Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

Hour Of Penance - Misotheism
27/01/2020
( 1392 letture )
Ricordo di aver approcciato gli Hour Of Penance per la prima volta qualche anno fa in occasione di una loro data a Torino. Della loro musica mi colpì principalmente l’irruenza selvaggia mediata attraverso un impiego di soluzioni e di una padronanza tecnica dei propri strumenti di prim’ordine, centellinata col contagocce e soprattutto perfettamente in grado di rivaleggiare con esponenti di spicco nostrani ed esteri. Capirete quindi che con grande piacere e non poche aspettative ho approcciato la nuova fatica in studio della band capitolina, Misotheism, pubblicata sotto l’ala protettiva dell’Agonia Records.

La copertina, dalle gelide sfumature bluastre, lascia intendere scenari minacciosi e apocalittici, puntualmente confermati subito dopo l’iniziale intro. Quello degli Hour Of Penance è brutal death metal nella sua forma più tradizionale. Non aspettatevi chissà quali innovazioni o sprazzi di originalità, quanto piuttosto un’ennesima riconferma di quanto i nostri siano bravi a plasmare e rielaborare in una chiave tutto sommato personale le caratteristiche del genere di riferimento. Da Blight and Conquer fino a Occult Den of Snakes si viaggia su velocità folli e con una violenza sonora costante e mai stemperata nel corso dei trentanove minuti di musica. C’è però di più: qua e là, specie dove i ritmi si fanno meno serrati, la chitarra di Giulio Moschini assale l’ascoltatore tramite un accorto impiego della melodia, dispensata con estrema parsimonia. In alternativa il chitarrista macina riff a cascata, ora più debitrici al death old school americano, ora più venati da una fugace ma disturbante dissonanza (leggasi Immolation). Le trame tessute dalle sei corde in definitiva offrono una buona panoramica di soluzioni differenti e lo stesso discorso si può fare per il drumming scatenato di Davide Billia. Dietro le pelli si susseguono randellate senza soluzione di continuità e, specie nell’alternanza tra gli i maestosi stacchi di doppio pedale e i blast beat, non mancano le assonanze assassine degne dei Behemoth. La performance complessiva è all’altezza della situazione e scandisce il ritmo senza cedimento alcuno, tra rullate secche e fills sui tom tonanti. Buona in definitiva anche la prestazione al microfono del growler Paolo Pieri, tanto gutturale e furiosa quanto declamatoria. Probabilmente la sua è una delle migliori voci in circolazione all’interno della scena italiana. Insomma, riassumendo, il tiro c’è, la cattiveria non manca e, nonostante una produzione cristallina, aleggia qua e là un odore di frattaglie fermentate ormai famigliare a chi bazzica questo genere.

Non mi soffermerei nello specifico su dei brani in particolare. Questo perchè l’album nella sua interezza è particolarmente omogeneo e presenta praticamente le stesse caratteristiche in ogni suo punto, dosando maniacalmente ogni aspetto e variandolo quanto basta di volta in volta giusto per non incappare in una fastidiosa sensazione di deja-vù. Questo porta a pensare che sicuramente dopo vent’anni di militanza nella scena gli Hour Of Penance siano ormai una garanzia che deve periodicamente riconfermarsi, talvolta anche con un pizzico di mestiere e trucchetti acquisiti con l’esperienza, anteponendoli alla sfacciata irruenza tipica per esempio di una qualsiasi band esordiente. Ciò nonostante -non fraintendetemi- siamo ben distanti da paraculaggini o palesi cadute di stile, come successo ad esempio con i Cryptopsy, e anzi, traspare comunque una certa integrità e perenne coerenza nella proposta dei capitolini.

Bentornati.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
50.54 su 31 voti [ VOTA]
lisablack
Giovedì 6 Febbraio 2020, 13.38.40
15
Paradogma e' davvero un capolavoro..
Carmine
Giovedì 6 Febbraio 2020, 12.04.13
14
Mi piacquero con Paradogma, però negli anni mi sono sempre più allontanato da loro. Mi sembrano tutte uguali le loro canzoni...
Alberto Moravia
Giovedì 6 Febbraio 2020, 5.11.49
13
Platter che mi trasmette una certa tediosità al pari di alcuni spettacoli trasmessi in queste ore dalla riviera ligure. Nonostante la diversità delle proposte il senso di inedia è lo stesso.
lisablack
Giovedì 6 Febbraio 2020, 0.19.22
12
Anche tu guarda Sanremo..così ti passa la noia😀
Franco
Martedì 4 Febbraio 2020, 21.01.12
11
Saró franco: visti pure dal vivo di spalla ai Malevolent creation.. Tutti a lodarli, io ho preferito la vecchia guardia. E a parte la perizia tecnica, sinceramente un po' di noia mi ha assalito
Enrico Bustaffa
Martedì 4 Febbraio 2020, 19.02.45
10
quoto il commento sotto. chi si annoia con gli hop è bene che cambi musica. Non è una presa in giro
lisablack
Lunedì 3 Febbraio 2020, 7.47.41
9
Per chi si annoia e per chi si addormenta con gli Hour of Penance, un consiglio..domani sera inizia Sanremo lo spettacolo adatto a voi. Buona visione😀
Eddie
Lunedì 3 Febbraio 2020, 1.27.47
8
Cheppalle di album.. mi sono addormentato
Pink Christ
Domenica 2 Febbraio 2020, 21.25.52
7
Gran bell'album
Ash
Domenica 2 Febbraio 2020, 20.36.31
6
Una noia infinita
Tatore
Sabato 1 Febbraio 2020, 18.05.59
5
Uno dei miei dischi preferiti del 2019
MetalHead
Venerdì 31 Gennaio 2020, 8.50.00
4
Noioso e ripetitivo
Pacino
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 4.43.18
3
Ennesima riprova della loro grandezza. Voto 80.
Enrico Bustaffa
Martedì 28 Gennaio 2020, 9.41.38
2
sempre stati dei grandi. Personalmente reputo l'era "francesco paoli" di questa band la più alta, ma pure con i cambi di line up si sono sempre riconfermati ad alti livelli. Questo album è meno sperimentale dei due precedenti dove c'erano soluzioni più "groove" e melodiche, ma la qualità è elevatissima. La relativamente breve durata del tutto aiuta notevolmente l'ascolto visto che siamo davanti ad una grandinata death metal in piena regola. Tra i migliori del genere
lisablack
Martedì 28 Gennaio 2020, 6.23.46
1
Attualmente una delle mie band preferite, ottimo lavoro continuate così👍80
INFORMAZIONI
2019
Agonia Records
Death
Tracklist
1. Mass Crucifixion of Kings
2. Blight and Conquer
3. Fallen from Ivory Towers
4. The Second Babel
5. Lamb of the Seven Sins
6. Flames of Merciless Gods
7. Sovereign Nation
8. Dura Lex Sed Lex
9. Iudex
10. Occult Den of Snakes
Line Up
Paolo Pieri (Voce)
Giulio Moschini (Chitarra)
Marco Mastrobuono (Basso)
Davide Billia (Batteria)
 
RECENSIONI
75
82
83
90
80
75
75
ARTICOLI
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
06/06/2011
Live Report
STORMLORD + HOUR OF PENANCE + ROSAE CRUCIS + AIRLINES OF TERROR
Roma Delenda Est, Blackout Club, Roma, 04/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]