Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SABATON
The Great War

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
OH HIROSHIMA
Oscillation

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

Nunslaughter - Hells Unholy Fire
13/07/2019
( 284 letture )
Quella dei Nunslaughter è una carriera da puristi dell'underground estremo: si formano sul finire degli anni ottanta (con il monicker Death Sentence), pubblicano (e continuano a farlo) una sfilza di demo, EP, split. Così come, nonostante la presenza fissa del fondatore Don of the Dead, i membri siano sempre cambiati ed abbiano tutti collaborazioni con svariati gruppi. Tra tutti i membri che sono passati è giusto ricordare il batterista Jim Sadist, purtroppo scomparso nel 2015. Dopo una serie di uscite “minori”, insomma, il debutto arriva soltanto nel 2000 con il nome di Hells Unholy Fire, edito dalla Revenge Productions, etichetta che in quel periodo vedeva tra le sue file gente come Dying Fetus, Exhumed e, tra gli altri, un nome che i più fanatici dell'underground conosceranno: i giapponesi Jenovavirus.

Tra le fine degli anni novanta e il duemila, il death metal ha vissuto un grande periodo di rinnovamento con uscite fenomenali e importanti, ma quanto di tutto ciò ha influito su Don e compagnia? Nulla. Hells Unholy Sacrifice ci presenta un gruppo fedele alle proprie origini, che non sembra minimamente intenzionato ad ammodernarsi o esplorare un death vagamente più moderno. Niente di tutto ciò, solo puro e sporco death metal. Con una copertina che rende chiare le intenzioni del gruppo, il disco è un concentrato di death metal e blasfemia che più “dritto” non si può; diciotto canzoni dalla durata media di circa un minuto e mezzo per trenta minuti totali. Niente strutture elaborate, niente virtuosismi (non ci sono neanche assoli), solo death metal incentrato su riff semplici, qualche rallentamento, batteria che pesta di continuo ed una voce, quella di Don, non propriamente definibile come growl. Ed è un'ottima scelta in fin dei conti, perché è perfettamente in linea con il contesto sonoro. Non c'è da aspettarsi una produzione perfetta, o quanto meno in linea con quelle del periodo, scordatevelo; lo stile underground e che potremmo definire anche “strafottente” del gruppo è in ogni singolo aspetto del lavoro. Viene però difficile parlare dei singoli pezzi, sia perché piuttosto brevi sia perché si ha a che fare con trenta minuti che vanno presi tutto di colpo per poi far ripartire il tutto una seconda volta. E il bello è che ognuno avrà la sua cinquina preferita. Tutti questi elementi vanno a caratterizzare un disco che sì, non avrà segnato la storia del genere, ma ha sicuramente il suo perché ed un senso ben preciso: la fissa del membro fondatore del gruppo e dei musicisti che lo hanno accompagnati in trent'anni di carriera è sempre stata quella di fare musica divertendosi, fregandosene di tutto, provocando come si faceva un tempo e stando lontano dalle questioni più economiche. Basti pensare al fatto che inizialmente, Hells Unholy Fire non sarebbe nemmeno dovuto uscire, così come gli altri full length, ma fu il batterista Jim Sadist ad insistere e convincere il leader.

Hells Unholy Fire è un disco dannatamente divertente da ascoltare e che nasce con propositi ben chiari. Non serve necessariamente fare la storia del genere per essere ricordati o apprezzati, e chi ascolta musica estrema lo sa benissimo, altrimenti non saremmo qui a parlare di gruppi (spesso) misconosciuti che han registrato vere e proprie chicche, proprio come il disco in questione.

What has been the highest point of your career so far? And what’s your ambition as a musician at this point of time?

Don of the Dead: A few of the high points were getting to share the stage with Venom. Playing Tokyo Japan and getting to fuck my first groupie. All are highlights.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
91 su 2 voti [ VOTA]
Pacino
Lunedì 15 Luglio 2019, 8.38.35
1
Fantastico debutto, ignoranza pura. Voto 84
INFORMAZIONI
2000
Revenge Productions
Death
Tracklist
1. I Am Death
2. Death by the Dead
3. Cataclysm
4. The Dead Plague
5. Hells Unholy Fire
6. Killed by the Cross
7. Burning Away
8. Nunslaughter
9. Burn in Hell
10. Blasphemy
11. Seas of Blood
12. Inverted Churches
13. Blood for Blood
14. Impale the Soul...
15. Altar of the Dead
16. Buried Alive
17. Perversion of Gore
18. Satanic
Line Up
Don of the Dead (Voce)
Blood (Chitarra)
Jim Sadist (Batteria)

Musicisti ospiti:
Brian Sekula (Basso)
 
RECENSIONI
60
80
ARTICOLI
19/06/2019
Live Report
NUNSLAUGHTER
Arci Mu, Parma (PR), 13/06/2019
12/08/2014
Intervista
NUNSLAUGHTER
Devil Metal Since 1987
23/07/2014
Live Report
NUNSLAUGHTER + DEMONICAL + WARFECT
Circolo Colony, Brescia, 15/07/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]