Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

CONCERTI

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Crowbar - Broken Glass
25/01/2020
( 612 letture )
There is a house in New Orleans
They call the Rising Sun
And it's been the ruin of many a poor boy
And God, I know I'm one


C’è del marcio a New Orleans. Edificata sulla terra strappata alle paludi del Mississippi, resa celebre dall’ essere stata il luogo germinale del Jazz afroamericano, ferocemente attaccata dall’uragano Katrina nel 2005, la capitale della Louisiana esercita il fascino indiscusso del mito. La sua reputazione, tuttavia, è sempre stata ambigua. New Orleans è la “murder capital” e non solo, è citta in maniera estrema e sinistra; è città che inghiotte, che spinge alla perdizione: le sue luci non brillano con sufficiente intensità da coprire i sobborghi e le periferie, i vicoli affollati di prostitute, le notti perdute fra eccessi di alcol o eroina. E’ nelle sue strade che troviamo l’House of the Rising Sun, protagonista dell’omonimo brano, che trascina via le vite dei giovani fra peccato e miseria, monumento per eccellenza di una città a sua volta simbolo dello squallore urbano. Negli anni novanta dello scorso secolo lo stesso degrado cittadino nutre e accudisce la sua nuova creatura artistica, il neonato Sludge, e i suoi beneamati padrini, i Crowbar. Il quartetto sembra avere poco da spartire con House of the Rising Sun, una ballata vecchia secoli, eppure nel condividerne la provenienza si riconosce nello stesso spirito: quello di una New Orleans non vissuta infatti solo come luogo fisico, ma soprattutto nel suo essere città-mito di decadenza urbana. I Crowbar si fanno cantori proprio di questa decadenza: fin dagli esordi la band impregna i suoi testi di disagio metropolitano, di alienazione e dipendenze, il ritratto di un modo di soffrire specificatamente moderno.

L’album protagonista di questa recensione è la quarta prova sulla lunga distanza della band. Dopo un paio di demo sotto il monicker The Slugs l’esordio arriva nel 1991 con un ancora acerbo Obedience thru Suffering, mentre la consacrazione del nome Crowbar giunge due anni dopo, con il disco omonimo, prima grande prova di forza dei quattro. Se il lavoro successivo non fa gridare al miracolo ci pensa a questo Broken Glass a riaffermare la classe assoluta di Kirk Windstein a soci, maturando in maniera definitiva il sound e preparando il terreno per i capolavori di metà carriera sfornati negli anni immediatamente successivi. Durante la scrittura dell’album avviene uno dei cambi di line-up che più segnerà la musica e la carriera della band: dietro le pelli Numenmacher lascia il posto a Jimmy Bower, già negli Slugs e batterista dell’altra grande realtà sludge di New Orleans, gli Eyehategod. Il risultato è una sezione ritmica ancora più nevrotica e feroce, che passa con naturalezza da serrate sezioni in puro stile hardcore punk a tempi decisamente doom, giocando ottimamente su stacchi, improvvisi rallentamenti e ripartenze. Quest’abilità nella gestione di up e down tempos, già marchio di fabbrica di casa Crowbar, contribuisce a rendere Broken Glass il disco di passaggio nella discografia degli americani. Difatti, per quanto la fedeltà della band al proprio stile musicale sia quasi leggendaria, non vi è una precisa omogeneità fra i dischi precedenti e quelli successivi a Broken Glass. I cambiamenti sono, come c’è da aspettarsi, lievi e poco “traumatici”, assecondando quella che sembra essere la naturale evoluzione del sound Crowbar. Vengono concessi meno minuti alle sfuriate hardcore, mitigate da un crescente gusto melodico (attenzione, crescente sempre relativamente agli standard del genere e della band) e da lunghe marce al rallentatore, direttamente derivate dalla scuola doom americana. La voce di Windstein esplora territori più drammatici e arricchisce il proprio timbro e stile con una rinnovata espressività, coadiuvata dalla scelta di una produzione che si fa meno pastosa, mantenendo pesantezza e oppressione, ma guadagnando un sapore più definito e tagliente. Queste piccole differenze riguardano più la gestione della quantità degli ingredienti del miscuglio Crowbar che l’introduzione di nuove ricette musicali, tuttavia l’ascoltatore attento si troverà a riconoscere in esse il possibile motivo della preferenza tra i Crowbar dei primi dischi e quelli più recenti.

Nella sostanza tuttavia la proposta della band di New Orleans resta invariata: grandi protagonisti sono i riff del sempre ispiratissimo Windstein, che infila una serie di macigni ad altissimo impatto sonoro, con un solo obiettivo in testa: suonare il più pesante possibile. Il disco inizia sfoderando subito le sue armi migliori, grazie al duo iniziale formato da Conquering e Broken Glass. La prima è il pezzo più aggressivo e diretto del lotto, una mazzata in faccia che inizia con una sfuriata dai toni crust punk, per poi rallentare su ritmiche quadrate ma ancora serratissime prima di schiudersi su tempi doom e fraseggi più melodici. In chiusura una brusca, violenta accelerazione, per chiudere la struttura circolare: praticamente tutto il repertorio del Crowbar in due minuti e quarantotto secondi. La title-track si distingue per un procedere più omogeneo, quasi ossessivo, caratterizzato dallo splendido riff al rallentatore, che domina il brano sotto l’insegna dell’urlo morbosamente ripetuto di “broken glass”, la cosa più simile ad un ritornello che si possa trovare nell’album. Si prosegue in questo cammino d’angoscia su ritmi sempre più pachidermici, che monopolizzano la sezione centrale del disco, in una spirale discendente di rabbia e senso d’oppressione. Si riducono le virate punk, mentre sono le trame più ragionate e solenni a emergere, rafforzando il senso di epica suburbana che rappresenta l’anima concettuale dei Crowbar. Si distingue la quinta traccia, una Nothing More che suona come la desolazione più nera, una bestia nutrita dall’unione dell’usuale pesantezza della musica proposta e di melodie strazianti, sottolineata da brevi note di pianoforte ed interpretata magistralmente dall’ugola di Kirk Windstein. Dal dolore quasi materiale, reso solido e concreto, di questo pezzo, si passa a Burn Your World, i ritmi feroci e riff quadrati che la rendono uno sfogo, un inno di rabbia primordiale, ardente, quasi a cauterizzare le ferite del pezzo precedente. L’ultimo quarto d’ora di Broken Glass vede ancora una volta spiccare due tra i pezzi più epici e tormentati a sua disposizione, efficaci sia nelle melodie dannate che nella disperazione trasmessa dai testi. Si sta parlando della rocciosa I Am Forever, che ancora una volta si fa forza di ripetizioni liriche ossessive per trasmettere disagio, e di Reborn Thru Me, dall’incedere più cadenzato e che riprende i toni vocali tormentati della già citata Nothing More, anticipando l’opera più straziante del combo di New Orleans, il successivo Odd Fellows Rest.

Dei Crowbar si dice spesso che non hanno mai sbagliato un colpo, ma questo Broken Glass si distingue anche in una carriera come la loro, costellata da una lunga serie di dischi di splendida fattura. Se il titolo di opera magna della band è quasi indiscutibilmente conteso fra due enormi capolavori, Odd Fellows Rest e Sonic Excess in Its Purest Form, tuttavia l’album qui recensito si può facilmente posizionare nelle posizioni immediatamente successive di un’ipotetica classifica. Meno coeso e monolitico di altri loro lavori, ha però dalla sua la statura indiscutibile di alcuni pezzi da novanta, che stanno tuttora fra i vertici qualitativi della produzione della band, suonando ancora tanto nelle casse degli ascoltatori che nelle nottate sul palco. Il marcio tessuto metropolitano di New Orleans sforna i suoi figli maledetti con impressionante regolarità, una storia che passa attraverso La Casa del Sol Levante, il Jazz degli anni ’20 e approda nel terreno fangoso nello Sludge, trovando in Broken Glass una delle sue incarnazioni più nere.

Oh mother tell your children
Not to do what I have done
Spend your lives in sin and misery
In the House of the Rising Sun



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
80.11 su 9 voti [ VOTA]
InvictuSteele
Domenica 26 Gennaio 2020, 21.37.11
3
Ottimo album che anticipa i veri capolavori della band. Comunque anche qui qualità alta. voto 80
Fauno
Domenica 26 Gennaio 2020, 19.14.05
2
Ottimo. Ed il meglio verrà dopo. Il suono del dolore.
L.p. Gruto
Domenica 26 Gennaio 2020, 14.45.04
1
Buonissimo disco che fa da ponte ai due capolavori Odd Fellows Rest, Sonic Excess In Its Purest Form e all'ottimo, a mio avviso inspiegabilmente mai citato, Lifesblood for the Downtrodden (spero arrivi la recensione anche di questo). Della prima parte di carriera preferisco l'omonimo di tre anni prima, ma un 80 pieno se lo prende anche Broken Glass
INFORMAZIONI
1996
Pavement Music
Sludge
Tracklist
1. Conquering
2. Like Broken Glass
3. (Can't) Turn Away from Dying
4. Wrath of Time Be Judgement
5. Nothing
6. Burn Your World
7. I Am Forever
8. Above, Below and In between
9. You Know (I'll Live Again)
10. Reborn thru Me
Line Up
Kirk Windstein (Voce, Chitarra)
Matt Thomas (Chitarra)
Todd Strange (Basso)
Jimmy Bower (Batteria)
 
RECENSIONI
62
78
91
89
88
75
89
ARTICOLI
20/10/2016
Intervista
CROWBAR
Parla Kirk Windstein
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]