Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/08/19
SONS OF APOLLO
ive With The Plovdiv Psychotic Symphony

30/08/19
WIZARD RIFLE
Wizard Rifle

30/08/19
CRIMSON MOON
Mors Vincit Omina

30/08/19
IN SEARCH OF SOLACE
Enslaved To Tragedy

30/08/19
SONS OF APOLLO
Live With The Psychotic Symphony

30/08/19
IMPERIUM DEKADENZ
When We Are Forgotten

30/08/19
ESSENCE OF DATUM
Spellcrying Machine

30/08/19
FOREDOOMED
Chaos and Beauty

30/08/19
SADOKIST
Necrodual Dimension Funeral Storms

30/08/19
NECRONAUTICAL
Apotheosis

CONCERTI

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

01/09/19
DRAKKAROCK (day 3)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

03/09/19
IRREVERENCE + COCAINE KAMIKAZE
ROCK'N'ROLL CLUB - MILANO

Holocaust - The Nightcomers
03/08/2019
( 512 letture )
E’ probabilmente una banalità, ma la nascita e l’esplosione vera e propria della N.W.O.B.H.M. si deve in larga parte anche all’evoluzione subita da tante band nate durante gli anni 70 le quali, pur conservando elementi stilistici prettamente appartenenti a quella decade, produssero lavori "ponte" destinati a definire il nuovo stile. Alcune andarono incontro ad enorme fortuna, altre sono sparite subito, molte sono restate più che altro un fenomeno da addetti ai lavori e/o veri appassionati di quel particolare periodo approssimativamente collocabile a cavallo tra il 1978 ed il 1981. Uno dei gruppi più importanti in questo senso è quello degli scozzesi Holocaust, autori dell’ottimo The Nightcomers risalente proprio all’anno di grazia 1981.

Provenienti da Edimburgo e nati nel 1977, gli Holocaust partirono come band più orientata all’hard rock di stampo classico, ma furono "traghettati" verso il metal dal chitarrista John Mortimer, vera anima metallica della band. Tanto è, che già dal successivo No Man's Land del 1984 sarà lui il solo membro originale in formazione, con il chitarrista Ed Dudley e il batterista Raymond Marciano a tentar fortuna con gli Hologram e suoni più morbidi. The Nightcomers, ad ogni buon conto, arrivò sul mercato nell’Aprile del 1981 tramite la Phoenix Record And Filmworks, ma era in realtà un’autoproduzione che risentiva sia delle pulsioni interne alla band, con una componente hard rock’n’roll da un lato ed una heavy dall’altro che lo rendevano un po’ discontinuo e di una qualità di registrazione non eccelsa, pur restando in linea con molte delle uscite del periodo anche ufficiali. Lavoro mediamente heavy rock, se così vogliamo dire, ed anche leggermente tardo rispetto a prodotti arrivati prima e già molto più avanti dal punto di vista dello sviluppo dello stile e della pesantezza della musica (basti citare Ace of Spades o Strong Arm of the Law dell’anno prima, giusto per fare un paio di titoli), The Nightcomers era e resta un piccolo gioiellino contenente almeno tre o quattro pezzi da ricordare con devozione. In particolare il singolo Smokin’ Valves, la più cupa Death or Glory e più ancora Mavrock e la title-track. Sopra tutto, però, a dover essere citato è l’inno metallico Heavy Metal Mania, un autentico, liberatorio, orgoglioso manifesto cosa volesse dire vivere e respirare per l’Heavy Metal in quell’inizio di anni 80. Uno dei pezzi-simbolo di una generazione che è in parte sopravvissuta fino ai nostri giorni, conservando dentro sé lo spirito del testo.

Album da valutare dopo preventiva contestualizzazione rispetto all’epoca di uscita, un po’ Thin Lizzy ed un po’ qualsiasi altro gruppo coevo di buon livello vogliate citare, The Nightcomers merita di essere celebrato come deliziosamente importante per tracciare la storia del modo in cui l’hard rock di stampo britannico girò irresistibilmente verso l’heavy metal. La band, purtroppo, venne rallentata nella sua corsa dai fatti prima ricordati ed anche se ad oggi è ancora attiva in formazione a tre, è per questo album che sarà sempre ricordata, ma come si dice spesso al giorno d’oggi, è davvero "tanta roba".



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
96.75 su 4 voti [ VOTA]
Pacino
Giovedì 8 Agosto 2019, 21.46.29
9
Fantastico album, divertente e adrenalinico. Voto 90
Maurizio
Mercoledì 7 Agosto 2019, 22.21.37
8
Vinile che conservo molto,molto, molto gelosamente. Va ascoltato sempre tenendo conto del periodo di uscita davvero gonfio di novità.
jaw
Domenica 4 Agosto 2019, 22.14.21
7
irreplicabile errata scorrige
jaw
Domenica 4 Agosto 2019, 22.12.52
6
si il disco e' bello, ma concordo con Francesco, poi e' chiaro che paragonato con quelli di oggi e' irreblicabile, fidatevi di chi il ha ascoltati appena usciti
InvictuSteele
Domenica 4 Agosto 2019, 16.06.34
5
Grande band, estremamente underground, che ha realizzato questo grande Cult degli anni 80. Bellissimo, basta solo l'attacco di death or glory per mettere in chiaro le cose. Voto 80
Nonno
Domenica 4 Agosto 2019, 13.44.55
4
Disco unico nel suo genere. C A P O L A V O R O.
Galilee
Sabato 3 Agosto 2019, 18.39.25
3
La particolarità di questo album sta proprio nel suono. Un po' di hard rock, un po' di atmosfere darkettone date dalla scelta delle melodie, un po' di heavy e alcuni chorus molto hard rock Glam. Insomma un mix inusuale per i tempi. E nonostante ci fosse già musica più heavy, questo disco per i tempi aveva decisamente un suono all'avanguardia.
Galilee
Sabato 3 Agosto 2019, 18.32.00
2
Uno dei miei dischi heavy metal preferiti, unico inimitabile. Lo adoro. La prima volta che lo ascoltai ci rimasi di sasso. Pensavo che solo Judas e Iron potessero sfiorare certi livelli artistici, in quegli anni e in Inghilterra, invece no c'erano anche gli Holocaust. Li conobbi tra l'altro grazie ai Gamma Ray, come tanti penso. Voto 90
Doomale
Sabato 3 Agosto 2019, 18.00.54
1
Ottimo album di heavy metal, giusto riportarlo alla luce.
INFORMAZIONI
1981
Phoenix Record & Filmworks
Heavy
Tracklist
1. Smokin’ Valves
2. Death or Glory
3. Come on Back
4. Mavrock
5. It Don’t Matter to Me
6. Cryin’ Shame
7. Heavy Metal Mania
8. Push It Around
9. The Nightcomers
Line Up
Gary Lettice (Voce)
John Mortimer (Chitarra)
Ed Dudley (Chitarra)
Robin Begg (Basso)
Paul Collins (Batteria)
 
RECENSIONI
80
ARTICOLI
15/03/2014
Live Report
TOXIC HOLOCAUST + EXHUMED
Locomotiv, Bologna, 10/03/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]