Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
GURU OF DARKNESS
Ararat

15/11/19
DENNER`S INFERNO
In Amber

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
CYHRA
Letters To Myself

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
TRIBULATION
Alive & Dead At Södra Teatern

15/11/19
LIONHEART
Valley of Death

CONCERTI

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

15/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

15/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
SCUUM - PESCARA

15/11/19
ARCANA OPERA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

16/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
FIRST FLOOR CLUB - NAPOLI

16/11/19
ASPHYX + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/11/19
THE 69 EYES
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

16/11/19
AD NOCTEM FEST
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTERS - ROVELLASCA (CO)

16/11/19
DEWFALL + VETRARNOTT
METAL SYMPOSIUM - MOCAMBO LIVE CLUB - SANTERAMO IN COLLE (BA)

Helloween - United Alive in Madrid
09/10/2019
( 2466 letture )
Pumpkins United!

Pare un grido di battaglia, un urlo premonitore, un’esclamazione al cielo che mai come stavolta non serve ad incutere timore ma a generare un hype stratosferico negli animi dei defender di mezzo mondo, proprio quel genere di cose di cui si nutrono gli esperti di mercato, va detto. Il titolo del singolo degli Helloween rilasciato due anni fa, il primo che vede il rientro definitivo dei redivivi Kai Hansen e Michael Kiske, è, nella sua semplicità, IL titolo per eccellenza, talmente diretto ed azzeccato che tendiamo a credere sia stato scelto da qualche agente o manager del gruppo tedesco. Ma non importa, ciò che importa è che dopo anni di speranze, anni che hanno visto gli Helloween proseguire una più che solida carriera con Andi Deris e prima Roland Grapow, poi Sascha Gerstner, nei ruoli lasciati dal vecchio duumvirato, assistiamo finalmente al ritorno dello stesso che ha realizzato i due album power metal più famosi della storia; un rientro che possiamo ammettere formi una sorta di nuova band, seguendo la recente cronaca, ovverosia gli Helloween + Unisonic, poiché vecchio cantante e chitarrista presenziano ancora all’interno della formazione, sulla scia di quanto fatto dai Maiden con Janick Gers ed Adrian Smith, per citare l’esempio più noto a tutti noi. Si tratta di un ritorno di cui avevamo veramente bisogno, un ritorno alle origini moralmente dovuto o solamente un’intricata quanto probabilmente riuscitissima mossa manageriale? Sono tutte domande importanti, legittime in ogni loro forma, a cui non risponderemo per limitare il numero delle battute e, fondamentalmente, perché ci interessano il giusto; noi siamo qui a celebrare United Alive in Madrid, questo comeback al completo che assume immediatamente una portata quasi mistica nel momento in cui si va a scorrere la tracklist: I Want Out, March of Time, Eagle Fly Free, Ride The Sky, sono solo la punta dell’iceberg di ciò che contiene questo reperto storico (lo diverrà sicuramente fra una ventina d’anni), un concerto facente parte del Pumpkins United Tour registrato il 9 dicembre 2017 al WiZink Center di Madrid a cui sono stati aggiunti due Blue Rays dalla durata complessiva di oltre quattro ore intitolati semplicemente United Alive.

Un’opera, o per meglio dire, uno show mastodontico che percorre una carriera della power metal band europea per eccellenza, senza nulla togliere ad altri nomi di punta, partendo dall’EP omonimo del 1985 omaggiato con uno stralcio di Starlight per concludere con il penultimo Straight Out of Hell. L’atmosfera è di quelle elettrizzanti, personalmente avrei pagato anche prezzi folli per poter presenziare ad una serata che, solamente stando alla sua registrazione, pare sottostare tranquillamente all’aggettivo “magico”: sentire Kiske e Deris cantare insieme i grandi classici degli Helloween è uno spettacolo che raggiunge il climax durante il ritornello di A Tale That Wasn’t Right, due bocche di fuoco che, secondo differenti interpretazioni, starebbero gareggiando per prevalere una sull’altra oppure unendosi simbioticamente formando la tanto voluta (quasi) perfezione vocale. Oggi più che mai rimane impossibile fare i democristiani e mettere i due vocalist sullo stesso rango, faremmo un grave torto a Michael che si dimostra nettamente superiore al compagno sia per pulizia del suono che per minore sforzo a raggiungere certi picchi, nonché più protagonista per quanto riguarda la scaletta (ma questo si sapeva in partenza). Ricordiamo comunque che i cantanti in questo United Alive in Madrid sono tre, ricordiamo che Mr. Kai Hansen oltre a macinare i riff e i debordanti assoli che hanno accompagnato la nostra adolescenza si diletta anche al microfono in un medley bomba del periodo Walls of Jericho, in How Many Tears (in cui si mette in mostra anche l’eterno bassista Markus Grosskopf) e la già citata Pumpkins United, dimostrando anch’egli le proprie qualità e constatando di non aver perso un grammo della cattiveria dei trentennali esordi. Dall’incedere della traccia omonima, dopo l’intro registrato, è un continuo tripudio del pubblico: A Little Time è gioia melodica sgorgante copiosa, suonata e soprattutto cantata divinamente, If I Could Fly e Sole Survivor, pur non facendo parte della “golden era” delle zucche, fanno faville e sviluppano grande interazione con il pubblico, anche per permettere ai due ultracinquantenni cantori un attimo di tregua, Keeper of the Seven Keys è un viaggio senza eguali di diciassette minuti con il quale riusciamo a immaginare le avventure fantasy più disparate rimanendo comodi dove stiamo. Chiaramente i Nostri non sbagliano una nota che sia una, portando avanti l’esibizione con la lucidità dei più grandi, consapevoli di esserlo soprattutto in questo tour comprendente 69 show che hanno causato un metaforico terremoto nell’intero universo metal; va da sé che non tutte le composizioni abbiano lo stesso appeal degli estratti ottantiani ma notiamo comunque una certa uniformità d’esultanza nell’arco delle due ore e mezza scarse che completano il lavoro, il quale chiude i battenti con l’immortale I Want Out come ennesimo bis e congeda tutti quanti da questo rituale d’altri tempi che, operazione commerciale o meno, merita il massimo dei voti in ogni sua componente.

Massimo dei voti che non si concretizzerà nel massimo dei voti in calce a questa recensione; per United Alive in Madrid diamo un voto simbolico, anche perché se dovessimo farci prendere troppo dall’emozione, dai ricordi suscitati o da altri elementi analoghi finiremmo per non farci bastare il 100 e di conseguenza gli assegneremmo un S.V., pratica che vorremmo evitare il più possibile. Parliamo di un vero e proprio “best of” dal vivo, sarebbe erroneo giudicarlo alla stregua di un normale full-lenght, ma detto ciò non possiamo che levarci il cappello di fronte agli Helloween, di fronte a quanto realizzato in trentacinque anni di gloria, gioie, dolori (immancabile il tributo a Ingo nell’assolo di batteria di Daniel Löble, effettuato tra I Can e Livin’ Ain’t No Crime, rimasto però fuori dall’album) e un affetto popolare fuori dal comune rappresentato pedissequamente da questa testimonianza, a cui seguirà prossimamente un nuovo LP in studio su cui bramiamo di metter mano il prima possibile.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
97.82 su 29 voti [ VOTA]
Mic
Giovedì 7 Novembre 2019, 18.08.59
41
Ascoltando il Triplo CD. Bene le vecchie canzoni. Dico la mia: via dalla scaletta Perfect Gentleman, Why, Power, forever and One, Waiting for the Thunder e Are You metal, dentro una tra Just a Little Sign e Open Your life; kill it, Revelation (tributo al grande Kusk), Nabatea e udite udite... First Time dal dimenticato Chameleon
ObscureSolstice
Venerdì 18 Ottobre 2019, 21.18.51
40
Radamanthis dice bene, hanno fatto rodaggio nel tour nelle diverse date successive e ha fatto solo bene alla band, li vedo sempre più coinvolti e affiatati, all'inizio non era proprio così. La voce nonostante quella di Kiske avesse alcuni problemi come prima in sudamerica e nella nostra, è sembrata una voce più che soddisfacente nella data italiana veramente da pelle d'oca e il pubblico lo ha capito nel momento in cui nella data di Milano aveva un leggero calo ad aiutarlo nell'intonazione verso fine concerto, per ringraziarlo di tutto per la prova piú che dignitosa. Se si pensa a dopo nelle date successive quando si è ripreso dall'influenza con la voce cosa ha potuto fare, prova stellare e una tenuta palco sempre piú migliore. Non capisco cosa possa aver sentito, chi, a vedere un concerto del genere dagli spalti, e come si può vedere la reunion degli Helloween sugli spalti è abbastanza discutibile come scelta, bah ma ognuno sceglie quello che vuole. Tornando e quotando Radamanthis anche al @25, questo è già una pietra miliare di live che sarà ricordato in futuro e verrà preso come spunto da esibizione a due-tre vocalist contemporaneamente che è stata fattibile. Tuttavia, l'ultima chance di assistere a un grande show è stata questa, la scusa dei voli degli anni '80 che non esistevano non è piú una scusante credibile e nè accettabile, per chi si trova pure nelle migliori locazioni europee di concerti, per quelle persone c'è solo: i video su youtube e la poltrona da princess da giuria a fare la mara maionchi anziana col chiodo colorato a trarre giudizi di quello che non ha visto al concerto, perché non c'era, come per altre band. L'ultima chance!! L'ultima chance cara maionchi del metal e degli Helloween!! Ahah È stata questa l'ultima chance sprecata per vedere la storia del metal al massimo, per chi non si muove neanche sotto i bombardamenti da fuori la porta di casa. Hansen + Kiske + Deris, cosa si vuole di più. Live che sará tra i più importanti da qui a seguire, questo 2019 sará importante...come lo è stato il 1969-'79-'89. Pumpkins United, da raccontare. "Vedi figliolo, questa era la Storia del power metal..."
xXx
Venerdì 18 Ottobre 2019, 8.34.07
39
Visto anche io. band strepitosa. Kiske immenso e in forma super!
Radamanthis
Giovedì 17 Ottobre 2019, 20.34.52
38
Mi sono guardato in streaming il concerto al Rock in Rio...che spettacolo! Scaletta ridotta per uno show da 1 ora precisa, purtroppo non hanno eseguito ne Halloween ne Keeper of the 7 keys e il medley di Kai ridotto all'esecuzione di Ride the sky e basta ma lo spettacolo è stato...spettacolare! Una band in formissima che si trova al 100% a suo agio sul palco e trasuda complicità tra i membri, credo siano veramente un gruppo di amici che ha superato i problemi del passato. Davvero grandiosi! Performance spettacolari di tutti! Kiske e Deris sembrano fatti per cantare assieme! Ora non mi resta che aspettare con trepidazione e ansia il nuovo album di brani inediti....il rodaggio on the road di questo tour avrà fatto certamente bene a questa band!
progster78
Lunedì 14 Ottobre 2019, 16.18.42
37
Finalmente mi e' arrivato e l'ho visionato ieri sera,veramente molto bello(non avevo dubbi), solo un piccolo neo mi sembra che con i bassi abbiano esagerato un po'.
AlinoSky
Lunedì 14 Ottobre 2019, 0.40.52
36
@painkiller. Il mio commento era riferito al live di Milano. All'inizio della tournée ha anche cantato in playback poi voce sua. Michael non si discute ma a Milano non ne aveva
Painkiller
Domenica 13 Ottobre 2019, 20.56.21
35
@AlinoSky: rileggiti il mio commento N#21. Ci ha messo parecchio tempo ad uscirne ma poi.....ci sono diversi video amatoriali della seconda parte del tour a testimoniare quanto canta ancora da paura Kiske. Colleghi spagnoli che erano a Madrid mi hanno confermato che è tutto vero...poi non è solo questo che rende grande questo live. La chimica sul palco, le esecuzioni strumentali, a Milano tutto quello ha funzionato, anche a Madrid, e si vede. È un prodotto che visivamente è stupendo, la qualità video del blu ray è pazzesca, il suono è ottimo e, come ha scritto qualcuno, anche il libro fotografico è un prodotto di alta qualità. United Alive é la testimonianza di una festa, la più bella per tutti i fan degli Helloween, che non potevano sperare in una reunion di questo tipo perché semplicemente era fuori dalla loro immaginazione...
AlinoSky
Domenica 13 Ottobre 2019, 19.49.03
34
A Milano ero presente, in tribuna dove il suono arriva perfetto e sentire che Kiske è stato un grande mi vengono i brividi. Proprio non riusciva in quella data quindi non capisco certi elogi. Il kiske con gli avantasia e unisonic era devastante ma non quello del forum
paju
Domenica 13 Ottobre 2019, 11.37.47
33
grande prodotto e grande Live.. Un bel tour e un bello spettacolo. una cosa lampante secondo me. Il ritorno di Kiske e hansen è da orgasmo. Ma mentre nel caso di hansen niente da dire, anzi prestazione SUPER. Nel caso di Kiske (ho visto 2 live di questo tour) posso dire che fa il suo buon lavoro ma ormai è LETTERALMENTE surclalssato da Deris cheè il vero cantante degli Helloween ormai(visti anche gli anni di permanenza della band) I migliori ... Deris, Hansen, geschner. ciao
HeroOfSand_14
Domenica 13 Ottobre 2019, 11.04.27
32
@Silvia: in realtà ho letto in giro che è stato un pò ritoccato questo live, soprattutto alcuni volumi ma non so nulla delle voci. Ormai è difficilissimo trovare un live album senza ritocchi comunque, addirittura delle volte alcune parti vengono ricantate in studio (dubito sia questo il caso). Certo è che qui non si sentono errori evidenti (che ci starebbero) ed un pò puzza, ma va bene cosi
Steelminded
Sabato 12 Ottobre 2019, 21.01.31
31
Vitadathrasher nel mio caso hanno suonato praticamente alla perfezione...
fasanez
Sabato 12 Ottobre 2019, 19.16.02
30
Vlad 28 Si, a Milano tranne qualche piccolo problema alla chiatarra di weikath risolto abbastanza ala svelta, sono stati al limite della perfezione.
Silvia
Sabato 12 Ottobre 2019, 13.22.00
29
Ci sono su Youtube i video amatoriali delle date registrate. Incredibili davvero e come ho scritto prima è fantastico il fatto che non abbiano ritoccato l'esibizione (almeno così mi sembra ad un primo ascolto). Belli i vostri commenti sognanti 😀
Vitadathrasher
Sabato 12 Ottobre 2019, 13.04.01
28
Chiedo a chi gli ha visti dal vivo......hanno suonato perfettamente come si sente in questi video? Perchè è tutto perfetto, voci immacolate, markus il top, hansen ecc...
Painkiller
Sabato 12 Ottobre 2019, 12.46.17
27
Mi associo ai commenti di Poss, Rada, Heroes...ragazzi io c’ero al monster 1988 a Modena con Helloween ed Iron Maiden., Kiss e Anthrax. Avevo 13 anni e con un amico bigiammo la scuola e prendemmo il treno. Ho le lacrime al pensiero....sentire la band quasi al completo (RIP caro Ingo...) in questa forma...ed il pelatone....chi c’era a Milano nel tour di pink bubbles forse si ricorderà che ad un certo punto il microfono di Kiske smise di funzionare...va beh che ero in prima fila ma la voce di Michelino si sentiva lo stesso!!! Come dicevano dalla Zanicchi e Sabani??? Cento cento centooooo!!!!
fasanez
Sabato 12 Ottobre 2019, 12.18.58
26
Poss 18, hai ragione da vendere. Ho inziato a vedere il live e a rivivere quello del forum a Assago, che dire.... mi hanno preceduto radamanthis al 25 e Painkiller al 17. Quotone
Radamanthis
Sabato 12 Ottobre 2019, 10.55.32
25
Non ci sarà da aspettare anni per rendersi conto che questo live sarà una pietra miliare della musica metal in sede live come pochi album del passato lo sono rimasti a distanza di anni. I primissimi che mi vengono in mente Live shit bringe & purge dei Metallica, Alive in Athene degli Iced Earth, Live after death dei Maiden
HeroOfSand_14
Sabato 12 Ottobre 2019, 10.23.17
24
L'altro ieri ho visto 40 minuti del live in blu ray, arrivato pochi giorni fa in un cofanetto veramente bellissimo. Sono restio a comprare dvd di concerti di norma ma questo era un must per i motivi che sappiamo, ed in più per un motivo personale, ovvero che nel 2017 avevo preso il biglietto per vederli a Milano pieno di voglia, per poi trovarmi a rivenderlo per la mancanza della stessa a fare uno spostamento abbastanza lungo e costoso. Decisione che mi rimangerò per tanto tempo. Comunque, a parte la presentazione fisica del cofanetto stampata e colorata benissimo, l'artbook merita per la qualità anche questo delle foto. Però, ragazzi, che dvd pazzesco! Video e audio super, immagini nitide e riprese divertenti e veramente gradevoli, veramente merita tutti i 26 € (pochi rispetto ad altri prodotti simili) spesi, e sono ancora neanche a metà del contenuto. Ma lasciatemi dire perchè ho commentato prima di aver finito di vederlo: sono rimasto abbagliato dall'esecuzione di I'm Alive e Rise And Fall come mai avrei immaginato. Il fatto è che era una vita che non ascoltavo questi due brani, ed è parecchio che non mi metto ad ascoltare le zucche in generale, e sentirli cantati alla grande da colui che li cantava (alla grandissima) 30 anni fa è stata una emozione notevole. Sarà poi il pubblico che canta il ritornello della prima, sarà l'inquadratura proprio sui fans che aumenta il senso di "canzone cantata in coro", sarà che Rise And Fall, nella sua costruzione goliardica, è spettacolare e divertente, sarà che I'm Alive è una bordata power diretta e riuscita come pochissime altre.. Fatto sta che mi sono veramente venuti i brividi. Un plauso ovviamente va poi a Deris, capace di risollevare le sorti delle Zucche 25 anni fa, capace di scrivere bei pezzi e di cantare alla grande però per rimanere riconosciuto come "il nuovo cantante". Io che ho sempre amato alla follia Kiske, tanto da essere quasi fanboy anni e anni fa, mi sono poi reso conto di quanto importante fosse stato e sia Andi, che mai mi ha fatto impazzire per il timbro. Resta il fatto che averli entrambi sul palco, da amici, è qualcosa di irripetibile. E rivedere il pelatone cantare tutto un concerto su tonalità simili..è da applausi.
Christian death rivinusaS
Sabato 12 Ottobre 2019, 8.25.09
23
Live bellissimo ......anch’io al forum ero presente ed e’ stato uno dei piu’ bei concerti che abbia mai visto, soprattutto quando ho sentito il medley di hansen e la stupenda how many tears....daris li e’ stato fantastico , consiglio ha the clasman di vedere il live di rock in rio....sono sicuro che su kiske cambierai idea, li hanno veramente spaccato, hanno fatto anche ride the sky per intero ...bellissima! Che dire voto altissimo 100
Nòesis
Venerdì 11 Ottobre 2019, 23.39.18
22
Clansman, ascolta questo album e dimmi oggettivamente chi Canta meglio
Painkiller
Venerdì 11 Ottobre 2019, 23.11.53
21
@clansman: deduco che tu non sappia che ad inizio tour, per tutte le date italiane ed oltre, Kiske aveva la raucedine, e non ha fatto nulla per nasconderlo. A Milano ha visibilmente chiesto scusa e ringraziato Andi. Poi quando si è ripreso, nei mesi successivi...basta che sul tubo guardi/ascolto live recenti.
TheClansman1974
Venerdì 11 Ottobre 2019, 22.18.26
20
I due keeper sono tra i miei dischi preferiti in assoluto ma sia al concerto di Firenze che su youtube a me Kiske mi ha deluso , soprattutto sulle note alte, Deris ha dominato , anche sui suoi pezzi. March of time la suonano a un tono piu basso. Per non parlare dello scandalo playback. Sascha è inguardabile e mancano Grapow e Kusch
Steelminded
Venerdì 11 Ottobre 2019, 21.36.44
19
Io che ho avuto la fortuna di assistere allo show non posso che dare 100. Uno spettacolo enorme! Evviva le zucche!!!
Poss
Venerdì 11 Ottobre 2019, 21.31.09
18
Che concerto. Sono sicuro che quella sera Kai e soci, guardando giù dal palco, hanno visto migliaia di ragazzini di 15, 18, 20 anni con sorrisi larghi e corna al cielo. Quei ragazzini avevano in realtà 30, 40, 50 anni. Ma non quella sera. Abbiamo parcheggiato tutti la macchina del tempo fuori dal Filaforum e abbiamo festeggiato con le zucche per tutta le sera, fino all ultima nota. E poi di nuovo in macchina a dormire, mentre i nostri genitori ci riaccompagnavano nel presente.
Painkiller
Venerdì 11 Ottobre 2019, 20.43.57
17
Arrivato il cofanetto, ascoltato il primo cd....ok Noesis, ha ragione Rada, cambia voto, metti 100 e non se ne parla più. Non c’è unaragioneuna per dare di meno. S-P-E-T-T-A-C-O-L-A-R-E!!!
robby
Venerdì 11 Ottobre 2019, 16.59.02
16
quanto mi piace!
Silvia
Venerdì 11 Ottobre 2019, 14.41.53
15
Walls of Jericho ha conquistato molti di noi, anche io lo preferisco e risentire oggi quei pezzi cantati da Kai e' favoloso . Peccato che faccia solo un medley qui
Diego75
Venerdì 11 Ottobre 2019, 14.18.30
14
Mah .... sinceramente non sempre stato molto restio nel comperare I live albulm....non so nemmeno io per quale motivo....ma gli helloween che ricordo maggiormente sono quelli di walls of Jericho...forse perche’ da ragazzino comperavo un sacco di uscite di dischi speed metal in lp...su etichette come la noise o la mausoleum records....o la combat records....dopo quando usci’ Keeper il primo con Derris “ottimo disco” ....ma secondo me hanno perso troppo il mordente iniziale e da lì non li ho piu’ seguiti.
Silvia
Venerdì 11 Ottobre 2019, 13.03.09
13
x me Deris sta benissimo nei suoi pezzi con la sua voce "stradaiola" e ma in quelli di Kiske non c'e' proprio confronto, Michi continua a far sognare. Comunque io ho sempre reputato questa reunion come un qualcosa di separato dagli attuali Helloween. Il passato con Kiske e il presente con Andi sono semplicemente ere diverse a mio avviso e questo gruppo non ha mai avuto una sola "anima" ma diverse, come diversi sono sempre stati i songwriters di questo incredibile gruppo
AlinoSky
Venerdì 11 Ottobre 2019, 12.54.33
12
da grande fan di kiske, Andi vince in tutti e per tutto. La vera anima delle zucche è Deris
angus71
Venerdì 11 Ottobre 2019, 11.51.49
11
cofanetto ricevuto, visto, ascoltato. bellissimo. non saprei nemmeno che voto dare.
duke
Giovedì 10 Ottobre 2019, 15.57.23
10
....disco interessante...non vedo l'ora di ascoltarlo e vederlo....visto che ordinero' il box di dvd....un pezzo di storia.....
mauroe20
Giovedì 10 Ottobre 2019, 14.01.06
9
cofanetto ordinato aspetto di valutare ….
xXx
Giovedì 10 Ottobre 2019, 13.37.34
8
un qlc di spettacolare. sentire hansen e kiske nelle zucche mi fa rimembrare la giovinezza qnd si iniziava ad imparare l'heavy metal. kiske la voce della mia vita! voto 99
tino
Giovedì 10 Ottobre 2019, 12.22.28
7
Sono stato fan degli helloween dai tempi di hansen e ne ho seguito la carriera fino a fine anni 90, poi ho perso interesse e li ho abbandonati ma non dimenticati. Questa operazione per me non sarebbe mai stata necessaria, non ne sentivo il bisogno, ma in fin dei conti è comunque un bene per tutti che si sia fatta perché dal vivo sembra che siano in grado di portare un grande spettacolo, su disco invece sarà tutto da dimostrare anche se avantasia insegna che si possono fare grandi cose, anche con più cantanti, in un genere, il power, che secondo me è quello invecchiato peggio. Kiske senza dietro un gruppo solido non andava da nessuna parte ed era diventato una specie di soto, lande, owens, perso, con sammett era ritornato ad essere protagonista ed ora penso che possa sfruttare tutta la spinta inerziale per agganciare con gli helloween una seconda giovinezza. Il tempo dirà anche se saranno in grado di tirare la carretta del genere per altri dieci anni dopo i prossimi pensionamenti, il fatto che facciano grandi spettacoli è un segnale incoraggiante. Condivido le considerazioni su grapow e kusch, due musicisti dimenticati troppo in fretta e sottovalutati, però è anche vero che i due attuali rimpiazzi sono straordinari quindi non ci sarebbe stato spazio comunque. Da valutare se investire nel dvd
Nòesis
Giovedì 10 Ottobre 2019, 11.48.21
6
Eh, come scritto, 100 sarebbe pure poco per le emozioni trasmesse anche a me che non ho avuto la fortuna di essere presente all'evento Magari fra vent'anni davvero lo valuteremo come uno dei best live ever
Radamanthis
Giovedì 10 Ottobre 2019, 10.58.41
5
Concerto di Milano presente, un ricordo che conservo nel cuore ed un'emozione incredibile. Ora non vedo l'ora che arrivi il cofanetto per potermi rivivere lo show comodo sul divano! Ho per ora solo ascoltato il cd. Questo show è stato un vero e proprio best of live, che va a ripercorrere la storia di questa band con i quattro membri storici (Kai, Markus, Weiki e Michi) riuniti sotto la bandiera delle zucche ed alla presenza di un grande membro ormai storico pure lui (Andi) e due ottimi innesti (Dani e Sascha). Tributo doverosissimo a Ingo (non li avrei mai perdonati se non avessero fatto qualcosa in suo onore...RIP Mr. Smile). Peccato che della combricola non hanno fatto prendere parte a Roland che ha scritto pagine importantissime con la band. Se lo sarebbe meritato sia lui che Uli (una comparsata gliela potevano riservare!). Performance perfetta, non una nota sbagliata, un un qualcosa di non riuscito, tre voci che hanno fatto la storia e mi hanno accompagnato nella mia vita! Grazie Helloween! Voto 100 (per la storia, per il risultato, per le emozioni, per la qualità, per tutto! Noesis...sto 83 cancellalo e metti 100!
Silvia
Giovedì 10 Ottobre 2019, 10.31.50
4
Rimpatriata di Kai e soprattutto Kiske attesa da tutti i fans che non ha deluso nessuno penso! Come dice Simone emozioni incredibili, io ho visto solo i video all'epoca del tour e mi sono commossa, immagino chi c'era cosa deve aver provato! X quanto riguarda il disco non sembra ritoccato quindi questo è sicuramente un aspetto molto molto positivo dal mio punto di vista
SOM
Giovedì 10 Ottobre 2019, 8.05.01
3
Operazione commerciale, nulla di piú! Infatti da me non riceveranno un centesimo!
ObscureSolstice
Giovedì 10 Ottobre 2019, 0.09.25
2
Bentornato, Michael Kiske! Rivederlo con Weikath nella stessa band delle zucche è alquanto rincuorante, fa un effetto strano ma piacevole come un sogno nel cassetto che si avvera, come la perfezione di una band per natura tornata insieme. Questa è stata la reunion più sperata di chiunque. Spero di poter avere l'occasione per ripetere, che avrei visto senza problemi almeno un altra volta...E ora, si aspetta il disco nuovo degli Helloween con Kiske e Hansen e tutta la combriccola. Ma sicuramente, l'attesa è stata di Michael Kiske negli Helloween..una delle ugole piú strabilianti del Metal. Anni fa non ci avrei mai creduto
Painkiller
Giovedì 10 Ottobre 2019, 0.02.00
1
Ringrazio il cielo di esser stato in prima fila a Milano. Che band...domani arriverà a casa il cofanetto e non sto nella pelle!
INFORMAZIONI
2019
Nuclear Blast
Power
Tracklist
Disc one
1. Halloween
2. Dr. Stein
3. I’m Alive
4. If I Could Fly
5. Are You Metal?
6. Rise and Fall
7. Waiting for the Thunder
8. Perfect Gentleman
9. Kai’s Medley (Starlight/ Ride the Sky/ Judas/ Heavy Metal is the Law)
10. Forever and One
11. A Tale That Wasn’t Right

Disc two
1. I Can
2. Livin’ Ain’t no Crime/ A Little Time
3. Sole Survivor
4. Power
5. How Many Tears
6. Invitation/ Eagle Fly Free
7. Keeper of the Seven Keys
8. Future World
9. I Want Out
Line Up
Michael Kiske (Voce)
Andi Deris (Voce)
Kai Hansen (Chitarra)
Michael Weikath (Chitarra)
Sascha Gerstner (Chitarra)
Markus Grosskopf (Basso)
Daniel Löble (Batteria)
 
RECENSIONI
70
77
40
75
72
74
55
58
68
75
80
80
70
64
67
82
90
95
90
ARTICOLI
23/11/2017
Live Report
HELLOWEEN
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/11/2017
27/07/2015
Intervista
HELLOWEEN
La vita è più facile se ascolti gli Helloween!
19/08/2012
Articolo
HELLOWEEN
La biografia
24/01/2011
Live Report
HELLOWEEN + STRATOVARIUS
Atlantico, Roma, 19/01/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]