Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
CELESTIAL SEASON
The Secret Teachings

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
SEVENDUST
Blood & Stone

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Konvent - Puritan Masochism
23/03/2020
( 739 letture )
Fondate nel 2015 a Copenhagen, le Konvent, band death/doom tutta al femminile, giungono in questo 2020 alla pubblicazione del loro primo album (dopo un demo del 2017), Puritan Masochism, con la Napalm Records.

In pochi secondi le Konvent tirano riescono a mostrare la loro essenza, la potenza della loro proposta, grazie alla cattiveria, al growl, al cantato gutturale di Rikke Emilie List e al lavoro preciso della band, che fino alla fine del disco continuerà incessantemente a martellare ritmiche e riff pesantissimi, muovendosi su testi oscuri, criptici (da cui però non emergono particolari concept o concetti), proprio come si può sentire nella tiletrack Puritan Masochism, in The Eye e Trust. Prosegue la carica con le ottime World of Gone e Bridge, in cui la velocità va in crescendo, alternandosi a parti più lente, a fare da tappeto al solito growl, dando dinamica alla canzone e smuovendo un po’ il tutto, che altrimenti rischierebbe di essere tutto troppo piatto (per quanto non ci si possa aspettare varietà in un disco del genere). Buona anche Waste, brano che vede la partecipazione di Tue Krebs Roikjer, cantante e chitarrista del gruppo atmospheric-black danese Morild, che si alternerà alla voce con Rikke Emilie List. Viene la volta di Idle Hands, per poi arrivare a Ropes pt. 1 e Ropes pt. 2, che chiuderanno il disco in maniera convincente, rimarcando per le ultime volte tutta la pesantezza del sound della band, amplificando per un’ultima volta la sofferenza e l’oscurità della proposta. Puritan Masochism è un disco dalle atmosfere cupe e claustrofobiche, influenzato da band come Mythic, Paradise Lost, Skepticism, Winter e Candlemass, che riesce a scorrere per i suoi quasi cinquanta minuti con grande distruttività, inquietudine e cattiveria, grazie a una produzione di ottimo livello e a una formazione dotata di immense qualità, capace di muoversi con grande disinvoltura tra death e doom, toccando territori a volte heavy, a volte stoner, sempre utilizzando i giusti suoni, il giusto approccio e la giusta tecnica. Dal primo all’ultimo secondo dell’album è un susseguirsi di riff, di distorsioni pesantissime e di pura violenza vocale, che creano costantemente un clima di sofferenza e afflizione: le Konvent non deludono le aspettative e riescono a fare quello che ogni band doom dovrebbe fare, senza sbavature o senza scivolare in canzoni poco convincenti, difatti nel corso del disco si può notare una certa compattezza, anche qualitativa, che rende difficoltoso trovare canzoni che siano puramente riempitive così come brani indiscutibilmente sopra la media (volendo citarne qualcuna di particolarmente apprezzabile si possono nominare World of Gone, Bridge e le due cattivissime Ropes).

Per concludere non resta tanto altro da dire: non si tratta di un disco che cela particolari significati e letture degni da essere menzionati in recensione, ma di un lavoro solidissimo e concreto, che fa quello che deve fare senza perdersi mai, muovendosi tra infinite influenze doom, con stile e carisma. Non si può che consigliare a tutti gli appassionati del genere Puritan Masochism, che si rivela un disco all’altezza dei migliori nomi usciti negli ultimi anni in campo doom (tanto per fare un nome al volo i Monolord, ai quali tra l’altro hanno già aperto qualche data) e che proietta le Konvent verso un proseguo di carriera da protagoniste.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
67.25 su 4 voti [ VOTA]
Marjan
Sabato 22 Agosto 2020, 10.50.13
5
Tik tok poison clock
Stagger Lee
Domenica 31 Maggio 2020, 14.52.24
4
Per me un album bellissimo. Lo consiglio agli amanti del deth doom più oscuro...e anche il precedente demo del 2017 è notevole.
Légionnaire
Domenica 31 Maggio 2020, 13.57.48
3
Cos'è tutto questo astio?Perchè son 4 ragazze?"ci son molte band anche esordienti che meritano molto di più", mi son perso qualcosa?che queste Konvent non sono esordienti anche loro?A me sembra un onesto debutto,discreto.Per tacere dei FVneral FVkk che invece è un gran bel disco.
The Outsider
Mercoledì 6 Maggio 2020, 13.11.47
2
Disco trascurabile. Suonare doom non equivale di certo ad assemblare una manciata di riff da bambocci. Ci sono molte band, anche esordienti che meritano molta più attenzione rispetto a robaccia di questo genere, vedasi Fvneral Fvkk...
El Faffo
Martedì 24 Marzo 2020, 11.10.30
1
Gran bel disco Doom-Death! Queste ragazze hanno una gran botta e mi hanno convinto di più ad ogni ascolto. Voto 86 P.S. come fanno 4 bamboline a suonare così cattive?
INFORMAZIONI
2020
Napalm Records
Doom
Tracklist
1. Puritan Masochism
2. The Eye
3. Trust
4. World of Gone
5. Bridge
6. Waste (ft. Tue Krebs Roikjer)
7. Idle Hands
8. Ropes pt. I
9. Ropes pt. II
Line Up
Rikke Emilie List (Voce)
Sara Helena Nørregaard (Chitarra)
Heidi Withington Brink (Basso)
Julie Simonsen (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]