Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Demiurgon - The Oblivious Lure
02/09/2019
( 386 letture )
Passati quattro anni dall'esplosivo esordio Above the Unworthy, i Demiurgon tornano a farsi sentire con un full nuovo di zecca: The Oblivious Lure. Il debutto colpì gli ascoltatori di tutto il mondo, anche perché si aveva a che fare con un prodotto tipicamente italiano e per certi aspetti vicono all'operato di Hour of Penance e simili. Insomma, le carte in regola per lasciare il segno c'erano tutte (ma il potenziale era già evidente nella loro prima incarnazione come Hatred (The Bleeding Architecture, 2011), e quel disco riuscì in qualche modo a farlo.

Nonostante un "lungo" silenzio, l'interesse per i modenesi era tutt'altro che svanito, e anzi, la curiosità era tanta. The Oblivious Lure, edito dalla nostrana Everlasting Spew Records, è finalmente sugli scaffali e possiamo dirvi da subito che non deluderà le aspettative. Ci è voluto un po' ed è evidente che i nostri non vedessero l'ora di tornare, e non è un caso che il disco inizi in modo così esplosivo e trascinante; il growl d'apertura, sostenuto da blast beat e ritmiche che arrivano dritte in faccia, dà il via a quaranta minuti di death metal fatto come si deve. Salta subito all'orecchio la produzione, capace di mettere in risalto gli strumenti e di non appiattire il sound. A livello di riff siamo sempre tra il tecnico e dei piacevolissimi rimandi alla vecchia scuola, tanto che in alcuni punti è possibile accostare certe soluzioni a quelle di casa Deicide e non solo (fare attenzione alle ritmiche più controllate). Per quanto riguarda l'aspetto più tecnico invece, siamo ben lontani dal virtuosismo esasperato, quanto più ad un ottimo utilizzo dello strumento e della scelta di soluzioni che ben s'incastrano nelle singole canzoni. D'altronde, ed è bene specificarlo, non parliamo di sprovveduti, ma di gente che ha alle spalle lavori con Darkend, Unbirth, Valgrind e altri. È il caso ad esempio di Kapalikas, primo brano più tecnico in cui ci si imbatte, che nonostante l'evidentissima presenza di soluzioni elaborate riesce ad essere travolgente come tutto il resto del lavoro. Tra le caratteristiche che pi convincono del disco c'è proprio questo approccio trascinante: il merito non è solo degli strumentisti ma anche della voce di Stefano Borciani, che in alcuni punti non lascia indifferenti e renda più coinvolgenti momenti ben precisi (...dèi dimenticati, Il culto cannibale, brano che "divora" lentamente, Teatro del coito).

Se con Above the Unworthy avevano impressionato, con The Oblivious Lure i nostri confermano le qualità e abilità espresse sul debutto. Un disco al passo coi tempi che non disdegna soluzioni più datate, ma che, non è un fattore meno importante, resta fedele alla "filosofia" del genere proposto: essere brutali. Spietati.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
52.5 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2019
Everlasting Spew Records
Death
Tracklist
1. Tsansas
2. Kapalikas
3. ...dèi dimenticati
4. Il culto cannibale
5. Profezia di una specie morente
6. The Oblivious Lure
7. Teatro del coito
8. The Day Dawn Came Twice
Line Up
Stefano Borciani (Voce)
Emanuele Ottani (Chitarra)
Dani Benincasa (Chitarra)
Riccardo Bendini (Basso)
Riccardo Valenti (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]