Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kirk Windstein
Dream In Motion
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
AEVANGELIST
Nightmarecatcher

28/02/20
JESSE DAMON
Damons Rage

28/02/20
INNO
The Rain Under

28/02/20
AUDREY HORNE
Waiting For The Night

28/02/20
THE NIGHT FLIGHT ORCHESTRA
Aeromantic

28/02/20
INFIRMUM
Walls of Sorrow

28/02/20
SHAKRA
Mad World

CONCERTI

26/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON (ANNULLATO)
VIPER THEATRE - FIRENZE

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR (POSTICIPATO)
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS (ANNULLATO)
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA (POSTICIPATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION (ANNULLATO)
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI (ANNULLATO)
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/02/20
EXTREMA (POSTICIPATO)
PIPPO FOODCHILLSTAGE - BOLZANO

01/03/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
NEW AGE - RONCADE (TV)

01/03/20
DESTRUCTION + LEGION OF THE DAMNED + SUICIDAL ANGELS + FINAL BREATH (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Nero di Marte - Immoto
08/02/2020
( 1995 letture )
E' un inno ai significati abbandonati
E' un inno all'incompiuto dentro me
Non sottratto
Ma immoto
Solo spazio immoto
Altro qui non c'è
Non è forma ciò che cerco
Non più sottratto
Ma immoto
Solo spazio immoto


Ho pensato molto all'introduzione di questa recensione. Sono giunto alla conclusione che il modo migliore per presentare la nuova fatica dei Nero di Marte, costata sei lunghi anni di sacrifici, tra tour, cambi di line-up e di etichetta discografica fossero proprio i Nero di Marte stessi. Le righe riportate sopra sono un estratto della title-track, traccia simbolo di un concept impegnativo, sia a livello di liriche che di composizione. Inutile girarci attorno: il sound della band che ci aveva impressionato con l'album omonimo prima e con il suo successore Derivae dopo, lo ritroveremo solo in parte. Gorguts e Ulcerate sono sempre i primi nomi che vengono in mente, ma c'è molto, molto di più. E forse la traccia che più ci ricorda, almeno in parte, i Nero di Marte che avevamo abbandonato con Derivae è proprio l'opener Sisyphos: i ritmi impazziti di batteria convivono pacificamente con gli arpeggi sapientemente incastonati nei momenti di silenzio, il tutto mentre le chitarre danno vita a un riff dietro l'altro senza mai ripetersi. Ed è proprio questo il fulcro di tutto il lavoro: Immoto scorre, senza fermarsi, in continua mutazione, staccandosi da ogni restrizione di genere. Progressive, death, post e sludge possono essere solo dei meri tentativi di descrivere questo album, almeno dal lato strettamente musicale. Viene da chiedersi: è proprio necessario voler trovare a tutti i costi una classificazione? Probabilmente sì. Ma mai come in questo caso sarebbe riduttivo fermarsi solo all'aspetto musicale e compositivo: Immoto vuole raccontare una storia, e tocca a Sean Warrell essere il nostro Virgilio mentre ci accingiamo ad esplorare l'abisso, cercando disperatamente di non essere trascinati a fondo. Le lyrics quasi completamente in italiano ( fatta eccezione per la già citata Sisyphos e per Irradia) hanno un ruolo fondamentale nella resa complessiva dell'album: il pathos e le emozioni trasmesse riescono rendere completa l'immersione in un tipo di musica che sembra fatta apposta per disorientare, guidando l'ascoltatore dalla prima all'ultima nota di questo lungo viaggio. Perché, in fin dei conti, Immoto è esattamente questo: un lungo, estenuante viaggio. Un album in cui nessuna soluzione si ripete due volte, un album suddiviso in sette tracce che suona talmente organico e lineare da sembrare una traccia unica. L'arduo compito di scandire il ritmo del nostro peregrinare è affidato alla batteria della new entry Giulio Galati: un drumming multicolore, conscio del suo essere fondamentale all'interno dell'opera ma mai in primo piano rispetto agli altri elementi. Giulio si dimostra in grado di picchiare duro e guidare gli altri strumenti nei momenti più aggressivi e caotici, e allo stesso tempo di sfoderare grande dolcezza e sensibilità nei momenti più introspettivi. Le chitarre invece si fanno pittrici di paesaggi e tessitrici di atmosfere: dai riff melmosi e frammentati di chiara derivazione sludge ( e non solo) agli arpeggi più eterei dai forti richiami progressive, riescono in equal misura a creare immagini di paesaggi post-apocalittici e frammenti di cieli stellati sotto i quali fermarsi a riflettere. Ed è la voce di Sean a rendere il tutto più reale ed impressionante: più matura, più versatile rispetto al passato, in grado di passare abilmente da un cantato pulito a uno più aggressivo a seconda di quanto sia necessario, come il narratore di una storia meravigliosa ma altrettanto terribile.

Il non citare le tracce singole, se non in apertura di recensione, è stata una scelta consapevole. Immoto non è solo musica, ma comprende anche immagini, parole e sensazioni impossibili da mettere su carta. E' un'opera completa in ogni suo aspetto, da ascoltarsi con totale dedizione. Anche i paragoni iniziano a stare sempre più stretti: Gorguts, Ulcerate, Neurosis in alcuni frangenti... ma questi pochi nomi non sono abbastanza. Forse è il caso di iniziare a parlare di Nero di Marte, senza associazioni forzate con altre band. Sono una band credibile e dal sound spaventosamente personale. Se lo meritano.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
69.21 su 23 voti [ VOTA]
Sergio
Venerdì 21 Febbraio 2020, 14.25.00
14
Troppo cervellotico come la maggior parte dei lavori degli ultimi tempi, specie in ambito estremo.
Gianni
Venerdì 21 Febbraio 2020, 14.13.59
13
Album complesso, sembra stiano tracciando le coordinate per un quarto album ancora più astratto e immaginifico. In ogni caso, questo denota una qualità sempre crescente tra le uscite in ambito estremo provenienti dall'Italia. A tal proposito: a quando la recensione degli Esogenesi? Album imperdibile, a mio modesto parere...
Graziano
Mercoledì 19 Febbraio 2020, 14.58.48
12
A me la "deriva" prog è piaciuta. Disco complesso ma per me più godibile dei due precedenti. Le parti più plumbee e soffocanti sono smorzate e inframezzate da momenti più melodici ed eterei. Applaudo al coraggio di una band che comunque rimane alquanto unica nel panorama musicale attuale.
Danimanzo
Martedì 18 Febbraio 2020, 16.59.30
11
Disco superlativo, ma molto ostico ( anche rispetto ai due meravigliosi dischi precedenti ). Siamo sempre dalle parti dei Gorguts, Ulcerate e compagnia dissonante, ma a questo giro tra stile del cantato e pause ambient si sono spinti ancor di più in territorio sperimentale. In ogni caso, un lavoro magistrale. Voto 90/100.
frank
Martedì 18 Febbraio 2020, 13.25.07
10
Non li digerisco, sembra siano entrati in un mood in cui debbano per forza scervellarsi di fare cose eccessivamente articolate, risultando troppo forzato in molti passaggi.
Macca
Martedì 18 Febbraio 2020, 9.24.50
9
Ascoltato poco, non ho ancora avuto il tempo di mettermici con la giusta concentrazione. Per ora lo trovo il più complesso tra i loro lavori, attingendo non tanto dall'esordio quanto sviluppando concetti sonori già presenti in Derivae. Sisyphos e Immoto epocali, ma devo assimilarlo del tutto e come dice @Enrico Bustaffa sarà una digestione lunga. Ribadisco come detto in altri post che la scelta dell'italiano, a mio gusto, per quanto coraggiosa non si sposa alla perfezione con questo genere.
ares
Lunedì 17 Febbraio 2020, 18.43.00
8
abbastanza noioso e i testi in italiano sono osceni da sentire
Enrico Bustaffa
Lunedì 10 Febbraio 2020, 15.42.17
7
una delle band piu enigmatiche del metal contemporaneo. Il precedente mi piacque non poco, questo lo devo ancora smaltire e so già che sarà una digestione molto lunga
Macca
Lunedì 10 Febbraio 2020, 9.51.45
6
Mi è arrivato solo ieri quindi non ho avuto tempo di ascoltarlo, finora ho sentito solo le anteprime e Sisyphos è veramente spettacolare. Lo ascolterò per bene e ripasserò più avanti.
Candal
Domenica 9 Febbraio 2020, 10.13.05
5
Condivido praticamente in toto la recensione, album bellissimo
Pacino
Sabato 8 Febbraio 2020, 20.03.21
4
Discreto album di Post Metal. Voto 70.
Graziano
Sabato 8 Febbraio 2020, 15.19.15
3
Ho un rapporto molto diffcile con i NDM. Molto pesanti come suoni e dissonanti all'eccesso per i miei gusti nei primi due dischi, questo invece mi sembra più "fruibile" ed originale, complice anche una produzione all'altezza. Per un giudizio attendo di averlo assimilato per bene.
Korgull
Sabato 8 Febbraio 2020, 12.58.42
2
Li amo fin dal esordio, quanto mi piace perdermi nei loro vortici!! Quest album è un album sublime, vera arte. Come essere accoltellati da una piuma
Analizzatore
Sabato 8 Febbraio 2020, 12.42.28
1
Ho una buona opinione di questa band, pur trovando eccessive le sperticate lodi nei loro confronti... cionondimeno, considerate le mediocrità d'oltralpe e d'oltreoceano spacciate per capolavori, credo si possa anche far finta che le suddette lodi siano meritate.
INFORMAZIONI
2020
Season of Mist
Inclassificabile
Tracklist
1. Sisyphos
2. L'arca
3. Immoto
4. Semicerchi
5. La Casa del Diavolo
6. Irradia
7. La Fuga
Line Up
Sean Worrell (Voce, Chitarra)
Francesco D'Adamo (Chitarra)
Andrea Burgio (Basso)
Giulio Galati (Batteria)
 
RECENSIONI
92
92
ARTICOLI
07/02/2020
Intervista
NERO DI MARTE
La Musica Del Subconscio
10/04/2016
Live Report
GORGUTS + PSYCROPTIC + DYSRHYTHMIA + NERO DI MARTE
Circolo Colony, Brescia (BS), 06/04/2016
11/03/2015
Live Report
NERO DI MARTE + STORM{O}
Lo-Fi Club, Milano, 06/03/2015
13/11/2014
Live Report
NERO DI MARTE + STORM {O} + VOID OF SLEEP + NONO CERCHIO
Freakout, Bologna - 07/11/14
05/05/2014
Live Report
GORGUTS + MISERY INDEX + NERO DI MARTE
Circolo Colony, Brescia, 29/04/14
30/04/2014
Live Report
NERO DI MARTE + DOTZAUER + AIDAN
Vinile, Rosà (VI) - 25/04/2014
07/07/2013
Intervista
NERO DI MARTE
Ridefinire il Progresso
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]