Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

CONCERTI

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Labyrinth - Labyrinth
28/09/2019
( 782 letture )
Quarto album targato Labyrinth, edito nel 2003 a circa tre anni di distanza dal discusso Sons of Thunder, quello che porta il nome della band fu un lavoro denso di novità, alcune delle quali causate da forza maggiore. Problemi contrattuali derivati da impegni assunti con poca coscienza portarono infatti uno stop molto lungo e la situazione venne aggravata dall’abbandono di Olaf Thorsen, il quale decise di lasciare sostanzialmente a causa dell’inceppamento di alcuni meccanismi interni al gruppo, causati dall’inesperienza nella gestione di certe dinamiche conseguenti al successo ottenuto prima.

Disco da interpretare almeno all’epoca dell’uscita come un nuovo inizio fin dal titolo e dall’abbandono dei nomi d’arte, contente alcune “interferenze” elettroniche che rimandavano al debutto del gruppo - ad esempio Synthetic Paradise, pezzo ispirato nel testo dalla situazione di un amico di Tiranti, purtroppo dedito all’uso di droghe, ma più ancora in When I Will Fly Far - e come perfetta fotografia dello stato dell’arte circa la band in quel lontano 2003, Labyrinth è stato spesso valutato in maniera non esaltante. Ciò in quanto interpretato come evidente tentativo di scrollarsi di dosso l’etichetta di gruppo power e di variare l’approccio compositivo, atteggiamento vissuto come un tradimento da molti fan della prima ora. Però, specialmente alla luce degli sviluppi della situazione che vede il genere vivere da anni una situazione asfittica, quella voglia di scrive e suonare cose più diversificate tanto campata in aria non era. La voglia di fare qualcosa di differente non corrispondeva esattamente a quella di cestinare del tutto il passato e la cosa viene fuori ancora oggi ascoltando i riferimenti anni 70/80 di This World e prendendo atto dell’uso dell’Hammond ad arricchire il sound. Per soprammercato, con la prima parte di Just Soldier (Stay Down) siamo gomito a gomito col thrash anni 80, anche se poi il brano vira verso situazioni diverse descrivendo correttamente la voglia di varietà dei Labyrinth del tempo, peraltro ancora viva ai nostri giorni. A venire fuori dalla scaletta una volta inquadrate le canzoni nella filosofia del lavoro, sono in particolare Hand in Hand per il suo equilibrio tra melodia ed aggressività; Livin' in a Maze, un ponte con Return to Heaven Denied e Terzinato, per la sua dinamica. Tutte, in ogni caso, giovano della registrazione svolta a Milano e la masterizzazione effettuata in Germania presso gli House of Audio Studios, precedentemente visitati dagli Angra e scelti proprio per questo motivo. La produzione, in tutti i casi, era nettamente migliore rispetto a quella di Sons of Thunder, disco che aveva non per nulla ottenuto anche l’interesse di TV Sorrisi e Canzoni.

CD che spiazzò molti per il cambiamento nell’approccio e nella formazione e tutto sommato preparatorio per l’album successivo, decisamente più esplicito in questo senso, Labyrinth resta comunque un buon prodotto, che lo scorrere del tempo ha provveduto a far inquadrare meglio per ciò che era. Un tentativo riuscito di imboccare una nuova strada e cercare di posizionarsi in maniera più "onesta" presso il pubblico e sopra tutto verso se stessi. Caratterizzato anche dalle ottime prove strumentali e vocali dei musicisti coinvolti, è da recuperare insieme a Freeman per contestualizzare la storia del gruppo e come pro-memoria di come una deviazione dal sentiero più battuto porti spessissimo ad allungare la strada ed a fare più sacrifici, ma dia la possibilità di vedere panorami molto più belli.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
84.6 su 5 voti [ VOTA]
Enrico Bustaffa
Lunedì 25 Novembre 2019, 17.54.58
6
questo, insieme a freeman, sono i loro migliori secondo me (tolto rthd)
Maurizio
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 18.34.35
5
un disco davvero valido, uscito purtroppo per una label che non li spinse a dovere. Voto 80
Mic
Lunedì 30 Settembre 2019, 13.14.39
4
Gran bel disco
InvictuSteele
Domenica 29 Settembre 2019, 19.00.17
3
Penzo proprio che dopo il monumentale Heaven Denied questo sia il secondo capolavoro assoluto della band. Voto 88
entropy
Sabato 28 Settembre 2019, 19.39.56
2
E stato un album di rottura con il periodo power. Coraggioso potente e per me bellissimo. Voto 85
Aceshigh
Sabato 28 Settembre 2019, 18.50.04
1
Secondo me un buon album, diverso dai precedenti ma comunque niente male. A mio avviso (parere strettamente soggettivo) manca il “pezzone”, magari quelle 2/3 tracce fenomenali che potrebbero far fare l’upgrade a tutto il disco, ... ma è vero pure che non ci sono evidenti cadute di tono. Il tutto poi è condito da ottime prestazioni, soprattutto quella di Rob. Voto 75
INFORMAZIONI
2003
Century Media
Power/Prog
Tracklist
1. The Prophet
2. Livin' In A Maze
3. This World
4. Just Soldier [Stay Down]
5. Neverending Rest
6. Terzinato
7. Slave To The Night
8. Synthetic Paradise
9. Hand In Hand
10. When I Will Fly Far
Line Up
Roberto Tiranti (Voce)
Andrea Cantarelli (Chitarra)
Andrea De Paoli (Tastiera, programming)
Cristiano Bertocchi (Basso)
Mattia Stancioiu (Batteria)
 
RECENSIONI
78
75
76
79
77
90
80
ARTICOLI
13/06/2017
Live Report
RHAPSODY + EPICA + LABYRINTH
Alcatraz, Milano, 07/06/2017
08/06/2017
Intervista
LABYRINTH
Quando la musica è architettata per restare
01/03/2011
Live Report
SONATA ARCTICA + LABYRINTH + 4TH DIMENSION
Alcatraz, Milano, 27/02/2011
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
07/06/2010
Live Report
MEGADETH + SADIST + LABYRINTH
Atlantico, Roma, 04/06/2010
09/03/2004
Articolo
LABYRINTH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]