Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
BON JOVI
2020

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
SALTATIO MORTIS
Fur Immer Frei

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
COREY TAYLOR
CMFT

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

CONCERTI

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

11/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM - MILANO

Gentle Giant - Free Hand
23/05/2020
( 659 letture )
Dopo la piacevole recensione di Acquiring the Taste, torno gradevolmente a parlare dei Gentle Giant. Il gruppo inglese non ha certo bisogno di presentazioni, ma per chi non li conoscesse (eresia!), basti sapere che i nostri sono da annoverare tra i principali nomi del progressive rock degli anni ‘70. Il Gigante Gentile incarna al meglio i dettami del genere: se per voi il prog è musica riccamente arrangiata, che fa della tecnica strumentale, della libertà artistica nello sperimentare con arditi sconfinamenti nelle più disparate influenze musicali pur conservando una visione d’insieme precisa al limite del maniacale, i Gentle Giant fanno per voi. Se amate gli intrecci strumentali complessi e stratificati e infine una forte libertà artistica nelle tematiche affrontate e soprattutto, se amate la costante varietà e la ricerca sfrontata nell’evolvere sempre il proprio sound, allora il quintetto britannico non può assolutamente mancare nella collezione domestica di vinili, CD o qualsivoglia supporto fisico e digitale.

Free Hand chiude simbolicamente il periodo schiettamente prog dei Gentle Giant, che con questo album riescono a ottenere sia buon riscontro in termini di vendite che l’ennesimo lavoro votato alla sperimentazione esasperata, ma connotata da una coerenza e un gusto che ha davvero pochi eguali. Musicalmente il gruppo dei fratelli Shulman osa tantissimo inanellando un’intensa serie d’idee musicali perfettamente incastrate l’una con l’altra in pezzi brevi -il disco non arriva ai quaranta minuti-, ma che richiedono molta dedizione all’ascolto. È musica intellettuale che si abbevera di molti riferimenti al jazz, genere che ha formato gli Shulman, ma anche al folk inglese che molte volte fa capolino negli inserti vocali e, infine, è notevole l’influenza della musica classica più colta e presente nelle polifonie delle voci strumentali e non, ma anche nella tessitura quasi contrappuntistica con cui ogni arrangiamento viene costruito. Parliamo di musica costruita a tavolino e pensata in ogni dettaglio, ma che sa essere estremamente appagante una volta che l’orecchio riesce ad addentrarsi e districarsi in questo variopinto nodo gordiano. Si può solo rimanere rapiti e affascinati dalla perizia tecnica che i Gentle Giant possono vantare sull’opener sbarazzina e dall’andamento claudicante, ironicamente anteceduto da schiocchi di dita in Just The Same. Allo stesso modo disorientano le stratificazioni polifoniche vocali di On Reflection, brano fatato e medievale d’altri tempi, dall’anima a cavallo tra folk, tradizione classica e scoppiettanti spiragli rock nel segmento finale del pezzo. La titletrack si muove su territori decisamente più jazz/fusion prog, per assurdo più affini a certe melodie cantabili e gradevolissime tipiche dei colleghi Camel, ma con architetture strumentali dal taglio molto più cervellotico. Ci si perde con piacere nelle divagazioni strumentali a metà brano, dove tastiere, synth, vibrafoni si mescolano confondendosi e creando così interessanti sfumature. Allo stesso modo segue la meno immediata Time to Kill, interamente sorretta dall’ottimo lavoro al basso di Ray Shulman a metà tra melodia e groove quasi funk. Volendo forzare un po’ le cose potremmo dire che un pezzo simile avvicina nelle intenzioni e nei risultati i Gentle Giant ai Weather Report, soprattutto considerando certe briose soluzioni vocali presenti nei cori e la pasta sonora complessiva del brano. Dopo la sperimentazione, i nostri tornano a esplorare il lato più medievale, fatato e antico della propria gamma espressiva in His Last Voyage e nella breve strumentale Talybont. Sono due pezzi decisamente radicati nel passato musicale folk inglese, ma riaggiornati nell’ottica sperimentale elettroacustica divenuto marchio di fabbrica del gruppo. In particolare è da notare come in Talybont, i Gentle Giant siano riusciti a rivisitare in modo coerente soluzioni tipiche della musica sinfonica con un linguaggio più moderno e rock, alternando per esempio il basso elettrico a un clavicembalo, o di come la melodia principale di matrice folk sia stata aggiornata al 1975 grazie alla stratificazione dei fiati e delle tastiere. In altre parole Talybont è un breve quadretto agreste che non avrebbe certamente sfigurato in un disco dei Jethro Tull, sia per la riuscita del brano in sé, ma anche per il tipo di sonorità ricercate. Mobile, posta come ultima traccia, conclude il viaggio intrapreso all’insegna del prog tout court. È la classica cavalcata progressive di classe, dall’andatura sbilenca, dagli accenti posti dove non ci si aspetterebbe e, ovviamente, ineccepibile sotto il punto di vista tecnico.

Free Hand è l’ennesima conferma dell’enorme estro creativo dei Gentle Giant. Possiamo ben dire che gli intenti dichiarati precedentemente in Acquiring the Taste, secondo i quali è fondamentale per il gruppo esprimersi al meglio delle proprie capacità tecnico compositive al fine di rendere le composizioni varie ed avventurose, siano stati rispettati e ampiamente soddisfatti anche in questo lavoro. Free Hand è un’opera eterogenea, mutevole e non facile da digerire al primo ascolto poiché di difficile approccio, ma che trova i suoi numerosi punti di forza e d’interesse proprio nella sua follia organizzata e nei voli pindarici imprevedibili. È un altro piccolo capolavoro da riscoprire, un esempio perfetto del vecchio adagio ‘’all killer no filler’’, che potrebbe tranquillamente essere classificato come musica d’avanguardia. Il discorso si potrebbe estendere anche al resto della discografia precedente poiché è zeppo d’idee uniche nel loro genere e decisamente avanti sia per la data di pubblicazione che per i canoni moderni in termini di freschezza d’idee e carica innovativa.

Leaders, not followers.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
90.2 su 5 voti [ VOTA]
red
Venerdì 29 Maggio 2020, 13.31.27
6
Per me sono i più grandi di sempre, ci sono in circolazione live da paura, e senza gli aiutini della tecnologia di oggi. Oltretutto coerenti fino in fondo, la deriva poppettara di altri gruppi coevi non c'è stata per i GG, o meglio è stata solo sfiorata con gli ultimi lavori dopo Free Hand E quando hanno detto basta è stato per sempre, niente reunion più o meno forzate.
Steelminded
Giovedì 28 Maggio 2020, 22.26.34
5
Caro Marquis, la sorprenderò ma li conosco bene - possiedo praticamenti tutti i loro CD e qualche vinile. Mi sono molto piaciuti in un determinato periodo, ma non mi affabulano più tantissimo. Provero con uno scozzese torbato e poi le dirò, ma c'è il rischio che dopo un paio di pezzi passi subito agli Amon Amarth...
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 27 Maggio 2020, 13.20.30
4
Mi piace molto il finale "Leaders, not followers.". Degna insegna di un gruppo grandissimo e raffinatissimo. Qui, in effetti, si conclude il loro periodo migliore. Ma con sette album grandiosi e questo non lo è da meno. Non c'è un brano inferiore ad un altro. pur con sfumature e colorazioni diverse. Mi dispiace, Monsieur Steelminded se sono "cervellotici". Io li trovo ricercati, capaci di tessere trame raffinate e sempre originali. Vanno ascoltati di sera, terrazza o caminetto, vino corposo da meditazione o grappe invecchiate o whisky "single" possibilmente Islay. Senza orari. Poi mi dirà. Au revoir.
Steelminded
Martedì 26 Maggio 2020, 13.16.58
3
Molto cervellotici, anche troppo per me... Tant'é che il mio preferito è l'omonimo debutto, più rock e lineare rispetto alle esagerazioni sperimentali dei successivi album. Ho quasi tutti i loro album, ma insomma avrebbero guadagnato secondo me viste le potenzialità se avessero mantenutonun approccio musicale meno "schizoide". Evviva!
Voivod
Martedì 26 Maggio 2020, 12.20.50
2
Uno dei miei gruppi preferiti! Della "seconda fase" forse questo è il migliore, ma io adoro "Octopus" e "Acquiring The Taste"
mariner
Domenica 24 Maggio 2020, 18.16.44
1
Grandissimo gruppo molto tecnico in cui ogni componente suonava almeno 2 strumenti diversi, consiglio di guardare qualche live dell'epoca su YouTube... Hanno influenzato molti gruppi come Spock's Beard, Saga, Haken.. Complimenti per la bella recensione che condivido anche nel voto
INFORMAZIONI
1975
Chrysalis Records
Prog Rock
Tracklist
1. Just the Same
2. On Reflection
3. Free Hand
4. Time to Kill
5. His Last Voyage
6. Talybont
7. Mobile
Line Up
Derek Shulman (Voce, Sassofono)
Gary Green (Chitarra, Flauto, Percussioni, Cori)
Kerry Minnear (Tastiere, Voce, Vibrafono, Violoncello, Moog, Organo Hammond)
Ray Shulman (Basso, Violino, Voce, Percussioni)
John Weathers (Batteria, Percussioni)
 
RECENSIONI
93
89
95
86
95
94
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]