Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

23/10/20
SEVENDUST
Blood & Stone

CONCERTI

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Hyades - The Roots of Trash
16/05/2020
( 476 letture )
Terzo sigillo della lunga carriera degli Hyades, The Roots of Trash continua con convinzione quanto intrapreso fino ad allora. Pubblicato nel 2009, il lavoro succede a And the Worst is Yet to Come di due anni prima, affinando e perfezionando il discorso di coerenza iniziato sul folgorante debutto Abuse your Illusion. Bisogna in effetti dire che novità e originalità sono componenti del tutto assenti nel suono dei Nostri. I loro punti di forza vanno ricercati altrove. La passione, l’attitudine, e soprattutto la capacità di scrivere brani devastanti. La band di Varese è infatti dedita a un thrash metal irruento e massiccio, che trova in Testament, Anthrax e Exodus i propri punti cardine. Pur riletti alla luce dei nostri tempi, è agli anni ‘80 che guardano i brani degli Hyades, senza nessuna concessione verso qualsiasi altra influenza.

L’album inizia in punta di piedi, una delicata intro strumentale condita da un bell’assolo melodico. Ma l’incanto non dura a lungo, ci pensa infatti I Belong to No One ad aprire le ostilità. Spigoloso e compatto come un carro armato, il brano restituisce una band in forma smagliante: la coppia Lorenzo Testa e Mark Negonda macina riff assassini dosando sapientemente tecnica, immediatezza, velocità e groove, evolvendo sulla spina dorsale fornita dalla devastante sezione ritmica. Assolutamente degna di nota la prestazione tentacolare e serrata del batterista Rodolfo Ridolfi, che irriga i brani con vigorose scariche di doppio pedale, mentre il basso trova purtroppo poco posto nel mix finale. Buona anche la prova del cantante Marco Colombo, in bilico tra un timbro sporcato e alcuni scream acuti. La seguente A.F.M.S. rallenta i battiti mettendo in mostra un tiro trascinante, che esplode nell’innodico ritornello, condito con i classici cori. Il testo del brano se la prende con i “fighetti”, ma dietro questa critica adolescenziale si cela un’amara riflessione sul consumismo e la sua assenza di valori (Ignorance is their golden rule, they only live to buy). Dietro le mazzate sonore è infatti presente una forte carica contestataria, riscontrabile fin dalla copertina, opera del mitico Ed Repka: i capolavori dell’arte e della storia d’Italia ridotti a rovine, sovrastati da una disgustosa creatura che potrebbe simboleggiare tanto la corruzione che la classe politica o il capitalismo tout court. Questa critica antisistema, che sarà poi amplificata nel successivo The Wolves Are Getting Hungry, emerge fortemente nei testi. Le liriche della violentissima Alive But Dead ne sono un esempio: Crush everybody who stands in your way/burn the martyrs burn the flags/clash against the police tank, stones in the air/the scuffles ain't dead yet, urla Marco Colombo sulla vorticosa strumentale, quasi faticando a imporsi sulla veemenza incontenibile degli strumenti. Una sassata clamorosa, egregiamente accompagnata da altri episodi efferati come The Problem is You, la più “pacata” United in the Struggle, non priva di un certo gusto melodico, o ancora la squadrata The Great Deceit. Presente pure l’immancabile brano autocelebrativo, The Moshing Reel, incentrato sulle gioie e i dolori della vita on the road. Chiude il cerchio all’insegna della leggerezza un’improbabile cover dei The Offspring, divertente ma riuscita fino a un certo punto. Bisogna comunque segnalare che, durante tutta la sua durata, l’album si mantiene su di un livello stabile, senza incontrare cadute di tono.

Avevamo iniziato la recensione evocando termini come “coerenza” e “passione”, opposti a “originalità” e “novità”. Ed è proprio nell’equilibrio tra queste due direzioni che va letto e piazzato il terzo album degli Hyades. Se la musica non può vivere di sola evoluzione, bisogna comunque poter distinguere tra le numerose uscite che ripropongono senza grosse variazioni quanto stato detto. Non è il caso di questo album. Eppure, talvolta, passione e attitudine prevalgono sull’originalità. The Roots of Trash è un album formalmente ineccepibile, ma c’è più di questo. I cinque musicisti riescono infatti a fare da vecchi ingredienti carne viva, a creare una materia incandescente e talmente vibrante da far dimenticare ogni altra considerazione. In altre parole, gli Hyades riescono semplicemente là dove la maggior parte dei gruppi della nouvelle vague thrash metal falliscono. Scusate se è poco.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
74.66 su 3 voti [ VOTA]
AL
Lunedì 18 Maggio 2020, 12.41.52
4
ho consumato questo cd. bravi davvero. per me 80
Alehc
Domenica 17 Maggio 2020, 19.00.15
3
Grande disco! Consumato negli anni, il loro migliore e più compatto. 90!
Galilee
Sabato 16 Maggio 2020, 12.41.49
2
Non li conosco se non di nome. Beh, bravini.
Silvia
Sabato 16 Maggio 2020, 11.08.49
1
Ottimo disco, thrash classico molto fresco, i pezzi scorrono veloci e invogliano il replay. Mi piace molto la voce in particolare
INFORMAZIONI
2009
Mausoleum Records
Thrash
Tracklist
1. Long Way Back Home
2. I Belong to No One
3. A.F.M.S.
4. United in the Struggle
5. The Problem Is You
6. The Great Deceit
7. Still in the Trash
8. Alive but Dead
9. Worse Than the Silence
10. The Moshing Reel
11. Come Out and Play
Line Up
Marco Colombo (Voce)
Lorenzo Testa (Chitarra)
Mark Negonda (Chitarra)
Jerico Biagiotti (Basso)
Rodolfo Ridolfi (Batteria)
 
RECENSIONI
79
85
78
ARTICOLI
08/08/2015
Intervista
HYADES
Affamati di thrash!!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]