Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Nektar - A Tab in the Ocean
13/07/2019
( 350 letture )
I Nektar sono senza dubbio considerabili la band progressive inglese più "germanica". Formatisi ad Amburgo sul finire degli anni '60 per volontà di quattro musicisti trapiantati in Germania, nel 1971 danno alle stampe il primo album Journey to the Center of the Eye, miscela di influenze che spaziano dai Cream a quel flavour psichedelico di gruppi come Procol Harum e Moody Blues. L'anno successivo esce l'album della consacrazione, ovvero il qui presente A Tab in the Ocean, album di notevole caratura nell'ambito di quel prog psichedelico di cui i Pink Floyd sono diventati i maggiori esponenti nel corso del tempo. Per quanto riguarda il rapporto con la musica dura, invece, i Nektar figurano tra le influenze di uno dei gruppi riconosciuti tra i maggiori esponenti dell'heavy metal propriamente detto, ovvero gli Iron Maiden, che sul lato B del singolo di Aces High (1984) pubblicano la cover di King of Twilight, quarto ed ultimo brano di A Tab In The Ocean, parzialmente mixato con Crying In The Dark.

Quello che però rende davvero interessante questo album è la title-track, posta come primo lungo brano di apertura. Un sinistro rumore e dei sintetizzatori in primissimo piano aprono A Tab in the Ocean, le cui sonorità pescano a piene mani dal kraut rock di Tangerine Dream, Amon Duul II e compagnia, ma strizzano anche l'occhio al prog sinfonico di Yes ed ELP, in particolare per i tappeti di tastiere e mellotron, gettando in un certo senso le basi per quanto faranno i Camel su Moonmadness qualche anno dopo. Nel giro di pochi minuti la sinfonia iniziale viene bruscamente spezzata da un ritmo quasi tribale, per arrivare alla strofa sulla quale si staglia la voce di Roye Albrighton modulata elettronicamente, ma nel corso dei sedici minuti della traccia il cambiamento di atmosfere è spesso repentino, senza per questo risultare fuori luogo. Un gran gusto per la melodia e per gli inserti rock/blueseggianti accompagna l'ascoltatore in questo viaggio, per così dire, oceanico, da cui lasciarsi trasportare senza remore. La ripresa della melodia iniziale ci comunica purtroppo che il viaggio sta per finire, ed è il momento di addentrarsi nella seconda traccia, Desolation Valley/Waves. Con un'introduzione che ricorda molto da vicino Child In Time dei Deep Purple, sormontata da un bell'assolo in clean poi affiancato da un'interessante linea di basso, il ponte tra l'hard di fine anni settanta e il prog è magnificamente interpretato. Due riff riverberati si intersecano all'inizio di Crying in the Dark, up tempo improntato sul dinamismo della sezione ritmica e su un notevole intermezzo di "twin guitars" verso il finale, in un brano che farà la felicità sia degli appassionati di hard rock che di quelli dei Maiden. Crying in the Dark sfocia senza interruzioni nella già citata King of Twilight, cupa traccia caratterizzata dal basso pulsante, da un bel ritornello e da una sezione strumentale molto ispirata ma distante dal prog patinato e condita con un pizzico di quell'attitudine stradaiola che sarà tanto cara alla NWOBHM.

A Tab in the Ocean è sicuramente passato in sordina rispetto ad altri dischi ben più blasonati usciti in quegli anni, quali ad esempio Close to the Edge, Foxtrot o Doremi Fasol Latido, ma sottovalutare la sua importanza storica sarebbe errato, e ascoltandolo e valutandolo a posteriori è possibile cogliere l'impatto che ha avuto in primis sulla musica progressive, ma anche sull'heavy metal.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
duke
Martedì 16 Luglio 2019, 22.10.08
2
......non certamente un nome tra i piu' importanti....ma un buon gruppo di seconda fascia.....che ha lasciato bei dischi....
Doomale
Domenica 14 Luglio 2019, 12.58.55
1
Non li conoscevo, dovrò ascoltarlo.
INFORMAZIONI
1972
Bacillus
Prog Rock
Tracklist
1. A Tab in the Ocean
2. Desolation Valley / Waves
3. Crying in the Dark
4. King of Twilight
Line Up
Roye Albrighton (Voce, Chitarra)
Alan "Taff" Freeman (Tastiera, Mellotron, Voce)
Derek "Mo" Moore (Basso, Voce)
Ron Howden (Batteria, Percussioni, Voce)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]