Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/19
JUMPSCARE
Don`t Close Your Eyes

23/09/19
IVORY TOWER
Stronger

27/09/19
BHLEG
Äril

27/09/19
MORTEM
Ravnsvart

27/09/19
EXCALION
Emotions

27/09/19
CREEPING DEATH
Wretched Illusions

27/09/19
E-L-R
Mænad

27/09/19
WEDNESDAY 13
Necrophaze

27/09/19
DRAGONFORCE
Extreme Power Metal

27/09/19
CORELEONI
CoreLeoni II

CONCERTI

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/09/19
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

21/09/19
MORTUARY DRAPE
SONS OF ROCK - MORES (SS)

21/09/19
HANDFUL OF HATE + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

21/09/19
HARDLINE + DREAM COMPANY
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

21/09/19
TMA FEST (day 2)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

22/09/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRIAL OF DEAD (ANNULLATO!)
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

22/09/19
WARBELL + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

24/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

25/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
ORION - ROMA

Whitesnake - Slip of the Tongue
17/08/2019
( 742 letture )
Dopo il megabotto di 1987, doppio platino e più di 8 milioni di copie vendute nei soli Stati Uniti, la vita dei Whitesnake cambia. E cambia soprattutto la pelle della creatura musicale di David Coverdale. Il guitar.man Vivian Campbell, che aveva sostituito il dimissionato John Sykes, lascia il gruppo per dedicarsi ad altri progetti, mentre il processo di scrittura del nuovo disco pesa tutto sulle spalle del voice master e del fido Adrian Vandenberg, con il dorato tour che aveva già fornito ispirazione per alcuni nuovi brani. Ma giungono, inattesi, alcuni contrattempi da risolvere. Prima dell'inizio delle registrazioni, Vandenberg subisce un infortunio serio al polso, che gli rende impossibile suonare sul disco, verrà infatti accreditato ma senza azione in studio. Coverdale, quindi, dopo aver atteso la guarigione completa, assai tradiva ad arrivare, si vede costretto a scegliere un nuovo chitarrista, chiamando a corte, nientepopodimeno che, sua maestà Steve Vai. La leggenda ci ha tramandato uno spiffero: il singer leonino conosceva Vai non per i suoi trascorsi musicali con Frank Zappa e David Lee Roth, ma per averlo notato nel film Mississippi Adventure del 1986. Lo stile di Vai, totalmente pirotecnico, però ha poco a che fare con l’approccio storicamente blues del “Serpente Bianco” e sulla nuova release, tutto ciò si percepisce nitidamente; lo stesso Vandenberg ha rivelato, anni dopo, di ritenere virtuoso il modo di suonare del funambolico guitar hero, ma leggermente inadeguato per lo stile del combo, ammettendo che un approccio più bluesy avrebbe migliorato parecchio il disco. Il frontman, chiede anche l’aiuto del suo vecchio amico e compagno di band nei Deep Purple, Glenn Hughes, al fine di implementare alcune parti vocali, ma in quel periodo Glenn era in avvolto in un turbine negativo, causa le sue pesanti dipendenze con la droga. Hughes, in pratica, non appare in condizione di poter cantare adeguatamente, tanto che la maggior parte dei cori vengono realizzati da Tommy Funderburk e Richard Page, con qualche piccolo contributo da parte dell’ex bassista dei Deep Purple, udibile all'interno di tre brani. Delle tastiere se ne occupa di nuovo il turnista Don Airey, in compagnia di David Rosenthal, che inciderà ben poco, anche lui, e verrà tagliato dalla versione definitiva dell’ellepì. L’ottavo capitolo della saga viene registrato durante il 1989 presso i Record Plant di Los Angeles, con la produzione associata del duo Mike Clink / Keith Olsen, che forniscono uno sviluppo di quasi 47 minuti di musica, spalmata su 10 pezzi.

Copertina con tanto di sigillo in ceralacca, poi esplode l’opener e titletrack. Tastiere a cascata, attacco frontale con le asce subito in evidenza, Coverdale si sgola, up tempo che vola verso un ritornello zeppeliniano e solo tipicamente alla Steve Vai, buon inizio seguito subito dalla anthemica Cheap an' Nasty, yankee fino al midollo, campanaccio che tuona, inciso che rimane stampato sulle orecchie, anche grazie a chitarre taglienti che procurano cicatrici ampie: assolo della sei corde furioso e devastante, con la leva del tremolo che schizza in orbita. Le arene a stelle e strisce hanno apprezzato parecchio, negli anni, questa song. Fool For Your Loving '89 è la rielaborazione del brano originariamente registrato con una formazione diversa per l'album Ready an' Willing nel 1980, qui viene reso più ficcante e levigato, mettendo in evidenza il grande feeling di cui era intriso: rifacimenti che sono diventati un classico nella carriera della band. Now You're Gone è una pregevolissima semi-ballad in 4/4, oltre 4 minuti da leccarsi i baffi musicalmente parlando, Steve Vai mette i brividi per le sue partiture, la voce massacra con i suoi toni arrochiti, la batteria di Aldridge picchia e la melodia zampilla a geyser, cori perfetti e video suggestivo on the road; che volere di più? Dimenticavo, assolo straordinario della Ibanez del “mostro”, ma questa non è novità. Kittens Got Claws è scampolo marginale, nonostante sia bello tirato e fino al chorus abbia un discreto tiro con un bel basso pompato di Sarzo: insomma “le gattine” avranno anche gli artigli ma non colpiscono più di tanto. Wings of the Storm sfodera una sontuosa vocalità matura e gode di atmosfere fumose e ispirate, Vai imprime il suo trademark in ogni secondo del timing. The Deeper the Love risulta un grande pezzo, magari un po’ leccato, ma con un pathos eruttante. Tutto è perfetto, dalla melodia di partenza all’ultima plettrata, passando per un ritornello splendente, salite di tono da applausi, arrangiamenti di classe cristallina, la voce tocca le corde dell’emozione, il solo guitar è etereo e rimane dentro all’ascoltatore, intatto negli anni. Judgement Day: i primi due minuti del pezzo sono un vero capolavoro, ascoltare le note filate del cantante, l’attacco degli strumenti, secco come una ghigliottina, duro come granito, peccato che poi qualcosina si perda nel prosieguo, però l’inciso è di livello altissimo, così come i ghirigori chitarristici, un ottimo spaccato del gruppo sul finire degli eighties, con tanto di rullante a sparo: j'adore. Slow Poke Music ha in sé un’anima blues che con Vandenberg sarebbe affiorata e sbocciata, qui invece rimane celata da hooklines hard corrosive tipicamente USA, con un solo-guitar semplicemente favoloso. Chiude il lotto lo slow di Sailing Ships che gode di climi quasi medievali, barocchi, salvo l’accelerata finale.

Nonostante le buone posizioni in classifica, il disco non riuscì a bissare l'enorme successo della release di due anni prima, ricevendo alcune critiche, la maggior parte delle quali accusavano i Whitesnake di essersi troppo allontanati dal loro sound originale. Vendite decisamente minori rispetto al predecessore, 100 mila copie e disco d’oro nel Regno Unito, un milione e disco di platino negli States, una mezza delusione in termini di copie smerciate, mi pare ovvio. Dopo aver concluso il tour mondiale più lungo della loro carriera, i Whitesnake si sciolsero sul finire del 1990 per volere del factotum dietro al microfono, intenzionato a prendersi una lunga pausa dal mondo della band, ma non valida per nuovi esperimenti, tant’è che poco dopo darà vita al progetto Coverdale-Page insieme al mitologico chitarrista dei Led Zeppelin. Nel 2009, in occasione del ventennale dall'uscita dell'album, è stata lanciata un'edizione speciale comprendente il CD originale rimasterizzato, con la lista dei pezzi leggermente mutata e l'aggiunta di alcuni lati b, più un DVD bonus, con video musicali e performance dal vivo. Slip of Tongue rimane un’opera di indubbio valore, figlia dei tempi e dell’abbandono momentaneo di Vandenberg per motivi già citati, gli amanti di Steve Vai troveranno molti attimi goduriosi, ma anche il “capo” Coverdale sfoggia ottime performance vocali. Non il miglior disco della band, ma ampiamente godibile ancora oggi. I Whitesnake, intesi come combo/produzione di dischi degli anni 80, da questo momento non esisteranno più, Coverdale attraverserà svariati problemi e i picchi del successo milionario spariranno per sempre.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
97.5 su 4 voti [ VOTA]
dani3121
Venerdì 23 Agosto 2019, 19.24.55
13
Da amante di Steve Vai,disco che ho consumato,insieme a eat’em and smile dell’86 di DLR. È vero che Vai stravolge non poco il suono del gruppo,ma se vai a chiamare Steve Vai sai gia che sará “ingombrante” all’interno del disco,soprattutto nell’89 istava scrivendo Passion and Warfare e sfuttera il tour del ‘90 per promuovere anche il suo disco suonando For the love of god durante la setlist. In ogni caso qui ci sono canzoni strepitose,Judgement Day,chep’n’nasty,la tiltle track,wings of the storm e saiiling ships sugli scudi per me.
Hellion
Venerdì 23 Agosto 2019, 17.02.22
12
Per me, disco stupendo.
Voivod
Venerdì 23 Agosto 2019, 14.05.44
11
Io che non ho mai amato troppo il serpente bianco (lo apprezzo comunque più ora rispetto a 20 anni fa), ritengo questo album il loro masterpiece. Song come "Wing Of The Storm", la title-track e "Now You're Gone" sono tra le cose più belle mai incise dalla band.
Celtico
Giovedì 22 Agosto 2019, 23.21.15
10
1987 è stato uno di quegli album che mi ha avvicinato al mondo hard e metal. Ricordo la delusione dopo aver ascoltato Slip on the Tongue...Sinceramente lo considero un album discreto e niente più. A parte la celeberrima Fool for.... e forse Wings of the storm è un album che non mi dice niente di particolare...
marmar
Martedì 20 Agosto 2019, 14.49.47
9
Anch'io come Rob Fleming sono amante del Serpente Bianco versione british; quello a stelle e strisce non mi ha mai entusiasmato, anche se all'epoca ero felice del successo planetario di "1987", in quanto vedere un disco hard rock surclassare ogni classifica era fonte di enorme piacere. Il lavoro in oggetto non è affatto male, ma viene dopo il botto e oggi come allora fa fatica a spuntare, anche se le canzoni ci sono e molte sono più che valide. Che dire, risente delle influenze del periodo e come tale va accettato e la "stranezza" Steve Vai è la conferma di tutto ciò; chi come me era al Monster of Rock del '90 penso se ne sia accorto.
Awake
Lunedì 19 Agosto 2019, 0.57.33
8
Vocina da niente, chitarrina da niente, come si suol dire "la classe non è acqua". Per il resto se non ci fosse sua maestà Coverdale il songwriting non risplenderebbe propriamente di luce propria, ecco.
Diego75
Lunedì 19 Agosto 2019, 0.42.39
7
Grande disco....del periodo d’oro americano degli snake....lo considero allo stesso livello di 1987....poi con un magnifico Steve vai alle chitarre....una produzione fantastica...voto 90 !
tino
Domenica 18 Agosto 2019, 15.35.45
6
io adoro gli snake americani mentre i lavori prima di 1987 li conosco poco, e questo per me è uno dei dischi migliori del genere, sicuramente un 90 pieno se non di più
duke
Sabato 17 Agosto 2019, 21.05.58
5
...un buon disco.....con un ottimo steve vai .....voto giusto....
Rob Fleming
Sabato 17 Agosto 2019, 20.22.03
4
Ho sempre detto di preferire i Whitesnake "inglesi" a quelli "americani" e di preferire, di conseguenza, Coverdale quando canta con il suo tono sinuoso ed elegante a quello che urla. E basterà ascoltare le prime note della title-track per comprende al meglio il mio pensiero. Ma basterà anche immergersi nelle bellissime note di Wings of the storm, The judgment day e Sailing ships per ritrovare immediatamente una delle più incredibili voci del rock di tutti i tempi. E tra Steve Vai e John Sykes preferirò sempre il secondo. Il primo è per quanto stupefacente troppo avulso rispetto all'hard rock. 80
Sadwings
Sabato 17 Agosto 2019, 20.17.26
3
86 non il capolavoro dei whitesnake e proababilmente steve vai non si inserisce al meglio nel sound della band, ma rimane comunque un ottimo lavoro.
Aceshigh
Sabato 17 Agosto 2019, 18.01.11
2
Che dire... Per me album strepitoso. Coverdale non è mai stato troppo contento di quest’album (ci trova troppa tecnica), io - col dovuto rispetto a sua maestà - mi azzardo vergognosamente a dissentire 😄 A parte una discreta Slow Poke Music, le altre 9 canzoni le ho sempre trovate stupende. A cominciare dalla title-track, passando per la più divertente e “arena”-style Cheap An’ Nasty, la bellissima ballad The Deeper The Love, Judgement Day col suo andamento quasi kashmiriano o la conclusiva Sailing Ships, per me l’apice emotivo di tutto l’album. Certo, Steve Vai permea non poco il sound del disco, ma per lui è sempre stato così, è lo stesso discorso dell’album degli Alcatrazz o di Skyscraper; è preponderante di natura... insomma è Steve Vai; comunque i solos fanno impressione. Importanti anche le tastiere di Don Airey ma menzione d’onore per Tommy Aldridge: prestazione devastante e suono della madonna (ascoltate Kittens Got Claws). Oppss... dimenticavo David : per me qui prestazione magistrale. Per dirne solo una... gli ultimi due minuti di Sailing Ships sono da standing ovation. Voto 93
InvictuSteele
Sabato 17 Agosto 2019, 16.56.37
1
Il sequel di 1987,di poco sotto ma pur sempre un capolavoro. Voto 86
INFORMAZIONI
1989
EMI/Geffen
Hard Rock
Tracklist
1. Slip of the Tongue
2. Cheap an' Nasty
3. Fool For Your Loving '89
4. Now You're Gone
5. Kittens Got Claws
6. Wings of the Storm
7. The Deeper the Love
8. Judgement Day
9. Slow Poke Music
10. Sailing Ships
Line Up
David Coverdale (Voce)
Steve Vai (Chitarra)
Adrian Vandenberg (Chitarra)
Rudy Sarzo (Basso)
Tommy Aldridge (Batteria)
 
RECENSIONI
70
75
76
81
90
89
77
86
88
88
83
80
ARTICOLI
23/06/2019
Live Report
DEF LEPPARD + WHITESNAKE
Mediolanum Forum, Assago (MI), 19/06/2019
16/07/2016
Live Report
WHITESNAKE + HARDCORE SUPERSTAR
Pistoia Blues, Piazza Duomo (PT), 15/07/2016
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]