Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
OLD MOTHER HELL
Lord of Demise

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
COEXISTENCE
Collateral Dimension

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Antimatter - Planetary Confinement
29/06/2019
( 861 letture )
“The saddest album of the year”

Questa era la dicitura che, nell’ormai lontano 2005, campeggiava sul bollino promozionale sovrastante l’artwork del terzo lavoro firmato Antimatter. E lo sfondo lattiginoso in sfumature di grigio, attraversato da filari di filo spinato, sembra non tradire certo le aspettative. Ultimo disco avvalentesi della partecipazione di Duncan Patterson, il lavoro è idealmente diviso in due sezioni, curate da ciascuno dei membri del duo e registrate in due studi e nazioni differenti: se la sezione ad opera di Moss sgorga dalla terra di Albione, quella di Duncan viene realizzata in Irlanda, con la collaborazione della vocalist Amélie Fiesta ed il prezioso ausilio di Stephen Huges. Ciò non mina tuttavia l’omogeneità della produzione: le composizioni ad opera dell’uno e dell’altro sono alternate, senza soluzione di continuità. Tali presupposti inaugurano uno sfumare della proposta, sinora sospesa tra elettronica e goth in un lirismo etereo genuinamente unplugged. A dischiudere la via Dolorosa che ci accingiamo a percorrere, è lo struggente fraseggio pianistico che dà corpo alla breve titletrack, immediatamente seguita da The Weight of the World, il cui testo drammatico, enfatizzato dal cantato sofferto di Moss, è esaltato dalle lievi linee di chitarra acustiche dominanti la partitura:

”I'm drowning in a thousand faces
Alien expressions over and over again
I'm trying to scream, but I can't exhale
The world seems to spin as I'm left on this square
With no will to hold on
Am I the only one crushed by the weight of the world?


Segue Line of Fire, in cui un arpeggio melanconico fa da sfondo alla prova vocale della Fiesta, capace di sfoggiare un tono delicato e sensuale, quasi una goccia di speranza nell’oceano di malinconia in cui i nostri navigano a vista. Corrivi lineamenti di tastiere ed accenni di percussioni arricchiscono di diafani arabeschi. Ad increspare il tessuto di Epitaph sono invece gli archi, ad incorniciare quello che sembrerebbe essere un testamento ed una memoria, alla stregua delle lapidi di Spoon River, descritte da Edgar Lee Masters:

“Paint me a room where I can dream
Dream of a world that I used to see
Paint me a window, soft and defined
And flood yellow light
Through the open blinds
It's somewhere, hidden from view
A portrait, an epitaph...”


Mr White, brano più orecchiabile del lotto, combina efficacemente il mood darkeggiante del lavoro con accenni di melodiosità quasi radiofonica, facendo da vera e propria cesura rispetto alla seconda metà della tracklist. In essa troviamo episodi che esulano sensibilmente dall’approccio adoperato precedentemente: il mood si fa meno teso e maggiormente aperto a tonalità emotive positive, dalla verve quasi autunnale; e se in Relapse ciò è dovuto ancora una volta alla presenza di Amélie Fiesta, Eternity, Pt. 24 -brano più esteso del lavoro- beneficia di una lunga sezione affidata alle tastiere e ad un brevissimo spoken word.

Difficile dire di più di un disco che vive soprattutto di sensazioni e beneficia di un attento ascolto individuale, al silenzio di un quieto pomeriggio estivo. Sebbene a primo impatto le tracce possano sembrare riproporre la medesima struttura quasi circolarmente, è sufficiente lasciar decantare le composizioni per apprezzarne il sotteso prezioso lavoro di cesello e le molteplici sfumature qui racchiuse. Il tutto si accompagna ad una produzione cristallina e netta, in grado di far risaltare appieno tutte le componenti del sound dei nostri. Patterson non poteva, in ultima analisi, accomiatarsi in maniera migliore dai suoi fan, regalando loro uno dei più valevoli full-length degli Antimatter, nonché un unicum nella loro carriera. Da avere.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
97 su 9 voti [ VOTA]
gamba.
Venerdì 5 Luglio 2019, 17.04.50
7
grazie mille per la recensione, avrei speso due parole su legions, invece non sapevo che le composizioni fossero alternate, anche se in realtà risulta piuttosto intuibile, personalmente preferisco tutte quelle di moss, mentre tra quelle di patterson su tutte eternity part 24 (sul sito ufficiale è segnata come eternity part 23, una svista? su cd c'è comunque scritto 24). mi piacerebbe un giorno poter leggere anche la recensione di leaving eden!
Mr. White
Lunedì 1 Luglio 2019, 10.44.46
6
Mr. White è una cover dei Trouble comunque!
P2K!
Lunedì 1 Luglio 2019, 8.45.11
5
Disco MOLTO bello anche se strano. Si sente che è diviso a metà tra una parte scritta e realizzata da Mick Moss e l'altra da Duncan Patterson, con i brani di Moss che si muovono verso un cantautorato acustico molto soft e la parte di Patterson che invece viaggia su lidi più "sperimentali". Entrambe però pervase da un aurea malinconica e oscura. A mio avviso i brani di Mick Moss sono molto più convincenti, mentre Pattersone tende un pochino a girarsi verso lidi già battuti in precedenza.
Awake
Sabato 29 Giugno 2019, 19.54.28
4
Lights out il loro capolavoro... Bello anche questo cmq...
nonchalance
Sabato 29 Giugno 2019, 19.49.19
3
Compagno di infiniti pomeriggi. Uno di quei tanti dischi che ora faticherebbero solo ad essere realizzati..
Entropy
Sabato 29 Giugno 2019, 19.31.19
2
Le canzoni con cantato maschile sono dei veri capolavori. Però si alternano con i pezzi con voce femminile che secondo me abbassano il livello.
Rob Fleming
Sabato 29 Giugno 2019, 17.29.22
1
Gruppo dalla qualità media elevatissima. E il "gruppo" anche in questo cd mostra tutta la sua classe. Malinconici e riflessivi, ma mai depressivi. E non è poco. 83
INFORMAZIONI
2005
Prophecy
Gothic
Tracklist
1. Planetary Confinement
2. The Weight of the World
3. Line of Fire
4. Epitaph
5. Mr. White
6. A Portrait of the Young Man As an Artist
7. Relapse
8. Legions
9. Eternity Part 24
Line Up
Mick Moss (Voce, Chitarra)
Duncan Patterson (Chitarra, Basso, Batteria, Tastiera, Piano)

Musicisti Ospiti:
Amélie Fiesta (Voce)
Barry White (Chitarra)
Stephen Hughes (Basso)
Micheàl o Croinìn (Batteria)
Chris Phillips (Batteria)
Rachel Brewster (Violino)
Mehdi Messouci (Tastiera)
Alex Mazarguil (Djembe)
 
RECENSIONI
80
76
79
85
77
ARTICOLI
12/03/2017
Live Report
ANTIMATTER + VIOLET BLEND
No Cage, Prato, 08/03/2017
29/10/2013
Live Report
SWALLOW THE SUN + ANTIMATTER + THE FORESHADOWING + TETHRA
Rock'n Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 26/10/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]