Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Trivium
In the Court of the Dragon
Demo

Slowpoke
Slowpoke
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/21
VADER
Blitzkrieg in Texas: Live 2005

22/10/21
FERAL SEASON
Rotting Body in the Range of Light

22/10/21
PHANTOM FIRE
The Bust of Beelzebub

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
DREAM THEATER
A View from the Top of the World

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

22/10/21
COGNOS
Cognos

22/10/21
SIXX A.M.
Hits

22/10/21
DRACONICON
Dark Side of Magic

CONCERTI

21/10/21
H.E.A.T
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

22/10/21
WIEGEDOOD + PORTRAYAL OF GUILT
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/10/21
ANGEL MARTYR + HUMAN DECAY + SINISTER GHOST + COTARD SYNDROME
VEGAS - VIAREGGIO (LU)

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

Arch/Matheos - Winter Ethereal
10/08/2019
( 2488 letture )
Inutile negarlo, ritrovare l'accoppiata che ha dato vita ai Fates Warning fa sempre piacere. Già con il precedente Sympathetic Resonance, uscito ormai svariati anni fa, il sentore di quei primi album del gruppo statunitense era tornato a far saltare di gioia i fan della band. La lineup, tuttavia, è leggermente differente rispetto al debutto, perché dietro ai brani si nascondono, insieme ai due nomi che troviamo in copertina, membri attuali e precedenti dei Fates Warning, questa volta affiancati da una pletora di artisti importanti come ospiti, quali ad esempio Steve DiGiorgio (ex Death, Iced Earth) e Sean Malone (Cynic). La genesi del disco, stando alle voci dei due protagonisti, ha avuto inizio dalla volontà di entrambi di esplorare nuovi territori e uscire dalla zona di comfort dovuta al fatto di aver collaborato insieme per molti anni. Nessuno dei brani del disco, peraltro, è nato come qualcosa destinato ai Fates Warning, spazzando via ogni parvenza di "riciclo" di musica nata per altri scopi.

Nove brani per quasi 70 minuti di durata non sono proprio facili da approcciare, ma i due artisti sono capaci di metterci subito a nostro agio con la bella traccia di apertura Vermilion Moons, grazie alla quale veniamo travolti da un riff thrasheggiante coniato da Jim Matheos e dalle linee vocali interpretate magistralmente da un Arch che dopo trent'anni non sembra aver perso un'oncia della sua preziosa ugola. E se Wanderlust spezza un po' il fluire con il suo ritornello melodico, Solitary Man inizia come una bordata sui denti senza mezzi termini, salvo poi esplodere in uno dei chorus meglio riusciti di tutto l'album. L'immediatezza tuttavia non è il punto forte di Winter Ethereal, costituito per la gran parte di brani tecnici e cerebrali, che non possono che richiamare i Fates Warning prima maniera, ma che hanno bisogno di un lasso di tempo considerevole per essere compresi appieno. Wrath Of The Universe ne è l'esempio principe, sopra le righe in tutto e per tutto, con un riffing iper serrato, cupo e dinamico accompagnato dalla sezione ritmica quadratissima di Steve DiGiorgio e Bobby Jarzombek. Tethered è una piacevole ballad elettroacustica in cui purtroppo John Arch si mantiene inesorabilmente sui registri alti che lo hanno reso famoso per tutto il brano -come in realtà in tutto il disco- sacrificando un po', come suo solito, l'espressività sull'altare della tecnica. Poco importa, perché Straight and Narrow riporta tutto al suo posto in un brano compatto, breve e coinvolgente, seppur non indimenticabile, sullo stile di quanto proposto ultimamente dai Fates Warning in Theories Of Flight. I sentimenti positivi non sono di certo l'ispirazione principale delle liriche e delle sonorità di questo Winter Ethereal, che toccano la parte più oscura dell'animo umano. In particolare la seguente Pitch Black Prism, dall'incedere lento e riflessivo, è ispirata alla tragedia nucleare di Chernobyl, la cui idea per le liriche è scaturita quando John Arch è incappato in alcune fotografie di bambole abbandonate nelle scuole e nelle case vicine alla cittadina ucraina, idea suffragata anche da alcuni documentari sull'evento. I due brani conclusivi, Never in Your Hands e Kindred Spirits sono anch'essi piuttosto importanti nell'economia del disco. Il primo grazie alla varietà delle sue atmosfere e il secondo perché si tratta di una vera e propria suite, caratterizzata da un ottimo lavoro di tutti i musicisti –specialmente del vocalist-, da una serie di idee molto ben sviluppate e impreziosita dalle parti soliste di chitarra firmate da Frank Aresti.

Scorrendo le tracce non si avvertono particolari differenze di stile, segno che tutti gli artisti coinvolti hanno interpretato più o meno pedissequamente quanto partorito dalla mente dei due mastermind Arch/Matheos. Pochi difetti (forse giusto qualche brano che pecca di prolissità e la poca varietà di alcune linee vocali di Arch) e molta sostanza, Winter Ethereal è il degno successore di Sympathetic Resonance e certamente uno dei migliori dischi progressive usciti in questo 2019, che farà indubbiamente felici i fan dei Fates Warning primo periodo.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
92.26 su 23 voti [ VOTA]
claudio
Giovedì 29 Aprile 2021, 21.21.08
13
Wrath Of The Universe come si fa a non amare questa canzone
Giovannuzzo
Domenica 26 Gennaio 2020, 12.39.13
12
Ma solo a me viene da piangere quando ascolto Vermilion moon????
Luka 2112
Venerdì 8 Novembre 2019, 23.58.26
11
...se non è questo un album da 100 !,,,
Luka 2112
Venerdì 8 Novembre 2019, 23.57.12
10
Un album che penso non abbia deluso le attese, di spessore assoluto complesso ma appagante , Matheos a differenza di altri colleghi sa coniugare la tecnica con la scrittura più intensa ed ispirata. Quanto a John Arch potrà non piacere ma è innegabilmente un cantante straordinario capace di scrivere linee vocali personalissime e sentite, thetered è semplicemente toccante altro che inespressiva.Personalmente trovo fuori luogo il paragone con i primi dischi dei Fates Warning, tutt’ altra pasta musicale, e altri argomenti enti trattati. Per me disco dell’anno . Non stiamo nemmeno a parlare delle prestazioni dei musicisti coinvolti o dell’ eccellente produzione, se non e
Danimanzo
Lunedì 9 Settembre 2019, 16.28.48
9
Assolutamente d'accordo con il commento qui sotto di Crimson. E' un album maturo, complesso ma incredibilmente complesso. Un prodotto ben al di sopra della media delle uscite discografiche degli ultimi anni. Un disco da assaporare all'infinito così come lo splendido debut. A fine anno mi aspetto di trovarlo in quasi tutte le classifiche dei migliori dischi usciti in questo 2019.
Crimson
Venerdì 23 Agosto 2019, 14.09.32
8
Non sono d'accordo sulla mancanza di espressività di Tethered, brano delizioso e commovente (sì, forse Arch poteva tenere un tono più basso in alcune parti). In generale comunque, rispetto al solito, Arch non mantiene lo stesso tono alto, ma si tiene più basso quando deve (cito ad esempio, l'intermezzo melodico di Vermillion Moons). Come ogni disco dei Fates Warning, in particolare di quelli tecnici e complessi, all'inizio richiede molti ascolti ma una volta memorizzato poi scorre abbastanza bene e più ascolti più fila liscio e si fa caso maggiormente alle finezze dell'arrangiamento. Il disco lo consiglierei - ovviamente ai fan dei Fates W. - ma direi a tutti gli appassionati di prog metal e di heavy/power metal. Nella votazione mi sarei tenuto più alto, perché penso che sia un disco - come è stato l'esordio - che rimarrà nel tempo come uno dei migliori del decennio. E per quanto ami le ultime pubblicazioni dei FW, ritengo gli Arch/Matheos più "avanti".
Max1
Lunedì 12 Agosto 2019, 14.18.05
7
Jim M., se non ci fosse bisognerebbe inventarlo !!
Fango
Lunedì 12 Agosto 2019, 12.12.40
6
Preferisco Zonder...
Daveg68
Domenica 11 Agosto 2019, 22.37.29
5
No dico, Tomas Lang alla batteria in tre brani. Il batterista n. 1 in assoluto, batteristi di tutti tempi compresi!!! Non dico altro..
Gabriele
Domenica 11 Agosto 2019, 21.00.54
4
Per ora disco dell'anno. Arch da lacrime, prestazione incredibile.
Pinco Pallino
Domenica 11 Agosto 2019, 14.47.12
3
Tecnica, potenza e feeling, melodie vocali intense, veramente un capolavoro dal primo all'ultimo secondo. Nessun cedimento. Jim Matheos ha un talento compositivo fenomenale, sia con i fates warning, con gli osi, con i suoi progetti solisti acustici che con i tuesday the sky. L'avrò ascoltato cento e più volte ma ogni volta che termina sento la voglia di riascoltarlo dal principio. Voto 100
progster78
Domenica 11 Agosto 2019, 9.22.53
2
Piu' diretto del Sympathetic Resonance,ma sempre meraviglioso...composizioni belle corpose con una delle piu' belle voci della scena metal.In questi anni ce ne fossero di dischi del genere,il voto e' basso con tutto il rispetto per il recensore.Voto 90.
Awake
Sabato 10 Agosto 2019, 23.01.42
1
Bella voce, un pò sopra le righe in certi momenti, ma con il mood adatto ha il suo perché. Songwriting senza infamia e senza lode. Album piacevole tutto sommato.
INFORMAZIONI
2019
Metal Blade Records
Prog Metal
Tracklist
1. Vermilion Moons
2. Wanderlust
3. Solitary Man
4. Wrath Of The Universe
5. Tethered
6. Straight And Narrow
7. Pitch Black Prism
8. Never In Your Hands
9. Kindred Spirits
Line Up
John Arch (Voce)
Jim Matheos (Chitarra)

Musicisti ospiti:
Frank Aresti (Chitarra nelle tracce 8 e 9)
Joe DiBiase (Basso nella traccia 3)
Steve DiGiorgio (Basso nelle tracce 1, 4 e 6)
Sean Malone (Basso nelle tracce 7 e 9)
George Hideous (Basso nella traccia 5)
Joey Vera (Basso nelle tracce 2 e 8)
Bobby Jarzombek (Batteria nelle tracce 4 e 6)
Baard Kolstad (Batteria nella traccia 8)
Thomas Lang (Batteria nelle tracce 1, 3 e 7)
Matt Lynch (Batteria nella traccia 9)
Mark Zonder (Batteria nelle tracce 2 e 5)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]