Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKELETOON
Nemesis

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
BLAZON RITE
Dulce Bellum Inexpertis E.P. (Ristampa)

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Pino Scotto - Dog Eat Dog
04/05/2020
( 4160 letture )
Da quanto tempo Pino Scotto è sulle scene metal? Davvero da moltissimi anni. Uomo schietto, sincero, provocatore, ma soprattutto onesto, piaccia o non piaccia. Eternamente incazzato, chissà che questa sua caratteristica non sia il segreto, l’elisir di lunga vita artistica, consumata tra palchi e studi di registrazione, cercando la via migliore per esprimersi a sette note. A 70 anni suonati il rocker nostrano non mostra intenzione di fermarsi, la routine disco-tour –disco rimane il suo mantra, una release ogni due anni e tante gig dal vivo. Dog Eat Dog incalza il predecessore Eye For An Eye, contiamo così il suo undicesimo passo da solista dopo la grande avventura, nei primi anni ottanta, con gli storici Vanadium, che qui vengono rispolverati con la cover Don't Be Lookin' Back. Copertina non memorabile, tutti i pezzi sono stati scritti dal singer con il chitarrista Steve Volta che suona con il frontman già da un bel po’ di tempo; solo il bellissimo brano prog, Dust to Dust, è stato composto con Steve Anghartal, già presente nei Fire Trails, progetto degli anni 2000. I collaboratori in sala di registrazione sono di spessore: alle tastiere, per esempio, troviamo Mauri Belluzzo, ultimamente in tour con Graham Bonnett, ex cantante dei Rainbow, ma nelle date live in cui Pino avrebbe dovuto suonare, in questo periodo di chiusura totale per il Covid 19, si sarebbe presentata la stessa band che lo ha accompagnato nelle ultime date a supporto del precedente album.

Il singolo Don't Waste Your Time, con tanto di clip, apre la tracklist: il testo sgorga da una storia vera, una lastra sbagliata, diagnosi tremenda e paura di lasciarci la pelle, storia che ha indotto il cantante a vedere la vita sotto un’altra prospettiva. Musicalmente nulla di nuovo, 4 minuti e mezzo che rispecchiano i canoni classici del nostro, un hard/metal compresso, figlio dei maestri del genere, dove si nota la mancanza di qualche stilettata più graffiante, nel complesso una song un pochino piatta che si ravviva solo nel ritornello. Not Too Late, invece, mostra subito un tiro diverso e immediato, slide guitar a scaldare gli ampli per uno scampolo molto rock n’roll con un grande apporto dei tasti d’avorio, un intermezzo del basso raffinato, solo di guitar anfetaminico e potente il giusto, decisamente un salto in avanti rispetto all’opener anche per via della performance vocale, così come Before It's Time To Go, dove il ritmo si fa lento, e Pino tira fuori un’ugola in piena forma, tra i suoi toni ricchi di raucedine e seconde voci attraenti che si insinuano ovunque, una traccia che saprà far infiammare accendini e telefoni in sede di concerto. Pregevoli le melodie appuntate da un pianoforte che lega tutta la miscellanea e un solo guitar toccante di Steve Volta. Right From Wrong parte arpeggiata, poi una sei corde carica a pallettoni irrompe e detta il 4/4, per un pezzo ben congegnato con il pregio di armonie vocali corali che incidono e cambi di ritmo evidenti. Dust To Dust, all'opposto, si getta nel prog puro, supportato da una chitarra sanguigna e una batteria potente per tutto l’arco dell’album, con le key che assurgono a ruolo determinate per la perfetta riuscita del brano e la voce soffocata del frontman che si incastra benissimo nell’insieme. Uno dei top dell’intera scaletta qui proposta, brandello da leccarsi i calcagni. La title track e Rock This Town sfoggiano un lapalissiano DNA “purpleiano”: nel primo pezzo la denuncia verso il genere umano appare chiara, la struttura del brano è decisamente apprezzabile anche per la rabbia viscerale nel singing e una chitarra dal peso di un macigno, nella seconda il cantante centra un bel chorus imperniato su una stesura granitica; voce corrosiva che grida il suo credo senza scendere a compromessi, come d'altronde il cantante lungocrinito ha sempre predicato e mostrato con i fatti. La title track, come per ammissione dello stesso autore, è una continuazione del precedente album Eye for an Eye. One World One Life, dedicata al figlio, è dotata di un super riff, in chiave metal, che stana i topi dai tombini, una prova grintosa di Pino che cola su un ritornello appuntito portando alla mente gli anni settanta, senza se e senza ma, efficace il solo della chitarra incalzato da un sax tirato allo spasimo, mentre Talking Trash è tiratissima, un brandello di puro hard rock adrenalinico, con il batterista Federico Paulovich che si danna l’anima, ottime le aperture ariose delle key, ragguardevole anche l’assolo di chitarra di Steve Volta che dispensa interventi solistici di livello per tutta la durata del timing grazie a perizia tecnica e ad un sound caldo e stuzzicante. Same Old Story non racconta nulla di nuovo tra tematiche e svolgimento musicale, anche qui rovente il solismo della chitarra, poi si arriva al termine con le ultime due bordate. La cover dei Vanadium, Don't Be Lookin' Back, appare fresca e attuale sia per i testi, che per l’interpretazione del quintetto. Le parole di Pino svelano alcune cose a riguardo:

Quando scrissi il testo del pezzo, già allora la pensavo così. Io sono uno che le cose che ho fatto il giorno prima, già m’hanno rotto! Mi stanco proprio e penso già a quello che devo fare domani. Però mi fanno paura quelli che dagli sbagli non imparano niente.

I titoli di coda arrivano con Ghost Of Death, una mazzata metallico-solforosa stile anni 80, sound pieno, sferragliante, salto a ritroso con tonalità brumose, oscure e darkeggianti che danno fascino all’ultimo atto del 33 giri e dimostrano, se ci fosse ancora bisogno, come il nostro sia da sempre coerente con se stesso e i suoi adepti.

Dog Eat Dog, indubbiamente, è un buon album, pienamente riuscito, grintoso ed energico a livello di suoni ed interpretazioni, unitamente a testi ponderati, ricercati e moderni, che narrano del mondo in cui tutti noi viviamo. Un ellepì che non sposta di una virgola il credo hard metallico del singer e che verrà gradito da chi lo segue da tanto tempo, personalmente apprezzo il sound grezzo e diretto, senza laccature o stratagemmi, che riporta il nastro indietro ai magici seventies, con una band che gira come un orologio atomico. Pollice decisamente alto per questo nuovo capitolo della saga infinita di Pino Scotto.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
53.45 su 77 voti [ VOTA]
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 18.19.07
100
Ok ammetto la mia ignoranza, al contrario conosco bene la carriera solista di Bruce, ma quella di Steve Harris non l'ho mai sentita ben giudicare e non mi ha mai incuriosito
Elluis
Mercoledì 26 Agosto 2020, 18.03.11
99
British Lion è il titolo dell'album solista di Harris, uscito nel 2012, non sono una band...
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 17.55.57
98
Stavo rispondendo a Roberto che aveva citato Steve Harris... I British Lion non li ho mai ascoltati e non ho mai visto gran commenti su di loro, penso che un motivo ci sarà..!
Elluis
Mercoledì 26 Agosto 2020, 17.53.42
97
@Nicholas è curioso che nel tuo commento 92 tu abbia citato proprio Steve Harris, se vai a leggerti le recensioni (ben due) del suo disco solista British Lion uscito un pò di anni fa, vedrai subito che è stato bellamente stroncato con 48, mentre la somma dei voti dei lettori è addirittura inferiore.
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 17.24.20
96
Guarda, l'unico altro nick che ho usato è Painkiller1714 e vuoi sapere perché? Perché avevo già scritto due commenti anche abbastanza lunghi, ci tenevo a scrivere ancora quell'ultimo commento ma non volevo sembrare troppo prolisso e polemico, quindi ho cambiato nome, non avevo pensato che possiate vedere gli indirizzi IP... sarò Franco ad esempio non sono io anche se ha scritto un commento simile al mio, penso che possiate confermarlo... Non voglio perseguitare pino, ero solo stufo di vedere tanta enfasi per nulla, come se anche nel mondo hard/heavy siano finiti l'obiettività e il senso critico... Tutto li
Lizard
Mercoledì 26 Agosto 2020, 17.16.43
95
Grazie Elluis comunque, Nicholas, di quello che scrivono gli altri non siamo responsabili e neanche ci interessa. Per Metallized questa è la recensione e questo il voto. Liberissimo di non essere d'accordo e di dire la tua, magari senza ricorrere a doppi/tripli nick per darti ragione da solo(visto che poi alla fine ti è toccato ammetterlo? Ci fai anche una brutta figura e per cosa?) e mostrando lo stesso rispetto che chiedi per la tua opinione, senza tirare nel mezzo favoritismi, pappette e magna magna vari. Su questo disco hai un'opinione diversa, magari su altri andiamo d'amore e d'accordo. Funziona così, anche tra amici. Buona serata.
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 17.14.47
94
Ma io non dico che prendano soldi da qualcuno per fare belle recensioni, però magari basta l'amicizia/l'attaccamento/la pena verso un personaggio per alzare il metro di giudizio, le mie sono supposizioni, però mi fa strano ecco (l'unico è metalitalia.com che gli ha dato 5.5 e per me è stato ancora buono)... Qual è la logica di dare 62 a The Book of Souls e 73 a sta roba? Non lo so... Comunque può anche non fregarmene più di tanto, vivo lo stesso anche se pino vincesse il premio Tenco, io mi ascolto altra roba e lascio pino ai suoi concerti da 15 persone l'uno... 😉
Elluis
Mercoledì 26 Agosto 2020, 16.59.11
93
@Babau o Nicholas o come ti pare, prima di tutto io non faccio parte della redazione di Metallized, sono solo un normale lettore esattamente come te, l'unica differenza forse è che frequento queste pagine da un pò più tempo di te e so come funziona Per questo ti dico che nessuno della redazione prende un soldo, sono tutti qui per passione della musica, percui nessuno ci guadagna niente a parlare bene o male di Scotto o di qualunque altro artista italiano o straniero che venga citato. Se a te questo album fa cagare lo puoi tranquillamente dire, qualcuno ti darà ragione qualcun altro no, è così che funziona... io onestamente ne ho ascoltato alcuni pezzi, e mi è bastato, ma personalmente non sono mai stato un suo fan (a parte il periodo Vanadium). Se però conosci delle band italiane che meritano di essere citate, per bravura tecnica o compositiva, fai pure i nomi, qui c'è un sacco di gente sempre vogliosa di musica nuova, originale e ben suonata.
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 16.55.07
92
@Roberto volevo risponderti ma non so se leggerai... Se quest'album l'avesse fatto Steve Harris come dici tu sarebbe stato peggio ancora, sarebbe veramente stata una delusione massima degna dell'infamia!!! Non c'è nessun complotto alle spalle di pino, se un prodotto è brutto lo è sempre e se un big sforna un disco scadente è peggio rispetto a un personaggio più modesto... semplicemente ci si chiede perché questa osanna da parte delle testate, almeno io me lo chiedo
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 16.40.58
91
E anche sul fatto che nessuno stia difendendo pino parliamone, visto che è stata di nuovo tirata fuori la storia che "pino ha fatto la storia" ecc ecc.... Anche perché: 1)pino non ha fatto la storia, al massimo i Vanadium hanno fatto la storia e avrebbero potuto fare anche di più se avessero avuto un cantante come si deve; 2)che importanza ha la storia adesso? Anche Vasco Rossi ha fatto dei gran dischi negli anni 80, e quindi non bisogna dire che i suoi dischi da vent'anni a questa parte fanno cagare? (oltretutto Vasco è sempre stato Vasco, Pino deve la sua "fama" alla sua band anni 80 perché da solo non avrebbe fatto nulla di ciò che ha fatto Vasco). Per quel che mi riguarda, non voglio fare nessuna polemica ne passare da antipatico, però dai, se tutti i siti dicono che sto disco è un mezzo capolavoro a me pare che ci sia qualcosa sotto che non va...
Babau
Mercoledì 26 Agosto 2020, 16.32.12
90
@Ellius sono Nicholas, ho cambiato nick perché tanto non penso che conti né il nome di chi scrive e neanche chi scrive, l'importante per me è il concetto qua... Sono tranquillo, fidati, ho commentato su questo articolo perché mi chiedo come sia possibile che su vari siti venga osannato quest'album e che ne vengano volutamente omessi tutti i punti deboli e i quasi-plagi presenti, scommetto che se fosse stato un altro artista a sfornare questo disco non avreste avuto problemi a parlare di verità indiscutibili come i plagi alla PFM o a Hotel California, o ammettere che la voce non c'è, è guasta, fastidiosa così come la pronuncia... Questo mi lascia parecchio perplesso, visto che poi gli utenti sono di tutt'altro avviso riguardo pino e i suoi dischi rispetto ai recensori, mi chiedo veramente come sia possibile che i siti debbano per forza parlar bene di un prodotto che è palesemente scadente, a me l'unica cosa che viene in mente è che ci sia un leggero leccaculismo, però chissà magari sbaglio, sta di fatto che molti altri album di altre band vengono mal giudicati e spesso a ragione, non capisco perché con pino non si possa fare... È pazzesco. Comunque Painkiller1714 sono io, gli altri no, è solo una coincidenza che la pensino come me...
Elluis
Mercoledì 26 Agosto 2020, 16.13.36
89
@Nicholas beviti una tisana, rilassa i nervi e rileggiti il commento di @Lizard, capirai che non hai capito niente di quello che ti ha detto, e cioè che nessuno sta difendendo Scotto... ah a proposito, i redattori di Metallized possono vedere gli indirizzi IP di chi scrive, quindi se tu scrivi più messaggi con nickname diversi, loro possono vederlo subito... così per dire...
Nicholas
Mercoledì 26 Agosto 2020, 15.20.23
88
Cambiando nick un paio di palle, io ho scritto solo due commenti più questo, non sono libero di dire la mia? Cosa ne sai tu se io seguo le band emergenti o no? Che palle quando non vi si può toccare l'idolo di turno... Poi che palle anche con sta storia che pino ha scritto pagine di storia, potrà anche essere vero ma questo è un disco dei Vanadium o di pino solista? Cosa c'entra la storia di 40 anni fa con l'oggetto in discussione? Boh...
The Cowboy
Mercoledì 26 Agosto 2020, 11.35.56
87
Bravo Lizard, la scena italiana potrebbe essere migliore, quando, e se, si smette di guardare agli altri con invidia, tanto se i gruppi nuovi non sfondano e quelli vecchi vanno piu' bene, la colpa e' della scena stessa, mica di Mengoni o Fedez. Pino Scotto ha scritto comunque pagine importanti per l'hard rock italico. Ah, anche questa e' una pagina, trita, per alcuni, delle solite lamentele.
Lizard
Mercoledì 26 Agosto 2020, 10.09.23
86
Sì Nicholas, abbiamo capito che non ti piace Pino Scotto e questo album, non importa che insisti cambiando nick. E no, non ha nessuna influenza sui redattori, lui come nessun altro. Poi però, siete tutti a commentare lui, invece dei "gruppi che meriterebbero"... vabbé gli Iron Maiden non credo abbiano bisogno di noi o di voi, a questo punto. Magari invece di perdere tempo a scrivere 3/4 commenti qua, potevi dedicare questo tempo a qualcuno che invece secondo te valeva la pena. La scena italiana farà anche pena, ma non è che voi facciate parte di quella scandinava eh, non so se ve ne rendete conto.
sarò Franco
Mercoledì 26 Agosto 2020, 9.40.02
85
Classico leccaculismo italico dove si lodano solo gli amici e i "nomi" anche quando fanno monnezza. Steso discorso per la presunta scena: gestita da gente che si conosce da sempre e fa girare le stesse band nei locali e festival. Che palle sto' paese
Painkiller1714
Mercoledì 26 Agosto 2020, 8.42.35
84
Se penso che avete dato 62 a The Book of Souls... E date 73 alla monnezza di sto nano urlatore... Mi chiedo il senso di tutto ciò
L'ImBONItore
Domenica 23 Agosto 2020, 13.38.43
83
Eeeeeeee seeeeee vi eeeeeeee' stato un aghtista italiano degno di esseghe chiamato tale, eeeeeed eeeeee veghamente innovativo pegh l'italica scena del peghiodo, quel nome eeeeee' Maurizio Arcieri ! Ottima eeeeee band i Krisma ! maaaaaaa eeeeee si eeeeeee sa eeeeeeee che il synth fatto bene non eeeeeee' tanto consideghato ! Un po' coooooome eeeee quando eeeee vi consigliavo i Burri o i Boetti, e sistematicamente non mi avete maaaaaaaai ascoltato !
LUCIO 77
Domenica 23 Agosto 2020, 0.51.29
82
Se Deathcrush prende 99, va bene tutto...
Nicholas
Domenica 23 Agosto 2020, 0.36.29
81
Aggiungo che solo un sordo o una persona in malafede (o estremamente ignorante di musica) può non notare i palesi plagi di quest'album (Dust to dust più che un tributo è un vero e proprio plagio alla PFM) e non notare che pino non sa cantare ed è estremamente fastidioso... 73 a questa monnezza è veramente indecente, ripeto che secondo me i siti non osano criticare pino scotto e mi piacerebbe tanto capire il motivo, perché esaltare un simile piattume riciclato è sintomo di gravi carenze musicali e/o leccaculismo... Non pensavo che pino potesse avere un'influenza così sui recensori...
Nicholas
Domenica 23 Agosto 2020, 0.27.26
80
Non capisco veramente perché i siti si ostinino a considerare pino scotto e soprattutto come possano non capire che i suoi dischi facciano pena, forse non si osano criticare questo personaggio per qualche oscuro motivo, ma è veramente incredibile che gente specializzata e appassionata di musica non provi vergogna a elogiare questi pseudo dischi di valore nullo. Vergogna
fabrizio
Lunedì 27 Luglio 2020, 12.41.10
79
Fa dischi di valore nullo, prende per il culo qualsiasi artista famoso, non sa l'inglese, ha la voce rovinatissima. A 70 anni è ora di smettere. E voi recensori ancora che lo incensate? Per cosa? Perché quasi 40 anni fa faceva dischi di buon livello per la scena dell'epoca? Allora perché certi lavori dei Metallica o Maiden CON BEN ALTRO PASSATO li avete stroncati? Giusto per dire... Voto 73 a sto album è ridicolo. Brave new world voto 69... Reload voto 50. Ultimo Metallica voto 58.... Pino is the best!!! ahhahahahahah
Philosopher3185
Sabato 25 Luglio 2020, 23.51.11
78
Sono d'accordo con Galille...oramai le idee mancano un po' a tutti i grandi gruppi e personaggi del passato..poi sul personaggio di Pino cè poco da dire..o lo sia ama o lo si odia..
Vecchiothrasher
Martedì 14 Luglio 2020, 11.47.08
77
Ahahahahahahahahah l'uomo che canta come una gallina mi sembra brayan johnson 2
Furodah
Martedì 7 Luglio 2020, 23.31.24
76
Doggy dooog uen ciu uen strin tudey Doggy dooog fros tu mai uen for wuimens Doggy doooog ho scricato cammio per 35 anni coglione! pisciati in bocca... vai jack
tino
Giovedì 21 Maggio 2020, 17.06.29
75
io non la ricordo, l'ho riguardata su video diverse volte è per me è stata un'ottima performance
Underground
Giovedì 21 Maggio 2020, 16.55.03
74
Vabbè, tutti paragoni inutili: stiamo paragonando cantanti storici con uno mediocre punto e basta. Me la ricordo anch'io la cover degli Ac/Dc al Monster of Rock: una cosa penosa.....
tino
Giovedì 21 Maggio 2020, 16.16.27
73
Se proprio dobbiamo scomodare nomi altisonanti per metterli al confronto con Pino l’unico da citare è Bon scott. Penso che il suo cognome sia d’arte e volutamente l’italianizzatura di Scott, tra l’altro non è un mistero la sua predilezione per Bon (e per Lemmy), e rimane leggendaria la sua cover al monsters of rock con alla chitarra il maestro andrea Braido. Lui non è comunque un cantante tecnico, non è un bruce dickinson, è più una voce consumata dagli eccessi, volente o nolente sgraziata, sanguigna, rozza, e qui torniamo sempre ai due sopra. Comunque un artista che aveva un ottimo potenziale ma purtroppo per lui gli è mancata la carta d’identità giusta all’anagrafe e purtroppo è rimasto un uomo sconfitto, la ferita nell’orgoglio l’ha di conseguenza trasformato in un uomo polemico e rancoroso, una macchietta, ma comunque penso che il rispetto del popolo metal gli vada tributato, senza se e senza ma
Lele 13,5 DiAnnö
Giovedì 21 Maggio 2020, 15.29.55
72
Il termine di paragone per Pino non è Ozzy ma eventualmente Iggy Pop; considerando anche che un conto è l’America a fine anni 60 e un’altro Milano un decennio più tardi, e che lavorare con Bowie non è proprio la stessa cosa che lavorare col fratello di Mino Reitano...
Galilee
Giovedì 21 Maggio 2020, 12.28.20
71
Vedere il nome di Ozzy qua mi ha fatto venire mal di testa. A prescindere dalla sua caratura artistica e di personaggio immortale nel mondo del metal, Ozzy è simpatico, è buffo, è stralunato, non rompe il cazzo a nessuno e non critica a apron battuto tutto e tutti. E quando se ne esce con una critica è sempre spontanea. Tipo Who the fuck is Justine Bieber. Dai come si fa a non volergli bene. Scotto è la sua borria ed arroganza sono il nulla in confronto. Tra l'altro io sono uno di quelli che agli inizi della sua carriera solista post fire trail ha cercato di supportarlo. Poi basta... Non tollero troppa ignoranza e cafonaggine se non è spontanea.
Lore89
Giovedì 21 Maggio 2020, 12.17.27
70
Visto dal vivo 2 o 3 anni fa, spettacolo pietoso, lui come personaggio é insopportabile. Il disco lo potrei anche salvare ma suona proprio tutto giá sentito...E dai, dopo tutti questi anni potrebbe un po' lavorare sulla pronuncia inglese.
davide
Giovedì 14 Maggio 2020, 13.12.49
69
che dire un sound un pò inutile e ...scotto !
Buried Alive
Martedì 12 Maggio 2020, 19.05.59
68
Bah, pare che per alcuni Pino Scotto coi Vanadium abbia fatto da solo il metal italiano, ma nomi come Death SS, Strana Officina, Necrodeath, per restare ai suoi contemporanei, mi paiono altrettanto importanti se non di più. Tralasciamo la PFM perché altro genere e perché il confronto sarebbe imbarazzante, se si allargasse il discorso al rock in generale. MIca c'era solo lui a combattere impavido contro le armate di Toto Cutugno e dei Ricchi e Poveri... per quanto di nicchia sia stato, il metal italiano non era solo lui, era parte di un movimento e quindi piano con l'incensarlo a priori. E in ogni caso tutto ciò esula dal giudizio sui dischi che ci propone 40 anni dopo quei tempi.
d.r.i.
Martedì 12 Maggio 2020, 17.28.47
67
Pino Scotto sta a Ozzy come la mozzarella per pizza sta alla mozzarella di bufala.
Legalizedrugsandmurder
Martedì 12 Maggio 2020, 17.13.09
66
@Graziano la migliore dell'anno fino adesso
Underground
Martedì 12 Maggio 2020, 16.47.06
65
Effettivamente citare Ozzy che ha fatto la storia del metal con Pino Scotto è assolutamente insensato. L'unica cosa in comune è che entrambi sono bolliti e dovrebbero smettere di suonare.
Graziano
Martedì 12 Maggio 2020, 16.40.22
64
In effetti Ozzy non è nessuno in confronto a Pino.
Legalizedrugsandmurder
Martedì 12 Maggio 2020, 8.35.25
63
@Filippo mi piace la musica di Pino e ho grande stima di lui come persona, ma non tiriamo fuori paragoni con Ozzy, non è proprio il caso.. come peso nel rock /metal degli ultimi 50 anni è come mettere l'Everest con la collinetta dietro casa
Lele 13,5 DiAnnö
Martedì 12 Maggio 2020, 7.09.58
62
@LAMBRUSCORE nessuno nega che Pino sia un animale da palcoscenico, energico per la sua età e accompagnato da strumentisti competenti. Ma torniamo al disco. Rocco Siffredi, altra icona dell’entertainment nazionale, parlando del figlio regista: «Mi diceva sempre che i miei film erano girati male». Ecco, a Pino gli servirebbe una figura del genere che gli chieda «Perché fai uscire un disco di filler?» (ma anche altre domande volendo…)
LAMBRUSCORE
Lunedì 11 Maggio 2020, 18.49.29
61
Ovvio che stia sui maroni a molti per quello che dice, lui spala merda ovunque ma credo che sia anche una cosa ricercata per far parlare di se stesso e della sua musica. Sicuro che non comprerò il suo disco, però visto live anni fa, aveva oltre 60 anni e una carica sul palco non da poco, con dei bravi musicisti.
Buried Alive
Domenica 10 Maggio 2020, 23.34.52
60
Di che personaggio sia Pino Scotto non me ne curo quando si parla di dischi (anche se ne ho un giudizio negativo, ma neanche tantissimo), tanto meno mi curo di cosa abbia fatto coi Vanadium e del presunto rispetto che gli si dovrebbe portare: sono passati secoli e in ogni caso ciò non influenza la qualità di un disco. Visto che Diego75 ha citato Di Anno con un confronto pertinente: siccome Di Anno ha fatto per la storia della musica moooooolto più di Scotto, non lo si potrebbe criticare a prescindere, anche quando faceva concerti al limite dell'osceno e album scarsi? Tornando al disco di Scotto, veramente non si può leggere che sia un buon disco ben cantato (ben suonato sì, ma se mettessimo Steve Di Giorgio e Steve Vai a suonare il Ballo del Pinguino sarebbe comunque una presa per il culo, anche se suonata da dio): le canzoni sono semplicemente oscene, cantate da cani, composte peggio e arrangiate non so come. Roba fuori tempo massimo, come quella cazzo di ballad Before it's Time to Go, una roba comica.
Diego75
Domenica 10 Maggio 2020, 17.00.21
59
Mah basta...e' da una vita che la mena ...ma non bastano solo l'attitudine da rockers e le sfuriate in tv per produrre dischi...lui sara' anche stato un personaggio di rilevo con i Vabadium 40 anni fa ' negli anni 80...ma poi il nulla ....e poi " non 'è mai stato chiaro se lui ha scelto di andarsene dai vanadio...ottimi musicisti...oppure sono stati i vanadio a scaricarlo...secondo me la 2 opzione potrebbe essere la più plausibile visto il carattere che ha!" sembra uno quei personaggi bolliti stile paul Dianno che ci ha,fatto un mestiere a campare sui 2 dischi suoi degli iron maiden....ma almeno l' inglese e' la sua lingua madre...ma Pino ha un inglese palesemente amatoriale e maccheronico e ha una voce da tacchino strozzato ora...con quello che ti fanno pagare i cd nuovi oggi...no grazie!
Filippo
Domenica 10 Maggio 2020, 15.16.29
58
Come al solito, i metallari italiani sono sempre molto cattivi con i propri connazionali. Per me Pino Scotto merita rispetto a priori, è stato un pioniere del metal in Italia, mentre l'italiano medio si ascoltava Toto Cutugno. Credete che Ozzy Osbourne, come personaggio, sia meglio di Scotto solo perché parla inglese? Detto ciò il disco non è male, ben suonato e cantato. L'accento leggermente maccheronico si sente prevalentemente nei pezzi lenti. Io darei al disco un 65, niente di nuovo ma buon hard rock. Discorso a parte sono i voti disequilibrati di Metallized, ma purtroppo non può essere altrimenti, dato che le recensioni sono affhdate al libero arbitrio di vari recensori volontari, quindi non pagati.
Lele 12 DiAnnö
Sabato 9 Maggio 2020, 8.10.23
57
Una curiosità: nella linea vocale di Dust to Dust, prima frase della strofa, ci sentite anche voi una “citazione” di brano di un famoso gruppo fine anni 60?
Lele 12 DiAnnö
Sabato 9 Maggio 2020, 7.51.48
56
Dopo due ascolti direi che 2/3 dei pezzi si possano considerare filler.
tartu71
Venerdì 8 Maggio 2020, 14.08.38
55
1872 letture
dariomet
Giovedì 7 Maggio 2020, 19.30.58
54
ok vergogna eterna su di meee
Graziano
Giovedì 7 Maggio 2020, 19.01.43
53
Nooooooo Akira Fudo è Devilman!!!
dariomet
Giovedì 7 Maggio 2020, 18.58.01
52
AkiraFudo ..il tuo ragionamento non fa una piega e lo condivido in pieno,hai ragione sarebbe una palla se tutti la pensassimo nello stesso modo e e la penso come te sul potere didattico dei suddetti dischi. Cambiando argomento il tuo nick Fudo deriva da Kenshiro??
AkiraFudo
Giovedì 7 Maggio 2020, 15.29.44
51
@dariomet sul tuo #48... se ci pensiamo bene cos'è che ci stimola ad intervenire? credo la voglia di partecipare ad una conversazione "frizzante", o di sottolineare una piccola ingiustizia come può essere un giudizio palesemente sballato in un senso o nell'altro... sai che palle 70 commenti tutti uguali a santificare lavori di indubbia qualità come quelli che hai citato , per quanto non voglio negare il potere "didattico" che essi avrebbero verso l'utenza più giovane
AkiraFudo
Giovedì 7 Maggio 2020, 15.29.43
50
@dariomet sul tuo #48... se ci pensiamo bene cos'è che ci stimola ad intervenire? credo la voglia di partecipare ad una conversazione "frizzante", o di sottolineare una piccola ingiustizia come può essere un giudizio palesemente sballato in un senso o nell'altro... sai che palle 70 commenti tutti uguali a santificare lavori di indubbia qualità come quelli che hai citato , per quanto non voglio negare il potere "didattico" che essi avrebbero verso l'utenza più giovane
dariomet
Giovedì 7 Maggio 2020, 11.53.57
49
aa prima che me lo dimentichi..è immorale che quest'album prenda più dell'ultimo di ozzy(pino scotto se la scorda una ordinary man o una scary little green man)
dariomet
Giovedì 7 Maggio 2020, 11.23.22
48
mmmm se questo disco merita 47 commenti, ne auspico il triplo per forever black dei cirith ungol (capolavoro senza tempo) . Stessa cosa mi aspetto per i dimhav e il loro stupendo the boreal flame rispetto all'ultimo dei trick or treat
Buried Alive
Mercoledì 6 Maggio 2020, 23.43.53
47
Beh, Steve Harris con i British Lion mi pare che abbia preso non dico critiche come queste a Pino Scotto ma quasi. Su questo portale, 73 a Dog eat Dog e 49 al primo dei British Lion: ok recensori diversi, ma penso che non ci sia molto da aggiungere. Poi non capisco: visto che è stato citato Harris, quando si discute degli ultimi Iron Maiden "eh no, ma i voti nei vari siti sono medio-alti perchè sono un gruppo storico, amico delle major e bla bla, guardate i commenti degli utenti", mentre per Pino Scotto vale il contrario? Che poi ho letto le recensioni di Rockol, Metalitalia e altri siti, gli danno voti decenti facendo il discorso "non fa proprio schifo, poi è il Pino dei Vanadium", il che è sbagliato: se ad oggi un disco fa cagare, fa cagare, come la collaborazione Metallica / Lou Reed di qualche anno fa, non è che essendo loro allora non si dice che è un lavoro osceno. L'opinione degli utenti è praticamente unanime,a differenza che in altri casi altrettanto discussi: è un prodotto scadente, ma scadente proprio.
d.r.i.
Mercoledì 6 Maggio 2020, 22.34.36
46
Alla fine 46 commenti (compreso questo) per Pino Scotto. Ecco questo è il voto che merita, se andiamo avanti così arriviamo alla sua età. Sul fatto che meriti rispetto perché era, dico era, bravo dovrebbe avere lui in primis rispetto per altri ben più blasonati nomi. Raccoglie ciò che semina
Roberto
Mercoledì 6 Maggio 2020, 21.39.05
45
Buried Alive... Avevo commentato chi dava contro con giustificazioni penose tipo la S del titolo. Ripromettendomi comunque di ascoltarlo e oggi l'ho fatto. In ogni caso se vai a guardare le recensioni in altri portali metal importanti sono tutte dal sufficiente al molto buono, a parte un solo sito che gli da 5.5. Per me un disco sufficiente/discreto, niente di più. A me il personaggio non piace tantissimo ma penso che sia stato fondamentale nel panorama hard'n'heavy italiano, mi piacciono molto i Vanadium. Tutto questo astio mi pare ingiustificato. Se lo stesso disco l'avesse fatto Steve harris non parlereste così..per dire. Ciao!
Roberto
Mercoledì 6 Maggio 2020, 21.20.33
44
Ascoltato due volte. Le canzoni sono valide e anche la band sa il fatto suo, non sono gli ultimi arrivati, anzi..La voce di Pino non ha più lo smalto dei vecchi tempi ma a quest'età non si può pretendere...vedi Brian Johnson o David Lee Roth. Detto questo e sommando la pronuncia inglese improbabile ma tenendo conto di canzoni discrete direi una sufficienza piena. Direi 63...normalmente i miei voti sono di solito di 10 punti in meno rispetto Frankiss (a parte qualche eccezione...)e anche stavolta ci sono!
MH affranto
Mercoledì 6 Maggio 2020, 20.53.51
43
Ascoltato... Ripeto ciò che ho detto nel mio commento #15: ascoltate Dog eat dog dei Warrant, davvero. Piuttosto ascoltatevi i Dog eat dog band, ma non questo...
Buried Alive
Mercoledì 6 Maggio 2020, 20.48.17
42
Ah vabbè, ci siamo insultati tra di noi adesso ahaha! Non mi pare proprio, se non qualcuno che ha risposto un po' stizzito sulla questione eat/eats, ma niente di esagerato. Invece i commenti di voi redattori sono di una acidità palese, evidentemente guai a criticare un voto a un disco o addirittura Pino Scotto.
Nòesis
Mercoledì 6 Maggio 2020, 20.28.17
41
Per quanto riguarda il mio commento numero 3 di provocazioni non ce n'erano, era una domanda sincera dato che non sarebbe la prima volta che si commenta senza nemmeno ascoltare. Era finita lì, eh. Potete dire ciò che volete senza insultarvi, non si è mai limitata alcuna opinione qui.
Jansen
Mercoledì 6 Maggio 2020, 20.08.52
40
Quoto ogni singolo commento di Buried Alive
Buried Alive
Mercoledì 6 Maggio 2020, 19.40.44
39
Comunque è tutto abbastanza assurdo: ok sono stati usati toni non consoni, ma la più parte dei commenti si riferisce soprattutto al disco. E poi i primi due commenti dei redattori, il 3 (oh subito, due commenti negativi e già parte la stizza redazionale) e il 25, fanno gli spocchiosi dicendo provocatoriamente agli utenti "ma almeno lo avete sentito il disco? o commentate tanto per, senza averlo ascoltato?" Sì lo abbiamo sentito e in stragrande maggioranza ci fa abbastanza pena. Non vi sta bene che si critichi un disco orripilante per la più parte degli ascoltatori? Non possiamo far notare pronuncia da seconda media e titoli altrettanto da seconda media? Non va bene che ci si chieda come sia possibile che un disco del genere prenda un voto più che buono, più di altri? Limitatevi a dire di non usare certi toni - e su questo avete ragione - ma non provocate gli utenti dicendo che commentano senza ascoltare solo perché in palese contrasto col recensore.
Kiodo 74
Mercoledì 6 Maggio 2020, 19.20.25
38
Woooow il Signor Imbonitore che cita i grandiosi Cop Shoot Cop, ci andavo pazzo da ragazzo ed andai anche al concerto..... Mi compiaccio!
InvictuSteele
Mercoledì 6 Maggio 2020, 19.03.46
37
Non sapevo fosse uscito un nuovo album di Pino. Da solista io non lo apprezzo per niente, ma non mi piacciono tutti questi commenti cattivi verso un personaggio sì grottesco, e che spesso fa di tutto per farsi criticare, ma che comunque ha sempre fatto parte del panorama hard rock italiano. I Vanadium erano immensi, tra i più grandi gruppi metal in Italia, ed era ottimo anche il progetto Firetrails. Peccato non abbia messo in piedi una band stabile. Gli darò un ascolto. Copertina davvero orrida.
Nòesis
Mercoledì 6 Maggio 2020, 18.56.56
36
Buried ti ho risposto solamente perché hai reclamato un intervento da parte nostra, e dicendoti che non possiamo fare i poliziotti su ogni singolo commento. Peace
L'ImBONItore
Mercoledì 6 Maggio 2020, 18.44.00
35
Dog eat dog ? Eeeeeee no pghefeghisco di grrrrran lunga i Cop Shoot Cop, mitica band alternative anni eeeee 90. Se non li conoscete eeeeeee ascoltateli meghitano! Di questo signoghe la palese invidia non ne nobilita le paghole.
Vitadathrasher
Mercoledì 6 Maggio 2020, 17.57.10
34
Sparare su di lui è facile, però un po se le cerca.......è palesemente un rosicone e la cosa che mi fa pena per lui è che nemmeno si rende conto che le sue sparate lo mettono in ridicolo. Poi riguardo alla recensione, vabbe basta leggere chi l'ha fatta e capisci già. Di oggettivo c'è ben poco, va bene tenere un po di più ai "nostri" artisti, ma nemmeno fare un appunto ad una prestazione vocale, con un inglese pronunciato in maniera non presentabile, sui pezzi lenti dove il pezzo è più difficile da interpretare ci biacica sopra e sembra che perda il tempo.
Buried Alive
Mercoledì 6 Maggio 2020, 17.38.14
33
Però hai avuto il tempo di rispondermi dicendo che non avete il tempo di rispondere, chiedendo di rimanere a tema quando in genere è stato fatto parlando in primis del disco, mentre il solo che ha ammesso di non averlo ascoltato ha sbraitato contro chi l'ha ascoltato solo per difendere il personaggio per partito preso. Bah.
Nòesis
Mercoledì 6 Maggio 2020, 17.04.16
32
1) Non siamo alla scuola materna 2) Nessuno ha tempo per riprendervi uno ad uno anche perché le regole per commentare in modo civile le sapete tutti Chiediamo solo che si moderino i toni e si giudichi rimanendo in tema. Capisco che sia difficile farlo con un personaggio del genere ma sforziamoci
Buried Alive
Mercoledì 6 Maggio 2020, 16.28.01
31
Vabbè, fantastico il commento 27 di tal Roberto: non ha ascoltato il disco come dice per prima cosa, ma parte lancia in resta a difendere Scotto partendo da alcuni commenti forse fuori dalle righe o che non hanno centrato il bersaglio. Ma cosa vuol dire nel 2020 tirare fuori quello che ha fatto Scotto 40 anni fa parlando del suo ultimo disco? Se fa cagare, fa cagare. E mi sono preso apposta due ore per sentirlo, su YouTube ovviamente. Il leone da tastiera sei tu, caro RoberScotto, che ti permetti di pontificare senza aver ascoltato questo scempio musicale. Aspetto che adesso Lizard faccia un commento speculare al suo 25 per rispondere appunto al 27 di Roberto: ti pare il caso di insultare altri utenti solo con l'intento di difendere un artista ormai scaduto per il 99% dei fan, senza aver ascoltato il suo ultimo disco che è l'oggetto della discussione?
Nòesis
Mercoledì 6 Maggio 2020, 14.09.50
30
Immagini male.
AkiraFudo
Mercoledì 6 Maggio 2020, 14.03.23
29
...ok, si può anche tentare di ascoltare il disco provando a dimenticarsi del personaggio scotto, del fatto che si tratta di musica già sentita / composta 1000 volte e 1000 volte meglio, ecc. ecc., ma - con tutto l'impegno immaginabile - mi riesce impossibile eliminare le linee vocali e sostituirle con qualcosa che assomigli almeno lontanamente ad un cantato sopportabile; credo che persino Chris Barnes (quello dei 6FU e Cannibal) che improvvisa a suon di rutti avrebbe ottenuto un risultato di gran lunga più tollerabile... "Before it's time.." sta alla musica come Sharknado al cinema, cioè potrebbe divenire un cult dell'orrido... magari conviene acquistare una copia del disco per questo motivo... il voto immagino sia un refuso, sicuramente le cifre sono invertite....
Underground
Mercoledì 6 Maggio 2020, 13.45.29
28
Disco ascoltato più volte: a livello musicale niente di eccezionale, in quanto a voce, inascoltabile. Inglese maccheronico (mi ricordo benissimo wholla lotta Rosie al Monster...), voce andata da tempo. In più il personaggio in questione sono anni che spara a zero su questo o quello, "è una merda" "non ha più un cazzo di voce" "è finito" ecc. E poi ci si chiede il perché di certi commenti.
Roberto
Mercoledì 6 Maggio 2020, 11.20.23
27
Il disco non l'ho ascoltato ma ho letto una riga di commenti da NERD sfigati incredibile. Partiamo dal titolo che dite sbagliato. Dog eat dog è il nome di una band, di una canzone degli Ac/dc di Let there be rock e un album dei Warrant (bellissimo). È un modo di dire! In inglese si può fare! Mi viene in mente It DON'T matter degli inglesi Def leppard. Riguardo a Pino scotto vi dico solo : RISPETTO. Vanadium pionieri e grande band con produzioni discrete in anni in cui in Italia non c'era nulla!!! Fire Trails ottimi! Da solista l'ho visto dal vivo 2 volte un po di anni fa..voce altalenante ma nel complesso dei buoni concerti! Bersaglio facile Pino scotto oggi a 70 anni...chi siete voi per giudicare??? Leoni da tastiera! Invece di giudicare un disco dall'autore, ascoltatelo! Perché chi ci fa una figura molto magra di persone coi paraocchi siete voi. Io lo ascolterò e riscriveró
RISO SCOTTO
Mercoledì 6 Maggio 2020, 10.47.50
26
Se 100 e’ il massimo per poter dare una valutazione corretta dovrei prendere il 100 e dividerlo per i 12 pezzi..risultato circa 8,33/34..a questo punto lo moltiplico per i pezzi che ritengo validi, in questo caso, ad essere buoni, onesti e non di parte, dico 3...il resto e’ spazzatura. A questo punto moltiplico 8,33 per il numero dei pezzi validi 3 e il risultato e’ 24,99 ...arrotondo per comodita’ e mi esce 25 Questo e’ il valore reale del lavoro di Scotto. Se poi calcolo l’eta’, circa 70 anni e lo contestualizzo con il 25 mi esce un bel 95!!!!
Lizard
Mercoledì 6 Maggio 2020, 9.31.28
25
No... Non è uno scherzo e sarebbe almeno rispettoso che diceste la vostra senza insultare nessuno. Ammesso che lo abbiate ascoltato davvero e non facciate il tiro al bersaglio grosso solo perchè è facile.
Vader
Mercoledì 6 Maggio 2020, 6.17.58
24
Na schifezza alla Pino Scotto.... penoso senza identità...al posto di fare il tuttologo dovrebbe sturarsi le orecchie e ascoltare la porcheria che produce da anni...che voto è 73? Uno scherzo dai
xXx
Martedì 5 Maggio 2020, 23.41.07
23
Dai, seriamente 73? Non ci credo. Voto massimo 43, ad essere larghi di maniche! Allucinante!
LAMBRUSCORE
Martedì 5 Maggio 2020, 19.54.33
22
Nightwish??? mo mama, che pena, fuori dai maroni quel gruppo lì
Galilee
Martedì 5 Maggio 2020, 18.15.16
21
L'età avanza per chiunque, I difetti che gli trovate ce li hanno un pò tutti. La differenza sta nel suo ego e nel suo personaggio, calatosi a giudice Dreed di ciò che è giusto o sbagliato e di cosa è valido e cosa no. Io anni fa lo seguivo anche. I Vanadium erano un buona band, i fire trails pure, I suoi primi dischi da solista se la cavavano. Ora è una parodia. Ma alla fine è una cosa molto figlia del fare spettacolo oggi. Finita la creatività pur di rimanere in auge si diventa imbarazzanti vendendo il pudore o il ritegno o la vergogna che sia per 4 soldi bucati e un pò di considerazione.
Buried Alive
Martedì 5 Maggio 2020, 17.32.53
20
Mi sono dimenticato di mandarlo a cagare per i titoli ridicolmente adolescenziali e l'atroce Dust to Dust, la canzone più merdosa che abbia mai sentito negli ultimi 10 anni.
Buried Alive
Martedì 5 Maggio 2020, 17.31.27
19
Parliamoci chiaro, dai: un buon disco se si trattasse di una band, di un artista, giovane e senza pretese e negli anni 80 - primi anni 90. Il problema è che questo ha 70 anni, ripropone da ormai decenni sempre la solita roba al limite tra l'amatoriale voluto e il dilettantesco involontario. Ma dai, Before it's Time to Go cosa cazzo è, una ballad? "Oh beibeeeee"... ma va a cagher dai. Il pianofortino in Not Too Late l'ha tirato fuori dagli anni 70? Assoli e riff in quanto li ha composti, in un quarto d'ora nella mensa della fabbrica? Questo è uno che 10.15 anni fa aveva il coraggio di parlare di ogni gruppo storico dicendo "idee finite da 20 anni", ma per favore. Voto 0.
Destiny
Martedì 5 Maggio 2020, 16.13.24
18
Anche una band si chiama Dog Eat Dog... Ma ragioniamo ancora dei numeretti in fondo alle recensioni? Davvero? La fase puberale deve passare ragazzi, dai... Comunque Pino Scotto ha capito tutto. Parlate come volete, basta che ne parliate.
Graziano
Martedì 5 Maggio 2020, 16.11.24
17
Esatto, dog eat dog è un modo di dire, che tradotto vorrebbe dire "molto competitivo, darwiniano"
Galilee
Martedì 5 Maggio 2020, 16.03.38
16
Ottimo tra l'altro e l'ho recuperato da poco.
MH
Martedì 5 Maggio 2020, 15.19.09
15
C'era anche un disco dei Warrant che si chiamava Dog Eat Dog... Così, per dire... Altroché Pino scotto o preoccuparsi del 65 ai Nightwish, ascoltate (o riscoprire nel caso lo conosciate già) buona musica!
Radamanthis
Martedì 5 Maggio 2020, 15.11.33
14
Chiedo venia sull'inglese allora! Credevo ci volesse la S. Scusate
Galilee
Martedì 5 Maggio 2020, 14.43.44
13
AC/DC dog eat dog.... è un modo di dire e si scrive senza S, cari professoroni da 4 soldi. Quindi altro che Senza S Cazzo!! E sono andato a vedere per saperlo, non sono di certo un sapiente, ma cerco di evitare figuracce date da eccessi di pedanteria. Ok che Pino ormai fa cacare, però....
Jansen
Martedì 5 Maggio 2020, 14.40.39
12
Quoto totalmente Radamanthis, la maggiorissima parte degli album recensiti prendono voti superiori al 70 anche se non sono questo granché mentre Human Nature, pur non essendo eccellente, il 65 non se lo merita assolutamente, a maggior ragione se confrontato con altri voti
Radamanthis
Martedì 5 Maggio 2020, 14.13.58
11
Mai piaciuto Pino Scotto, anzi. Ho ascoltato sto scempio. Non mi piace per nulla. Inascoltabile il suo cantato, la sua pronuncia e sinceramente non ho trovato un granchè manco i suoni e la produzione. Ora mi chiedo: COME FA STO DISCO A PRENDERE 73 E QUELLO DEI NIGHTWISH 65???????? Ok, generi diversi, recensori diversi ma per favore....il METAL è sempre METAL, se alla storia passa questo Dog eatS (con la S CAZZO!) dog come un disco da 75 e quello dei Nightwish a 65 proprio non ci siamo! Voto 40
demetrio
Martedì 5 Maggio 2020, 14.02.03
10
Ma non dovrebbe essere Dog eats Dog?
David D.
Martedì 5 Maggio 2020, 11.46.51
9
@Nòesis, sì l'ho sentito. Altrimenti non avrei commentato.
LAMBRUSCORE
Martedì 5 Maggio 2020, 9.00.32
8
L'ho ascoltato, per me non è male, mi piace la "Rainbowiana" Talking Trash, poi dai, a 70 anni ancora con questa grinta, arrivarci in forma come lui....
Saahg
Martedì 5 Maggio 2020, 1.48.18
7
Mi sorprendo che trovi ancora canali ed etichette discografiche che lavorino per mettere sul mercato sto scempio di pseudo musica
d.r.i.
Lunedì 4 Maggio 2020, 23.49.41
6
60 solo perché la pensione ahinoi è lontana
Vitadathrasher
Lunedì 4 Maggio 2020, 21.44.11
5
Il disco è papabile e a parte la copertina......vabbè lasciamo stare, il personaggio ecc. Per me la lacuna più evidente e che mai ha migliorato in tutti questi anni è la pronuncia in inglese, anche quella italiana è molto folkloristica, ma sentire un inglese così, rovina tutto il buono dei lavori fatti. Forse a molti piace la pronuncia maccheronica.........
Testamatta ride
Lunedì 4 Maggio 2020, 21.28.49
4
Il detto "non si giudica un libro dalla copertina" in questo caso fa molta fatica ad essere applicato 😁
Nòesis
Lunedì 4 Maggio 2020, 19.58.25
3
Ma l'hai ascoltato per definirlo imbarazzante?
David D.
Lunedì 4 Maggio 2020, 19.19.43
2
Imbarazzante davvero, a partire dalla copertina.
Underground
Lunedì 4 Maggio 2020, 19.15.46
1
Ma per favore......
INFORMAZIONI
2020
Nadir Music
Hard Rock
Tracklist
1. Don't Waste Your Time
2. Not Too Late
3. Before It's Time To Go
4. Right From Wrong
5. Dust To Dust
6. Dog Eat Dog
7. Rock This Town
8. One World One Life
9. Talking Trash
10. Same Old Story
11. Don't Be Lookin' Back
12. Ghost Of Death

Line Up
Pino Scotto (Voce)
Steve Volta (Chitarre)
Leone Villani Conti (Basso)
Federico Paulovich (Batteria)
Mauri Belluzzo (Tastiere)
 
RECENSIONI
73
s.v.
70
65
78
s.v.
ARTICOLI
22/04/2018
Intervista
PINO SCOTTO
Un uomo libero
02/07/2014
Live Report
MOTORHEAD + PINO SCOTTO
CITY SOUND, Ippodromo del Galoppo, Milano, 24/06/2014
17/01/2013
Live Report
PINO SCOTTO + HYPERSONIC + EPISTHEME
Barbara Disco Lab, Catania - 12/01/2013
18/12/2011
Live Report
PINO SCOTTO + VOODOO HIGHWAY + DEEP SOUTH
Discoteca "Il Faro", Catania, 07/12/2011
19/03/2011
Intervista
PINO SCOTTO
Sanremo, Palermo e Jack Daniel's
26/02/2011
Live Report
PINO SCOTTO + CRIMSONWIND
Zsa Zsa, Palermo, 18/02/2011
22/09/2010
Intervista
PINO SCOTTO
Non è un Paese per rockers
13/04/2010
Live Report
PINO SCOTTO + OPPOISER
Sabotage Bar, Vicenza, 03/04/2010
08/01/2009
Intervista
PINO SCOTTO
Le donne? La droga? Cavoli miei!
03/12/2008
Live Report
PINO SCOTTO + THE SOVRAN + SCREAM FOR MAIDEN
Target Club, Bari, 14/11/2008
27/01/07
Intervista
PINO SCOTTO
Parla l'icona del rock tricolore
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]