Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

CONCERTI

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

Michael Schenker Fest - Revelation
23/11/2019
( 667 letture )
Qualcuno leggendo il monicker potrebbe pensare ad un album per nostalgici... ebbene è proprio così. L'adunata messa in piedi da Michael Schenker, storico grande guitar hero di Scorpions e U.F.O., ma anche protagonista di una rispettabilissima carriera solista realizzatasi perlopiù attraverso il progetto Michael Schenker Group, ha come scopo quello di riportarci indietro nel tempo facendoci godere di un hard rock ben eseguito con l'aggiunta di un'incredibile capacità tecnica alla sei corde alla quale il buon Michael ci ha abituati negli anni. Quegli assolo così realisti, capaci di scalfire le rocce sono sempre presenti e la stessa cosa vale per i refrain: indovinati dalla prima all'ultima nota, un autentico marchio di fabbrica del chitarrista tedesco. Basta dare un'occhiata alla line up per rendersi conto di come del progetto Michael Schenker Fest possa far parte soltanto chi ha già avuto a che fare col mastermind in passato, a cominciare dai quattro cantanti impegnati. La particolarità del gruppo è infatti proprio quella di avere a disposizione un bel turnover dietro al microfono, purtroppo però la varietà delle voci non è accompagnata da una stessa quanto necessaria differenziazione nel sound e soprattutto nella struttura della sezione ritmica, veramente simile se non identica fra una track e l'altra.

Sta di fatto che i passaggi buoni di certo non mancano e non potrebbe essere altrimenti visti gli interpreti. Il singer irlandese Robin McAuley brilla sulla ritmata Silent Again, dove ha la possibilità di saltellare dalle calde note AOR dello sbrilluccicoso ritornello a delle strofe abbastanza possenti; a spalmare un sottofondo all'altezza ci pensano le tastiere di Steve Mann. Pure su Lead You Astray il nostro si conferma in forma smagliante sbaragliando la concorrenza attraverso una prova hard rock decisamente impervia, peraltro è presente uno dei solo di chitarra più belli di Revelation, dalla velocità mozzafiato. Stessi impazienti ritmi per The Beast in the Shadows dove è un sempreverde Graham Bonnet "alterato" dal mixer ad offrire una prova da rocker consumato attraverso la sua consueta voce roca. Una mezza delusione invece i due pezzi con l'ex Rainbow ed ex Malmsteen Doogie White anche se Behind the Smile (se si esclude l'inutile preludio"cavalleresco") risulta decisamente più dignitosa di Under a Blood Red Sky. Stesso discorso si può fare per le due tracks con Gary Barden (Crazy Daze e Headed for the Sun) anche se la prima presenta qualche spunto blues/rock non male, il quale fuoriesce come al solito dalla chitarra del leader e dalle tastiere. Probabilmente i Michael Schenker Fest risultano più convincenti quando uniscono le proprie voci come avviene sulla melodica Sleeping with the Light On, contornata da un hammond "purpleiano" e sull'ottima Old Man, orientata su un rock d'altri tempi che fa commuovere. Peccato che siano episodi isolati!

A confermare la parziale riuscita delle collaborazioni inserite in Revelation ci pensa We Are the Voice, con lo special guest Ronnie Romero: nonostante la solita prova muscolare del cileno ed il conturbante assolo di Michael, il brano possiede ben poche idee e risulta prevedibile. Rispecchia abbastanza bene il secondo capitolo in studio dei Michael Schenker Fest.



VOTO RECENSORE
67
VOTO LETTORI
78 su 4 voti [ VOTA]
DAVIDE
Sabato 7 Dicembre 2019, 14.02.38
6
Michael deve trovare un cantante come si deve ed iniziare a scrivere grandi canzoni,deve smetterla con questo revival dei vocalist passati, gli ultimi 2 album sono tornati troppo presto sullo scaffale.
marmar
Mercoledì 27 Novembre 2019, 20.11.02
5
Ammetto di avere un'ammirazione sconfinata per il vecchio Michael: per me è uno dei geni assoluti di tutto l'hard rock mondiale, un talento smisurato che ha scritto canzoni immortali, sia con gli UFO che con i primi MSG, ma anche, e purtroppo, sregolatezza ed incostanza, e questo lavoro ne è la prova. Tanto mi era piaciuto fin da subito il precedente "Resurrection", atteso ritorno del nostro, con tante belle canzoni a riportarci indietro di quattro decadi, tanto per ora mi ha lasciato indifferente questo lavoro. Non che sia brutto, per carità, ma se il primo vero sussulto l'ho avuto con "Behind the smile", vuol dire che il genio si è un po' appannato. Sempre meglio di nulla intendiamoci, ma io da Kaiser Michael mi aspetto sempre il massimo.
Aceshigh
Mercoledì 27 Novembre 2019, 19.57.35
4
Nella vasta discografia di Schenker sicuramente quest’ultima release farà fatica a spiccare. Chitarristicamente parlando è il solito grande Schenker, musicista dotato di una classe e di un gusto che fanno sempre scuola, però in generale i pezzi non mi prendono (a parte qualche caso, come quelli con Bonnet). Alla prossima! Voto 72
maurizio
Lunedì 25 Novembre 2019, 22.32.27
3
ragazzi michael lo conosciamo e uno dei piu grandi e sottovalutati chitarristi hard rock le canzoni ce ne qualcuna bella altre magari un po meno ....ma io trovo un disco che è un vero piacere ascoltare e gli assolo sono sempre da brividi ...sinceramente non ci sono dischi in giro che hanno questo sound retroo che ti fanno godere come questo ...e andiamo su per me 90/100 quando sento il disco mi immagino lui sempre sorridente che emana good vibrations....è una festa magari per pochi ma e sempre una festa ciao a tutti
AVH
Domenica 24 Novembre 2019, 11.54.17
2
Michael Schenker sta andando alla deriva ...Album inutili . Dovrebbe farne uscire meno e trovare ispirazione da musicisti non obsoleti . E poi 3 vocalist a che servono ???
ZAGOR
Sabato 23 Novembre 2019, 12.50.11
1
meglio molto il primo dei Michael Schenker Fest,questo revelation(copertina a parte ...moltobella e particolare) risulta infatti meno brillante e piu' scontato,ovviamente senza nulla togliere alla qualita' di tutti i mmusicisti.
INFORMAZIONI
2019
Nuclear Blast
Hard Rock
Tracklist
1. Rock Steady
2. Under a Blood Red Sky
3. Silent Again
4. Sleeping with the Light On
5. The Beast in the Shadows
6. Behind the Smile
7. Crazy Daze
8. Lead You Astray
9. We Are the Voice
10. Headed for the Sun
11. Old Man
12. Still in the Fight
13. Ascension
Line Up
Michael Schenker (Voce, chitarra)
Gary Barden (Voce)
Graham Bonnet (Voce)
Robin McAuley (Voce)
Doogie White (Voce)
Steve Mann (Chitarra, Tastiere)
Chris Glen (Basso)
Simon Phillips (Batteria)
Bodo Schopf (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Ronnie Romero (Voce nella traccia 9)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]