Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Paradise Lost
Obsidian
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/06/20
KULT MOGIL
Torn Away the Remains of Dasein

08/06/20
DIVINE WEEP
The Omega Man

12/06/20
MICHAEL ANGELO BATIO
More Machine than Man

12/06/20
VEGA
Grit Your Teeth

12/06/20
STINKY
Of Lost Things

12/06/20
VALDRIN
Effigy of Nightmares

12/06/20
THE OTHER
Haunted

12/06/20
BPMD
American Made

12/06/20
ELM
The Wait

12/06/20
VISION DIVINE
Send Me an Angel (ristampa)

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Regurgitate - Carnivorous Erection
09/11/2019
( 1083 letture )
Non ci stupiremmo se moltissimi ascoltatori abbiano familiarità con questa copertina, perché probabilmente, Carnivorous Erection è il disco estremo più “noto” esteticamente in ambito metal. Sarà capitato a tutti di vedere il buffo lavoro a opera di Wes Benscoter, disegnatore di tutto rispetto che vanta sul curriculum copertine per Autopsy, Incantation, Slayer e tanti altri grandi nomi. Nel 2000, a seguito dell'ottimo Effortless Regurgitation of Bright Red Blood (1996) i Regurgitate rilasciano Carnivorous Erection per la Relapse Records, segnando anche un cambio di etichetta non indifferente.

Registrato e mixato ancora una volta con Mieszko Talarczyk dei Nasum, il disco presente delle differenze rispetto al lavoro precedente che in qualche modo “cambiano” un po' il volto del gruppo. Non che il trio svedese si fosse messo a suonare pop rock, idea affascinante, ma gli accorgimenti in termini di suono si notano da subito. Sempre fedeli alla tradizione grindcore più marcia, con quindi (trentotto) canzoni che si avvicinano a malapena ai due minuti, in termini di approccio non cambia nulla; fin dalle prime battute si viene letteralmente gettati in una “cloaca sonora” che non lascia respirare per mezz'ora, con uno stile compositivo in linea con quanto ascoltato sul debutto. Un mix di death metal e punk/hardcore sfrenato che raramente lascia spazio a rallentamenti, e quei pochi che ci sono, sono giusto di passaggio. Ma se sul primo il senso di caos e marciume erano messi in evidenza da una produzione volutamente poco curata (ed efficace!), questa volta le cose sono leggermente diverse. Oltre alla completa assenza di intermezzi presi da film, il suono è nettamente più pulito, e questo permette agli strumenti di guadagnare più spinta (fate attenzione al basso), con volumi decisamente più alti e sovrastanti. Il senso di marcio viene evidenziato questa volta dalla voce; su Effortless Regurgitation of Bright Red Blood, Rikard si affida ad un growl molto basso e indecifrabile, questa volta invece, oltre ad esso e alle diverse varianti di growl e scream, la voce dello svedese è perennemente modificata da un effetto “liquido”; si ha a che fare più con un suono riconducibile ad un gorgoglio che a tratti impazzisce e si trasforma in urla piuttosto strane. Per quanto nell'insieme possa essere visto come un disco “ridicolo”, Carnivorous Erection è un album di tutto rispetto nel suo genere, con canzoni che dall'inizio alla fine tengono alto il ritmo e intrattengono l'ascoltatore che da queste sonorità vuole sono una cosa ben precisa. Bisogna inoltre contestualizzare il lavoro tenendo conto che un lavoro così usciva nel 2000, ed era qualcosa di piuttosto inusuale che un gruppo così raggiungesse un pubblico più ampio grazie all'etichetta discografica. Non che gli svedesi siano diventati i Metallica del grindcore (o goregrind se preferite), ma è certo che abbiano guadagnato una certa notorietà rispetto a gruppi simili, oltre al fatto che l'interesse nei loro confronti ha dato il via alla scoperta di un sottobosco musicale chiamato generalmente “pornogrind” (Sperswamp, Cock And Ball Torture, Rompeprop e tanti altri che scoprirete, buon divertimento).

Nonostante tutto le canzoni ci sono e funzionano, anche se per brani così corti viene difficile citarne qualcuno. Sicuramente vale la pena soffermarsi su quelle più lunghe in cui la capacità di scrivere brani riusciti viene fuori meglio (tanto che c'è spazio anche per una strumentale, Stinking Genital Warts); Fecal Frek, la title track, Parade of the Decapitated Midgets, Rancid Head of Splatter, Carbonated Death, Pyronecrobestiality e The Combustion and Consumption of Pyorrheic Waste dimostrano come il grindcore dei tre non ha assolutamente niente da invidiare a quello di altri gruppi del periodo, e anzi, una volta abituatisi alla voce, il disco si lascerà apprezzare nella sua interezza, scelte grottesche o meno. Brani incalzati, caos dal primo all'ultimo minuto e una degenerazione artistica singolare, fanno di Carnivorous Erection non solo uno degli album che più vale la pena rispolverare e riconsiderare, ma anche uno dei più seriamente riusciti degli anni 2000.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
64.4 su 5 voti [ VOTA]
duke
Lunedì 11 Novembre 2019, 9.55.33
10
...ma dai...era una risata...ahhaaa ahhaaa...
No Fun
Domenica 10 Novembre 2019, 23.36.00
9
No ma @duke commento #2, quel "...ahhh ahhh..." cioè dai non mi sembra il caso di eccitarsi. Contieniti @duke 😂
Dead again
Domenica 10 Novembre 2019, 18.45.02
8
Di quelle facce se ne vedono in giro tutti i giorni!!! 🤔 🤔 😂😂 A parte la battuta il disco spacca i Gutalax al confronto sono pop. 😂 😂
David D.
Domenica 10 Novembre 2019, 18.42.32
7
La copertina è solo Sacrifice dei Motorhead vista con maggior dettaglio ahahahah...
No Fun
Domenica 10 Novembre 2019, 17.59.04
6
Sono sconvolto dalla lunghezza della lingua della tipa
Galilee
Domenica 10 Novembre 2019, 12.44.20
5
Disco superfico e copertina paradossalmente divertente. Questo è sickening Bliss top.
lisablack
Domenica 10 Novembre 2019, 5.25.42
4
Copertina da vomito..non ho mai sentito questo disco, mi ha incuriosito la recensione..rimediero'.
Metal Maniac
Domenica 10 Novembre 2019, 0.48.13
3
ma la copertina è bellissima!
duke
Sabato 9 Novembre 2019, 22.24.35
2
...tra le copertine piu' assurde.....che cosa si inventano per farsi notare...ahhh ahhh...
paolo
Sabato 9 Novembre 2019, 19.35.43
1
Copertina del ca**o
INFORMAZIONI
2000
Relapse Records
Grindcore
Tracklist
1. The Pulsating Feast
2. Domination Through Mutilation
3. Escort Service of the Dead
4. Obscene Body Slayings
5. Fecal Freak
6. Humiliated in Your Own Blood
7. Just Another Stillborn
8. Parade of the Decapitated Midgets
9. Ruptured Remains in a Doggybag
10. Copious Head Carnage
11. Carnivorous Erection
12. Relentless Pursuit of Rotting Flesh
13. Swallow the Human Filth
14. Dismantle the Afterbirth
15. Choked in Shit
16. Funeral Genocide
17. Rancid Head of Splatter
18. Rage Against Humanity
19. To Boil a Corpse
20. Bloody Pile of Human Waste
21. Drenched in Cattleblood
22. Carbonated Death
23. Skull of Shit and Sludge
24. Desperate Need for Violation
25. 37 Stabwounds
26. Vomified (Regurgitated to the Core)
27. Headless She Died
28. Breath Like Rotten Meat
29. I Wanna Kill
30. Clawhammer Castration
31. Festering Embryonic Vomit
32. Smeared with Bloodmixed Semen
33. You're About to Fuckin' Die
34. Stinking Genital Warts
35. Pyronecrobestiality
36. Self-Disembowelment
37. Savage Gorewhore
38. The Combustion and Consumption of Pyorrheic Waste
Line Up
Rikard (Voce)
Urban (Chitarra, Basso)
Jocke (Batteria)

Musicisti ospiti
Rickard Alriksson (Voce)
Mieszko Talarczyk (Voce)
 
RECENSIONI
92
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]