Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nile
Vile Nilotic Rites
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/12/19
HAXANDRAOK
KI SI KIL UD DA KAR RA

19/12/19
DAEMONIAC
Dwellers of Apocalypse

20/12/19
NEUROSPHERE
Anthem of the Lost - part I Nightwars

20/12/19
EMBRYO
Misguided Legacy

20/12/19
SUN OF THE ENDLESS NIGHT
Symbols of Hate and Deceitful Faith

24/12/19
THE BASTARD WITHIN
Better Dead Than Friends

27/12/19
CIANIDE
Unhumanized (EP)

09/01/20
WAR DOGS
Die By My Sword

10/01/20
UNREQVITED
Mosaic II

10/01/20
OCEANS
The Sun and The Cold

CONCERTI

17/12/19
THE TREAD MANICS + GUESTS
KILLJOY - ROMA

18/12/19
SPECTRAL VOICE + EKPYROSIS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

19/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + BLOODSHED + NECROFILI
TRAFFIC CLUB - ROMA

20/12/19
DARK FUNERAL + GUESTS
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

20/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + TOL MORWEN
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

20/12/19
RAIN + GUESTS
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

20/12/19
EGOSYSTEMA + TREWA
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/12/19
DARK FUNERAL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

21/12/19
SCARLET RECORDS FEST
LEGEND CLUB - MILANO

21/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + DEMIURGON + MEMBRANCE + GUEST TBA
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

Freedom Call - Stairway to Fairyland
30/11/2019
( 456 letture )
Il periodo che va dagli anni 90 ai primi anni 2000 ha rappresentato l’era d’oro del power metal. Il genere, la cui paternità è universalmente attribuita agli Helloween di Walls Of Jericho (1985) dopo l’incredibile successo dei due Keeper of the Seven Keys, sempre degli Helloween, visse un periodo di disinteresse, in favore di generi come thrash e hard rock. Tuttavia anche se in piena era grunge e nu metal gli anni 90 videro un incredibile nuovo interessamento verso il genere. Questo era dovuto indubbiamente da una serie di pubblicazioni di livello eccezionale, capolavori indiscutibili anche a distanza di anni. Gli stessi Helloween rilanciarono la propria carriera, in declino dopo scelte stilistiche discutili, ed album non eccezionali come Pink Bubbles Go Ape e Chameleon (rivalutati a distanza di anni). L’ingresso di Andy Deris e la pubblicazione di Master of The Rings segnò la rinascita della band. Ma tutto il movimento power si fece sentire. I Gamma Ray si affermarono con Land of the Free e si consacrarono con Somewhere out in Space. I Blind Guardian esplosero con Imagination From The Other Side e Nightfall in the Middle Heart. I Rage vissero il loro periodo d’oro con un trittico di capolavori quali The Missing Link, Black in Mind e End of All Days. I Running Wild con Black Hand Inn e Masquerade, gli Stratovarius con Episode e Visions. I Virgin Steel tornarono sulle scene con il doppio The Marriage of Heaven and Hell ed i Grave Digger con Heart of Darkness e Tunes of War. Per chi ha vissuto quegli anni era davvero incredibile la qualità dei prodotti del genere, l’armata power, principalmente tedesca, era inarrestabile ed inattaccabile. Ricordiamo inoltre anche che band come Iron Maiden, Judas Priest e Black Sabbath stavano vivendo il loro peggior periodo, travolti da cambi di line up importanti che poco incontrarono il consenso del pubblico. Insomma spadoni, draghi e galeoni spopolavano mettendo in crisi la vecchia guardia ed i generi più cattivi.
Ovviamente nuove leve si affacciarono sul mercato, come non pensare agli Hammerfall, autori dell’ottimo Glory To The Brave e soprattutto ai nostri Rhapsody (solo Rhapsody, no Fire etc…) il cui esordio Legendary Tales fu qualcosa di terremotante ai tempi, destinato ad essere seminale negli anni a venire.

Sulla scia di quanto detto sopra nel 1999 una nuova piccola realtà si affacciò sul mercato. Inizialmente pubblicizzati come i Rhapsody tedeschi i Freedom Call pubblicarono il loro debut album Stairway To Fairyland. La band vedeva i propri leader nello sconosciuto cantante e chitarrista Chris Bay e nel talentuoso batterista Dan Zimmerman, ottimo musicista e compositore, già in forza anche nei più famosi Gamma Ray.
La somiglianza coi Rhapsody risulta forzata, le orchestrazioni sono minori, anzi spesso le tastiere fanno da tappeto e non svolgono ruolo fondamentale. I neoclassicismi sono anch’essi praticamente assenti, il genere si rifà al power più classico che non all’epic metal. Le composizioni sono dirette, i punti di forza sono certamente i cori, le melodie happy metal e zuccherine che saranno negli anni marchio di fabbrica della band. Dan Zimmerman è preciso, potente, il lavoro di batteria è perfetto. Chris Bay si dimostra un cantante di livello, con un timbro personale e riconoscibile, capace però di arrivare in alto, somigliando talvolta al solito Michael Kiske pur senza raggiungere le sue vette. Il lavoro di chitarra è notevole senza essere invasivo, alla chitarra solista troviamo Sascha Gerstner, che troverà più fortuna e spazio compositivo pochi anni dopo, entrando proprio negli Helloween in sostituzione di Roland Grapow. Tra i brani segnaliamo la opener Over The Rainbow, Tears are Falling, We Are One, che trovano spazio ancora nelle setlist dei nostri dal vivo. Tutti i brani vivono di vita propria, pur facendo parte di un concept dal punto di vista tematico.
La band riesce fin da subito a ritagliarsi un proprio spazio in un mondo, quello del power, che iniziava a diventare sempre più popolato, fino a risultare saturo da li a pochi anni. La loro forza è stata fin da subito anche il proprio maggior difetto. La sfacciataggine nell’usare senza remora e vergogna tonnellate di melodia, cori, parole già inflazionate come carry on, power, glory, warrior, king, e suoni o giri di tastiera al limite del plagio (esempio eclatante sarà Land of The Light nel disco Eternity, con i suoi richiami nel giro iniziale a Final Countdown), che però nell’insieme hanno sempre funzionato, creandosi una nicchia che è diventata la loro fortezza, consolidata negli anni da lavori forse ripetitivi ma sempre di ottimo livello, anche se il massimo la band l’ha sempre dato sul palco, con esibizioni perfette dal punto di vista esecutivo ma soprattutto coinvolgenti e divertenti, con un Chris Bay animale da palco e intrattenitore come pochi altri. Il classico gruppo che si ama o si odia, ma che non certo anonimo, vale il detto nel bene o nel male basta che se ne parli.

Produzione allineata con gli standard del periodo di uscita, buona ma perfettibile, il meglio la band lo darà coi dischi successivi Crystal Empire, Eternity, Circle of Life, ma complessivamente la qualità delle pubblicazioni dei Freedom Call è sempre stata buona, medio o alta, sempre, ovviamente che se è in grado di digerire la quantità spropositata di melodie zuccherose proposte dai nostri alfieri dell’Happy Metal, ma se non siete proprio intolleranti al genere è impossibile non apprezzare la band, e se avete avuto o avrete la possibilità di conoscere Chris Bay vi renderete conto che la positività e l’allegria che trasudano dalle canzoni della band rispecchiano totalmente la persona, risultando una delle migliori e disponibili che abbia conosciuto all’interno del music business.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
72.75 su 4 voti [ VOTA]
HyperX
Mercoledì 4 Dicembre 2019, 9.47.26
6
Se magari del 1989. Sono un 80. Maledetto smartphone
HyperX
Mercoledì 4 Dicembre 2019, 9.46.19
5
Sono del 1989 e mi accodo ai nostalgici. Anche per me grandi ricordi di scuola con questo e mille altri album usciti in quegli anni. Mi rivedo con il mio lettore CD portatile sulla strada della scuola...che emozioni, ragazzi! Ma che ne sanno i 2000...
Radamanthis
Domenica 1 Dicembre 2019, 19.40.17
4
@fasanes: io un pò più piccolo di te, ne ho fatti 21 nel 2000 ed ho vissuto l'adolescenza sui banchi di scuola proprio con MyRefuge ad "imparare" metal!!! Che ricordi!!!! Che emozioni!!!!
fasanez
Domenica 1 Dicembre 2019, 17.51.40
3
Hai ragione radamanthis, pensa che dal 90 al 2000 ho passato dai 18 ai 28. Che ricordi... Grazie al recensore...
Radamanthis
Domenica 1 Dicembre 2019, 17.25.45
2
Bellissimo esordio di questa band, album che fa vedere ciò che questa band sarà in grado di fare negli anni avvenire. Un plauso a My Refuge x la bellissima recensione...ricordo con nostalgia quel periodo magico da metà anni 90 al nuovo millennio in cui insieme si scoprivano pian piano certe band, certi dischi e si vivevano certe emozioni che solo l'adolescenza può riservare! Ottimi ricordi amico mio! Bel disco, voto 78
JC
Sabato 30 Novembre 2019, 13.47.36
1
Ottimo esordio, lo ricordo con piacere
INFORMAZIONI
1999
Steamhammer
Power
Tracklist
1. Over The Rainbow
2. Tears Falling
3. Fairyland
4. Shine On
5. We Are The One
6. Hymn To The Brave
7. Tears Of Taragon
8. Graceland
9. Holy Knight
10. Another Day
Line Up
Chris Bay (Voce, Chitarra, Tastiere)
Sascha Gerstner (Chitarra)
Ilker Ersin (Basso)
Dan Zimmermann (Batteria)
 
RECENSIONI
85
80
79
72
75
68
68
75
ARTICOLI
07/06/2015
Intervista
FREEDOM CALL
Respiriamo senza vivere
17/05/2015
Live Report
SONATA ARCTICA + FREEDOM CALL + TWILIGHT FORCE
Estragon, Bologna - 11/05/15
05/01/2013
Intervista
FREEDOM CALL
Siamo una band divertente!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]