Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
MERIDIAN DAWN
The Fever Syndrome

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
KIKO LOUREIRO
Open Source

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Blasphemer - The Sixth Hour
26/03/2020
( 649 letture )
Tornati ufficialmente in scena con l'ottimo Ritual Theophagy nel 2016, i nostrani Blasphemer sembrano ormai intenzionati a non fermarsi mai. Ed è un bene, perché dopo anni fatti di cambi di formazione e pause, ricordiamo infatti che il precedente album arrivava a distanza di otto anni, i brianzoli sembrano aver trovato la formazione perfetta per andare avanti. Non senza qualche cambiamento.

Ritual Theophagy mostrava un gruppo carichissimo, che pur restando in parte legato al fantastico debutto (On the Inexistence of God, 2008) mostrava un sound intenzionato a mutare. Ed è quello che appare evidente nel nuovo The Sixth Hour, che esce addirittura per la Candlelight Records. Quando il duro lavoro paga. Non si ha a che fare con chissà quale stravolgimento, ma è decisamente marcata la differenza con il precedente lavoro, per non parlare del primo; abbandonato completamente l'aspetto più “brutal” della proposta il gruppo è ora su una proposta meno irruenta, più atmosferica se vogliamo, con brani più corposi e soluzioni che avvicinano il tutto a gruppi sulla scia di Immolation (fate attenzione ad alcune ritmiche) e Dead Congregation. Basta vedere la durata del disco: quarantadue minuti per una media a pezzo che si aggira attorno ai quattro. I nostri ora rallentano e lo fanno come si deve sin dall'iniziale Let Him Be Crucified, brano che ben presenta questo “nuovo” percorso del gruppo. Abbiamo pezzi molto più dinamici, con più momenti e che non disdegnano riff più rocciosi, qualche dissonanza utilizzata a dovere e momenti decisamente epici. Tutti elementi che uniti ad un death metal sempre violento, carico di blast beat e chitarre ispiratissime danno la netta sensazione di trovarsi al cospetto di un gruppo totalmente maturo, che ha trovato molto probabilmente la sua forma definitiva, quella in cui riesce ad esprimere al meglio tutto il suo potenziale. La scrittura dei brani è quindi ancora una volta vincente, e sorprende come i quattro abbiano ancora tirato fuori vere e proprie hits; parliamo di Hail, King of the Jews!, Stabat Mater, I.N.R.I., Lord of Lies o The Deposition, pezzi che in breve tempo lasciano il segno grazie ad un ritornello o ad un riff particolarmente memorabile. Tra le altre particolarità da tenere in considerazione c'è sicuramente la presenza più massiccia delle chitarre soliste, con assoli, intrecci e altre trovate che arricchiscono il tutto e dimostrano come la possibilità di variare così tanto si possa esprimere solo attraverso brani più lunghi ed elaborati (la titletrack è un ottimo esempio i quanto detto). Era quindi inevitabile che il gruppo cambiasse qualcosa, anche perché l'entrata nel gruppo del chitarrista Nicolò Brambilla (Ekpyrosis) e del batterista Davide Cazziol (ex-Helion nel 2016 ha sicuramente portato novità a livello di songwriting. E si sente.

The Sixth Hour è in sostanza un'ottima manifestazione di death metal tanto violento e blasfemo quanto ragionato e tutt'altro che insensato. La cura per ogni singolo passaggio, strumentali comprese, le abilità tecniche dei membri, il growl mostruoso di Clod e la capacità di scrivere brani memorabili in un genere come questo, danno dimostrazione di quanto i Blasphemer meritino i traguardi raggiunti, oltre agli ascolti di tutti gli amanti della musica estrema. Ottimo lavoro.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
75.85 su 7 voti [ VOTA]
Luigi
Sabato 28 Marzo 2020, 19.05.30
2
Album stratosferico, questo è il vero orgoglio o death metal italiano, pochi cazzi. Riffing dinamico, senza scadere in inutili virtuosismi o dissonanze alla moda, tempi veloci che si alternano a momenti più cadenzati, old school anche nella sana dose di attitudine anticristiana.voto 90.max supporto. Grandi
God of Emptiness
Giovedì 26 Marzo 2020, 11.33.41
1
80 voto giusto. Devo dire che continuano a stupire i Blasphemer, fare tre album e non sapere quale dei tre sia il migliore denota pura qualità e attitudine al genere, hanno dimostrato di sapere gestire il filone più brutal e anche il death più canonico senza disdegnare le influenze di band come Immolation. Spero di poterli vedere live, ripeto non molte band possono vantare una tripletta simile
INFORMAZIONI
2020
Candlelight Records
Death
Tracklist
1. Let Him Be Crucified
2. Hail, King of the Jews!
3. The Stumbling Block
4. Stabat Mater
5. Blessed Are the Wombs That Never Bore
6. Lord of Lies
7. Via Dolorosa
8. The Robe of Mockery
9. I.N.R.I.
10. The Sixth Hour
11. The Deposition
12. De Profundis
Line Up
Clod "The Ripper" De Rosa (Voce, Basso)
Nicolò Brambilla (Chitarra)
Simone Brigo (Chitarra)
Davide Cazziol (Batteria)
 
RECENSIONI
80
ARTICOLI
29/03/2013
Live Report
ANTROPOFAGUS + VULVECTOMY + BLASPHEMER + LOGIC OF DENIAL + PHOBIC + altri
Live Pub Infinity, Pieve Fissiraga (Lodi), 23/03/2013
01/07/2012
Live Report
ANTROPOFAGUS + BLASPHEMER + WARMBLOOD + GOD SAVE THE HELL
Carlito’s Way, Retorbido (PV), 23/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]