Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/01/20
JORN
Heavy Rock Radio II: Executing The Classics

24/01/20
DIRTY SHIRLEY
Dirty Shirley

24/01/20
DEFILED
Infinite Regression

24/01/20
MICHAEL THOMPSON BAND
High Times - Live In Italy

24/01/20
PYOGENESIS
A Silent Soul Screams Loud

24/01/20
ERELEY
Diablerie

24/01/20
AETHYRICK
Gnosis

24/01/20
BLASPHEMER
The Sixth Hour

24/01/20
COLOSSO
Apocalypse

24/01/20
LAST FRONTIER
Aether (Equivalent Exchange)

CONCERTI

24/01/20
SUNN O)))
ORION - CIAMPINO (ROMA)

24/01/20
TEMPERANCE
ASTRO CLUB - FONTANAFREDDA (PN)

24/01/20
FACCIAMO VALERE IL METALLO ITALIANO (day 1)
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

25/01/20
METAL CONQUEST FESTIVAL
LARGO VENUE - ROMA

25/01/20
BRVMAK
ALIBI - PALERMO

25/01/20
SUNN O)))
TPO - BOLOGNA

25/01/20
SHARKS IN YOUR MOUTH
LE SCUDERIE - SPILAMBERTO (MO)

25/01/20
FACCIAMO VALERE IL METALLO ITALIANO (day 2)
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

25/01/20
MACADERIAL + GUESTS
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

25/01/20
THE RED COIL + CONCRETE MOUNTAIN
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

Nocturnal Breed - We Only Came for the Violence
08/09/2019
( 400 letture )
L’enorme e definitivo problema del nuovo Nocturnal Breed è che, dopo averlo ascoltato un paio di volte, ne sei già saturo.
Il lavoro, si badi bene, merita quantomeno la sufficienza, ma oltre quella non si va. Stai a vedere che We Only Came for the Violence piacerà a più di qualcuno, ma questo non basta perché il nostro giudizio sia impaurito dalla "fossa" del forum per andare oltre quella sufficienza che, striminzita striminzita, sintetizza quanto offerto dalla band norvegese. Il problema riscontrato, tanto che di We Only Came for the Violence ce ne saremo scordati in un battito di ciglia, è il songwriting.
Mediocremente mediocre. Tutto qua. Le idee sono pochine, il "già sentito" regna sovrano.

Non pretendiamo a tutti i costi l’innovazione, ma -nel 2019 che volge al termine- quantomeno ci attendiamo un qualcosa che non siano quei tre accordi ripetuti alla noia come nel caso di Choke on Blood o di Sharks of the Wehrmacht. Non basta essere norvegesi per assurgere ad essere una metal band di successo, ci vuole altro; servono idee chiare che non sono certamente quelle che si mescolano -senza grande verve- in Limbs od Gehenna.
Se fosse uscito 30 anni fa, We Only Came for the Violence avrebbe potuto essere un discreto disco black/thrash. Oggi no. Adesso è un miscuglione capriccioso e testardo di riff mezzi Bathory e mezzi Venom, come nel caso di War-Metal Engine. Eppure di tempo, i Nocturnal Breed ne hanno avuto se solo si consideri che il precedente Napalm Nights resta datato 2014. In cinque anni, nessun passo avanti è stato fatto; forse qualcuno indietro, al limite. In questo ultimo lavoro la vena non è stata quella giusta e lo diciamo nonostante la line-up di questo ultimo album sia identica a quella che aveva inciso il precedente e non detestabile Napalm Nights che, al limite, risultava un po’ lentuccio. Pochissimi i cambi di tempo. Se ne ravvisa qualcuno in Frozen to the Cross e in A Million Miles of Trench, ma sporcato da quel continuo andare sui piatti di Tex Terror che la metà basterebbe.
Quando non si cerca l’effetto claustrofobico/depressivo a tutti i costi, ne viene fuori qualcosa di più gradevole come nell’esecuzione di Can’t Hold Back the Night, di Nekrohagel e della title track, brani gradevoli con il loro rimando alla sana radice Motorhead.

Tuttavia, è troppo poco per dare costanza e sostanza ad un album che lascia quel senso di precario che da una band tanto esperta davvero non ti aspetti.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
63.6 su 5 voti [ VOTA]
Rik bay area thrash
Martedì 10 Settembre 2019, 17.37.11
2
I nocturnal breed non hanno mai avuto la pretesa di discostarsi dal solco black/thrash old chool al quale sono legati dalla loro formazione. In tutti i loro album c'è un certo deja vu che a seconda dei gusti musicali propri di ognuno di noi può piacere o meno. Dal canto mio li ho sempre seguiti e apprezzati. Come anche in questo ultimo loro album.
Pacino
Martedì 10 Settembre 2019, 10.10.14
1
Buon disco, quello che serve in questo genere. Voto 75
INFORMAZIONI
2019
Folter Records
Thrash/Black
Tracklist
1. Iron Winter
2. Choke on Blood
3. Nekrohagel
4. We Only Came for the Violence
5. Frozen to the Cross
6. Desecrator
7. Cannibalized by Fear
8. Sharks od the Wermacht
9. Limbs of Gehenna
10. War-Metal Engine
11. Can’t Hold Back the Night
12. Bless the Whore
13. A Million Miles of Trench
Line Up
S.A. Destroyer (Voce, Basso)
Axeman I. Mazdor (Chitarra)
V. Fineideath (Chitarra)
Tex Terror (Batteria)
 
RECENSIONI
58
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]