Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Big Scenic Nowhere - Vision Beyond Horizon
25/03/2020
( 427 letture )
Togliamoci il sasso dalla scarpa, e pronunciamo subito l’odiata parola. I Big Scenic Nowhere sono un supergruppo. Tuttavia, se per l’importanza dei nomi coinvolti tale espressione si giustifica, la band oggi sotto esame assomiglia di più ad un progetto. Il nocciolo duro dei Big Scenic Nowhere è infatti composto da Gary Ace e Bob Balch, rispettivamente chitarristi di Yawning Man e Fu Manchu. I due hanno iniziato a collaborare con l’obiettivo di unire il carattere etereo e riverberato dei primi con il fuzz rovente e assolato dei secondi. Un’idea allettante, resa ancora più appetitosa dai musicisti coinvolti. Dopo una prima lavorazione, il duo è stato affiancato da una decina di musicisti, che hanno contribuito puntualmente sui brani dell’album. Tra questi spiccano Nick Oliveri, Per Wiberg degli Spiritual Beggars, Tony Reed dei Mos Generator, Lisa Alley e Ian Graham dei The Well, così come il produttore/musicista Alain Johannes.

Veri e propri cavalli di razza dello stoner rock quindi, il che pompa parecchio le aspettative attorno a questo Vision Beyond Horizon, esordio sulla lunga distanza che segue l’EP Dying on the Mountain del 2019. L’album in questione si compone di una decina di brani cangianti e variegati, accumunati dall’alternanza di un canonico riffing stoner a momenti arpeggiati e sfuggenti. I brani di Vision Beyond Horizon mantengono quasi sempre un incedere pacato e continuo, che si fa lisergico e vagamente psichedelico nei momenti migliori. Caratteristiche queste visibili sin dall’opener The Glim, sospesa tra il pachidermico riff portante e l’arioso ritornello. La stessa commistione di riff panciuti e tremolanti architetture chitarristiche caratterizza anche Tragic Motion Lines, un buon equilibrio tra i miraggi desertici della strofa arpeggiata e il solleone del poderoso ritornello rockeggiante. Anche quando il fuzz regna sovrano, i brani non perdono il loro carattere ritualistico, come dimostrato dal riff circolare e rotolante di Mirror Image. Questo carattere ipnotico tocca il suo apice nella suadente The I was Gone, particolarmente riuscita grazie ai suoi intrecci vocali, nei quali spunta la prestazione di Lisa Alley. Talvolta, l’impronta degli Yawning Man prende il sopravvento. Ne sono prova la sfuggente Hidden Wall e la conclusiva War Years. Tra gli episodi più interessanti dell’album, questa sfoggia un carattere sognante ed etereo che ricorda una certa musica anni ’60. Segnaliamo infine l’inaspettata The Paranoid, un furioso brano hardcore, un minuto e mezzo di bieca velocità, forse un tantino fuori posto nell’economia del lavoro. Partorito da due chitarristi, Vision Beyond Horizon è un album molto cantato, grazie all’apporto di ben quattro vocalist.

Insomma, l’esordio dei Big Scenic Nowhere si distingue per il suo carattere vario, ma abbastanza coeso da formare un album coerente. Al di là dell’intenzione, pomposa e fondamentalmente poco interessante, di creare un ibrido fra le band dei due leader (più probabilmente riconducibile alla promozione dell’etichetta), Ace e Balch creano un album singolare e sfaccettato, nel quale traspare tutta la loro esperienza e il loro mestiere. L’album è ottimamente prodotto e, specie nei momenti più liturgici, non privo di un certo fascino. D’altro canto però, Vision Beyond Horizon intrattiene senza esaltare, si fa notare senza impressionare. L’esordio dei Big Scenic Nowhere manca ancora di quel qualcosa per colpire davvero nel segno, specialmente se si tiene conto dei nomi che ne sono all’origine. Il lavoro non delude quindi le aspettative ma, come spesso in questi casi, non è nemmeno il “superalbum” promesso. Andando oltre i musicisti coinvolti, Vision Beyond Horizon resta un buon album stoner rock, che vale di sicuro un ascolto.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2020
Heavy Psych Sound Records
Stoner
Tracklist
1. The Glim
2. The Paranoid
3. The I was Gone
4. Mirror Image
5. Hidden Wall
6. Shadows from the Altar
7. En Las Sombras
8. Tragic Motion Lines
9. War Years
Line Up
Alain Johannes (Voce, Chitarra)
Tony Reed (Voce, Tastiere, Batteria)
Ian Graham (Voce)
Lisa Alley (Voce)
Bob Balch (Chitarra)
Gary Ace (Chitarra)
Per Wiberg (Tastiere)
Nick Oliveri (Basso)
Mario Lalli (Basso)
Kylen Reed (Basso)
Bill Stinson (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]