Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
GOLGATA
Tempel

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

04/12/20
HYRGAL
Fin de Règne

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

H.e.a.t - II
05/03/2020
( 2256 letture )
Che bello risentire gli H.e.a.t. La band svedese, fondata a Upplands Väsby nel 2007, giunge al sesto album in studio, con l’esordio eponimo dato alle stampe nel 2008. II segue lo sperimentale Into The Great Unknown, disco diverso ma per certi versi riuscito, con l’hard rock nativo lasciato un attimo in naftalina: questione di scelte. Invece, dall’alto di questi stimolanti 11 nuovi pezzi, il gruppo proveniente da terre produttive come nessuno in campo hard rock nelle ultime due decadi, ritorna sul vecchio sentiero con energia rinnovata e aguzza. Come il quintetto ha tenuto a precisare: “Se avessimo pubblicato il nostro album di debutto nel 2019, questo è il sound che avrebbe avuto”.

Il legame fortissimo tra la band e il mood dei trascorsi anni ottanta è palese, verrebbe da dire inscindibile; insomma, chi pronosticava la morte del rock duro si sarà reso conto, negli ultimi lustri, di aver provato a sotterrare un’entità che proprio di morire non ci pensa affatto. Per fortuna aggiungo io. Gli H.e.a.t brillano di potenza sonora, melodie sfavillanti e vena compositiva cospicua, con la voce del singer Erik Gronwall che scudiscia, pressa e ferisce ad ogni passaggio, e il resto della formazione che picchia durissimo, con le sei corde che s’incendiano spesso e la batteria che demolisce inutili resistenze. Rock Your Body schizza via melodica che è un piacere e siamo solo in apertura, chitarre pompate, la voce vola alta, key nebulizzate e un ritornello corale, urlato e fremente, mentre la batteria bastona, e il solismo straripa da ogni poro della song: una mazzata di grande impatto. Bentornati nel pieno degli anni 80. Dangerous Ground viaggia a mille tra voce filtrata, armonie, ricordando le colonne sonore di pellicole del tempo, tra Rocky e Top Gun per intenderci; il quintetto non si risparmia e confeziona uno spaccato di passato molto attuale. Come Clean brilla di luce abbagliante, l’ugola d’acciaio raggiunge altissimi picchi di interpretazione, quasi in chiave AOR visto il lavoro delle tastiere, solo furioso di Dave Dalone, il ritornello è strepitoso. Altro centro perfetto, seguito dalla composita Victory che alterna perlacei arrangiamenti a cavalcate chitarristiche, stacchi potenti, aperture sui tasti d’avorio, con un inciso che sa di epic metal; ottimi soli incrociati a darsi battaglia tra l’ascia e il synth. We Are Gods mette i brividi, l’intonazione blues alla Coverdale fa accapponare la pelle, Erik Gronwall si dimostra un performer dotatissimo, da tenere sotto stretta osservazione, il brano è magniloquente, fatto di bordate strumentali, inserti e l’ugola pazzesca che cannoneggia pesante la stesura, solo della guitar bruciante con Jona Tee che si ustiona i polpastrelli sulla consolle. Adrenaline fa trasparire, chiaramente, elementi agguantati dal titolo aggiungendo melodie di grande stratificazione e un ritmo spezzato assai convincente, One By One è class metal senza fronzoli e ventate catramanti, guarnito da un chorus da urlare nelle arene, solo della sei corde urticante e ricco di pathos, mentre Nothing To Say è una ballad che nasce su tasti sognanti con una prova del cantante, ancora una volta, eccelsa, una traccia delicata, da FM americane. Tastiere in evidenza su Heaven Must Have Won An Angel, che pesca a piene mani nella tradizione AOR, Under The Gun molla una sventola in piena faccia, con cori altissimi che puntano all’empireo, poi Rise serra i boccaporti con l’ennesima prova compatta e luccicante, costruita su trame armoniche ed enfasi dal DNA epico nei cori e nella stesura.

Gli H.e.a.t mettono a segno un gran bel colpo, un’operazione riuscita già ai Crazy Lixx di Ruff Justice del 2017, riscoprendo hard e class degli eighties, mettendoci dentro belle canzoni, energia, voglia di esserci e ottime idee. Senza risultare stantii o antiquati. La band, poi, gira come un orologio atomico, senza mostrare mai una crepa o un’esitazione, con interpreti di livello totale e freschezza nelle interpretazioni. Una voce al massimo, chitarre pressofuse, tastiere che sanno orientarsi su una vasta gamma di suoni, ora duri ora teneri, sezione ritmica solida e atletica. II è un disco che spacca e intrattiene, solo i puristi dei melting pot e dell’originalità a tutti i costi avranno da ridire. Go swedish guys!



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
84.83 su 18 voti [ VOTA]
Argo
Venerdì 18 Settembre 2020, 15.57.09
16
Dopo 3-4 ascolti, cd assimilato del tutto. Non male, manca solamente l'atmosfera di 20 anni fa, cosa da non poco. In ogni caso, vorrei prendere un altro cd di questa band, solo uno, è quasi unanime l'idea che tearing down the walls sia il loro miglior album, me lo confermate? fatemi sapere, grazie
The Cowboy
Mercoledì 12 Agosto 2020, 18.41.34
15
A Livello dei primi due, ma più heavy.
Shock
Martedì 9 Giugno 2020, 0.48.51
14
Serio candidato a disco dell'anno!!!!! Anche per me qui ci sono undici canzoni che potrebbero essere undici potenziali singoli, nessuna canzone sotto tono, anzi. Eric si dimostra un cantante eccezionale e Dalone un ottimo chitarrista. Da tempo non ascoltavo un disco simile, e quando leggo che non escono più dischi fondamentali, ecco questo è uno di quelli.
Andy
Martedì 14 Aprile 2020, 18.01.03
13
....a mio avviso e' solo buono....ci sono alcuni filler eccome!!!.....we are gods e adrenaline non dicono nulla...rock your body e' banalissima...sono piatte complesivamente!...le altre proseguono bene fino alla penultima....mentre rise e' un pezzo debole!
Underground
Domenica 12 Aprile 2020, 15.18.37
12
Un disco strepitoso!! Come voto il 100 ci sta tutto: non un filler, non una canzone sotto tono ma 11 potenziali single!! La dimostrazione come ancor oggi dove si è detto tutto se si ha le capacità si può scrivere un capolavoro che niente ha di che invidiare a quelli del passato, anzi, un disco che tra trent'anni sarà ancora identificato come masterpiece!!
duke
Giovedì 19 Marzo 2020, 19.53.24
11
...niente male....decisamente interessanti...
Andrew Lloyd
Martedì 10 Marzo 2020, 22.07.16
10
Ho avuto la fortuna di vederli una volta live in Inghilterra: GRANDIOSI. Sempre stato un loro fan. Hanno trovato, riciclando idee vecchie, strade nuove. A tratti sono stati anche geniali.
HeroOfSand_14
Sabato 7 Marzo 2020, 11.28.28
9
Sono tornati, eccome! Disco continuamente presente nelle mie giornate per il momento. Secondo me manca un apice come poteva avere Address (disco prequel di Heat II per me a livello di sound), ma ha una sfilza di brani di qualità elevatissima. Filler non ne trovo, ed è una vittoria dopo qualche passo falso nel disco precedente. Victory e Under The Gun sono due pezzoni ai limiti del metal (strano sentirli suonare da loro) e soprattutto il secondo è dinamite pura. Come Clean probabilmente è il brano simbolo del disco, con Rise e One By One che sfondano i muri. Altro apice è il ritornello di We Are Gods, splendido, mentre .Heaven Must Have Won an Angel non mi esce dalla testa e probabilmente è il brano più AOR oriented del disco. Nothing To Say forse poteva essere meno banale, ma comunque suona bene. Promossi assolutamente, non era per nulla scontato partorire un disco di questa caratura. E che figata gli assoli di Dalone, tornato alla grande. Non parlo neanche di Gronwall perchè non ha bisogno di altri elogi, su disco è pazzesco, live è un fenomeno (se non li avete mai visti andate a Bergamo a maggio!) dotato di un carisma ed un'estensione fuori dal comune. Unico appunto sul suono generale: a me piacciono suoni più puliti e meno effettati, qui a volte sembra che la batteria sia triggerata tantissimo e sembra quasi "finta". Visto che Crash pesta duro, avrei preferito un altro sound al riguardo, ma mi accontento.
David D.
Venerdì 6 Marzo 2020, 21.36.04
8
Bel dischetto, ho visto parecchie recensioni entusiastiche e per curiosità l'ho sentito. Da ieri che ce l'ho in loop, veramente un bel lavoro.
Flavio
Venerdì 6 Marzo 2020, 11.16.15
7
Dopo il passo falso di "Into The Great Unknown" , sono nuovamente riusciti a tirar fuori un album stupendo; a parer mio leggermente sotto il fantastico Tearing Down The Walls, ma si parla di sfumature. Concordo con il voto del recensore...
Altered
Giovedì 5 Marzo 2020, 22.51.25
6
Questa band non sbaglia un colpo, un hard rock suonato con classe, in modo impeccabile, c'è davvero poco da aggiungere. Concordo con chi lo definisce l'uscita dell'anno, sicuro lo è fino a questo momento e resterà una delle migliori del 2020. Per me da 90.
duke
Giovedì 5 Marzo 2020, 21.06.49
5
...leggendo i commenti positivi ....qui sotto.....lo devo ascoltare....
giulio b
Giovedì 5 Marzo 2020, 20.51.10
4
album immenso: già in nomina di migliore uscita dell anno! MASTERPIECE. Per me vale 99
DP
Giovedì 5 Marzo 2020, 20.37.58
3
90 tutta la vita, masterpiece !
Graziano
Giovedì 5 Marzo 2020, 18.55.19
2
Già tra i candidati a disco dell'anno. Questo 2020 in campo hard/AOR tra HEAT, Revolution Saints e Collateral è partito col botto!!!
fasanez
Giovedì 5 Marzo 2020, 17.51.02
1
Devo ancora ascoltarlo per bene, ma in prima battuta mi sento di concordare col recensore, gran bel lavoro! Gronwall un fuoriclasse.
INFORMAZIONI
2020
earMUSIC
Hard Rock
Tracklist
1. Rock Your Body
2. Dangerous Ground
3. Come Clean
4. Victory
5. We Are Gods
6. Adrenaline
7. One By One
8. Nothing To Say
9. Heaven Must Have Won An Angel
10. Under The Gun
11. Rise
Line Up
Erik Gronwall (Voce)
Dave Dalone (Chitarra)
Jimmy Jay (Basso)
Don Crush (Batteria)
Jona Tee (Tastiere)
 
RECENSIONI
74
82
87
83
80
ARTICOLI
04/12/2014
Live Report
H.E.A.T + SHERLOCK BROTHERS
29/11/2014, Rock Planet, Pinarella di Cervia (RA)
18/06/2014
Intervista
H.E.A.T
Tearing Down the World!!
14/05/2014
Live Report
H.E.A.T + SUPERCHARGER + BAD BONES
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 09/05/2014
26/05/2012
Intervista
H.E.A.T
La forza degli Eighties
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]