come un quintetto di tamarri senza ritegno autori di canzoni radiofoniche e quindi bollati a fuoco come commerciali. Da questo punto di vista non c'è dubbio che l'orecchiabilità del platter e alcune scelte stilistiche prestino il fianco a più di una critica -specie da parte dei puristi- ma se alla fine dell'ascolto ci si ritrova con dei pezzi che hanno assolto al loro compito di puro intrattenimento forse non tutto è da buttare: al di là di accostamenti ingombranti e fuoriluogo, War is the Answer è probabilmente il miglior disco dei Five Finger Death Punch, il più completo, ispirato e maturo. Forse non sarà un masterpiece ma fa il suo sporco lavoro e, specie se paragonato ad alcune uscite successive, ne esce vincitore.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
55 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Spinefarm Records
Groove
Tracklist
1. Dying Breed
2. Hard to See
3. Bulletproof
4. No One Gets Left Behind
5. Crossing Over
6. Burn It Down
7. Far from Home
8. Falling in Hate
9. My Own Hell
10. Walk Away
11. Canto 34
12. Bad Company
13. War is the Answer
Line Up
Ivan Moody (Voce)
Zolthan Bathory (Chitarra)
Jason Hook (Chitarra)
Matt Snell (Basso, Cori)
Jeremy Spencer (Batteria)
 
RECENSIONI
73
77
75
75
79
64
ARTICOLI
28/06/2015
Live Report
JUDAS PRIEST + FIVE FINGER DEATH PUNCH
Summer Arena, Assago (MI), 23/06/2015
28/11/2013
Live Report
AVENGED SEVENFOLD + FIVE FINGER DEATH PUNCH + AVATAR
Mediolanum Forum, Assago (MI), 23/11/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]