Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
SEVENDUST
Blood & Stone

CONCERTI

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Annihilator - Ballistic, Sadistic
28/01/2020
( 2882 letture )
Iniziamo la presente recensione con la più classica delle frasi ad effetto: i fan del thrash metal e, in particolare, degli Annihilator possono finalmente tirare un sospiro di sollievo; la band capitanata dal funambolico Jeff Waters, da diverso tempo ridotta ad una vera e propria one-man band con ausilio di turnisti sempre diversi, si è infatti ripresa dopo due album non certo indimenticabili come Suicide Society e For The Demented, realizzando in questo inizio di 2020 un lavoro finalmente convincente, seppur non sfavillante. Tutti noi, in fondo, vogliamo un gran bene al bizzoso, ma eccezionale compositore e chitarrista canadese e, nonostante le sue intemperanze, non riuscivamo proprio a rassegnarci al basso livello raggiunto con i due succitati dischi (il primo in particolare), che davvero non rendevano giustizia alla sua abilità ed esperienza.

Ballistic, Sadistic, viceversa, pur con alcuni innegabili difetti di cui a breve parleremo, ci riconsegna una band in discreta forma, con Jeff nuovamente impegnato alla voce, oltre che alla chitarra ed al basso, mentre il seggiolino della batteria è ottimamente occupato dal nostro giovane (classe '93!) connazionale Fabio Alessandrini.
Il diciassettesimo album degli Annihilator è inaugurato da Armed to the Teeth, pezzo thrash abbastanza classico, ma ciò nondimeno trascinante, ben composto ed egregiamente suonato, con riff ed assoli di elevato livello: in fondo, una volta preso atto del fatto che i tempi di Alice in Hell non torneranno più, al nostro amico canadese si chiede soltanto questo, un album godibile e sufficientemente “incazzato”. Tutto oro quel che luccica? Non al 100%: pur essendo nel tempo indubbiamente migliorato come cantante, il buon Jeff continua a possedere una voce senza infamia e senza lode, motivo per il quale continueremo ad augurarci l'ingaggio di un vocalist come si deve. The Attitude è preceduta da una lungo intro in stile Metallica di Death Magnetic, invero un po' prolissa, ma poi esplode in un rapido brano di gustoso thrash metal, diviso fra soluzioni old school e trovate più moderne; come in precedenza, le linee vocali non colpiscono in maniera particolare, ma risultano comunque funzionali ad un sottofondo strumentale che, viceversa, è da applausi. Anche Psycho Ward si muove su coordinate a metà fra thrash classico e moderno, ma, a differenza di The Attitude, punta meno sulla velocità e più sul groove; si tratta di un pezzo inizialmente spiazzante, ma che sicuramente cresce con gli ascolti e può dirsi a sua volta promosso. Forse per “tranquillizzare” i fan disorientati e rassicurarli sulla sua voglia di menare le mani, il buon Jeff pigia di nuovo prepotentemente sull'acceleratore con I Am Warfare, caratterizzato da soli affilati e linee vocali che, qui e là, ricordano i nostri connazionali Necrodeath; che Fabio Alessandrini abbia fatto conoscere al bizzoso canadese le meraviglie del thrash metal italico? Non si può mai dire! Out with the Garbage, ancora una volta, trascina grazie a strofe serrate e riff assassini, che ancora una volta danno modo di comprendere con che razza di musicista abbiamo a che fare, quando parliamo di Jeff Waters. Giunti a metà album, ci sarebbero tutte le premesse per parlare di un quasi capolavoro...
...ed è proprio qui che, purtroppo, si palesano gli ulteriori difetti di Ballistic, Sadistic, oltre all'ugola non straordinaria di Jeff: la seconda metà del disco, infatti, è assai meno ispirata della prima: Dressed Up for Evil, che si rifà palesemente ai Megadeth (anche e soprattutto nelle linee vocali), è infatti un brano tutto sommato ben composto, ma meno trascinante di tutti quelli che lo precedono; se Riot ci riporta su buoni lidi, al netto di melodie vocali da “cattivone” non sempre convincenti, One Wrong Move torna ad offrirci un pezzo un po' troppo prevedibile, per accompagnarci poi verso il vero fondo del disco, rappresentato da Lip Service, a mani basse la canzone meno riuscita di Ballistic, Sadistic: va bene scimmiottare (di nuovo) i Megadeth, ma non così Jeff! Per fortuna, almeno la conclusiva The End of the Lie ci offre un Waters nuovamente in grande spolvero e capace di suonare la chitarra thrash metal come pochi altri in circolazione; nuova menzione d'onore anche per il bravissimo Fabio Alessandrini, sugli scudi per buona parte del CD.

Come dicevamo in premessa, Ballistic, Sadistic è e resta un buon album, a tratti buonissimo, che ci riconsegna finalmente gli Annihilator su livelli più che accettabili. C'è un po' di sincero rimpianto per via della seconda metà del disco, che sgambetta a tradimento una prima metà davvero eccellente, salvo riprendersi per fortuna verso la conclusione: una prima metà da otto in pagella, in pratica, si riconnette ad una seconda da sufficienza stiracchiata, rendendo quasi inevitabile il voto numerico che leggerete più in basso, pari ad un disco buono e sopra la media, ma non ottimo. Ad ogni modo, se Jeff saprà continuare sulla strada saggiamente intrapresa con questo disco, limando al contempo il netto calo di ispirazione della seconda metà, allora il gruppo canadese godrà ancora di lunga vita e potrà farsi pienamente rispettare per tanti anni ancora (non parliamo, poi, dell'eventuale reclutamento di un vero cantante, con tutto il rispetto per il permaloso Jeff!). E noi, in tutta onestà, siamo molto felici di poterlo dire, dopo che i due album precedenti ci avevano fatto scuotere la testa, ma non per fare headbanging.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
82.90 su 32 voti [ VOTA]
Steelminded
Martedì 7 Aprile 2020, 12.09.11
54
A me è piaciuto molto. Con sorpresa!
Bacon Apocalypse
Martedì 11 Febbraio 2020, 17.22.39
53
Ehi Jeff, è il 1993 che ti chiama, dice di smetterla per la seconda volta di copiare Knight Jumps Queen! cioè non bastava The Demon You Know come plagio ma anche Lip Service? daje che avevi fatto un album ottimo toh 75, solo perché sei te che lo suoni, purché non rifai un altra versione di KJQ
Zagor
Lunedì 10 Febbraio 2020, 23.26.47
52
Sono perfettamente d'accordo con Christian death,senza nulla aggiungere!
Christian death rivinusas
Giovedì 6 Febbraio 2020, 19.34.58
51
Deathaland@sono in perfetta sintonia con il tuo commento.....non si fa da anni criticare uno dei piu’tecnici e bravi chitarristi mondiali...... non possono piacere alcuni album, ma dall’intera discografia oltre ai primi tre ,ha fatto almeno altri 3 album discreti . invece di elogiare anche un grande talento italiano dietro le pelli....Fabio Alessandrini che in questo disco ha svolto un lavoro eccezionale. La voce e’ migliorata tantissimo da suicide society, io li ho visti dal vivo e a differenza di tanti altri gruppi famosi la musica di jeff dal vivo e’ identica come da studio....
Deathland
Giovedì 6 Febbraio 2020, 14.42.30
50
Ma se Jeff aveva già cantato su King Of The Kill e i risultati erano buoni? Dai per piacere la voce non sarà memorabile ma va benissimo per questi suoni. Qui sono solo lamentele inutili
Masterburner
Mercoledì 5 Febbraio 2020, 13.33.06
49
Non è che se uno è bravo a fare la pizza e poi ci caga sopra la pizza è ancora buona. Questo per dire che a certi livelli una voce del genere non è proponibile...
Tatore
Sabato 1 Febbraio 2020, 18.35.35
48
Ascoltato una sola volta per intero, dopo aver provato i singoli, e ovviamente devo riascoltarlo ancora per chiarire le idee; ma l'ho trovato un album discreto. Inoltre gli echi di Never, Neverland a me piacciono un sacco. L'unica nota davvero dolente per me è la voce del buon Jeff, ma c'amma fa?! P.S. @ErColica: bentornato mitico! Spero un giorno di rivedere la cacca di Arale sul forum
Zagor
Sabato 1 Febbraio 2020, 13.56.18
47
Bei suoni old time,song in stile king of the kill la band di Waters ha il suo bel potenziale....ma rimango al pensiero che con il cantante chitarrista Padden gli annihilator fossero al top!
d.r.i.
Venerdì 31 Gennaio 2020, 14.31.31
46
Lo devo riascoltare meglio! Bentornato Er Colica
AL
Venerdì 31 Gennaio 2020, 14.16.50
45
quoto il commento di Er colica. Bentornato!! a me il disco piace e lo prendo per quello che è: un disco di thrash discreto che non ha nessuna pretesa ma che scorre piacevolmente. per me vale un 75
MetalHead
Venerdì 31 Gennaio 2020, 8.48.29
44
Niente di chè anzi noiosetto
lethalzorker
Venerdì 31 Gennaio 2020, 6.47.55
43
Basta ascoltare il nuovo singolo di quei mostri sacri dei Testament per capire lo spirito del mio post N.7 @ klacor, le pietri miliari del genere erano gia' uscite 7-8 anni prima di Alice in Hell...
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 20.30.51
42
Ed allora bastava dire quello....
Mulo
Giovedì 30 Gennaio 2020, 20.24.27
41
Io scrivo la mia opinione, gli altri la loro. Se non sono d'accordo con l'affermazione di Dee Snider "se, col tuo gruppo non sei più in grado di fare ottimi dischi, non li fare più, tanto ai fans interessa più che altro ascoltare i classici" lo posso tranquillamente dire, Tra l'altro Dee Snider di dischi mediocri ne ha fatti 2 :Come out and pla e Love is for suckers (2 flop tra l'altro di cui Come out and play supportato da MTV). Il mio pensiero è che Waters,come Mustaine,Hetfield e comapgnia, possa fare tutti i dischi di merda che vuole... Tanto io non li comprerò! Ciao a todos!!!
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 20.21.47
40
@Analizzatore: le critiche alle critiche si possono fare quando restando nella propria opinione si può creare un dialogo: quando si comincia a dire che un'opinione è idiota il dialogo decade...
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 20.18.16
39
@Mulo: a me sembra solo che si prendano commenti negativi giusto per fare polemiche: ma tu pensi che a Jeff possa interessare il mio pensiero o di quelli che come me hanno detto che questo è un disco di copia/incolla? Certo che no, lui come gli altri musicisti fanno cosa vogliono, e fanno bene; ma io sono altresì libero di scrivere il mio pensiero, perché io mi pongo dalla parte di fan che ascolta un disco e lo giudica per quello che è. Ma comincio a stufarmi di continue polemiche su mie opinioni, va a finire che non scrivo più qui e lo vado a fare dove le opinioni sono tali, positive o negative e come tali accettate.....
Analizzatore
Giovedì 30 Gennaio 2020, 20.12.53
38
@Shock: ovviamente anche le critiche alle critiche sono legittime... come pure le critiche alle critiche delle critiche... ...è una situazione critica, ma non seria.. (semi cit.)
Mulo
Giovedì 30 Gennaio 2020, 19.57.19
37
Perchè Jeff Waters deve smettere di fare dischi, anche se gli ultimi fan cagare? Non è che se Waters fa dischi ruba qualcosa a nessuno... O le band giovani non emergono perchè gli Annihilator continuano a fare dischi mediocri. Se una cosa non piace, basta semplicemente non cagarla. A me degli Annihilator piaciono solo i primi 2, ma nonestante questo non scrivo "smettete di fare dischi". Semplicemente ignoro e non compro il disco in questione. Semplicemente non compro dischi che reputo mediocri. E sopratutto non me la prendo se Water o Hetfied o Mustaine o Harris fanno dischi mediocri. Non fanno dischi mediocri per offendere me o per offendere i fan. Qua sembra che i musicisti facciano dischi fiacchi come fregio ai fans...
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 19.30.29
36
Comunque io avrei detto di non fare più dischi se non riesci più ad avere buone idee non di smettere di suonare: infatti Dee non ha più fatto dischi coi TS ma ha continuato a fare concerti. Oh, poi se a voi stanno bene dischi mediocri sono fatti vostri, io semplicemente scrivo il mio pensiero (anche qui Galilee siamo alle solite: non capisci la differenza tra il mettere il proprio pensiero ed il pensare che sia legge, io non lo penso eh...), che possa piacere o meno. E comunque ho letto pareri molto più duri su questo disco, di giornalisti musicali anche piuttosto famosi, indi per cui non sono il solo a pensarla in un certo modo e non vedo il motivo per scriverlo. C'è una bella differenza tra il fare buoni dischi anche dopo anni ed il fare dischi insufficienti (come questo per me), ci sono gruppi che sono in giro da decenni di cui continuo ad apprezzare nuovi dischi. Se poi non si possono mai fare critiche ragazzi, tanto vale fare commenti....
Galilee
Giovedì 30 Gennaio 2020, 19.19.55
35
No, e in più è un gran paraculo.
Analizzatore
Giovedì 30 Gennaio 2020, 19.13.51
34
Io mi chiedo: ma Dee Snider ha fatto solo ottimi dischi?
er colica (più vecchio e acciaccato)
Giovedì 30 Gennaio 2020, 18.25.35
33
ma diciamo che anche per me il ragionamento se non fai capolavori non fare più nulla è troppo esagerato anche perché si parla di gruppi in giro da più di trent'anni quindi in quell'arco di tempo i loro capolavori più o meno riconosciuti già li hanno prodotti. Poi onestamente parlando di un gruppo o musicista con 30 anni di carriera e con una discografia molto lunga come quella degli annihilator quanti dischi top puoi aver fatto? 2....3...massimo 4 dischi storici ma poi continui su livelli più o meno buoni e comunque fai uscire dischi dignitosi. Poi se fai uscire aborti anche secondo me magari dovresti pensare di smettere con le uscite in studio ma non credo sia il caso degli annihilator degli ultimi anni, cioè nel corso di questi 15 anni hanno sicuramente fatto uscire dischi altalenanti, alcuni più piatti altri più buoni ma credo che sia un andamento tutto sommato normale per un gruppo con una storia lunga come la loro. Poi vabbe i gusti son gusti ma obbiettivamente questo è un buon disco e credo che molti appassionati degli annihilator siano rimasti comunque contenti perché è il classico stile waters che rimanda ad altre cose già fatte ma fa piacere risentire quei stessi schemi anche se si ripetono, alla fine lo fanno più o meno tutti compresi i gruppi più giovani….tutti ripetono e copiano o ricopano loro stessi.
Galilee
Giovedì 30 Gennaio 2020, 17.27.49
32
Sono d'accordo al 100% con Mulo. Questa band non la ascolto da una vita perché non mi piace, ma non capisco perché Jeff dovrebbe smettere. Siamo sempre lì Shock, continui a considerare i tuoi gusti come cartina tornasole di qualità, arrgandoti il diritto di decidere chi dovrebbe o no continuare. Sei tremendo.
Mulo
Giovedì 30 Gennaio 2020, 17.19.59
31
È stupido dire “Se con la tua band non riesci più a fare ottimi dischi non li fare più “.... Perché altrimenti i dischi non dovrebbe farli più nessuno (o molto pochi)... Altrimenti i Megadeth non avrebbero fatto uscire Endgame o Dystophia ma si sarebbero dovuti sciogliere dopo Risk... Ti rendi conto che non è un uscita intelligente, anche se l’ha fatta Snider
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 17.13.58
30
Un appassionato di musica ed di un gruppo, in questo caso gli Annihilator, ascolta e giudica i dischi che fanno parlando di pregi e difetti che hanno, anche perché se non li si ascolta non si può sapere come sono: se sono critiche idiote allora tanto vale togliere i commenti o puramente mettere solo quelli positivi, questo sì che è idiota, scusa tanto Mulo.
Mulo
Giovedì 30 Gennaio 2020, 17.06.38
29
Jeff Waters i dischi li fa perché si diverte a farli. Non per lucro (quante copie ne venderanno?) e nemmeno per truffare i fan (prima dell’eventuale acquisto tutti si fanno il giro su YouTube). Magari per qualcuno questo è un buon disco. Certe critiche sono proprio idiote... Piuttosto dite “gli Annihilator x me sono finito e non li sentirò più “
Shock
Giovedì 30 Gennaio 2020, 16.49.32
28
@Er Colica: ovviamente ognuno la pensa come vuole, io la penso come Dee Snider: se, col tuo gruppo (in questo caso Twisted Sister), non sei più in grado di fare ottimi dischi, non li fare più, tanto ai fans interessa più che altro ascoltare i classici. In questo caso il buon Jeff addirittura copia, tramite taglia/incolla, i suoi classici del passato, tanto vale ascoltare quelli che sono molto meglio.
Tino
Giovedì 30 Gennaio 2020, 12.37.48
27
È un maestro del riff, considerarlo derivativo o follower come è stato scritto è sbagliato perché i primi due dischi sono due colonne del techno thrash di fine anni 80, a livello di gruppo continuo a considerarlo invece un brand, in po'come anche i Megadeth o i death, dove un uomo si serve di musicisti che lo affiancano e lo aiutano a cucinare i piatti che ha pensato, gruppo lo intendo di più quando più individui sono determinanti e influenti, comunque capisco e condivido il ragionamento
er colica (più vecchio e acciaccato)
Giovedì 30 Gennaio 2020, 12.19.53
26
vabbe è un fatto di abitudine, uno li chiama annihilator perché cosi c'è scritto sulla copertina poi logicamente la dentro è lui che comanda tutto ormai da anni e anni, forse è sempre stato cosi alla fine anche ai primi tempi. In ogni caso o individuo singolo o individui al plurale il mio ragionamento non cambia il succo è quello. Ormai ha detto tutto quello che doveva dire ha dato un suo contributo e ora come ora fa dischi che non inventano nulla e sono pure di mestiere ma sono suonati bene come nel caso di questo e per me va pure bene cosi.
Tino
Giovedì 30 Gennaio 2020, 12.09.16
25
Non capisco perché parlare di un gruppo al plurale quando di fatto si parla invece di un individuo. Gli anni non sono passati per loro ma per lui, gli altri suoi compagni sono praticamente dei ragazzini
er colica (più vecchio e acciaccato)
Giovedì 30 Gennaio 2020, 11.49.47
24
@SHOCK ma guarda posso pure capire il tuo punto di vista ma io credo che al di là della passione per un gruppo uno debba essere pure un poco realista. Nel caso degli annihilator stiamo parlando di un gruppo che suona da più di trent'anni e che ormai nella sua discografia ha già detto quello che doveva dire, gli anni sono passati pure per loro e per Jeff che rimane un mostro tecnico ma con meno idee di prima obbiettivamente parlando quindi bisognerebbe pure apprezzare nei limiti un buon disco come questo che anche se non è un capolavoro del genere è dignitoso e godibile. Io personalmente ho comprato questo disco e non sono rimasto deluso.
davide
Giovedì 30 Gennaio 2020, 11.17.14
23
disco che se lo fai o non lo fai non sposta una virgola nel passato nel presente e nel futuro...puro lavoro..guadagno e timbrata del cartellino
Punto Omega
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 22.29.44
22
Lo sto ascoltando adesso: è divertente, ben suonato e cattura del tutto la mia attenzione. Cosa volere di più?
AkiraFudo
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 18.59.46
21
...lo ascolterò, ma con nessuna aspettativa.. l'unica cosa che mi aspetto da questa band è una buona ristampa su lp dei primi due dischi, veri capolavori
Enrico
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 17.17.14
20
Per carità. Molti pezzi sembrano vecchi pezzi peggiorati. Band finita.
Galilee
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 13.01.42
19
I'll set the world on fire, It's your time to retire
Aceshigh
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 12.14.03
18
Sicuramente meglio delle precedenti release (soprattutto di Suicide Society), senza tuttavia far gridare al miracolo. Poteva essere anche meglio, senza magari qualche plateale (e soprattutto inutile) autocitazione. Poteva forse essere meglio con un frontman di ruolo, anche se non trovo la cosa chissà quanto determinante (alla fine anche sul vecchio King of the Kill canta Jeff e quell’album mi piace parecchio). Più che altro - come dice il recensore - a fronte di una prima parte dell’album davvero valida, la seconda parte non è niente di che, eccezion fatta però per la conclusiva The End of the Lie, ad oggi la mia preferita della tracklist. Ma non è l’unico bel pezzo. Su Jeff in quanto chitarrista poco da dire: è una sicurezza. Nel complesso stavolta è stato un ritorno gradito. Spero che sia solo l’inizio di una risalita. Voto 75
Klacor
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 10.32.26
17
Ciao @lethalzorker, Alice in Hell e Never, neverland sono del 1989/90, alla faccia dei follower.
Christian death RivinusaS
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 8.34.18
16
Dopo vari ascolti devo dire che rispetto i due album che lo precedono questo e di gran lunga superiore. Da riconoscere il grande lavoro del nostro Fabio dietro le pelli, veramente fenomenale , che ho avuto l’onore di conoscerlo durante l’ultimo concerto della band nella citta’ meneghina. Dal vivo sono sicuro che questi brani saranno un divertimento assoluto per i fans.... La voce di Jeff e’ migliorata tantissimo e secondo me si sposa benissimo con il sound della band. Voto del recensore piu’ che giusto. Disco piacevole e con spunti di ottima qualita’ Per me promosso.... negli ultimi due album soprattutto per suicide society avevo dato critica negativa. Complimenti Jefff , non vedo l’ora che torni in italia per godermi un altro tuo concerto, magari con il trentennale di never,neverland......
Shock
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 1.36.24
15
@Er Colica: essere ipercritici con i tuoi gruppi penso sia una cosa normale: vuoi sempre il meglio da chi segui con passione per anni, se ti accontenti di dischi discreti o della solita minestra riscaldata tanto vale ascoltare nuovi dischi, ascolta quelli migliori del passato e via😉
Deathland
Mercoledì 29 Gennaio 2020, 0.38.10
14
Dressed Up For Evil più che ai Megadeth si rifà a World Salad da Alice In Hell
Papi
Martedì 28 Gennaio 2020, 23.49.51
13
Disco gradevole, a parte qualche filler (I Am Warfare) e autostazioni al limite del plagio (Psycho Ward) che rende di gran lunga di più nella seconda parte. Ma non andiamo oltre al 70/75 ad essere larghi di manica. Sicuramente meglio degli ultimi poco riusciti album comunque
Vitadathrasher
Martedì 28 Gennaio 2020, 23.40.43
12
Papabile, in alcuni momenti si sente il marchio di fabbrica per non renderlo un album di chicchessia. Ma siamo sempre lì,manca quel timbro che contraddistingue il meglio della storia di una band, in generale vale per tutti i gruppi thrash che si perdono tra poche idee e iper tecnicismo per conpensare. Gli unici a parer mio che hanno mantenuto un' identità in tutti questi anni senza ripetersi sono gli Slayer.
Barry
Martedì 28 Gennaio 2020, 22.37.41
11
@Shock: lo sai che hai pienamente ragione?
er colica (più vecchio e acciaccato)
Martedì 28 Gennaio 2020, 20.32.04
10
non è male, meno brutale in alcuni frangenti dove si recupera quel taglio meno esasperato e più classicamente thrash senza esagerare per mostrare solo i muscoli, tranne in alcuni casi io ho percepito questo in questo disco. è un buon lavoro e ci sta, si fa ascoltare è suonato bene il loro mestiere (perché a quei livelli di mestiere si tratta, niente romanticismi tipo la gloria del metal e varie cavolate ipocrite) lo sanno fare molto bene e si portano a casa il mio OK. E come dico per svariati gruppi più o meno famosi il problema a volte non sono sempre i gruppi in questione ma i loro "fan" che non sono mai contenti di nulla e iper critici anche troppo.
Rik bay area thrash
Martedì 28 Gennaio 2020, 19.35.15
9
Gli annihilator nel loro 'piccolo' hanno sicuramente fatto la loro parte in ambito thrash e come giustamente scritto da Shock, i primi due album sono universalmente riconosciuti un po' da tutti i thrasher del globo. Poi nel corso degli anni, hanno avuto molti bassi e qualche risalita, come può essere il caso di quest ultimo album, che si rifà molto agli inizi di carriera. L ambito in cui si muove waters è questo ultimamente. Da tenere presente che waters è il lider maximo, quindi gli altri musicisti sono come una backing band. Non ultimo il problema del singer : gli annihilator quanti ne hanno avuti?... Beh già questo dovrebbe far pensare a quanto sia difficile rapportarsi con waters...
Shock
Martedì 28 Gennaio 2020, 19.11.25
8
@lethalzorker: scusa, ma ignorare Alice in hell e Never Neverland è alquanto criminale 🤨
lethalzorker
Martedì 28 Gennaio 2020, 18.58.20
7
Il problema degli Annihilator e' che pur avendo un ottimo chitarrista, sono sempre stati dei followers, mai leaders del filone thrash e quindi, in quanto tali, possono essere tranquillamente ignorati....
troops of tomorrow
Martedì 28 Gennaio 2020, 17.13.55
6
Bel disco sinceramente pensavo peggio. Promosso.
Shock
Martedì 28 Gennaio 2020, 16.48.38
5
Insomma, sarebbe anche un buon disco, il problema è il fatto che le canzoni siano un collage di brani del passato, tra una Stonewall e citazioni varie di Never Neverland, col culmine di Lip service che, caro Barry, più che citare i Medadeth è la fotocopia spudorata di Knight jump Queen, tale e quale. Inoltre Jeff sarà sempre un grande chitarrista ma come voce non ci siamo proprio. Al tutto aggiungiamo una seconda parte di disco sicuramente meno ispirata ed ecco che il disco raggiunge una sufficienza stiracchiata..
David D.
Martedì 28 Gennaio 2020, 16.47.38
4
Sicuramente meglio dei due precedenti, sopratutto di Suicide Society che per me all'epoca è stato veramente una mazzata tremenda da quanto era brutto. Però non so, vedere e sentire un chitarrista come Waters ridursi a fare queste canzonette da compitino, neanche fosse parte di una band revival Thrash degli ultimi anni... Mi fa un po' dispiacere, sopratutto contando i primi tre dischi che gli Annihilator tirarono fuori agli inizi. Confermo il 70, pezzi preferiti Armed To The Teeth, Riot, Out For The Garbage, One Wrong Move, e Lip Service.
Legalizedrugsandmurder
Martedì 28 Gennaio 2020, 15.47.22
3
Titolo e copertina fanno pena, ma l'album mi sembra molto meglio degli ultimi due. Anche se non ci vuole molto.
Deathland
Martedì 28 Gennaio 2020, 15.44.49
2
Grandissimo disco. Voto 75
duke
Martedì 28 Gennaio 2020, 15.15.17
1
...b e n t o r n a t i.....
INFORMAZIONI
2020
Silver Lining Music
Thrash
Tracklist
1. Armed to the Teeth
2. The Attitude
3. Psycho Ward
4. I Am Warfare
5. Out with the Garbage
6. Dressed Up for Evil
7. Riot
8. One Wrong Move
9. Lip Service
10. The End of the Lie
Line Up
Jeff Waters (Voce, Chitarra, Basso)
Fabio Alessandrini (Batteria)
 
RECENSIONI
55
70
45
84
70
72
79
75
75
76
62
70
75
90
89
ARTICOLI
09/12/2017
Live Report
TESTAMENT + ANNIHILATOR + DEATH ANGEL
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 1/12/2017
16/12/2016
Intervista
ANNIHILATOR
Non abbiamo mai smesso di crederci
15/09/2015
Intervista
ANNIHILATOR
Ho vinto io!
18/08/2013
Intervista
ANNIHILATOR
A tu per tu con Jeff Waters
22/11/2011
Articolo
ANNIHILATOR
La biografia
11/11/2010
Live Report
ANNIHILATOR
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 03/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]