Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

Exciter - Long Live the Loud
16/11/2019
( 587 letture )
Long Live the Loud… un titolo, un programma. Anche un neofita di cultura musicale “metallica” può immaginare a cosa andrà incontro nel momento in cui decida di ascoltare il terzo full-lenght dei canadesi Exciter. Band attiva sotto questo moniker dal 1980, nacque dalle ceneri degli Hell Razor prima e dei Jet Black poi, entrambi ex gruppi del chitarrista solista John Ricci per mezzo dei quali incontrò sulla sua strada i futuri restanti membri della line up originale ovverosia il batterista e cantante Dan Beehler e il bassista Allan Johnson. Avete letto bene, “batterista e cantante”. È bene ripetere questa caratteristica poiché tutt’altro che comune nel mondo musicale professionista (i batteristi che ricoprono anche il ruolo di vocalist principale in una band li contiamo sulle dita di una mano) e ritenuta molte volte come impossibile da realizzare. Dan Beehler smentisce questa presunta ipotesi sfoggiando una buona tecnica dietro le pelli e al tempo stesso coronando le otto tracce di questo lavoro con acuti folgoranti e decisamente coinvolgenti, in alcuni frangenti andando anche a discapito della mera tecnica vocale: il buon Dan infatti tende spesso e volentieri ad abusare del concetto di screaming anche laddove non ve n’è il più impellente bisogno risultando alla lunga leggermente fastidioso e tendente alla stonatura. Fortunatamente non c’è nulla da eccepire sulla sezione ritmica composta da basso e batteria: il quattro corde non funge da semplice sottofondo ma sale alla ribalta in diverse occasioni accanto all’ascia di Ricci donando dinamicità al sound complessivo mentre il drumming di Beehler è frenetico e preciso al punto giusto. Il lavoro alla chitarra di John è, ovviamente, di altissimo livello; stiamo parlando dell’uomo i cui riff (di chiara ispirazione NWOBHM) hanno contribuito alla nascita di un nuovo sottogenere come lo speed metal, certo leggermente ambiguo e non facilmente inquadrabile nelle sue successive apparizioni nonché spesso considerato sinonimo del thrash ma tant’è. E non è poco.

Gli Exciter sono considerati i padri dello speed fin dalla pubblicazione del loro debut album, quell’Heavy Metal Maniac uscito due anni prima e ancora oggi considerato (al pari del successivo Violence & Force, mio album preferito del combo) come pietra miliare del genere. Long Live the Loud si assesta su livelli inferiori rispetto alle precedenti uscite ma comunque più che buoni. Il sound del gruppo è nato da un’evoluzione più o meno coeva e simile a quella che produsse la nascita del thrash californiano ovvero l’estremizzazione del suono dell’heavy metal di Judas Priest & co. (a proposito, da dove pensate abbiano preso l’ispirazione per il nome della band?) aumentando l’intensità d’esecuzione e utilizzando suoni più cupi. Esempio perfetto di quest’ultimo carattere è Victims of Sacrifice, quarta traccia del lotto, contenente un intro preso a piene mani dai Mercyful Fate e poi sviluppato in maniera più personale con il basso di Johnson molto presente sul finale. Non mancano poi le influenze motorheadiane come nel riff di Born to Die e ovviamente aleggia ovunque lo spettro maideniano. Il rimpianto maggiore che suscita questo lavoro alla fine di qualche ripetuto ascolto è il rendersi conto che gli Exciter sono andati vicinissimi a comporre il terzo capolavoro consecutivo: sì, perché le conclusive Born to Die e Wake up Screaming (in particolare la seconda, a mani basse la migliore dell’intero platter) sono due gemme preziose, di un altro pianeta rispetto ai due filler che le precedono; perché la title track (con un testo che non sfigurerebbe in un qualsiasi lavoro di Joey DeMaio e compari) è un anthem indiscusso e riuscitissimo così come I am the Beast è un’autentica mazzata sui denti (al netto delle esagerazioni del vocalist già spiegate in precedenza) ma la già citata Victims… non convince appieno. Insomma, questi tre ragazzacci avevano tutti i mezzi per fare il grande botto anche in questa occasione ma probabilmente la fretta derivante dal voler cavalcare l’onda del “successo” ha preso il sopravvento sull’eseguire qualche perizia in più a livello compositivo.

Long Live the Loud è l’ultimo LP registrato dagli Exciter con la line up originale; ci fu la pubblicazione dell’EP Feel the Knife l’anno successivo al termine di un lungo tour di spalla a Megadeth e Motörhead e in seguito John Ricci lasciò il gruppo per defezioni artistiche con Beehler. Da lì un infinito tira e molla tra rientri e nuove uscite che fece male principalmente alla band stessa oltre che alle carriere degli stessi membri. L’ultimo capitolo della telenovela prevedeva un fantomatico nuovo album entro la fine dello scorso anno con la formazione originale, ovviamente mai visto né sentito. In ogni caso l’eredità lasciata dagli Exciter è pesantissima ed imprescindibile e Long Live the Loud ne è parte integrante e indissolubile come ultimo grande (ma non grandissimo) lavoro.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
74.33 su 3 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Sabato 23 Novembre 2019, 11.26.37
8
Terzo ottimo album di heavy metal di uno dei terzetti d'acciaio più talentuosi del metal. Long live the loud, non tralascio niente come Victims of Sacrifice; Beyond the gates of doom, sudden impact, Born to die che roba sensazionale, robetta eh...eh beh, tutto di gran gusto. Che basso per la miseria, credo che Johnson sia un bassista di grande impatto da gasamento, tradizione heavy metal/hard rock, niente da dire agli altri due piú noti e incredibili Beehler e Ricci. In una summa di una band di Violence and Force molto bello come appunto l'Ep seguente Feel the Knife sempre all'anno metallico '85. Voto mi sento di dargli: 85
Diego75
Giovedì 21 Novembre 2019, 21.25.35
7
A me non dispiace questo disco....ma preferisco alla lunga unvelling the wicked....un po' più morbido....ma fatto con classe...a questo do 75
HIRAX
Martedì 19 Novembre 2019, 16.15.27
6
Band fantastica e unica. Comprato all'epoca... Disco da avere assolutamente, naturalmente assiema ai primi due. Con I am the beast c'ho spaccato le casse. ;-D
Cristiano Elros
Domenica 17 Novembre 2019, 22.07.29
5
La copertina pure direi che è abbastanza epocale! Comunque, certo che se Beyond the Gates of Doom è un filler...
warrior63
Sabato 16 Novembre 2019, 21.33.01
4
mai capito perchè sia considerato inferiore ai primi due album...per me è una mazzata totale
Aceshigh
Sabato 16 Novembre 2019, 14.25.43
3
Anche per me non al livello dei primi due, ma rimane anche questo un gran disco! La title-track e la lunga e sabbathiana (per i loro canoni) Wake Up Screaming (eccezionale!) già da sole giustificano l’acquisto ad occhi chiusi. Voto 84
David D.
Sabato 16 Novembre 2019, 13.15.08
2
Il mio preferito dei primi tre, Speed Metal a mille senza mai rallentare. Gli acuti di Beeheler su I Am The Beast e Victims Of Sacrifice potrebbero staccare l'intonaco dai muri di casa... Peccato che dopo si siano persi con l'ammorbidimento di Unveling The Wicked. Comunque, questo disco è storia, 95 per me.
Shock
Sabato 16 Novembre 2019, 11.30.58
1
Se i primi due dischi dei canadesi sono imprescindibili per il metal, questo è inferiore come qualità assoluta, ma resta sempre un buonissimo disco.
INFORMAZIONI
1985
Music for Nations
Speed Metal
Tracklist
1.Fall Out
2.Long Live the Loud
3.I Am the Beast
4.Victims of Sacrifice
5.Beyond the Gates of Doom
6.Sudden Impact
7.Born to Die
8.Wake Up Screaming
Line Up
John Ricci (Chitarra)
Dan Beehler (Voce, Batteria)
Allan Johnson (Basso)
 
RECENSIONI
62
78
80
91
89
ARTICOLI
18/03/2003
Articolo
EXCITER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]