Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Todd La Torre
Rejoice in the Suffering
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
ACID MAMMOTH
Caravan

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Unfathomable Ruination - Enraged & Unbound
03/03/2020
( 787 letture )
Autori di due validissimi dischi, Misshapen Congenital Entropy uscito nel 2012 e Finitude rilasciato nel 2016, i londinesi Unfathomable Ruination si son fatti subito notare per il loro death metal brutale e tecnico che non è mai caduto nel virtuosismo esasperato, ma anzi, ha sempre messo in risalto la violenza più pura. A distanza di tre anni dall'ultimo disco, ecco che i cinque tornano con Enraged & Unbound, edito dalla Willowtip Records.

E cosa aspettarsi se non un album perfettamente in linea con i precedenti? Non ci sono stravolgimenti di sound o trovate particolari di chissà che tipo, gli inglesi puntano ancora una volta su un brutal molto tecnico ma sempre trascinante. I vortici di riff continuano ad alternarsi a ritmiche più massicce e dirette, soluzione che risalta tantissimo le chitarre ed enfatizza l'atmosfera puramente “brutal” del disco. Ciò che è evidente però, e che in sostanza è quello che rende il gruppo molto interessante, è che non si ha mai l'impressione di trovarsi ad ascoltare un disco fatto solo di riff e blast beat buttati lì tanto per. Il disco, nei suoi quarantatre minuti di durata, offre molto di più. Pezzi molto dinamici, tanti assoli, giri di basso sempre presenti (un po' meno rispetto al precedente) e una prova vocale mai troppo monotona e immobile su di un solo registro. Ottimi esempi di quanto detto li abbiamo nell'opener, pezzo che potremmo definire manifesto del gruppo, e in altre tracce quali la grooveggiante e atmosferica Protoplasmic Imprisonment, Fibers, di cui è da notare il continuo alternarsi di riff quadrati ad altri più arzigogolati, e la più armonica Maniacal Disillusion. Proprio quest'ultima mette in evidenza un fattore non di poco conto presente nella proposta degli inglesi, ovvero l'armonia. Non che si possa parlare di vera e propria melodia, ma conferma come i cinque non si limitino a scrivere pezzi violenti e fini a sè stessi, anzi. Per questo motivo, accostare il gruppo a gruppi come Aborted o Defeated Sanity non è el tutto errato, in quanto potremmo collocarlo giusto a metà tra i due.

Gli Unfathomable Ruination sono ormai un gruppo che difficilmente mancherà tra le collezioni dei deathsters più orientati alla tecnica e al brutal più puro. Enraged & Unbound è un ottimo lavoro, forse meno catchy del precedente e del primo ma che mette in evidenza una maturità stilistca invidiabile.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
51.83 su 6 voti [ VOTA]
Enrico
Venerdì 6 Marzo 2020, 17.04.48
1
Niente di trascendentale.
INFORMAZIONI
2019
Willowtip Records
Brutal
Tracklist
1. An Obsidian Perception
2. Enraged and Unbound
3. Codebreaker
4. Defy the Architect
5. A Prophetic Compulsion
6. Maniacal Disillusion
7. Fibers
8. Occulta Violentiam
9. Protoplasmic Imprisonment
Line Up
Ben Wright (Voce)
Rosario Piazza (Chitarra)
Daniel Herrera (Chitarra)
Jake Law (Basso)
Doug Anderson (Batteria)

Musicisti ospiti:
Julien Truchan (Voce sulla traccia 4)
Sven de Caluwé (Voce sulla traccia 8)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]