Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
CLOAK
The Burning Dawn

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
NOVERIA
Aequilibrium

25/10/19
MELTDOWN (NOR)
Deadringer

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

CONCERTI

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

26/10/19
SOUL SELLER + GUESTS
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

26/10/19
CRISALIDE + INNERLOAD + PERPETUAL FATE
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

Mystifier - Wicca
21/09/2019
( 394 letture )
Paese che non ha mai smesso e tutt'ora non smette di stupire i fan della musica estrema, il Brasile ha da sempre avuto una grande tradizione di gruppi che hanno acceso le curiosità degli ascoltatori. È però vero che gran parte di questi gruppi erano/sono bandiere di generi come il thrash e il death metal, mentre, per quanto riguarda il black metal, c'è poco da segnalare. Tra tutti spuntano però i Mystifier, i quali, attivi dal 1989, si sono con il tempo guadagnati l'etichetta di “gruppo di culto”. Fondatore del progetto è il bassista Beelzeebubth, pseudonimo di Armando da Silva Conceição, che nonostante i cambi di formazione e le varie difficoltà è riuscito a portare avanti il progetto aggrappandosi, nel 1993, alla Osmose Productions. Non è cosa da poco per un gruppo simile.

Dopo un inizio fatte di demo registrate alla meno peggio che in poco tempo fecero il giro dell'underground, nel 1992 i quattro esordiscono con Wicca, disco che grazie al titolo ed alla copertina sembravano comunicare qualcosa. Quel “qualcosa” risiede tutt'oggi nello stile del gruppo, lontano dal black metal a cui si era abituati all'epoca e decisamente personale. Non aspettatevi un black metal gelido o ossessivo, perché i brasiliani puntano tutto sul ricreare un'atmosfera occulta, da rituale si potrebbe dire. Il fascino per l'oscuro e per il blasfemo trovano sfogo sia nei testi che nelle composizioni, varie e in bilico tra l'inquietante ed il diabolico. Tutto diventa più chiaro non appena l'introduttiva The Witch Voisin Recites Our Gloat ci prepara a quello che a tutti gli effetti sarà un rituale sonoro, con synth e voci che intrecciandosi recitano quanto segue:

We are those from the empty
birthplace and undead flock
We are those who the arrival
the stars foresee and dread
We are those with the heart
forget by black goal
And let intact the glorious
gloal of Satan's soul


E poi via, si parte con Osculum Obscenum e il sound dei Mystifier si mostra in tutta la sua potenza evocativa e malvagità. La voce di Meugninousouan è sicuramente interessante: un growl che, anche grazie a delle sovraincisioni e gli effetti, riesce ad essere molto efficace in questo contesto, e difficilmente si troverebbe qualcosa di più adatto (in alcuni punti è da brividi). Ma dalla prima canzone si viene inoltre a contatto con le composizioni dei quattro, generalmente articolate. Tutti i brani sono infatti costruiti su più momenti e si aggirano su una durata che va dai cinque ai sette minuti circa ed è quindi una dimostrazione di come i quattro abbiano cercato (e ci siano riusciti) fin dagli esordi una propria forma espressiva. Sono un gruppo ferale, è vero, ma se ascoltato con attenzione appare evidente come i nostri siano tutt'altro che impreparati e a dimostrarlo ci sono assoli ben suonati ed una varietà in termini di composizione che seppur ancora in via di miglioramento, è da non sottovalutare. Ciò che in parte dispiace è la produzione (ma viene in soccorso la ristampa della Hammerheart Records uscita nel 2015) che nei momenti più violenti mette fin troppo in ombra le chitarre, specialmente quando si lanciano in riff più serrati. Nonostante ciò, il disco è composto da brani veramente riusciti come Cursed Excruciation, An Elizabethan Devil-Worshipper's Prayer-Book, The Dark Kingdom (T.E.A.R.) e Mystifier (Satan's Messengers).

Non fosse per una produzione fin troppo sbilanciata, Wicca meriterebbe un voto anche più alto. Ma poco importa, in fin dei conti si parla di un disco che a più di vent'anni dalla sua uscita riesce a impressionare ed a suscitare fascino nella sua sregolatezza e imperfezione. Non si ha a che fare con un disco black metal puro, quanto più, se vogliamo fare i pignoli delle etichette, di un lavoro black/death vicino a Blasphemy e Beherit. I Mystifier non si fermeranno qui, e l'anno dopo rilasceranno Goetia per la Osmose Productions, generalmente riconosciuto come il loro disco meglio riuscito. Non solo, saranno presenti nella soundtrack del film Gummo (1998) con il brano Give the Human Devil His Due estratta dal terzo disco The World Is So Good That Who Made It Doesn't Live Here (1993).

We celebrate our victory with the holy flesh and blood
Of the celestial beings
Now only we reign in spiritual world



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Sicktadone
Domenica 22 Settembre 2019, 10.04.38
2
CULTO.
Doomale
Sabato 21 Settembre 2019, 17.13.55
1
Dire che questo è di culto è dire poco. Me lo doppiarono in cassetta secoli fa' assieme a Goetia. Di certo nessuno aveva suonato mai così in Brasile generale Sudamerica prima di loro, nemmeno i Sarcofago. Troppo più black death oriented di quello pesante e zolforoso i Mystyfier. Unica influenza che ci senti' allora, fu alla lontana qualcosa dalla primigenia scena greca, ma in salsa molto più aggressiva e blasfema. Per valore anche un 87-88. Si era abituati sempre a vedere sti ragazzi dalla pelle candida alle prese con le pose più assurde, veder sti ragazzoni morì e borchiati alle prese con sta roba fu uno shock, ovviamente positivo. Grandiosi.
INFORMAZIONI
1993
Heavy Metal Maniac Records
Death / Black
Tracklist
1. The Witch Voisin Recites Our Gloat (Intro)
2. Osculum Obscenum
3. Tormentum Aeternu
4. Cursed Excruciation
5. Defloration (The Antichrist Lives)
6. (Invocacione) The Almighty Satanas
7. The Dark Kingdom (T.E.A.R.)
8, An Elizabethan Devil-Worshipper's Prayer-Book
9. Hyoscyamus Niger
10. Mystifier (Satan's Messengers)
11. Our Gloat (Outro)
Line Up
Meugninousouan (Voce)
Behemoth (Chitarra)
Beelzeebubth (Basso)
Lucifuge Rofocale (Batteria)

Musicisti ospiti:
Alfredo Martins (Tastiera)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
31/10/2016
Live Report
INQUISITION + ROTTING CHRIST + MYSTIFIER
Circolo Colony, Brescia, 29/10/2016
09/06/2014
Live Report
MYSTIFIER + NECROMANCER + NIGHT GAUNT
Closer Club, Roma, 1/06/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]