Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Between The Buried And Me - Colors
( 7757 letture )
Accade molto raramente di ascoltare band capaci di proporre del metal che "sappia veramente di nuovo". In un anno di uscite, i dischi che vantano una marcata "patente di originalità" possono rischiare di essere pochissimi, e quasi mai superano il numero che può essere contato con le dita di una mano. Fatta questa premessa è anche giusto sottolineare l'esistenza di band, che, seppur non proponendo qualcosa di inimitabile o "mai ascoltato prima", mostrino la capacità di assemblare vari elementi in modo parzialmente (o magari completamente) inedito, in modo da risultare assolutamente interessanti e godibili, anche per orecchie abituate a sentire molti tipi di metallo da anni. E' probabilmente questa la ragione per cui si sente a volte parlare -non tanto a sproposito, quanto magari in modo impreciso- di originalità (o apertamente di genialità) per band che, più precisamente, si limitano a proporre una loro personale ricetta -spesso godibilissima e di alto livello- in cui assemblare elementi pre-esistenti. E' certamente questo il caso di realtà sulla cresta dell'onda in America quali Mastodon, Ion Dissonance, Despised Icon, SYL (presi in generi più "random" possibile) o in Europa come Opeth, Gojira e chi più ne ha più ne metta. Il "caso" dei Between The Buried And Me è in questo senso abbastanza esemplare, trattandosi di una band che nel corso degli ultimi anni ha esplorato differenti approcci alla propria musica con ottima costanza, incontrando un grosso riscontro soprattutto sul mercato americano. Ne è passata di acqua sotto i ponti dai tempi di The Silent Circus, ma i BTBAM si sono riusciti a ripetere su livelli certamente accettabili con il recente Alaska, che vantava un "tris" di brani davvero di ottima fattura, e non aveva certamente tradito le aspettative della Victory in fatto di vendite. Questo ulteriore nuovo lavoro si intitola Colors e propone una marcatissima continuità in fatto di produzione (pur non mancando delle migliorie, si riconosce la chiara impostazione della produzione di Alaska), accanto a delle forti differenze in termini di struttura generale, palesate da una tracklist dai minutaggi quanto meno anomali. Non è un segnale da poco la presenza di soli tre pezzi sotto i sei minuti (su un totale di 8!). In questo la scaletta avvalorerà (solo debolmente) la definizione dei pochi che si ostinano ad utilizzare l'etichetta di metal progressive per questo tipo di band, dato che la presenza di arrangiamenti particolarmente estesi e delle tastiere (suonate come sempre dal vocalist Tommy Rogers) restano l'unico labile legame tra la complessa e spesso monolitica architettura delle composizioni di questo quintetto, e le cosiddette band metal progressive di metà anni '90. Nel complesso va purtroppo ravvisato come la band non sia riuscita a mostrare ulteriori passi avanti in termini di proposta musicale. I BTBAM restano fondamentalmente una band death metal, con alcuni assoli spiccatamente "melodic technical death metal" (si palesa l'assurdità di nuove definizioni che ormai spuntano come funghi) e delle parti elettroniche ed acustiche che sembrano quasi sempre assecondare i gusti personali di alcuni dei loro membri, in particolare i chitarristi ma non solo, in modo da garantire una certa profondità alla proposta. Il disco sembra stentare a decollare nei primi brani (con qualche scelta francamente un po' deboluccia) e, paradossalmente, comincia a crescere in modo sensibile e poi in modo addirittura imponente con il passare dei minuti. Il platter raggiunge il suo meglio con gli ultimi tre pezzi: Prequel To The Sequel, Viridian e White Walls (un mezzo capolavoro di canzone, che ci ha quasi stupito in confronto al resto del lavoro; brano fortunatamente solo sfiorato dalla leggera leziosità di parte del solismo, comunque in modo tutt'altro che irrimediabile). Se tutto il lavoro si attestasse sui livelli di White Walls potremmo parlare di miglior disco dei Between The Buried And Me senza troppe remore, purtroppo non è così, ma la presenza di alcune vere gemme e di momenti davvero significativi rende comunque questo Colors un buon disco, realizzato da una band che sa spingersi spesso al di sopra della media del "metal circostante".


VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
77.41 su 92 voti [ VOTA]
naoto
Giovedì 2 Febbraio 2017, 21.50.00
18
Personalmente non riesco a metabolizzarli, nonostante i ripetuti ascolti. In perfetto accordo con il recensore, la loro proposta è solo "imbellettata" di progressive. Io parlerei, più che altro, di una leziosa e, in taluni tratti, estremamente forzata tendenza allo spaghetti-riffing. In sostanza, creare un brano di 8 e più minuti con 20 e più temi melodici non implica alcun tipo di progressione o sviluppo, ma solo un "agitato non mescolato" di estrazioni musicali differenti. Il progressive è, a mio avviso, principalmente un'attitudine "esplorativa" di un'idea, che sia una linea melodica (riff, come nei Dream Theatero negli Opeth) o un groove (come nei Tool, ad esempio). Questi qui paiono più che altro degli accumulatori seriali di influenze. I loro pezzi sono volutamente indecifrabili e difficili da apprezzare proprio per la ostentata complessità strumentale. Non c'è alcun percorso, alcuno sviluppo. Apprezzabili musicisti e abili esecutori, ma, a mio avviso, pessimi arrangiatori. L'album in questione vive i suoi momenti migliori nell'ultima traccia. 60
Kraven
Sabato 5 Marzo 2016, 20.19.43
17
Andiamo ragazzi.... Questo è UN CAPOLAVORO a livelli di Bath dei maudlin of the Well. Almeno 90.
Macca
Venerdì 28 Novembre 2014, 13.38.41
16
Che band. Che album. 90
supercollider
Venerdì 4 Aprile 2014, 17.44.24
15
Capolavoro d'altri tempi
Cerio
Lunedì 6 Gennaio 2014, 19.45.58
14
Ma stiamo scherzando???? Quest'album è perfetto!!!! 95 come minimo!!!! Se non vi piace il genere, non recensitelo voi, ma fatelo fare a qualcun'altro!!!!
Kebab o Kebap?
Venerdì 8 Novembre 2013, 20.06.14
13
boh sta recensione fa acqua da tutte le parti ok che i gusti sono gusti e che l’imparzialità totale non esiste, ma oggettivamente questo album superlativo 90
Una volta era tutta campagna
Martedì 10 Settembre 2013, 17.03.47
12
75? Stiamo scherzando? Minimo 90.
Resurrection
Giovedì 4 Aprile 2013, 17.41.28
11
Disco fantastico, anche se io personalmente preferisco il successivo The Great Misdrect, da parte di una delle band, o forse la più importante, nel metal moderno.
progforlife
Sabato 16 Giugno 2012, 11.38.22
10
Il miglior album che io abbia mai ascoltato, punto.
btbam
Venerdì 15 Luglio 2011, 11.41.56
9
ora che ci penso....75.....almeno 95!
pedrrrrrr
Domenica 10 Luglio 2011, 0.07.08
8
non paragonabile agli altri album dei BTBAM... ma in quanto troppo sopra, sconfinatamente superiore e più originale... un punto davvero alto e e difficile da eguagliare, c'è poco altro da dire....
btbam
Venerdì 4 Marzo 2011, 17.41.57
7
BEST ALBUM EVER.
Druid
Mercoledì 5 Gennaio 2011, 16.27.14
6
Colors è sublime. Il miglior BTBAM, punto.
dany
Lunedì 27 Aprile 2009, 0.56.27
5
disco veramente stupendo riescono a essere molto vari e mai banali; in alcuni passaggi sn un pò troppo simili agli opeth.
Simone
Giovedì 3 Luglio 2008, 16.37.02
4
Li ho visti due giorni fa a Bolzano aprire per Meshuggah e Dillinger. Mi hanno davvero colpito, davvero bravissimi, il cantante ha una voce davvero perfetta e curatissima, con note tenute in maniera impeccabile sia nel pulito che nello 'scream'.
Paulisonfire
Domenica 22 Giugno 2008, 15.20.30
3
grande disco, grande band, grande percorso artistico dal debutto...e dopo tanti anni che si fanno aspettare finalmente sbarcano in Italia...BTBAM, i'll be there...
Tujonedeliriium
Giovedì 27 Settembre 2007, 21.07.21
2
"Colors" è un disco fuori dal comune... Aldilà dell'assoluto valore tecnico, lo sviluppo dei pezzi richiede un ascolto attento e aperto, ed una volta raggiunto il "feeling" con questo capolavoro non se ne poù più fare a meno... Superbo
Francesco Gallina
Mercoledì 19 Settembre 2007, 8.49.04
1
Ascolterò.
INFORMAZIONI
2007
Victory
Inclassificabile
Tracklist
01 - Foam Born: The Backtrack
02 - Foam Born: The Decade Of Statues
03 - Informal Gluttony
04 - Sun Of Nothing
05 - Ants Of The Sky
06 - Prequel To The Sequel
07 - Viridian
08 - White Walls
Line Up
Tommy Rogers - vocals/keys
Paul Waggoner - guitar
Dan Briggs - bass
Dustie Waring - guitar
Blake Richardson - drums
 
RECENSIONI
90
80
85
75
90
80
75
ARTICOLI
19/07/2015
Intervista
BETWEEN THE BURIED AND ME
Viaggi nel tempo.
06/03/2010
Live Report
LAMB OF GOD + JOB FOR A COWBOY + AUGUST BURNS RED + BETWEEN THE BURIED AND ME
Alpheus, Roma, 24/02/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]