Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
MYSTERY BLUE
8red

20/09/19
MONOLORD
No Comfort

20/09/19
KADAVAR
For the Dead Travel Fast

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
KOBRA AND THE LOTUS
Evolution

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Wretched - Libero di Vivere, Libero di Morire
07/09/2019
( 397 letture )
L'hardcore italiano degli anni 80 è tutt'oggi riconosciuto come una delle scene più vitali, folgoranti e prolifiche della storia dell'underground e di tutti i generi estremi. I milanesi Wretched, esistiti tra il 1980 ed il 1988 ed incolumi da ogni tentativo di reunion, reprise o rinnovo, sono tutt'oggi riconosciuti come la band più importante, più inattaccabile, più genuina di quel filone. Vivere l'underground, l'hardcore-punk o ogni altro genere estremo fiorito nelle ultime quattro decadi e rimanere indifferenti a questo moniker, equivale a rinnegare decenni di movimenti giovanili, di impegno sociale, di opposizione agli status quo, di anti-militarismo e di condanna a società sempre più vuote ed opprimenti. Possono passare in secondo piano i primi esperimenti di centri sociali autogestiti, di circuiti live in tutto il territorio nazionale, di etichette indipendenti e di auto-produzioni laboriose (come la stessa Chaos Produzioni dei fratelli Fabio e Gianmario Mussi), di live oltre-confine e dei palchi condivisi con i mostri sacri del settore, il messaggio politico egualitario, le costanti repressioni subite. Non può, invece, grazie a questo gioiello, passare in secondo piano la mole di versi, rime e concetti che prevalgono nella miscela sonora, riversati dalla voce inconfondibile, roca e sgraziata di Gianmario: un flow incessante, come una mitraglia di linguaggi esasperati ma chiari ed efficaci, con parole come rifiuto, lotta, paura, vita, ridondanti ma mai ripetitive.

Libero di Vivere, Libero di Morire è il loro primo full-length, stampato in alcune migliaia di copie in vinile di diversi colori, tutte rigorosamente accompagnate dal poster pieghevole contenente testi, foto e annotazioni, anticipato da due leggendari EP (tra cui il pregiatissimo split con gli amici Indigesti), con un solo successore (La Tua Morte Non Aspetta del 1986). L'hardcore-punk di quell'epoca non seguiva partiture rigide, né aveva cliché da rispettare: era, anzi, un'esplosione di riffing fuori dagli schemi, di spontaneità estrema, di gusto dell'eccesso. La musica dei Wretched attinge a piene mani dall'underground più caotico, rumoroso e senza confini, con numi tutelari innegabili come Disorder, Bad Brains, Negative Approach, Discharge e strizzatine d'occhio alle produzioni made in Crass Records. Estremizzare, picchiare duro, andare oltre. La progressione di accordi disarmonici, ripetitivi, in apertura della piece, capitola dopo i quattro colpi di rullante ed il pattern incalzante di Come un cappio, ancora oggi un inno dell'hardcore italico per la sua asprezza: il sound è crudo, spesso ancora acerbo, ma ben amalgamato, con un timing sconnesso, tanto è tirato all'eccesso, trascinante, scandito dai colpi di Crema, in prestito dai boots & braces bolognesi Rip Off.

Un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide
Un cappio che io devo distruggere e spezzare


Una carrellata di accuse, provocazioni, rasoiate, affondi al rumore bianco, da parte di chi stava costruendo, scuotendo ed alimentando la propria scena, su tutto il territorio nazionale e non solo: l'album contiene brani tra i più significativi della carriera dei nostri; titoli che fanno venire la pelle d'oca a qualsiasi seguace, da Finirà mai? a Disperato ma vivo, da Mai arrendersi a Uniti sempre!, con il gran finale dettato dalla nerissima sentenza di Spero venga la guerra, ermetica, sillabata dalla voce fuori base, un pugno al fegato della società occidentale degli anni 80, quella dei qualunquisti, degli arrivisti e dei menefreghisti.

Spero venga la guerra con i suoi orrori e le sue stragi
Solo allora capirai che potevi far qualcosa
Parlano di benessere di pensare al tuo futuro
Ma sarai soltanto tu a pagare i loro errori
Spero venga la guerra con i suoi orrori e le sue stragi
Solo allora capirai che potevi far qualcosa
Per colpa di bastardi viviamo per morire
E tu sei come loro incapace di pensare



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
82.5 su 2 voti [ VOTA]
Madlegion71
Martedì 10 Settembre 2019, 14.28.14
7
M'è scesa la classica lacrimuccia da nostalgia dei tempi che furono.
Area
Lunedì 9 Settembre 2019, 10.54.01
6
Ho il vinile! Una ristampa di alcuni anni fa... storici e fondamentali per il genere senza se e senza ma. Tra l'altro molto apprezzati dagli appassionati del genere anche all'estero soprattutto in Brasile.
d.r.i.
Domenica 8 Settembre 2019, 21.32.09
5
Voto giusto, recensione bella. Un disco da avere punto e basta.
HIRAX
Domenica 8 Settembre 2019, 17.30.25
4
Fantastico album da spremere come un limone acerbo
Raven
Domenica 8 Settembre 2019, 14.31.18
3
Grande band, comprai all'epoca l'ep con gli Indigesti, che è qui accanto a me
duke
Sabato 7 Settembre 2019, 19.19.29
2
...che bello.....band storica hc.....made in italy......
Masterburner
Sabato 7 Settembre 2019, 13.41.12
1
Fotografia di un'era leggendaria e irripetibile. Anche se i loro pezzi migliori stanno altrove secondo me (la tua morte non aspetta e il singolo Libero e Selvaggio)
INFORMAZIONI
1984
Chaos Produzioni
Hardcore
Tracklist
1. Come un cappio
2. Troppo facile morire
3. Finirà mai?
4. Non ingannarti
5. Devi riuscire
6. Prova a guardare
7. VIRUS 15/5/84
8. Combatti
9. Disperato ma vivo
10. Nessun valore
11. Mai arrendersi
12. Tradizione e gerarchia, le loro catene
13. Quali domani quale futuro
14. Uniti sempre!
15. Dentro te
16. Spero venga la guerra
17. Rifletti
Line Up
Gianmario (Voce)
Daniele (Chitarra)
Fabietto (Basso)
Crema (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]