Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
ART OF ILLUSION
X Marks the Spot

29/01/21
OCEANA
The Pattern

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
DISEASE
Into the Red

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
THE BODY
I’ve Seen All I Need To See

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Ihsahn - Telemark
01/03/2020
( 1776 letture )
Parlare del nuovo prodotto discografico di Ihsahn è sempre una questione di equilibrio: da un lato bisogna cercare di astrarre il materiale dalla storia personale di uno dei più grandi compositori black della storia del genere, dall’altro comunque contestualizzare l’uscita alla luce di una carriera che abbraccia tre decadi di musica estrema. Quindi, ecco Telemark, un EP parte di una collezione di pubblicazioni brevi, che il chitarrista norvegese vorrebbe epitome e riassunto di sentimenti particolari o, se vogliamo, di fasi della sua produzione.

Seppur la durata del disco sia per forza del suo formato, ridotta, Ihsahn dimostra una eccellente capacità di sintesi, elaborando tre brani che tracciano un fil rouge dagli esordi con i leggendari Emperor ed i primissimi anni della sua attività solista, riletti, tuttavia, con la maturità dell’oggi.
Stridig apre le danze con furiose plettrate sostenute dal ritmo incalzante della sezione ritmica, prima che un riff travolgente introduca l’ingresso della voce distorta, che per la prima volta nella carriera di Ihsahn, profferisce versi in norvegese; poi è la volta dell’intensa Nord caratterizzata da un arpeggio in minore sostenuto da una possente linea di basso che traghetta l’ascoltatore verso la splendida apertura melodica al secondo minuto, rabescata dalla ficcante progressione di chitarra ritmica: è il brano più vicino alla tradizione della Second Wave ed al suo lavoro della seconda metà degli anni Novanta.
Infine è il turno di Telemark, arricchita dagli assoli sax (cortesia del sempre impareggiabile Jorgen Munkeby degli Shining di Norvegia) e da partiture dal sapore mediorientale, costruite attorno alla scala di frigia dominante. Qui esplode in tutta la sua ricchezza la voce di Ihsahn, di cui spesso ci si dimentica, ponendola in secondo piano rispetto al virtuosismo alla sei corde.
Sono sette minuti in cui è impossibile non essere rapiti dall’eleganza di espressione di Ihsahn che passa da tratteggiare linee di chitarra solista come se fossero pennellate sinuose e leggere ad una violenza quasi necessaria, primordiale, senza però mai smarrire la direzione. E’ una traccia di chiusura che è davvero un piccolo microcosmo del più grande universo in cui il musicista norvegese ha scelto di muoversi: un luogo dove convivono pulsioni sovente contrastanti, totalizzanti, benché in nessun caso autoreferenziali o egoriferite. Si tratta di una produzione accessibile, dalla natura, si potrebbe azzardare, didattica. Come se Ihsahn volesse prendere per mano il fruitore e indicargli un percorso, esemplificando ogni tappa con una sezione di questi tre notevoli pezzi. Sulla due cover finali c’è invece poco da dire. Se la prima, Rock and Roll Is Dead scaturirebbe dall’amore del norvegese per l’AOR e dalla volontà (forse) di dimostrare che nella serietà del black metal esiste uno spazio per godersi generi altri (ma si sapeva!), la seconda segue pedissequamente l’esecuzione originale, senza davvero aggiungere alcunché di degno di menzione. Si è nella posizione di proporre un elogio per la buona interpretazione e la passione palese con la quale Ihsahn si è confrontato con due brani radicalmente differenti, però rimangono in ogni caso delle note a margine, comprensibili ed apprezzabili solo nella più ampia lettura di Telemark come un lavoro atto ad una rivalutazione delle proprie origini musicali.

In conclusione, l’EP è un’opera nel complesso meritevole di un ascolto attento, soprattutto se l’intenzione è quella di recuperare un Ihsahn meno sperimentatore e proiettato sulla ricerca a favore di un compositore pienamente a suo agio con gli stilemi di un genere che, ricordiamolo, ha contribuito a definire, a diffondere ed infine a stravolgere e riscrivere.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
92.66 su 6 voti [ VOTA]
duke
Domenica 15 Marzo 2020, 11.04.39
5
....ottimo....gran musicista....
Galilee
Domenica 15 Marzo 2020, 10.57.51
4
Solo Stridig vale l'acquisto. Che pezzone.
d.r.i.
Sabato 14 Marzo 2020, 22.29.18
3
Il numero uno nel genere oggi, punto.
Tino
Lunedì 2 Marzo 2020, 20.29.59
2
Non sbaglia un colpo...bellissimi gli assoli di sapore classic metal anni 80, fiati inseriti in maniera sapientemente intelligente, melodie perfette. Stridig un piccolo capolavoro, nord una delle migliori cose dai tempi di anthems, cover reinterpretate con personalità. Artista pazzesco che non finisce mai di affascinare. Voto 90
Cerberus
Lunedì 2 Marzo 2020, 18.14.06
1
Tirerei una riga su "partiture dal sapore mediorientale", piuttosto sono ispirate alle melodie per hardanger fiddle, una ripresa del progetto Hardingrock per certi aspetti
INFORMAZIONI
2020
Candlelight Records
Prog Metal
Tracklist
1. Stridig
2. Nord
3. Telemark
4. Rock and Roll is Dead (Lenny Kravitz cover)
5. Wrathchild (Iron Maiden cover)
Line Up
Ihsahn (Voce, Chitarra, Basso, Tastiere)
Tobias Orsen Andersen (Batteria)
Jorgen Munkeby (Sax)
 
RECENSIONI
75
85
89
89
89
87
80
ARTICOLI
07/09/2020
Intervista
IHSAHN
Musica per i millenni
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]