Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Formazione
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

Envenomed - The Walking Shred
28/07/2019
( 457 letture )
Band ancora piuttosto giovane quella degli australiani Envenomed, ma già piuttosto quotata nel giro del thrash internazionale. Partita come realtà di genere connotata però da elementi heavy molto evidenti, si è imposta all’attenzione con Evil Unseen, per poi cedere un po’ il passo col successivo EP Reckoning, più connotato del solito da elementi heavy e meno dallo speed-thrash che li aveva segnalati in prima battuta.

Passati alla El Puerto Records/Soulfood e chiamato in veste di ospite il batterista Dan Presland dei Ne Obliviscaris, i quattro tornano sulla scena riproponendo la formula usata con l’EP prima citato. Grande spazio, quindi, ad inserti classici che però portano talvolta a banalizzare la proposta e ad un thrash ben fatto, per quanto del tutto copia conforme a quello sviluppato agli albori della nascita dello stile. I quattro aussies lavorano bene e le loro composizioni scorrono via sicure, ma i richiami anche vocali allo stile dei primi Metallica è spessissimo evidente, mentre tra le parti classiche e quelle thrash sono le seconde a risultare ben più riuscite. Specialmente quelle più tirate o comunque rocciose. In particolare con Rebellion; The Haunting, All That Remains e Sacrifice, mentre complessivamente più "di confine" risultano Abandone Hope, The Dead e Aware, dimostrando anche come la scaletta sia stata concepita per cercare un crescendo. Sufficientemente piacevoli, ma non di più, la ballata Fate Closes the Door e la cover di Are You Gonna Go My Way di Lenny Kravitz. Decisamente ruffiane, infine, Through the Cold e l’inno Metal United, specialmente la prima.

Tirando le somme abbiamo a che fare con un album fresco, godibile, ben suonato, sincero, ma che non sposta una virgola sulla scena internazionale. Tante soluzioni standard, qualche guizzo di tanto in tanto – più per la convinzione col quale viene proposto, che per meriti intrinseci dal punto di vista della scrittura – un paio di malizie da consumati navigatori del Mar Metallico e tanti richiami al lavoro altrui di cui quello ai Metallica è solo il principale. Non certo un brutto album, ma da gente dotata e chiamata ad imporsi dopo dieci anni di presenza sul mercato discografico era lecito attendersi di più.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
30 su 3 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2019
El Puerto Records
Thrash
Tracklist
1. The Walking Shred
2. Abandon Hope
3. The Dead
4. Aware
5. Fate Closes The Door
6. Rebellion
7. Through The Cold
8. The Haunting
9. All That Remains
10. Sacrifice
11. Are You Gonna Go My Way
12. Metal United
Line Up
Anthony Mavrikis (Voce, chitarre)
Brendan Farrugia (Chitarre)
Tom Nugara (Basso)
John Price (Batteria)
 
RECENSIONI
69
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]