Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Darkthrone
Old Star
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/19
OH HIROSHIMA
Oscillation

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
LORDI
Recordead Live - Sextourcism In Z7

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

26/07/19
THY ART IS MURDER
Human Target

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

26/07/19
IAN GILLAN
Contractual Obligation

26/07/19
LACRIMAS PROFUNDERE
Bleeding The Stars

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Stellar Prophecy (reissue)

CONCERTI

23/07/19
PERIGEO
PIAZZA SS. ANNUNZIATA - FIRENZE

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

26/07/19
COVEN + DEMON HEAD + GUESTS
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

26/07/19
SOILWORK
ROCK CLUB - PINARELLA DI CERVIA

26/07/19
WEEDEATER
FREAKOUT - BOLOGNA

27/07/19
MARDUK + GUEST
ROCK AND BOL - BOLOTANA (NU)

27/07/19
OBSCURA DOOM FEST
MU CLUB - PARMA

27/07/19
SOILWORK
LEGEND CLUB - MILANO

27/07/19
WEEDEATER
CRYSTAL MOUNTAIN FEST - MOSO IN PASSIRIA (BZ)

Enthroned - Cold Black Suns
06/07/2019
( 719 letture )
A distanza di cinque anni dall’ultimo Sovereigns, gli Enthroned fanno ritorno sulla scena con Cold Black Suns. Ascesi alla cronaca (nera, manco a dirlo) per il suicidio del fondatore della band -il batterista Cernunnos, all’anagrafe Dan Vandenplas-, gli Enthroned hanno avuto vicissitudini travagliate. Ufficialmente non si sono mai sciolti, rimanendo in circolazione dal 1993. Tuttavia, al di là del dato ufficiale, i cambi di formazione hanno contraddistinto in modo serio le vicende della band belga.
Gli Enthroned sono stati continuamente alla ricerca di nuovi membri per sopperire alle carenze di chi, nel bel mezzo di quella che sembrava una bella storia da scrivere, ha preferito fare altro piuttosto che restare un componente della band. Sintomatico è il caso della storica voce Sabathan che, lasciato il gruppo, si è dedicato ad un progetto solista che però on stage continua a riproporre i pezzi storici degli Enthroned. Proprio il divorzio con Sabathan fu all’epoca un durissimo colpo: l’ex singer è stato sì sostituito, ma mai definitivamente dimenticato.
I cambi di lineup hanno perciò determinato le variazioni musicali: gli Enthroned hanno proposto black seminale (quello degli esordi), black con intrusioni thrash, black atmosferico e via seguitando. Un sound definitivo e distintivo non lo hanno mai avuto. Per il piacere di sperimentare, forse. Non è facile dirlo, ma certamente quando ogni anno cambi il chitarrista e poi anche il bassista, è normale che tutto venga rimescolato con il rischio di lasciare interdetto il pubblico che nel frattempo ti si è affezionato.

Anche Cold Black Suns non difetta rispetto a quanto detto: black metal sì, ma con aperture diversissime. Il grande limite di un lavoro parzialmente interessante è il continuo richiamo alle sonorità che hanno reso celebri i Behemoth. Il riferimento non è solo alla voce di Nornagest, ma all’intero apparato sonoro, comprese alcune partiture di chitarra. Ci sta che i polacchi abbiano cambiato (ed influenzato per almeno un decennio) il black metal europeo, ma gli Enthroned sembrano fargli il verso in modo eccessivamente smodato (provate a sentire la intro Ophiusa o Onerios o ancora la parte centrale di Vapula Omega). Una bella virata la recuperano con Hosanna Satana, pezzo violento e diretto come i migliori Bathory sapevano fare.
Parlando di cose belle a sentirsi, su tutte si staglia Silent Redemption, il pezzo migliore (non per niente uscito in anteprima come singolo) il cui mix tra blastbeat ed atmosfera nera lo fa ergere al di sopra della media. Sia chiaro, siamo piuttosto lontani da quello che ci avevano regalato in Towards the Skullthrone of Satan (1997), ma con Silent Redemption il livello di gradimento sale di un bel po’. Una bolgia blasfema ci attende con l’ascolto di Aghoria, più salmodiata che cantata. Da evitare per chi non ama i mantra, specialmente i mantra neri. Si prosegue con Beyond Humane Greed, pezzo in cui emergono idee niente male, tanto da far ricordare qualcosa dei Voivod più cattivi. Smoking Mirror è ultraveloce ma resta sempre lì, da dove è partita. Manca un po’ di sprint con il sound che si impantana in qualcosa che se non è industrial/techno poco ci manca. A chiudere c’è Son of Man. La voce di Nornagest racconta, racconta, racconta. Poi arriva l’arpeggio della chitarra sul tappeto sonoro creato dalle tastiere. Tutto abbastanza scontato, come la doppia cassa di Menthor che chiude l’ennesimo inno a Satana.

Un lavoro, questo Cold Black Sun, con alcune cose buone e con altre non proprio scevre dall’essere banali. Peccato, perché ci saremmo aspettati qualcosa di meglio da chi, come loro, è da venticinque anni sulla scena. Gli Enthroned avrebbero potuto essere una band di culto, ma ciò non è accaduto. Sospettiamo che sarà difficile possa accadere.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
39.4 su 5 voti [ VOTA]
Area
Venerdì 12 Luglio 2019, 15.55.23
4
Quando Sabathan mollò la band il black metal mi piaceva ancora... oggi come allora penso che un gruppo senza nemmeno un componente storico non ha alcun senso.
MetalHead
Domenica 7 Luglio 2019, 9.00.44
3
Condivido la rece di Maxmad... disco con pezzi banali. Effettivamente ormai sono band abbastanza media.
Alfonso martino
Sabato 6 Luglio 2019, 21.33.13
2
Mi aspettavo qualcosa di piu brutale...devo ascoltarlo meglio Condivido la rece di Maxmad
lisablack
Sabato 6 Luglio 2019, 18.18.53
1
Per me ottimo disco, sono contenta ..be' certo lontano decenni dalle " gemme nere" degli anni 90, quelle sono sacre😀..comunque disco che mi ha coinvolto tanto, ultimamente ha girato nel lettore CD spesso..buon segno👍, per me 75
INFORMAZIONI
2019
Season of Mist
Black
Tracklist
1. Ophiusa
2. Hosanna Satana
3. Oneiros
4. Vapula Omega
5. Silent Redemption
6. Aghoria
7. Beyond Human Greed
8. Smoking Mirror
9. Son of Mad
Line Up
Nornagest (Voce)
Shagal (Chitarra)
Neraath (Chitarra, Tastiere)
Norgaath (Basso)
Menthor (Batteria)
 
RECENSIONI
66
65
60
ARTICOLI
22/10/2017
Live Report
BELPHEGOR + ENTHRONED + HATE + NERVOCHAOS
Circolo Colony, Brescia, 19/10/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]